consigliato per te

  • in

    Giulia Gennari, prima volta a Roma: “La capitale può dare tanto al volley”

    Di Redazione Quella di domenica sarà una trasferta speciale per Giulia Gennari, impegnata per la prima volta con la maglia della Prosecco DOC Imoco Volley Conegliano contro una squadra della sua città: l’Acqua & Sapone Roma Volley Club. “Il mio percorso a Roma si è interrotto a 16 anni – racconta la palleggiatrice classe 1996 in un’intervista a Il Gazzettino Treviso – ma è sempre casa mia. Sono super contenta di tornarci anche perché, nonostante Roma fosse sempre vicina ai vertici, in B1 e in A2, non sono mai riuscita a giocarci né a incontrarla da avversaria“. “Roma potrebbe offrire tanto – aggiunge Gennari – ed è un peccato che si investa poco nel volley. Per questo sono molto contenta per la società che si è creata con l’Acqua & Sapone e spero che possa crescere il più possibile, facendo da traino per altre realtà nella capitale“. Ora, però, il focus è tutto sulla gara: “Ci aspettiamo di far vedere una bella pallavolo come sappiamo fare, di giocare per noi a prescindere dall’avversario. Sia loro che altre squadre hanno dimostrato nel weekend scorso che il campionato è equilibrato e pieno di formazioni che non si arrendono facilmente. Nessuna partita sarà scontata e nessun risultato facile da ottenere, quindi siamo molto concentrate e decise a giocare come sappamo“. LEGGI TUTTO

  • in

    Acqua & Sapone, supersfida con l’Imoco: “Servono grinta e spavalderia”

    Di Redazione L’attesa è finita. Finalmente il grande volley torna nel maestoso impianto del PalaEur di Roma, dove l’Acqua & Sapone Roma Volley Club ospiterà, domenica 17 ottobre, le campionesse del Mondo, d’Europa e d’Italia della Prosecco DOC Imoco Volley Conegliano. Entrambe le squadre, nella gara inaugurale, hanno portato a casa due belle vittorie. Roma, spinta dalle prestazioni di Trnkova e Klimets, ha dimostrato di potersela giocare anche contro squadre ben allestite come Cuneo, mentre Conegliano ha confermato il suo strapotere ai danni di un’ottima Vallefoglia, con Egonu realizzatrice di ben 23 punti in tre set. A fare da cornice un impianto storico, il più grande d’Italia per il volley. Una scelta, quella del Palazzo dello Sport di Roma, che ha significato un grande sforzo economico da parte della società che, dopo 23 anni di assenza dalla massima serie, desiderava giocare fra le mura della sua città. Una scelta evidentemente apprezzata dagli appassionati che gremiranno gli spalti dell’impianto già da questa domenica. L’incontro sarà disponibile in diretta su Volleyball World TV. Agnese Cecconello, centrale dell’Acqua & Sapone Roma Volley Club, commenta così la partita alle porte: “Martedì siamo tornate in palestra con tanta energia e la consapevolezza che giocare bene contro Conegliano potrebbe non bastare. Ci sarà il bisogno di dare quel qualcosa in più, di mettere il 100% contro una squadra e una società che hanno vinto praticamente tutto. L’elemento fondamentale per poter mettere in difficoltà un avversario di tale livello è la grinta e la spavalderia. Non dobbiamo avere paura di rischiare, ma farlo, farlo bene, e nei momenti giusti“. “È difficile trovare un punto debole nel loro gioco – continua Cecconello – ma ci saranno sicuramente situazioni che potremo sfruttare a nostro favore. Almeno su questi aspetti dobbiamo cercare di raggiungere la perfezione. Il pubblico ci aiuterà a dare quel qualcosa in più; quindi sì, si può parlare di ‘settima donna in campo’! Avere il tifo e giocare in casa per la prima volta al Palazzo dello Sport sarà un motivo in più di orgoglio e motivazione per dare il nostro massimo in questa partita“. (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Conegliano fa visita a Roma. Santarelli: “Ci vorrà una partita tosta”

