consigliato per te

  • in

    Brooksby si separa dal suo storico allenatore

    Jenson Brooksby nella foto – Foto Getty Images

    Il gruppo di giovani giocatori americani continua a crescere a passi da gigante. Non tutti, però, lo stanno facendo allo stesso ritmo. Nonostante il grande trionfo contro Casper Ruud agli ultimi Australian Open 2023, Jenson Brooksby è consapevole di dover dare una nuova direzione alla sua carriera dopo diversi mesi complicati, in cui la sua progressione è stata in qualche modo stagnante, con sconfitte molto significative e mancanza di fiducia in diversi match.
    Il giocatore di Sacramento ha preso una decisione quasi radicale: ha scaricato il suo allenatore di sempre, Joseph Gilbert, che gli ha fatto da mentore da quando aveva 15 anni e che è stato uno dei responsabili del suo salto nell’élite del tennis mondiale. Inoltre, Jenson si è ritirato dal torneo di Dallas (dove difendeva la finale) e dal match di Coppa Davis. Tempo di riflessione. LEGGI TUTTO

  • in

    Circuito ATP-WTA: Le teste di serie Md e Quali e le wild card assegnate nei tornei in programma la prossima settimana

    Fabio Fognini (foto Getty Images)

    ATP 25O Montpellier – Teste di serie Md1 Holger Rune 92 Pablo Carreno Busta 163 Jannik Sinner 174 Borna Coric 235 Roberto Bautista Agut 246 Alejandro Davidovich Fokina 327 Botic van de Zandschulp 358 Alexander Bublik 36————————————————Emil Ruusuvuori 43Benjamin Bonzi 45Richard Gasquet 46 Lorenzo Sonego 51
    WIld Card(WC)(WC)(WC) ATP 25O Montpellier – Teste di serie Q1 Gregoire Barrere 762 Ugo Humbert 863 Nikoloz Basilashvili 874 Zhizhen Zhang 925 Roman Safiullin 1006 Vasek Pospisil 1137 John Millman 1408 Luca Van Assche 146————————————————Hugo Grenier 148Pablo Andujar 152Maximilian Marterer 157Manuel Guinard 158 Luca Nardi 165
    WIld Card(WC)(WC)

    ATP 25O Cordoba – Teste di serie Md1 Diego Schwartzman 282 Francisco Cerundolo 313 Albert Ramos-Vinolas 374 Sebastian Baez 475 Fabio Fognini 626 Pedro Cachin 687 Federico Coria 698 Pedro Martinez 72————————————————Bernabe Zapata Miralles 74Roberto Carballes Baena 77Thiago Monteiro 78Daniel Elahi Galan 81
    WIld Card(WC) Juan Manuel Cerundolo 119(WC) Guido Pella 1012(WC)
    ATP 25O Cordoba – Teste di serie Q1 Federico Delbonis 1322 Yannick Hanfmann 1333 Camilo Ugo Carabelli 1364 Hugo Dellien 1395 Franco Agamenone 1706 Renzo Olivo 1797 Andrea Pellegrino 1868 Facundo Diaz Acosta 188————————————————Juan Pablo Ficovich 195Nicolas Kicker 201Facundo Mena 202Luciano Darderi 203
    Wild card(WC) Mariano Navone 240(WC)

    ATP 25O Dallas – Teste di serie Md1 Taylor Fritz 82 Frances Tiafoe 153 Miomir Kecmanovic 344 Jiri Lehecka 395 John Isner 426 J.J. Wolf 487 Brandon Nakashima 508 Marcos Giron 57————————————————Adrian Mannarino 58Mackenzie McDonald 63Ilya Ivashka 75Oscar Otte 80
    WIld Card(WC) Jack Sock 138(WC) Liam Krall –(WC)
    ATP 25O Dallas – Teste di serie Q1 Christopher Eubanks 1032 Fernando Verdasco 1233 Rinky Hijikata 1494 Aleksandar Vukic 1555 Aleksandar Kovacevic 1666 Juncheng Shang 1677 Brandon Holt 1918 Gabriel Diallo 221————————————————Mitchell Krueger 229Stefan Kozlov 239Tennys Sandgren 249Jonas Forejtek 270
    WIld Card(WC)(WC)

