consigliato per te

  • in

    Nba, un super Curry trascina Golden State: prima vittoria dei Lakers

    Continua lo spettacolo della palla a spicchia. Nella notte italiana, Golden State ha battuto 119-107 Sacramento grazie a un super Stephen Curry, autore di 27 punti. Dopo tre partite i Warriors sono ancora imbattuti e dopo aver superato le due compagini di Los Angeles si sono sbarazzati anche dei Kings. 
    Nba, si sbloccano i Los Angeles Lakers
    Raccolgono invece il primo successo nella regular season i Los Angeles Lakers. I gialloviola, dopo i ko contro Golden State Warriors e Phoenix Suns, di fronte ai quasi 19mila spettatori dello Staples Center, hanno superato per 121-118 i Memphis Grizzlies. A nulla servono i 40 punti di un sensazionale Ja Morant, mentre tra i padroni di casa salgono in cattedra Carmelo Anthony, che chiude con 28 punti, e Anthony Davis (22 punti). Vittorie esterne anche per Boston Celtics, Orlando Magic e Philadelphia 76ers, vincenti rispettivamente contro Houston Rockets (107-97), New York Knicks (110-104) e Oklahoma City Thunder (115-103). LEGGI TUTTO

  • in

    Nba, si sbloccano i Lakers: Curry trascina Golden State

    Serata di grande spettacolo in Nba. Dopo i ko contro Golden State Warriors e Phoenix Suns, i Los Angeles Lakers centrano la prima vittoria stagionale della regular-season. Di fronte ai quasi 19mila spettatori dello Staples Center, il quintetto californiano supera per 121-118 i Memphis Grizzlies. Agli ospiti non basta una prestazione sensazionale di Ja Morant, che mette a referto da top-scorer con un bottino personale di 40 punti. A brillare tra i padroni di casa sono soprattutto Carmelo Anthony, che chiude con 28 punti, e Anthony Davis (22 punti).
    Curry fa esultare Golden State
    Prosegue invece l’imbattibilità dei Golden State Warriors che, dopo aver battuto le due franchigie di Los Angeles, prima i Lakers e poi i Clippers, passano per 119-107 sul parquet dei Sacramento Kings. A trascinare la squadra al successo è il solito Stephen Curry, che mette nel tabellino ben 27 punti. Vittorie in trasferta anche per Boston Celtics, Orlando Magic e Philadelphia 76ers, vincenti rispettivamente contro Houston Rockets (107-97), New York Knicks (110-104) e Oklahoma City Thunder (115-103). LEGGI TUTTO

  • in

    Nba, tensione Lakers: quasi rissa tra Howard e Davis

    LOS ANGELES (Stati Uniti) -Avvio di stagione complicato per i Los Angeles Lakers, altra sconfitta pesante (questa volta contro i Suns) e problemi di spogliatoio. Nel 2° quarto del match di stanotte, con la situazione di punteggio già allarmante, coach Vogel chiama un time-out dove Dwight Howard ed Anthony Davis diventano i protagonisti: Davis dice qualcosa non gradito all’ex Magic che si alza d’impeto iniziando un pesante scambio di trash-talking arrivando quasi allo scontro fisico. I compagni di squadra hanno subito separato i due litiganti con LeBron James incredulo. Nel post-partita entrambi i giocatori gialloviola hanno messo alle spalle l’accaduto: “Stiamo bene, siamo amici, abbiamo già messo da parte lo screzio” ha dichiarato Howard, mentre Davis: “Abbiamo lasciato tutte le incomprensioni nello spogliatoio all’intervallo lungo”. LEGGI TUTTO

  • in

    Nba, bufera Lakers: rissa in campo tra Howard e Davis!

    LOS ANGELES (Stati Uniti) – Notte da dimenticare per i Los Angeles Lakers, sconfitti nettamente dai Suns con anche una rissa sfiorata tra i compagni di squadra. Protagonisti dello spiacevole fatto Dwight Howard ed Anthony Davis: succede tutto nel 2° quarto quando, durante un time-out, Davis dice qualcosa non gradito all’ex Magic che si alza d’impeto iniziando un pesante scambio di trash-talking arrivando quasi alle mani. I compagni di squadra hanno subito separato i due con LeBron James incredulo di quello che sta succedendo. A fine partita entrambi i protagonisti dello screzio hanno archiviato tutto: “Stiamo bene, siamo amici, abbiamo già messo da parte lo screzio” ha dichiarato Howard, mentre Davis: “Abbiamo lasciato tutte le incomprensioni nello spogliatoio all’intervallo lungo”. LEGGI TUTTO

