consigliato per te

  • in

    Ranking ATP: I tennisti che si sono migliorati maggiormente nel 2020

    Jannik Sinner ITA, 2001.08.16

    Terminata la stagione, scopriamo come è il Ranking ATP nel 2020, una classifica atipica che non corrisponde a quanto fatto quest’anno a causa del congelamento dei punti per colpa della pandemia.
    All’interno della Top 100 ci sono giocatori che hanno notevolmente migliorato il ranking rispetto al 2019. In questo articolo parleremo dei tennisti che hanno fatto un bel salto a livello di classifica in questo 2020.
    Jannik Sinner – Posizione attuale: 37. Posizioni in aumento: 41.E’ stata la grande rivelazione della stagione 2020. L’azzurro si stava già spianando la strada nel 2019 e si parlava di lui come qualcuno da seguire quest’anno e il ragazzo, a soli 19 anni, è l’under 20 che ha il livello di gioco più alto in circolazione. Tutta l’Italia è entusiasta di Jannik, che in classifica è Top 40 e nel 2021, sarà completamente concentrato nel circuito ATP e potendo fare un’intera stagione, sarà li il momento di vedere se con Piatti sarà in grado di fare un altro grande salto nella sua progressione. La vittoria a Sofia è stata la sua conquista più importante nel 2020.
    Vasek Pospisil – Posizione attuale: 61 °. Posizioni in aumento: 89Sebbene sia ancora molto lontano dal 25 ° posto ottenuto nel 2014, il miglioramento del canadese nei singolare è più che evidente. È passato dall’essere più concentrato sul doppio all’essere competitivo nuovamente in singolare. Con 16 vittorie in 26 partite, Pospisil ha giocato la finale a Sofia e Montpellier, dimostrando quanto sia bravo sul cemento indoor, oltre a un quarto round agli US Open, che gli ha permesso di finire l’anno con la sua migliore classifica dal Giugno 2016.
    Pedro Martínez Portiere – Posizione attuale: 85 °. Posizioni in aumento: 86.A 23 anni, questo spagnolo ha avuto una crescita enorme per tutto il 2020. Sta ancora lottando nei tornei Challenger ma è stato in grado di superare il turno di qualificazione e giocare in tornei importanti come l’Australian Open (ha raggiunto il secondo turno ), Rio de Janeiro ( quarti di finale), Roma (raggiunto il secondo turno) e Roland Garros (raggiunto il secondo turno).

    Yannick Hanfmann – Posizione attuale: 98 °. Posizioni in aumento: 76.Il tedesco ha trovato il momento più bello della sua carriera a 29 anni ed ha ottenuto il suo miglior Ranking grazie ala vittoria a Todi ma soprattutto grazie alla finale ottenuta nel torneo di Kitzbuhel, dove ha sconfitto tennisti come Gulbis , Monteiro, Bublik, Lajovic, Marterer o Djere in quella che è stata forse la migliore settimana della sua carriera.
    Attila Balazs – Posizione attuale: 92º. Posizioni in aumento: 42.È curioso che negli ultimi tempi molti tennisti trovino il momento migliore della carriera quando sono più maturi. Alcuni sono addirittura trentenni, come l’ungherese, che nel primo trimestre dell’anno è diventato il 76 ° al mondo dopo aver vinto il titolo al Challenger di Bangkok e aver raggiunto la semifinale di Rio de Janeiro, il suo miglior torneo della stagione.
    Jiri Vesely – Posizione attuale: 68 °. Posizioni in aumento: 38.Il tennista ceco era uno dei giovani di belle speranze qualche anno fa. Cinque anni fa, infatti, raggiunse il 35 ° posto ma subì un crollo, e non mostrò più il suo livello. Quest’anno Vesely ha vinto 12 partite delle 18 giocate e detiene il titolo di Pune come suo miglior risultato.
    Emil Ruusuvuori – Posizione attuale: 86. Posizioni in aumento: 38.Questo finlandese di 21 anni è stato un altro dei giovani che ha fatto i maggiori e migliori progressi negli ultimi 12 mesi. Alterna ancora gli ATP con i Challenger, ma per la qualità che ha, è solo una questione di tempo prima che faccia il salto completo nel circuito professionistico e si concentri esclusivamente sui tornei ATP. Il 2021 sarà per lui un anno molto importante.
    Tommy Paul – Posizione attuale: 54. Posizioni in aumento: 36.Uscito dalla cucciolata ’97, Paul è salito a poco a poco nel Ranking ed è stato sempre più assiduo nei grandi tornei. Nonostante debba ancora crescere a livello tennistico, continua per la sua strada, calmo e senza pressioni, migliorando ogni anno la sua classifica ed è uno di quelli che è migliorato maggiormente nel 2020.
    Alejandro Davidovich – Posizione attuale: 52. Posizioni in aumento: 35.Il nativo di Malaga ha trovato in questo 2020 l’anno della sua esplosione all’interno del circuito. A 21 anni, ha fatto il primo passo per la prima volta nella seconda settimana in un Grande Slam ed è tornato dal dopo pandemia in grande stile con un record di 16-7 e raggiungendo la sua migliore classifica.
    Federico Coria – Posizione attuale: 91. Posizioni in aumento: 30.Il suo buon lavoro nei tornei sulla terra battuta ha portato Fede a raggiungere il suo miglior ranking di sempre a 28 anni. I quarti di finale a Rio de Janeiro e il terzo round al Roland Garros gli hanno permesso di entrare nella Top 100 e sperare di migliorare ulteriormente questi risultati nel 2021. LEGGI TUTTO