    WTA 5OO Abu Dhabi – Teste di serie Md1 Daria Kasatkina 82 Belinda Bencic 93 Elena Rybakina 104 Veronika Kudermetova 115 Jelena Ostapenko 126 Beatriz Haddad Maia 147 Anett Kontaveit 188 Liudmila Samsonova 19————————————————Karolina Pliskova 20Paula Badosa 21Shuai Zhang 23Martina Trevisan 25
    WIld Card(WC)(WC)(WC) Top 20(WC) Top 20
    WTA 5OO Abu Dhabi – Teste di serie Q1 Jil Teichmann 282 Aliaksandra Sasnovich 373 Leylah Fernandez 384 Yulia Putintseva 445 Shelby Rogers 456 Claire Liu 527 Sorana Cirstea 618 Rebecca Marino 709 Garbiñe Muguruza 8210 Cristina Bucsa 8611 Tereza Martincova 8712 Ysaline Bonaventure 97————————————————Magdalena Frech 101Dayana Yastremska 103Diane Parry 108Moyuka Uchijima 116Lesia Tsurenko 136Elena-Gabriela Ruse 144Heather Watson 160
    WIld Card(WC)(WC)(WC)(WC)

    WTA 25O Linz – Teste di serie Md1 Maria Sakkari 72 Ekaterina Alexandrova 173 Irina-Camelia Begu 274 Anhelina Kalinina 315 Donna Vekic 336 Petra Martic 367 Bernarda Pera 418 Anastasia Potapova 43————————————————Katerina Siniakova 46Elisabetta Cocciaretto 49Linda Noskova 56Lucia Bronzetti 62Anna Blinkova 64Jasmine Paolini 66Danka Kovinic 67Camila Giorgi 69
    WIld Card(WC)(WC)(WC) Top 20(WC) Top 20
    WTA 25O Linz – Teste di serie Q1 Ana Bogdan 682 Anna Bondar 723 Camila Osorio 734 Nuria Parrizas Diaz 755 Tamara Korpatsch 786 Alycia Parks 797 Varvara Gracheva 838 Kateryna Baindl 849 Viktorija Golubic 8510 Marketa Vondrousova 8811 Julia Grabher 8912 Dalma Galfi 91————————————————Maryna Zanevska 93Kaja Juvan 98Viktoriya Tomova 99Rebeka Masarova 100Sara Errani 105
    WIld Card(WC)(WC)(WC)(WC) LEGGI TUTTO

  • in

    “Kyrgios tornerà più forte di prima, preparato atleticamente come mai in carriera”