    Di Redazione La Prosecco DOC Imoco Volley Conegliano sbarca nella capitale: domenica la squadra campione d’Italia sarà a Roma per la seconda giornata di campionato, in programma alle 17 (arbitri Frapiccini e Mattei) al PalaEur contro la neopromossa Acqua & Sapone Roma Volley Club. All’esordio le Pantere hanno battuto per 3-0 Vallefoglia cogliendo la 66esima vittoria consecutiva, mentre le romane hanno sbancato Cuneo per 3-0. A Roma c’è grande entusiasmo e si prevede un grande afflusso di pubblico per l’esordio in A1 della squadra di casa. Prosecco DOC Imoco Volley sempre senza Fahr e Sylla, ancora ai box. Il coach gialloblu Daniele Santarelli presenta così la sfida: “Affrontiamo un’altra neopromossa, ma abbiamo capito dalla prima giornata con Vallefoglia come il livello delle nuove squadre quest’anno sia molto alto. Roma ha dimostrato di non essere da meno rispetto alle marchigiane che tanto ci hanno messo in difficoltà domenica: è riuscita a vincere in un campo difficile come quello di Cuneo con un risultato importante, e quindi ci prepariamo a sostenere un’altra dura battaglia al PalaEur. Già nel precampionato mi ero sbilanciato pronosticando come sorprese proprio Vallefoglia e Roma che hanno fatto un ottimo mercato e finora ho avuto ragione”. Il pubblico potrà essere un fattore: “Domenica sappiamo che ci sarà tanta gente – continua Santarelli – e questo sarà di ulteriore stimolo per ben figurare, siamo contenti di fare parte di una bella festa per il ritorno di Roma ai massimi livelli, sarà una vetrina importante e noi daremo il massimo per onorare l’impegno. Ci stiamo allenando per crescere con pazienza, consapevoli che abbiamo bisogno di tempo per raggiungere il nostro miglior livello che è ancora lontano, nonostante le assenze che abbiamo stiamo lavorando bene e in questa settimana c’è stata massima concentrazione per la sfida del PalaEur“. “Loro avranno entusiasmo per questo debutto storico – conclude l’allenatore delle Pantere – c’è grande passione; è bello che Roma, la capitale, sia nella massima serie e giochi in un impianto così importante. Ci sono tutti i presupposti per un grande spettacolo, ma noi andremo lì per vincere consapevoli però che ci vorrà una partita tosta da parte nostra“. (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    L’Acqua & Sapone firma subito il colpaccio sul campo di Cuneo

    Di Redazione Nella gara di apertura della stagione 2021-22, l’Acqua & Sapone Roma Volley Club esordisce in Serie A1 con una fantastica vittoria in trasferta sul campo della Bosca San Bernardo Cuneo. La formazione capitolina mette a referto una prestazione da manuale in tutti i fondamentali e si impone in tre set. La centrale ceca Veronika Trnkova è MVP del match con 11 punti messi a referto. Le padrone di casa con Degradi e Kuznetsova hanno messo a tratti sotto pressione le giallorosse, non riuscendo però ad essere determinanti nei momenti decisivi. La strada è ancora lunga, ma il bottino pieno conquistato da Stigrot e compagne propone Roma come rivelazione del campionato. La cronaca: Pistola sceglie Signorile e per la diagonale principale Gicquel, in banda Degradi e Jasper, Squarcini e Stufi i centri, il libero è Spirito. Risponde Saja schierando Bugg e Klimets, le schiacciatrici Stigrot e Pamio, al centro Cecconello e Trnkova e libero Venturi. La prima frazione si apre da una parte con un ace della francese Gicquel e dall’altra con la fulminea risposta dell’opposta Klimets, che