consigliato per te

  • in

    Gradito ritorno in casa Hermaea. Olbia riabbraccia Silvia Formaggio

    Di Redazione C’è un nuovo, gradito ritorno in casa Hermaea Olbia: dopo una stagione di assenza, infatti, torna a vestire i colori biancoblù la banda ricevitrice Silvia Formaggio, nell’ultima annata al Capo d’Orso Palau (B1). LA CARRIERA – Nata a Casale Monferrato (ma originaria di Vercelli) il 26 settembre del 2000, alta 170 centimetri, Silvia proviene da una famiglia di pallavolisti. Sia i genitori che il fratello, infatti, hanno avuto esperienze in vari campionati dilettantistici in Piemonte. Il primo approccio con il mondo della pallavolo è arrivato molto presto, nelle fila del Green Volley Vercelli, squadra con cui ha svolto parte della trafila giovanile. A 13 anni il suo talento è stato notato dall’Agil Volley Novara, che l’ha inserita in un vivaio di buonissimo livello permettendole, al tempo stesso, di affacciarsi anche al mondo senior, con varie presenze tra i campionati di Serie B1 e B2. Con la formazione novarese, nel 2016/17, ha inoltre conquistato il titolo regionale Under 18 e la medaglia di bronzo nazionale di categoria. L’anno successivo è stata alla Virtus Biella (B2) conquistando da protagonista la promozione nella categoria superiore, mentre nel 2019/20 ha esordito in A2 con la maglia dell’Hermaea, rivelandosi spesso preziosa in uscita dalla panchina. Lo scorso anno, infine, è stata tra le protagoniste – nel ruolo di libero – dell’ottima stagione del Capo d’Orso Palau, approdato ai playoff per la promozione in Serie A.  LE DICHIARAZIONI – “Sono molto felice di tornare a Olbia – commenta l’atleta – qui sono stata veramente bene anche se non ero riuscita a concludere la stagione a causa della pandemia. Già dopo il primo anno avevo capito che la Sardegna sarebbe diventato un posto speciale per me, dopo questi due anni posso dire di essermi veramente affezionata alla terra Sarda e alla sua gente. Sono animata da tanta voglia di mettermi in gioco e migliorare dal punto di vista tecnico – aggiunge – mi hanno parlato molto bene di coach Guadalupi e sono certa che mi aiuterà. La nuova Hermaea è giovane, ma proprio questo aspetto ci darà tanta motivazione. Conosco alcune compagne con cui ho condiviso esperienze passate, non vedo l’ora di tornare in Sardegna per conoscere le altre ragazze e tutto lo staff“. “Quello di Silvia è senz’altro un gradito ritorno – afferma il direttore generale Michelangelo Anile – cercavamo un profilo come il suo, ovvero una giocatrice abile in seconda linea e capace di adattarsi bene a varie situazioni tattiche. Non appena si è presentata l’opportunità di riportarla a Olbia, non ci abbiamo messo molto a contattarla. Arriva da un’ottima stagione a Palau, che le ha permesso di maturare e crescere. Siamo certi che la sua versatilità e le sue abilità in difesa saranno di grande aiuto alla squadra e non vediamo l’ora di riprendere questo cammino insieme”.   AMMISSIONE AL CAMPIONATO DI A2 – In merito alla mancata ratificazione dell’iscrizione al prossimo campionato di A2 da parte del Consiglio di Amministrazione di Lega Pallavolo Serie A Femminile, la Volley Hermaea Olbia comunica di essersi immediatamente attivata per la presentazione del ricorso entro i termini fissati.  I documenti relativi all’agibilità del Palazzetto Deiana – sede designata per le partite casalinghe della prossima stagione – verranno opportunamente integrati, e allo stesso tempo si cercherà una soluzione anche per il Palasport di Golfo Aranci (sede opzionale), bocciato poiché non soddisferebbe i requisiti di capienza per appena 32 posti complessivi. Il presidente Sarti e la società tutta si augurano una rapida e felice conclusione della vicenda, che senz’altro suona stonata in questo periodo storico. Sia perché si prevede un riempimento massimo dei palazzetti al 50%, sia per le note difficoltà che la pandemia ha creato a tutto il mondo dello sport. (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Millenium Brescia, il dg Catania: “Felice dell’accordo con Volleyball World”