    Nick nella foto dal letto dell’ospedale

    Nick Kyrgios è stato uno dei grandi assenti agli ultimi Australian Open. Dopo la sua miglior stagione in carriera, culminata con la finale di Wimbledon persa in 4 set contro Djokovic, l’australiano era attesissimo per lo Slam in casa, nonostante qualche suo “classico” screzio con la stampa locale, mai tenera nei suoi confronti, prontissima a stigmatizzarne eccessi e dichiarazioni tanto funamboliche quanto i suoi colpi. Purtroppo il suo ginocchio è andato k.o. e niente Australian Open. Proprio l’esibizione benefica con Djokovic pochi giorni prima dell’avvio del torneo era servita come test per capire se l’articolazione avrebbe retto agli sforzi di un evento molto duro, con match sulla lunga distanza. Esito purtroppo negativo, e operazione per ripulire il ginocchio da una ciste e metterlo al riparo da ben più gravi problemi in futuro. Con una foto ironica, in pieno “Kyrgios-Style”, aveva annunciato l’operazione e il forfait al torneo di casa. Torneo dove oltre alle aspettative per il singolare, difendeva il titolo in doppio vinto nel 2022 con l’amico di sempre Thanasi Kokkinakis.
    La riabilitazione pare stia andando molto bene. Il problema sembra completamente risolto e Nick sta lavorando a casa in quel di Canberra per tornare in campo appena sarà pronto. Forse già ad Indian Wells. Ne ha parlato il suo manager Daniel Horsfall nel corso del podcast SEN, nel quale ha affermato che mai Kyrgios ha passato in carriera un periodo così positivo dal punto di vista personale. Sereno, coccolato dalla famiglia, è deciso a tornare in campo ancor più determinato, guarito dal problema al ginocchio e forte di una preparazione atletica mai svolta con tanta attenzione, per vivere un grande 2023. Riportiamo alcune frasi del manager dell’australiano.
    “L’operazione è andata benissimo. Sinceramente non potevamo aspettarci un risultato migliore. Siamo tutti contenti e il team non vede davvero l’ora di tornare in campo. Quando sarà pronto, lo saremo anche noi. In questo momento può solo muovere il ginocchio di circa 70 gradi. Oggi abbiamo un controllo sulla sua riabilitazione, sul periodo postoperatorio, per capire in che fase si trova, ma ogni giorno parliamo con il medico, oltre che con il suo fisioterapista. Tutto procede benissimo e potrebbe anche tornare prima del previsto, il che è un’ottima notizia”.
    “A livello mentale non è mai stato così bene. È a casa, a giocare a Pokémon, a godersi il cibo che prepara sua madre, cosa che adora. Molto spesso i giocatori soffrono per la mancanza di un periodo di recupero e riposo. Il tennis si gioca tutto l’anno e lui non ama stare a lungo lontano da casa. È un peccato che abbia dovuto operarsi, ma traiamo due conclusioni: il suo ginocchio è completamente guarito e tornerà meglio che mai. Ora che tutto si sta risolvendo, dovrà fare molto lavoro per rimettersi in forma. Abbiamo tempo per prepararlo a dovere, quindi la buona notizia è che tornerà più forte a livello fisico rispetto allo scorso anno e come mai in carriera, e che tornerà a giocare rilassato e motivato a far bene”.
    Manca solo un mese all’avvio di Indian Wells (6 marzo). A detta del suo manager, non c’è una data certa per il suo rientro, ma visto che la riabilitazione procede bene, la speranza è di rivederlo in campo in California, e poi a Miami. Generalmente Nick non gioca la stagione sul rosso in Europa, quindi poter disputare la “Sunshine Double” statunitense sarebbe importante per fargli iniziare una stagione da protagonista.
    Marco Mazzoni LEGGI TUTTO

  • in

    Vagnozzi: “Giocarsela con onore con i top 5 non è il nostro obiettivo”

    Simone Vagnozzi con Jannik Sinner (foto Getty Images)

    Simone Vagnozzi, coach di Jannik Sinner insieme a Darren Cahill, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Federica Cocchi della Gazzetta dello Sport, nelle quali parla della delusione per la sconfitta contro Tsitsipas agli Australian Open, ma anche della soddisfazione per i passi in avanti compiuti dall’azzurro sul piano atletico e di come sta proseguendo il lavoro dal punto di vista tecnico e mentale. Per il coach di Jannik, riuscire a gestire istinto e piani tattici nella frenesia del punto di gioco è un aspetto sul quale il suo assistito sta lavorando e che potrà fargli fare un salto di qualità. Ha anche confermato il programma dell’azzurro: Montpellier, Rotterdam e quindi Marsiglia. Tre eventi indoor (condizioni forse ideali per il tennis di Sinner), prima di volare negli USA per la doppietta di primavera Indian Wells – Miami. Riportiamo alcuni passaggi delle parole di Vagnozzi.
    “Dobbiamo essere sinceri – afferma Vagnozzi – giocarsela con onore con i top 5 non è il nostro obiettivo. Siamo scesi in campo per vincere, consapevoli di aver lavorato duramente nelle settimane invernali. Si è trattato di un match particolare (quello contro Tsitsipas a Melbourne, ndr), a un anno esatto di distanza da quando abbiamo iniziato a lavorare e da quando aveva affrontato lo stesso Tsitsipas, quindi è inevitabile che ci fosse un po’ di pressione. E infatti nei primi due set avrebbe potuto fare sicuramente qualcosa di più, però ci è andato davvero vicino, come era accaduto nelle ultime tre occasioni”.
    “Sicuramente siamo molto contenti dell’aspetto atletico su cui abbiamo lavorato tantissimo. Prima Jannik arrivava in fondo agli scambi lunghi in debito di ossigeno. Solo la sua grande forza mentale gli permetteva di chiudere il punto. Ora arriva più fresco e quindi più lucido per fare la scelta migliore”.
    “Jannik gioca bene d’istinto ma a volte è importante anche mettere in campo degli schemi. Lui fa un po’ fatica a far convivere i due aspetti. È costretto a piegare il suo istinto alla logica e per questo di fronte a scelte giuste, magari sbaglia il colpo. È un percorso che darà i suoi frutti, insieme al lavoro che continuiamo a fare sul servizio e sulla parte atletica. Lo scorso anno siamo stati fermati spesso da tanti piccoli intoppi, ora Sinner è integro fisicamente e possiamo finalmente allenarci con continuità”. LEGGI TUTTO