dopo un’azione al cardiopalma trova la diagonale vincente (1-1). Procedono di pari passo le due formazioni con Klimets e Degradi spesso protagoniste da sopra la rete (6-6). Roma difende tutto, rimanendo appaiata sul tabellone alle piemontesi. La regista Bugg trova nei centrali Cecconello e Trnkova le soluzioni per portarsi avanti meno 1 (11-12). Jasper va a segno in pipe e allunga fino a quando Pamio risponde col mancino potente e riporta l’equilibrio (14-14). Le Wolves tengono testa a Cuneo e, complice qualche imprecisione delle padrone di casa, si portano a +2 (15-17) costringendo coach Pistola a chiamare il primo time-out. Entra Rebora e segna l’ace del più 3 (16-19). Cuneo mette a segno un ottimo break con il pallonetto di Degradi (18-19), ma la goniometrica parallela di Stigrot riporta la contesa sui toni giallorossi. Roma continua a giocare di intelligenza e corre a tutta velocità (20-23). Il muro di Cecconello porta il primo set point alle sue (20-24), Gicquel sbaglia e Roma si prende il primo set (20-25). Nuovo set, stessi interpreti di prima. L’equilibrio è ancora protagonista in campo: la difesa di Venturi e la sbracciata di Stigrot guadagnano lunghezze importanti (3-6), costringendo coach Pistola all’inserimento di Kuznetsova che, dopo il time-out piemontese, coadiuvata dalla centrale Squarcini, riporta la parità (8-8) e poi il vantaggio (11-10). La contesa va al centro con Trnkova e Stufi che, a turno, tirano giù bordate fino al 13-13. L’Acqua & Sapone non molla un colpo e con un’ottima correlazione muro-difesa riconquista il vantaggio (15-16). Il time-out di Saja non sembra bastare ed è ancora con la russa che Cuneo riparte con l’ottima fase break (19-17, ma Roma rimane sempre lì a braccetto, mettendo in scena un’ottima prova di resistenza, fisica e mentale (20-20). Entra Papa e con una difesa magistrale permette a Cecconello in fast di andare a strappare il meno 1 (20-21). Cuneo inciampa e Roma non si fa sfuggire l’occasione per premere il pedale dell’acceleratore e agguantare anche il secondo set sul 21-25 messo a referto, ancora una volta, dal braccio potente di Rebora al servizio. Sotto 2-0, Cuneo entra in campo con la stessa formazione del set precedente per giocarsi il tutto per tutto. Roma non fa da meno e avvia la terza frazione con un muro perentorio di Klimets (0-1). Spirito cerca di tenere in vita ogni pallone le passi sotto mano, ma non basta a Cuneo per uscire dalla situazione di difficoltà. La capitana Stigrot esegue un pallonetto che lascia di stucco la formazione piemontese (2-3). Difesa, ricostruzione e attacco: Roma esegue alla perfezione ogni fondamentale e si porta sul più 4 (2-6). Un muro della coppia Signorile-Squarcini riavvicina Cuneo, senza però riuscire nel sorpasso. La difesa in tuffo della capitana giallorossa e il mancino di Klimets sbarrano la strada alle padrone di casa (5-9). Torna Papa dai nove metri: Degradi e Giovannini guidano la controffensiva, che si concretizza col muro di Zanette sul 13-13. Cuneo continua fallosa e al centro della rete il muro di Cecconello firma il 14-16, mettendo coach Pistola nella forzata condizione di richiamare le sue. Al rientro in campo, Cuneo si avvicina fino a riagganciare le avversarie sul 17-17. La scelta di Saja ricade ancora una volta su Rebora: ancora un ace per la centrale romana che carica le sue (17-19). Stufi dice la sua in fast e si riduce la distanza (18-19), fino a quando Trnkova ne fa tre di fila e porta le sue al vantaggio di più 3 (20-23). L’ingresso di Arciprete rinforza la seconda linea giallorossa, ma le piemontesi cercano di allungare la contesa (22-23). Saja chiama