    Di Redazione Volleyball World, nell’ambito della sua espansione globale nella pallavolo, è orgogliosa di annunciare una partnership rivoluzionaria con la Lega Pallavolo Serie A Femminile, organizzatrice del Campionato Italiano di pallavolo femminile. Volleyball World è una partnership congiunta tra la Federazione Internazionale Pallavolo (FIVB) e CVC Capital Partners che ha una vasta esperienza nel mondo dello sport grazie ad investimenti in attività sportive quali Formula 1, Moto GP e rugby. La FIVB, in qualità di azionista di maggioranza di Volleyball World, resta l’unico organismo di governo della pallavolo in tutto il mondo.Emanuele Catania, General Manager delle Leonesse, commenta la notizia «E’ stato premiato l’importante lavoro dello staff di Lega, sono molto orgoglioso di questo passo avanti. Si tratta di un accordo quinquennale con ottime basi di sviluppo commerciale e una visibilità esponenziale rispetto a quella a cui siamo abituati. Volleyball World è un player di livello internazionale, che trasmette il meglio della pallavolo, e darà una copertura globale ai campionati di Serie A Femminile. I numeri di Volleyball World sono incredibilmente superiori rispetto a quelli attuali, per il nostro club, i nostri sponsor e partner si tratta di un’arma in più a livello commerciale, che ci permetterà di essere più visibili».«Sono molto felice di questo accordo, spero che accresca l’importanza a livello mondiale della nostra pallavolo, i cui diritti erano già diffusi in numerosi paesi del Mondo. Si tratta di un progetto ben più corposo e importante dei precedenti, sono soddisfatto del traguardo che abbiamo raggiunto e confido nel fatto che la pallavolo Italiana raggiunga livelli che non si sono mai visti. Speriamo che Millenium possa esserne protagonista, con i propri piccoli grandi passi». (Fonte. comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Pinerolo non ammessa all’A2 per problemi di altezza del palazzetto

    Di Redazione “La Società Pallavolo Pinerolo apprende con stupore il provvedimento di non ammissione al campionato di A2 femminile di pallavolo a causa del fatto che l’impianto di gioco dove ha sempre svolto attività è parzialmente più basso di cinquanta centimetri rispetto all’altezza minima stabilita per la corrente stagione dalla Fipav. Preme segnalare che le norme tecniche della FIVB e quelle del Coni prevedono un’altezza minima di metri sette, pienamente rispettata dall’impianto di Pinerolo. Che per tutta la scorsa stagione si è giocato nell’impianto e mai l’altezza ha creato problemi sia sotto il profilo tecnico che spettacolare. In aggiunta alla vigilia di una stagione sportiva, come quella prossima, che si presenta difficilissima per gli esiti della pandemia e ci auguriamo di non doverne subire dei nuovi. In un momento in cui si sente un unico grido aiutate lo sport il mondo sportivo adotta una decisione che costringerà o al sostenimento di costi ingenti o al ritiro dal campionato di una società che ha più di trecento ragazze tesserate. Tutto ciò senza una apparente giustificazioone tecnica o spettacolare. La società ha già dato mandato allo studio Martinelli – Rogolino di ricorrere al Giudice di Lega autorizzandoli sin da ora ad ogni ulteriore azione possa essere esperita per tutelare una società che è uscita indenne economicamente grazie al sacrificio dei propri dirigenti dal momento del Covid e rischia di naufragare in cinquanta centimetri di altezza. Si ringrazia comunque il Comune di Pinerolo che si era reso disponibile a cercare una soluzione che, evidentemente, non poteva trovarsi in pochi giorni”. (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Solo 16 squadre ammesse alla Serie A2. In 5 restano fuori