  • in

    ATP 500 Dubai e Acapulco e ATP 250 Santiago: Entry list Md. Almeno 4 azzurri ai nastri di partenza

    Scritto da sangallettoA chi si lamenta degli scarsi risultati di Sinner e compagnia danzante vi invito a guardare le entry list dei main draw dei tornei equivalenti a quelli in oggetto nel 2015 quando ho iniziato a seguire questo forum. E’ veramente cambiato tutto.
    Come dire a chi si lamenta dei nostri tempi di guardare un documentario sul 1942. È veramente cambiato tutto LEGGI TUTTO

  • in

    Moutet operato al polso destro

    Corentin Moutet

    Non è proprio un bel momento per i tennisti francesi. Dopo la notizia relativa al nuovo problema al ginocchio per Herbert, ecco un altro transalpino k.o. Corentin Moutet è stato operato al polso destro, come dimostra la foto postata dal collega dell’Equipe Moynet.
    Non si conoscono ancora i dettagli, quanto il problema fosse grave e i tempi recupero. Visto quanto è delicato il polso per un tennista, di sicuro non rivedremo a brevissimo il talento francese in campo. Vi terremo aggiornati appena ci saranno notizie più dettagliate. Moutet ha disputato l’ultimo Australian Open, cedendo al secondo turno all’argentino Francisco Cerundolo in quattro set, è stato l’unico torneo da lui disputato nel 2023.

    Corentin Moutet a été opéré du poignet droit. pic.twitter.com/zc3OXwkFnU
    — Quentin Moynet (@QuentinMoynet) January 31, 2023
    Moutet, 23 anni, è n.66 dell’ultimo ranking ATP, quinto giocatore del suo paese dietro a Bonzi, Gasquet, Lestienne e Mannarino. Il tennis francese al maschile sta attraversando da tempo un complicato periodo di ricambio generazionale, con la fine dell’epoca d’oro che ha visto tennisti di grande qualità come Tsonga (finalista a Slam e vincitore di Masters 1000), Monfils, Gasquet, Simon (top10) e altri buoni giocatori arrivati in top20 e stabilmente competitivi ad alto livello.
    Proprio per rilanciare il settore e far crescere al meglio i migliori giovani talenti come Fils e Van Assche, la FFT da poco ha ingaggiato Ivan Ljubicic per dirigere e supervisionare il settore tecnico e sviluppare l’alto livello. LEGGI TUTTO

  • in

    Caso Zverev: completata l’indagine indipendente, non ci sono prove di abuso, nessuna sanzione dall’ATP