  • in

    Novak Djokovic, il migliore in percentuale di vittorie tra il 2011 e il 2020

    Novak Djokovic classe 1987, n.1 del mondo

    Dieci anni sono un tempo lungo, e possono essere misurati in molti modi, dalle settimane come numero 1 ai Grand Slam vinti, ma anche dalla percentuale di vittorie.
    E se non sorprende che Novak Djokovic sia il vincitore di questa statistica, colpisce il fatto che il serbo abbia vinto l’87% delle partite da lui giocate, ben davanti ai suoi inseguitori, Nadal e Federer, molto vicini tra loro.Djokovic, il migliore in percentuale di vittorie tra il 2011 e il 2020.

    2011-2020 percentuali vittorie (atp)Djokovic 87.64Nadal 83.86Federer 83.56Murray 79.42de Potro 74.69Nishikori 70.06Ferrer 69.78Raónica 69.16Berdych 68.60Wawrinka 67.37

    2011-2020 winning % (atp)
    Djokovic 87.64Nadal 83.86Federer 83.56Murray 79.42del Potro 74.69Nishikori 70.06Ferrer 69.78Raonic 69.16Berdych 68.60Wawrinka 67.37
    — enrico maria riva (@enricomariariva) November 27, 2020 LEGGI TUTTO

  • in

    Dalla Spagna: Il torneo ATP 500 di Rio de Janeiro non verrà disputato nel 2021

    Dalla Spagna: Il torneo ATP 500 di Rio de Janeiro non verrà dispuato nel 2021

    Ci sono molti più dubbi che certezze sui primi mesi della stagione 2021 e il Rio Open, l’evento ATP 500 che in questo momento è l’unico torneo del circuito maggiore che si gioca in Brasile, è una delle gare a rischio a causa del possibile rinvio dell’Australian Open a febbraio.
    Il quotidiano spagnolo “Marca” anticipa addirittura questo venerdì che il torneo brasiliano non si svolgerà nel 2021 e sarà sostituito da una gara in Arabia Saudita – che si svolgerà prima dell’ATP 500 di Dubai, che si disputerà la settimana successiva – ma l’organizzazione dell’evento, che è supervisionata da IMG, nega che qualsiasi tipo di decisione sia già stata presa.