    Di Redazione Pioggia di mancate ammissioni alla Serie A2 femminile: delle 21 società che avevano presentato domanda di ammissione alla seconda categoria nazionale, soltanto 16 hanno superato l’esame della Commissione Ammissione ai Campionati. Si tratta di Brescia, Mondovì, Macerata, Marsala, Sassuolo, Soverato, San Giovanni in Marignano, Ravenna, Busto Arsizio, Talmassons, Montecchio Maggiore, Albese, Vicenza, Altino, Catania e Modica (le ultime due hanno acquisito il titolo rispettivamente da Torino e Cutrofiano). A queste va aggiunto il Club Italia, come deliberato dal Consiglio Federale. Restano fuori invece ben 5 squadre: Pallavolo Pinerolo, Libertas Martignacco, Volley Hermaea Olbia, Sporting Club Maccalube Aragona (che aveva rilevato il titolo di Genova) e Assitec Volleyball Sant’Elia (titolo acquisito da Trecate). Due domande sono state rigettate per capienza insufficiente dei campi di gioco, una per il mancato rispetto dell’altezza regolamentare, una per l’assenza della dichiarazione di agibilità e l’ultima per la mancata costituzione in Società di capitali nei tempi previsti. Le società non ammesse potranno ricorrere entro due giorni lavorativi al Giudice di Lega, che deciderà a sua volta entro due giorni lavorativi; in caso di rigetto sarà possibile ricorrere alla Corte Federale d’Appello. La Lega Pallavolo Serie A Femminile, nel comunicare l’esito del lavoro della Commissione, prende posizione contro le norme di ammissione volute dalla Federazione Italiana Pallavolo, ricordando di “aver chiesto in varie occasioni (…) di adottare criteri di ammissione capaci di tener conto delle difficoltà straordinarie del presente senza stravolgere le regole fondamentali, con particolare riferimento a quelle relative ai campi di gioco. Criteri che lo scorso anno il CdA (…) aveva provato ad applicare e proporre per l’approvazione finale“. Un “tentativo” che era costato una pesante squalifica a cinque consiglieri di Lega, poi annullata in appello. Nel suo comunicato la Lega ricorda di essersi “sempre opposta alla riforma del campionato di A2 imposta dalla Federazione, proprio nel pieno della pandemia, con l’elevazione a 24 dei club ammissibili. Una riforma sbagliata e immotivata, che ha provocato l’innalzamento dei costi, per atlete e trasferte, con il rischio di abbassare i contenuti tecnici del campionato. Purtroppo il numero delle domande di iscrizione presentate dagli aventi diritto dimostra la fondatezza delle preoccupazioni. Il CdA rinnova per questo l’urgente richiesta alla Federazione di avviare concretamente il confronto per ridurre il numero delle società ammissibili ai prossimi campionati di Serie A“. Il CdA si rivolge infine direttamente al Consiglio Federale, auspicando che “in sede decisionale finale sappia trovare il modo di consentire alle società oggi non ammesse, tra cui alcune che da anni militano da protagoniste nei nostri campionati, di poter continuare ad essere nella massima serie“. (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Alice Gasparroni salta in A2 con Macerata: “Supererò tutte le difficoltà”

    Di Redazione La CBF Balducci ha ingaggiato la giovane Alice Gasparroni, che è andata a completare il reparto schiacciatrici di Macerata, per il prossimo campionato di serie A2 femminile. A Il Resto del Carlino Macerata ha espresso tutta la sua gioia per il salto di categoria. “Sono felicissima: l’arrivo in A2 con la Cbf Balducci rappresenta un salto di qualità. Avevo proposte dalla serie B, ma sinceramente non mi aspettavo quella della società maceratese per cui non ci ho pensato due volte ad accettare”. La prima esperienza in prima squadra è stata, per Gasparroni, nella stagione 2017-2018 con la maglia della Conero Planet Volley Team in serie B2. Ora è pronta a spiccare il volo: “Sono elettrizzata. Mi sento pronta, anche se all’inizio potranno esserci difficoltà per stare dietro al gioco essendo più veloce, le battute più potenti e gli attacchi più incisivi. Sono molto motivata, poi sono una ragazza determinata e tranquilla che sa tirare fuori il carattere quando è necessario”. LEGGI TUTTO

  • in

    Letizia Badini completa il reparto palleggiatrici della Futura Volley

    Di Redazione l roster della Futura Volley Giovani per la Serie A2 2021/22 è quasi al completo: il decimo annuncio in casa biancorossa completa il reparto palleggiatrici a disposizione di coach Matteo Lucchini. Insieme alla già annunciata Ilaria Demichelis farà parte della prima squadra anche Letizia Badini, confermata dopo l’esordio in serie cadetta della scorsa stagione! Letizia, classe 2005, è letteralmente un prospetto “fatto in casa”, in quanto la totalità della sua carriera giovanile si è svolta sotto l’egida della Futura: l’avventura in biancorosso è partita con l’Under 13, ottenendo risultati di rilievo praticamente da subito. Il biennio vissuto in Under 14 è stato estremamente positivo: la categoria porta a Letizia un titolo provinciale (2019) ed una corsa nelle finali nazionali di categoria nel 2018, chiuse con un ottimo sesto posto. Di pari passo sono arrivate le prime convocazioni in maglia azzurra: il primo contatto di Letizia con la Nazionale è avvenuto ad Ottobre 2018, con la chiamata per un collegiale Under 16 ad Alassio, ed anche in questi giorni la giovane palleggiatrice è stata coinvolta nello stage di qualificazione nazionale femminile al Centro Pavesi di Milano. Il punto più alto raggiunto in rappresentanza dell’Italia è stato però la partecipazione al Torneo Wevza Under 17 svoltosi a Gennaio 2020. Nel frattempo la “carriera” in biancorosso non si è certo fermata: l’impegno in Serie D vissuto nella scorsa stagione è stato intervallato da diverse convocazioni in prima squadra, prima durante gli allenamenti e poi per i match di campionato; e proprio in una di queste occasioni, per la precisione nella prima giornata della Pool Salvezza giocata a Ravenna, Letizia ha potuto fare il suo esordio in Serie A2. Quasi naturale, dunque, affidare la posizione di backup della cabina di regia ad un’atleta giovanissima ma ricca di classe e di entusiasmo; la scelta è un doveroso attestato di fiducia verso un prospetto cresciuto in maniera esponenziale. Come hai accolto la notizia della tua inclusione nella rosa della prossima stagione? Sono super soddisfatta di questa opportunità che la società mi sta dando: avere 16 anni ed essere nella rosa di una squadra di Serie A è davvero un sogno. Si tratta di un’occasione che mi è stata offerta e che ho deciso di prendere al volo, conosco già alcune giocatrici che ho conosciuto durante la scorsa stagione e so che il gruppo è molto forte. Sono davvero contenta di intraprendere questo nuovo percorso che mi aspetta! A distanza di qualche mese, puoi raccontarci le tue sensazioni dell’esordio in A2? Inizialmente non ci credevo, e anche subito dopo ho fatto fatica a realizzare non solo di avere esordito, ma di aver giocato praticamente metà set: è stata davvero un’emozione che solo la pallavolo è riuscita a darmi, e devo anche dire grazie alle compagne che mi hanno aiutato tantissimo a rimanere tranquilla e a vivere al meglio l’esordio. Non mi aspettavo di entrare in campo, anche se coach Lucchini, vedendomi nella rifinitura mattutina, aveva fatto una battuta sul mio possibile esordio… E’ stata una delle sensazioni migliori provate finora, insieme al primo punto realizzato nel match successivo. Come procede la tua vita al di fuori della pallavolo? Per quanto riguarda la scuola, sto proseguendo il mio percorso di studi presso il Liceo delle Scienze Umane di Busto Arsizio. Come hobby adoro ascoltare la musica e passare del tempo con mia sorella Beatrice, che però tra poco partirà: sarà infatti impegnata con il volley e con lo studio negli Stati Uniti, le è stata offerta una borsa di studio in Arizona. (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Quarto volto nuovo per la Green Warriors: ecco Vera Bondarenko