    Alexander Zverev

    L’ATP attraverso il suo sito ufficiale ha pubblicato una dichiarazione nel quale si annuncia la conclusione dell’indagine indipendente sul “caso Zverev”, ossia la presunta violenza fisica e psicologica sulla ex fidanzata del campione tedesco Alexander Zverev. Il risultato dell’indagine è favorevole all’ex n.2 al mondo: non sono state trovate prove sufficienti a sostegno delle accuse di abuso. Di conseguenza, nessuna azione disciplinare sarà intrapresa dall’ATP a carico del tedesco.
    Commissionata dall’ATP nell’ottobre 2021, l’indagine ha esaminato le accuse di abusi domestici sporte dall’ex fidanzata di Zverev, Olya Sharypova. Mentre l’obiettivo principale dell’indagine riguardava presunti abusi avvenuti al ATP Masters 1000 a Shanghai nel 2019, il suo ambito includeva anche presunti comportamenti scorretti avvenuti in altre località, tra cui Monaco, New York e Ginevra, come indicato nei rapporti pubblici.
    L’indagine è stata condotta da The Lake Forest Group (LFG), una società investigativa indipendente, guidata dal fondatore e amministratore delegato G. Michael Verden e Jennifer Mackovjak. Sia Verden che Mackovjak sono investigatori privati autorizzati con più di 60 anni di esperienza combinata nel settore, anche negli sport professionistici. LFG è stata incaricata di condurre le indagini in modo completamente indipendente, con il consulente legale esterno di ATP, Smith Hulsey & Busey, che fungeva da intermediario.
    LFG ha condotto ampie interviste sia con Sharypova che con Zverev e altre 24 persone tra cui familiari e amici, giocatori di tennis e altre parti coinvolte nell’ATP Tour. L’indagine ha esaminato i contributi di Sharypova e Zverev, inclusi messaggi di testo, file audio e foto. Ciò includeva materiali estratti dai dispositivi elettronici di Zverev tramite un esperto forense indipendente. LFG ha anche esaminato i registri operativi relativi al torneo di Shanghai, i documenti presentati da testimoni di terze parti e i registri pubblici, inclusi i post sui social media e i resoconti della stampa.
    Dopo un esauriente processo di 15 mesi, LFG ha presentato la sua relazione completa ad ATP. Sulla base della mancanza di prove attendibili e resoconti di testimoni oculari, oltre alle dichiarazioni contrastanti di Sharypova, Zverev e altri intervistati, l’indagine non è stata in grado di comprovare le accuse di abuso o determinare che le violazioni delle regole ATP per i reati in loco o per i principali reati dei giocatori ha avuto luogo. Di conseguenza, l’ATP non intraprenderà alcuna azione disciplinare nei confronti di Zverev. Questa conclusione può tuttavia essere rivalutata qualora venissero alla luce nuove prove o qualora eventuali procedimenti legali rivelassero violazioni delle regole ATP. Zverev ha costantemente respinto tutte le accuse e ha sostenuto le indagini dell’ATP, dicendosi sempre innocente.
    Queste le parole di Massimo Calvelli, Amministratore Delegato ATP: “La gravità e la complessità di queste accuse hanno richiesto un iter investigativo estremamente approfondito e notevoli risorse. Ci ha anche richiesto di rivolgerci a investigatori specializzati, un nuovo terreno per l’ATP. Alla fine riteniamo che il processo esaustivo fosse necessario per raggiungere un giudizio informato. Ha anche mostrato la necessità per noi di essere più reattivi in materia di salvaguardia. È il motivo per cui abbiamo fatto dei passi in quella direzione, con ancora molto lavoro importante da fare”. LEGGI TUTTO

  • in

    Herbert di nuovo k.o. al ginocchio

    Pierre-Hugues Herbert

    Continuano i problemi per il francese Pierre-Hugues Herbert. L’esperto tennista francese, da poco rientrato dopo un serio infortunio al ginocchio, ha avuto una ricaduta e sarà assente “a tempo indeterminato”. L’ha annunciato attraverso una foto postata sul proprio profilo Instagram.
    “Difficile condividere questa notizia, la scorsa settimana è stata complicata per me, ma la realtà è che sarò nuovamente ai box per un periodo indefinito… ora è tempo di cure e recupero con l’obiettivo di rivedervi il ​​più velocemente possibile. Grazie per il vostro sostegno” scrive postando una foto a fianco del figlio Harper.
    Herbert si era appena ripreso dall’infortunio al ginocchio sinistro patito lo scorso giugno, quando al Challenger di Ilkley era scivolato malamente sull’erba cadendo rovinosamente a terra. Addio Wimbledon e lungo stop. “Mi sono fatto davvero male al ginocchio e starò fuori per un po’” dichiarò allora. “I legamenti sono danneggiati, ma senza rotture. Nella mia sfortuna, posso dire di esser stato fortunato a non essermi fatto così male da dover subire un’operazione”.
    Adesso questo nuovo stop, che lo bloccherà a tempo indefinito. Il prossimo marzo Herbert compirà 32 anni, il rientro visti i numeri problemi non si annuncia dei più facili. LEGGI TUTTO