    L’ATP Tour ha posticipato l’uscita del calendario per il primo trimestre del 2021 all’inizio del prossimo mese, anche se sembra ovvio che tutto dipenderà da ciò che accadrà con gli Australian Open. LEGGI TUTTO

  • in

    Le notizie dal Circuito ATP: Il calendario sarà trimestrale. I primi tre mesi si conosceranno ad inizio dicembre. ATP Cup verso la cancellazione nel 2021. L’ATP ai tennisti “Non prenotate per il momento i viaggi per l’Australia” (8 gennaio inizio quarantena?)

    Australian Open 2021: Arrivano nuove notizie

    Piano piano si stanno svelando tutti i dettagli sugli Australian Open 2021. Secondo The Age, l’ATP ha informato i giocatori che il periodo di quarantena inizierà probabilmente l’8 gennaio.
    Tuttavia, ha consigliato ai tennisti di non prenotare alcun viaggio per attendere le date ufficiali: “Ci sono limitazioni rigide al numero di persone autorizzate ad entrare in Australia. È probabile che ci sia ancora un ritardo di uno. o due settimane per l’inizio degli Australian Open. La determinazione dei protocolli COVID-19 e di altre procedure saranno presto comunicate sia ai giocatori che agli allenatori” si legge nella nota inviata ai tennisti.

    La pandemia di coronavirus che sta colpendo l’intero pianeta sta indirettamente toccando di nuovo il tennis. Come è stato detto nelle ultime settimane, l’ATP non pubblicherà un calendario ufficiale per il 2021, ma andrà trimestre per trimestre per vedere come si evolverà l’epidemia nei diversi paesi.
    Secondo il giornalista Michal Samulski, il calendario ATP per il primo trimestre del 2021 sarà pubblicato all’inizio di dicembre. Dovremo aspettare quindi ancora qualche giorno per sapere ufficialmente quando si giocheranno, tra le altre cose, l’Australian Open e il Masters 1000 di Indian Wells e Miami.
    Continuiamo a ricevere notizie sull’Australian Open 2021 e su tutti i tornei che precedono il primo grande evento dell’anno. Secondo vari media australiani, l’ATP Cup non si terrà nel 2021. Il motivo non è altro che la mancanza di spazio nel calendario.
    Ricordiamo che questo torneo ha avuto la sua prima edizione solo un anno fa per preparare gli Australian Open in sostituzione della Hopman Cup. Oltre a questa decisione, tutto indica che a Melbourne il torneo in carrozzina si giocherà normalmente, mentre le qualificazioni sono in serio dubbio. LEGGI TUTTO

  • in

    Feliciano Lopez: “Speriamo di annunciare entro fine anno la conferma di Madrid fino al 2031”

    Feliciano Lopez

    Feliciano Lopez ha annunciato l’intenzione di giocare anche nel 2021, quando il 20 settembre entrerà negli “anta”, come Federer. Ma la sua attività parallela di direttore del Masters 1000 di Madrid è diventata altrettanto importante, e proprio in queste settimane tutto il suo staff sta lavorando alacremente per il rinnovo del contratto dell’evento con l’ATP e la città di Madrid. I diritti scadono l’anno prossimo, e poche settimane fa avevamo pubblicato un’indiscrezione secondo la quale Ion Tiriac, proprietario del torneo, fosse in trattativa con Berlino per spostare in Germania il suo evento.
    In realtà dalla Spagna arriva tutt’altra musica, e la fonte è molto autorevole: proprio Feliciano, il direttore del torneo. In una lunga intervista rilasciata al quotidiano sportivo iberico Marca, Feliciano ha parlato del 1000 di Madrid e di molti altri temi relativi al tennis. Ecco i passaggi più salienti del suo pensiero.
    “Siamo molto felici per l’allungamento del torneo 2021. Le ragazze inizieranno martedì e per i ragazzi non ci sarà alcun cambiamento rispetto a quello che era fino ad ora. Ma c’è un progetto ATP per fare più tornei su due settimane, come Indian Wells e Miami. Se Madrid è appena dietro a Indian Wells? Per molte ragioni direi di sì, Madrid ha sempre dimostrato di essere vicino a un “Grande Slam”. Merita di essere un evento di 10 giorni per uomini e donne, speriamo che lo sia presto”.
    È in corso la progettazione di una nuova arena all’interno del complesso della Caja Magica: “Il progetto è praticamente pronto e sarà il cambiamento più sostanziale che le persone vedranno. Lo stadio è una prossima realtà e ci permetterà di avere due sessioni di gioco, giorno e notte. Molte volte siamo stati limitati con la capienza del secondo campo a causa delle grandi partite che ci sono fin dal primo giorno. Abbiamo avuto molti fan in coda per limiti di dimensione. I progetti sono in divenire affinché Madrid diventi il miglior torneo del mondo perché abbiamo un complesso che nessuno ha. Nuovo stadio tra due anni? Il progetto è fatto e per il Consiglio Comunale va bene. Va tenuto presente che è necessario fare un grande lavoro perché l’acqua dietro di essa deve essere rimossa. Si spera che nel 2022 si possa giocare nel nuovo stadio, al massimo nel 2023. E avremo tennis fino al 2031. Presto potremo annunciare che l’accordo con il Comune sarà firmato per altri 10 anni. Le cose stanno andando molto bene. Il contratto è in fase di revisione. Si spera di poterlo annunciare prima della fine dell’anno”.