    Di Redazione Quarto volto nuovo per la Green Warriors Sassuolo, che si prepara ad accogliere in maglia neroverde la giovanissima Vera Bondarenko. Schiacciatrice classe 2002, 187 cm Bondarenko muove i primi passi nel mondo della pallavolo nel glorioso settore giovanile del Volley Pool Piave, dove rimane fino alla stagione 2019 – 2020: con la maglia di San Donà, Vera conquista numerosi importanti risultati a livello nazionale, tra cui il secondo posto alle Finali Nazionali Under 16 nella stagione 2017 – 2018 ed il terzo posto alle Finali Nazionali Under 18 nella stagione 2018 – 2019. Nell’ultima stagione ha invece vestito la maglia della Sdip Anderlini in Serie B2 ed Under 19, chiudendo l’anno con un secondo posto alle Finali Regionali di categoria e mancando per un soffio la qualificazione alle Finali Nazionali di Agropoli. Queste le prime parole di Vera da giocatrice neroverde: “Sono molto contenta di far parte di questa squadra e sarà un’esperienza nuova per me giocare a questo livello. So che sarà un anno lungo, ma sono pronta a crescere tecnicamente, a lavorare tanto e ad affrontare questo cammino con un nuovo gruppo, un nuovo staff. Dalla prossima stagione mi aspetto un anno pieno di emozioni e di grandi soddisfazioni: spero che si possano ripetere i risultati della scorsa. Non vedo l’ora di tornare in palestra, conoscere le mie nuove compagne e tutto lo staff: sono davvero tanto tanto felice”. (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Futura Volley Giovani verso il trasloco al PalaBorsani

    Di Redazione Il PalaBorsani di Castellanza tornerà a ospitare la Serie A: l’impianto che aveva accolto le gare casalinghe di Villa Cortese prima e della SAB Legnano poi sarà la nuova “casa” della Futura Volley Giovani Busto Arsizio, come riferisce oggi La Prealpina. Ma non si tratta di una buona notizia per la squadra bustocca: lo spostamento è infatti forzato, poiché l’impianto finora utilizzato dalle “Cocche”, il palazzetto San Luigi di Sacconago, non offre la capienza minima di 500 posti necessaria per partecipare alla A2 (ne ha soltanto 420). Come spiega il quotidiano, lo scorso 15 luglio la Lega Pallavolo Serie A Femminile ha informato le società che a partire da questa stagione non saranno più concesse quelle deroghe che avevano permesso alla Futura di disputare gli ultimi due campionati proprio a San Luigi. Secondo il quotidiano varesino, altre 5 squadre di A2 sono state costrette a traslocare in extremis a causa dell’assenza dei requisiti minimi. Una rigidità da parte di Federazione Italiana Pallavolo e Lega che appare ai limiti del paradossale, soprattutto pensando a un campionato in cui con ogni probabilità non sarà ancora possibile rivedere i palazzetti pieni… LEGGI TUTTO