il time-out con Degradi che, però, guadagna la palla e, in rimonta, non lascia scappare le capitoline (24-24). Il primo set point è però di Roma (24-25) con Pamio da fondo campo: Cuneo non concretizza e la palla, tornata nel campo romano, viene messa a terra con potenza da Stigrot (24-26) che consegna così a Roma tre punti preziosissimi. Veronika Trnkova:”Questa vittoria è davvero importante. Abbiamo dimostrato in primis a noi stesse di poter vincere contro avversarie davvero forti e alle altre squadre di non poterci sottovalutare. Penso che questa vittoria ci abbia aiutato molto con la nostra autostima. Martedì ricominceremo a lavorare in palestra per la gara di domenica prossima contro Conegliano. Sì, certo, sappiamo che giocheremo contro una squadra fantastica, ma vorremo comunque dimostrare ai nostri fan che non ci arrenderemo. I miracoli possono accadere“. Stefano Saja: “Complimenti alle ragazze: il risultato di oggi è frutto di un lavoro di un mese e mezzo svolto con grande attenzione e determinazione. Non avrei potuto desiderare un esordio migliore in A1 per questa società e per me. Mi permetto una dedica a mio papà che non c’è più e che sarebbe stato felice di vedermi oggi in questo campo“. Noemi Signorile: “Speravamo in un esordio decisamente diverso. Roma ha giocato molto bene, ma noi le abbiamo dato una grossa mano. Siamo partite contratte, c’era un po’ di tensione in campo. Abbiamo fatto troppi errori e permesso che Roma prendesse fiducia. È stato molto emozionante ritrovare i tifosi, anche se avremmo voluto regalare loro uno spettacolo migliore. Siamo solo all’inizio: ci rimboccheremo le maniche e dimostreremo che non siamo queste“. Bosca S. Bernardo Cuneo-Acqua & Sapone Roma Volley Club 0-3 (20-25; 21-25; 24-26)Bosca S. Bernardo Cuneo: Kuznetsova 5, Degradi 8, Squarcini 9, Spirito (L), Giovannini 4, Zanette 4, Gicquel, Signorile, Caruso 2, Jasper 6, Stufi 4. N.e: Agrifoglio, Gay, All. Andrea Pistola Acqua & Sapone Roma Volley Club: Trnkova 11, Bugg 5, Cecconello 7, Venturi (L), Stigrot 8, Papa, Pamio 4, Klimets 15, Arciprete, Rebora 3. N.e: Avenia, Bucci (L), Decortes. All. Stefano SajaArbitri: Venturi Giuliano, Pristerà RachelaNote: Durata set: 25’, 28’, 28’ (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Lena Stigrot pronta al debutto con Roma: “Ogni giorno proviamo qualcosa di nuovo”

    Di Redazione Comincia con la trasferta a Cuneo lo storico ritorno in A1 dell’Acqua & Sapone Roma Volley Club. La squadra di Stefano Saja è pronta per l’esordio nella stagione 2021-2022: l’appuntamento è fissato per domenica 10 ottobre alle 17, quando le giallorosse scenderanno in campo contro la formazione di Andrea Pistola e dell’ex libero capitolino Ilaria Spirito. Il match sarà trasmesso in diretta sulla piattaforma streaming di Volleyball World TV.  Lena Stigrot, neo capitana dell’Acqua & Sapone Roma Volley Club, analizza l’esordio di domenica: “Siamo veramente eccitate all’idea di iniziare ufficialmente la stagione e non vediamo l’ora di ‘riabbracciare’ il grande pubblico. Domenica contro Cuneo sarà il primo step per metterci alla prova e continuare a migliorare il nostro gioco e finalmente siamo pronte. Le ultime amichevoli ufficiali ci hanno permesso di lavorare molto come squadra soprattutto nelle correlazione muro-difesa: l’intesa è andata bene, il lavoro è stato tanto. Stessa cosa con la distribuzione del palleggio con cui ogni giorno proviamo e scopriamo sempre qualcosa di nuovo. Domenica dovremo spingere molto sul servizio e concentrarci su noi stesse“. Per le padrone di casa parla proprio l’ex di turno Ilaria Spirito: “Sono super contenta e carica