    “Se potrei giocare Madrid essendo anche direttore? Non l’ho mai chiesto all’ATP. Fin dal primo momento, non ho voluto insistere. Ho preso ad esempio la situazione di Tommy Haas (direttore a Indian Wells). Penso che abbia chiesto il permesso di giocare a Indian Wells e loro hanno detto di no. È un peccato perché, a questo punto della mia carriera, è il torneo che più vorrei giocare”.
    “Edizione 2021 con pubblico a capienza regolare? Sono generalmente una persona positiva, voglio pensare che la pandemia non durerà per sempre. Le notizie sono un giorno buone e l’altro cattive… Ora sembra che ci sia un trend positivo perché presto arriveranno i vaccini. Se una parte della popolazione sarà stata vaccinata a maggio, le persone avranno più fiducia nell’uscire e fare una vita normale”.
    Ricordano a Lopez di esser stato in campo per la vittoria n.1000 di Nadal: “Giocare contro Rafa per me è sempre speciale e lo è ancora di più ora che ho 39 anni e apprezzo ancor più il gioco. Continuo a sforzarmi ogni giorno per arrivare a giocare a quel tipo di partita contro i migliori. Quel giorno sono riuscito a spingerlo al limite e mi sono sentito competitivo contro il numero due del mondo, forse il migliore della storia. Questo significa molto per me perché mi dà la speranza di poter continuare un altro anno a giocare a tennis. Quel giorno solo fu un peccato giocare in uno stadio vuoto”.
    Per Feliciano i tornei dello Slam dovrebbero continuare a giocarsi al meglio dei 5 set: “Le partite del Grande Slam giocate in tre set? Manchebbe qualcosa. È vero che un torneo con match su cinque set ti costringe a giocare due settimane e questo significa perdere due mesi in quattro tornei. Se ci focalizziamo su questo, trovo che sia un argomento ragionevole, e dobbiamo aggiungere la settimana precedente di preparazione in cui molti giocatori non gareggiano. Nonostante questo, resto a favore dei cinque set“.
    “Giudici di linea o occhio di falco? La mia esperienza a livello personale non è stata delle migliori… Non so se perché il sistema è nuovo e richiede un po’ di tempo … La prima volta che ho giocato con questa tecnologia è stato agli US Open e la chiamata sembrava lenta durante il gioco, non so se possa essere migliorato questo aspetto. Occhio di falco resta una delle grandi invenzioni del tennis. Sostituire i guardalinee? Se è per migliorare, sono a favore. Ma la mia esperienza è stata che la chiamata non sia abbastanza rapida e questo genera un dubbio per il giocatore”.

    Marco Mazzoni LEGGI TUTTO

  • in

    ATP Rotterdam: Krajicek conferma la disputa del torneo. Incertezza sulle date, ci saranno 3.500 spettatori al giorno

    Il Campo Centrale di Rotterdam

    Richard Krajicek, direttore del torneo ATP 500 di Rotterdam, ha confermato che la manifestazione avrà luogo nel 2021 anche se al momento non è possibile definire con certezza la settimana in cui si svolgerà: “Il torneo si svolgerà regolarmente e alla presenza del pubblico, anche se saranno ammesse 3.500 persone al giorno invece delle tradizionali 10.000. In campo ci saranno i raccattapalle mentre adotteremo la tecnologia al posto dei giudici di linea, i giocatori e lo staff saranno sistemati in una bolla. Non ho ancora avuto contatti con alcun tennista, voglio prima aspettare di capire quello che succederà: bisogna parlare con i fatti, non con i ‘se’ e per questo motivo non ho ancora parlato nemmeno con Roger Federer“.

    Originariamente previsto a partire dall’8 febbraio in contemporanea con i tornei ATP 250 di New York e Buenos Aires, l’evento olandese potrebbe essere spostato nel caso in cui gli Australian Open venissero programmati dal 1° febbraio: “Qualora gli Open d’Australia dovessero giocarsi a febbraio, noi saremmo costretti a trovare una nuova sistemazione in calendario. In caso di rinvio dell’Australian Open a marzo o aprile, manterremo la data originaria perché sicuramente i tennisti avranno voglia di mettere partite sulle gambe prima di sobbarcarsi la lunga trasferta“. LEGGI TUTTO

  • in

    Record ATP: Rafael Nadal supera Roger Federer. Lo spagnolo ha chiuso per la 12 esima volta la stagione nei top 2

    Rafael Nadal supera Roger Federer. Lo spagnolo ha chiuso per la 12 esima volta la stagione nei top 2

    Novak Djokovic ha concluso la stagione 2020 al primo posto per la sesta volta in carriera, eguagliando il record di Pete Sampras, ma anche Rafael Nadal ha concluso la stagione con un record storico, chiudendo l’anno al secondo posto in classifica.

    Questa è stata la settima volta che Nadal ha concluso una stagione al secondo posto nella classifica mondiale (dopo il 2005, 2006, 2007, 2009, 2011 e 2018), che si aggiunge alle 5 volte in cui è arrivato numero uno (2008, 2010, 2013 , 2017 e 2019) che lo porta a chiudere in top 2 in 12 occasioni, superando il record precedente di Roger Federer, top 2 11 volte (numero 1 nel 2004, 2005, 2006, 2007 e 2009 e numero 2 nel 2003, 2008, 2010, 2012, 2014 e 2017). LEGGI TUTTO

  • in

    Rinviato a data da destinarsi il torneo ATP 250 di Pune. In India salta anche il Challenger di Bangalore

    Jiri Vesely, vincitore dell’ultima edizione del torneo di Pune

    Il calendario ATP della prossima stagione è in continua evoluzione con cambiamenti all’ordine del giorno. Quest’oggi. attraverso un comunicato ufficiale, l’All India Tennis Association (AITA) ha comunicato il rinvio a data da destinarsi del torneo ATP 250 di Pune, che si sarebbe dovuto disputare nella prima settimana del mese di febbraio in contemporanea agli eventi di Montpellier (Francia) e Cordoba (Argentina). Il direttore della manifestazione, Prashant Sutar, ha dichiarato: “Abbiamo informato l’ATP di questa decisione, speriamo di poter riprogrammare il torneo in un altro periodo del 2021, magari tra settembre e novembre. Tutto dipenderà dalla situazione del Coronavirus nel mondo“.

    Oltre al Maharashtra Open, torneo in calendario dal 1996 (disputato fino al 2017 a Chennai) e vinto nel 2020 da Jiri Vesely (il ceco ha sconfitto in finale il bielorusso Egor Gerasimov), non si disputerà nella settimana prevista originariamente anche il ricco Challenger di Bangalore, posticipato per i medesimi motivi dovuti all’incertezza del Covid-19. “Abbiamo fatto domanda all’ATP per disputare il torneo nella seconda metà del 2021“, ha commentato Sunij Yajaman, direttore del torneo. LEGGI TUTTO