per questo inizio. Saremo a casa nostra e con il nostro pubblico: sarà un’emozione grandissima e speriamo di far bene. Domenica mi aspetto di vedere tutto quello su cui abbiamo lavorato in queste settimane; sarà importante partire bene e mettere subito sotto pressione le avversarie. Gli allenamenti da qui a domenica saranno fondamentali per trovare quella continuità che nelle ultime settimane non abbiamo avuto a causa di qualche piccolo acciacco. Ai tifosi cuneesi, che spero di vedere numerosi sugli spalti, posso promettere che li faremo divertire“. (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    La Roma maschile riparte dalla B: “Puntiamo alla promozione immediata”

    Di Redazione La Roma Volley Club maschile è pronta a ripartire. Una nuova sfida, un nuovo campionato, una nuova stagione in cui voler essere protagonista: la società giallorossa vuole rilanciarsi e ha intrapreso una strada nuova attraverso un progetto ambizioso, come spiega il presidente Antonello Barani. “Abbiamo preso una decisione – dice – quella di fare un passo indietro e ripartire dalla serie B, mantenendo una squadra di livello per poter ambire a una promozione immediata in serie A“. “L’obiettivo che ci siamo dati come dirigenza – continua Barani – è la realizzazione di un impianto proprio: abbiamo visto come questa città non riesca a offrire un ventaglio ampio a livello di impiantistica per quel che riguarda la pallavolo di livello, dunque avere una casa nostra ci permetterebbe di andare avanti e ambire al massimo. Sarà un anno importante, sarà un campionato difficile, ma che conosciamo bene e abbiamo già vinto, vogliamo rifarlo“. Il presidente passa poi a presentare la squadra: “Il tecnico è Fabio Cristini, che era già in società. Abbiamo allestito un roster per competere ad alti livelli, composto interamente da romani di esperienza, ogni giocatore era protagonista nelle proprie realtà territoriali ed è bellissimo vederli oggi giocare insieme sotto la stessa bandiera, quella della Roma Volley. Siamo assolutamente convinti di ciò che abbiamo costruito. Abbiamo confermato la base di giocatori, che è lo zoccolo duro, da Rossi ad Antenucci e Pregnolato; sono arrivati dei giocatori importanti e altri provenienti dal settore giovanile. Dobbiamo ritrovare quei meccanismi che negli anni passati ci hanno portato a fare la differenza. La Roma Volley è una società di eccellenza, ma anche una grande famiglia. Ci muove la passione per questo sport. Ringrazio tutti i nostri partner e chi crede in questa nostra avventura“. (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Trofeo Città di Scandicci: Roma chiude al quarto posto cedendo al Bisonte Firenze

    Di Redazione Roma termina con un quarto posto la sua prima partecipazione al Trofeo della città di Scandicci. Le Wolves sono partite bene contro il Bisonte di coach Bellano, con le prime tre frazioni giocate ad armi pari: tuttavia, non sono riuscite a mantenere il ritmo con un’avversaria che, nei momenti decisivi, ha saputo limitare gli errori e rincorrere con approccio cinico la fine del match (3-1 20-25, 25-19, 25-22, 25-16).  Anche da questa ultima amichevole pre campionato sono emerse alcune indicazioni per tornare a lavorare in palestra in vista dell’esordio del 10 ottobre fuori casa contro Cuneo. L’Acqua & Sapone inizia bene il set a partire dal servizio di Pamio che sfrutta l’imprecisione in ricezione delle bisontine (1-3). Dall’altra parte, a guidare la ripresa, c’è l’azzurra Nwakalor che con le sue bordate spinge le sue compagne a un netto miglioramento nella gestione dei fondamentali di muro-difesa. Roma non si lascia sorprendere e resta sempre lì (11-9) con Bugg che, coadiuvata dall’ottima prestazione in seconda linea di Venturi, allestisce il contrattacco e trova la parità con Stigrot e poi con Trnkova’ (17-17). Dopo alcuni passaggi a vuoto in entrambe le metà campo, è la centrale ceca che allunga le distanze fino a trovare con due muri consecutivi il massimo vantaggio e il primo set dell’incontro (20-25).  Nel secondo set le due formazioni procedono appaiate fino a quando Sorokaite e Knollema sfruttano qualche imprecisione delle capitoline e vanno a +3 (13-10). È Saja per primo a chiamare il time-out, scaturendo nelle Wolves una reazione di carattere che arriva subito con Trnkova’: prima con la potenza poi con l’astuzia, la centrale riporta le sue a -1 (16-15). Il Bisonte ritrova il ritmo e non fatica a diluire le distanze fino al +4 (19-15). Il doppio cambio scelto da Saja non riesce a invertire la tendenza di gioco. Provano Avenia e Cecconello a rimettere le cose apposto: Il set scivola via per il Bisonte che si aggiudica la seconda frazione per 25-19. Nuovo set, nuovo equilibrio iniziale. Ancora l’intesa fra Bugg e Trnkova’ dà buoni segnali al resto delle capitoline per compiere l’impresa, a cui si aggiungono i due ace di Stigrot che mettono alle strette la ricezione di Sorokaite (3-6). Il tecnico Bellano chiama il primo time-out e la risposta gli arriva da Nwakalor che ne mette a segno due di seguito (6-6). Il set procede in equilibrio fino a quando, come Panetoni nella metà campo fiorentina, anche Venturi alza il livello di gioco, permettendo alle sue compagne di riportare la disputa sul +3(10-13). Il tempo chiamato da coach Bellano però scuote la prestazione delle bisontine che, con Graziani al servizio, prima pareggiano i conti (17-17), e poi effettuano il sorpasso (19-17). Il gioco si fa intenso, dopo uno scambio prolungato Roma sale a 20-22 con il muro e il pallonetto di Decortes. Tuttavia, la concentrazione cala nella metà campo delle Wolves e il Bisonte ne approfitta (23-22), costringendo Saja a chiamare di nuovo il time-out. Il tentativo è vano con la squadra di Firenze che firma anche il terzo con il 25-22.  In contrasto con i set precedenti, il Bisonte guida l’avvio della quarta frazione (4-2) con Roma che non esce illesa dalle situazioni di difficoltà. Come nelle frazioni precedenti, Bugg allestisce il contrattacco con Trnkova’(5-3), ma la rincorsa dura troppo poco con Sorokaite che, dai nove metri, mette a segno due distanze decisive (7-3). Se nelle prime frazioni si è giocato ad armi pari, è nel quarto set che nella metà campo del Bisonte Nwakalor e compagne riducono gli errori arrivando al vantaggio di +6(17-11). Roma prova a far tesoro dell’intesa fra Bugg e i centrali; tuttavia, il Bisonte sembra inarrestabile fino al primo set point messo a segno dalla regista Cambi (24-15). Sul piano offensivo, alcune giocate importanti arrivano da Decortes e Pamio, ma la tempistica non perdona ed è Nwakalor che va in porto, assegnando al suo Bisonte il quarto set (25-16) e il terzo posto della seconda edizione del Trofeo della Città di Scandicci. Stefano Saja, coach dell’Acqua & Sapone Roma Volley Club, ha commentato così l’ultima prova ufficiale prima dell’esordio stagionale:“Abbiamo toccato con mano il livello agonistico e tecnico di questa stagione, incontrando nella giornata di ieri una delle pretendenti alle primissime posizioni della classifica, ovvero Scandicci, e oggi una squadra come Firenze che avevamo già incontrato in condizioni di test non ufficiali e che oggi ha alzato l’asticella e il livello della prestazione. È stato dunque un altro test che ci ha fatto capire dove dobbiamo arrivare per riuscire a portare a casa il nostro obiettivo. È una situazione che ci mette davanti luci ed ombre di una squadra che è alla ricerca di una sua identità che stiamo man mano costruendo. Sempre di più ci viene facile vedere che dobbiamo essere decisive tutte quante per poter competere in questa categoria. Anche se siamo stati poco lucidi e abbiamo pagato una certa discontinuità, è stato un test che abbiamo affrontato con una discreta qualità.” (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Trofeo “Città di Scandicci”: le padrone di casa staccano il pass per la finale

    Di Redazione La seconda semifinale del Trofeo “Città di Scandicci” le padrone di casa della Savino Del Bene si impongono in 3 set sulla formazione dell’Acqua & Sapone Roma e volano in finale. Questa sera, alle ore 18 le ragazze di Massimo Barbolini affronteranno in finale la Megabox Ondulati Del Savio Vallefoglia (vincitrice della prima semifinale contro Il Bisonte Firenze). Buon avvio per il Roma Volley Club che si prende il vantaggio nelle fasi iniziali del set, la rimonta della Savino Del Bene non si fa attendere come del resto il pari (9-9). La squadra di Barbolini, con un break di tre punti, va anche in vantaggio (13-10). Raggiunto il vantaggio la Savino Del Bene non lo molla più e si porta avanti di cinque punti (17-12). Il set scivola via tranquillo per la Savino Del Bene, che si aggiudica la prima frazione per 25-14. Il braccio rovente di Orthmann contraddistingue l’avvio di secondo set. Due ace e servizi ficcanti della tedesca (3-0). Roma reagisce e arriva fino al -1 (6-5), prima di mettere la freccia e passare in vantaggio (7-8). Una super pipe di Antropova riporta il risultato in equilibrio sul 10-10, ma Roma torna avanti sul 11-13. Le squadre si sfidano colpo su colpo e le parità si susseguono. Roma comunque trova un +2 al termine dello scambio più lungo del match, Klimets mette a terra il 16-18 e Barbolini chiama il time out. La Savino Del Bene acciuffa il pari sul 20-20 con un ace di Orthmann, ma Roma torna avanti sul 21-22. Uno svantaggio di un punto che, sul 23-24, obbliga la Savino Del Bene a spendere un nuovo time out. Nel finale di frazione la sfida va ai vantaggi ed ad essere determinante è Orthmann, che trascina le compagne fino al 27-25. L’avvio di terzo set vede una Savino Del Bene autoritaria (4-1). L’ace di Antropova vale per il +6 (9-3), Malinov amplia ancor più il gap con il punto dell’11-4. Il vantaggio scandiccese diventa di 11 punti quando Antropova “allunga i tentacoli” e piazza il muro del 15-6. Con sei punti di parziale, generati da un buon turno di battuta di una ex della gara come Cecconello, il Roma Volley Club accorcia fino al 15-12. A far ripartire l’attacco della Savino Del Bene è Antropova, che mette a referto il mani-out del 16-12. La Savino Del Bene non toglie più le mani dal manubrio: l’ace di Alberti vale per il 19-12, due muri consecutivi di Antropova portano la Savino Del Bene sul 21-12. La partita si chiude poco dopo con la formazione di coach Barbolini che si aggiudica l’ultimo set per 25-16. Savino Del Bene Scandicci – Acqua & Sapone Roma Volley Club: 3-0 (25-14, 27-25, 25-16)Savino Del Bene Scandicci: Angeloni, Alberti 7, Ana Beatriz 8, Malinov 4, Napodano, Lubian n.e., Natalia, Lippmann 6, Orthmann 15, Bartolini n.e., Antropova 19. All.: Barbolini M.Acqua & Sapone Roma Volley Club: Avenia n.e., Trnkova 6, Bucci n.e., Bugg 1, Cecconello 7, Venturi, Stigrot 10, Papa 1, Pamio 1, Klimets 12, Arciprete 2, Rebona, Decortes n.e.. All.: Saja S. Arbtiri: Ivan Tizzanini – Debora Nannini (fonte: Comunicato Stampa) LEGGI TUTTO