  • in

    Nba, Lakers travolti dai Suns di uno storico Paul

    LOS ANGELES (Stati Uniti) – Chris Paul scrive a referto 23 punti e 14 assist nel dominante successo a Los Angeles contro i Lakers dei suoi Suns. Il risultato finale recita 115-105 in un match dove i padroni di casa non sono mai stati in partita tanto da toccare anche il -32 nel 3° periodo, per Paul oltre al referto rosa anche un importante traguardo: 1° giocatore nella storia della Lega a raggiungere i 20 mila punti e 10 mila assist in carriera. Vincono anche i Brooklyn Nets sul campo dei 76ers grazie alla tripla doppia di Kevin Durant (29 punti, 15 rimbalzi e 12 assist) ma, soprattutto, ai 23 punti uscendo dalla panchina di LaMarcus Aldridge. L’ex Trail Blazers realizza 13 punti nell’ultimo quarto di cui 5 consecutivi per girare l’inerzia del match nel rush finale.
    Chicago impressione, bene Denver e Utah
    I Chicago Bulls battono in scioltezza i New Orleans Pelicans 128-112 guidati dai 30 punti di Zach Lavine e dalla tripla doppia di Lonzo Ball (17 punti, 10 rimbalzi e 10 assist), Nikola Jokic domina San Antonio con 32 punti e 16 rimbalzi nel successo casalingo dei Nuggets per 102-96, doppia doppia importante anche per Rudy Gobert (17 punti e 21 rimbalzi) nella vittoria a Sacramento di Utah 109-101. Il rookie Scottie Barnes(25 punti e 13 rimbalzi) trascina Toronto ad una gran vittoria a Boston dei Raptors per 115-83 con i Celtics contestati addirittura dai tifosi. Match thriller della notte nella Capitale dove i Wizards hanno battuto di misura 135-134 i Pacers dopo un tempo supplementare: decisiva la tripla a 35″ di Bertans oltre ai 34 punti di Spencer Dinwiddie, vadi i 40 di Tuner per gli ospiti. Infine successi facili per New York  che vince 121-96 ad Orlando con 24 triple a bersgalio e Houston contro Oklahoma City (124-91) con un super Christian Wood da 34 punti e 14 rimbalzi. LEGGI TUTTO

  • in

    Problema Suns: proprietario accusato di razzismo e sessismo

    PHOENIX (Stati Uniti) -Nel 2004 Robert Sarver acquistò per 401 milioni i Phoenix Suns, oggi la franchigia vale 1,7 miliardi di dollari e lui rischia di dover abdicare. Stando al report di Jordan Schultz (Espn) il numero uno dei Suns (e delle Mercury) sarebbe stato accusato di razzismo, sessismo e molestie sessuali. Sarver, appresa la notizia, ha subito rilasciato una dichiarazione in sua difesa: “Sono completamente scioccato da alcune delle accuse avanzate da ESPN su di me, personalmente, o sulle organizzazioni Phoenix Suns e Mercury. Anche se non posso iniziare a sapere come rispondere a queste vaghe suggestioni per lo più anonime, posso certamente dirvi che alcune delle affermazioni che trovo completamente ripugnanti alla mia natura e non è mai accaduto nulla ai dipendenti dei Suns e Mercury”. L’Nba vuole vederci chiaro ed è già al lavoro, l’ultima volta che un proprietario fu investigato per un caso simile fu Donald Sterling (2014) bandito a vita dalla Lega. LEGGI TUTTO

  • in

    Nba, Paul nella storia e Phoenix asfalta i Lakers

    LOS ANGELES (Stati Uniti) – Sono state 10 le partite della notte Nba con i riflettori puntati allo Staples Center per il match dominato dai Phoenix Suns contro i Lakers. Gli ospiti hanno messo in un angolo i gialloviola arrivando anche sul +32 per poi vincere 115-105, il tutto in una serata storica per Chris Paul: 23 punti, 14 assist ed un traguardo unico, infatti CP3 è diventato il 1° giocatore nella storia della Lega a raggiungere i 20 mila punti e 10 mila assist in carriera. Per i Lakers, oltre alla brutta partita, anche momenti di tensione tra Dwight Howard ed Anthony Davis divisi dai compagni.
    Aldridge salva i Nets, che belli questi Bulls!
    Prima vitttoria stagionale per i Brooklyn Nets che espugnano Philadelphia 114-109 grazie alla tripla doppia di Kevin Durant (29 punti, 15 rimbalzi e 12 assist) ma, soprattutto, ai 23 punti dalla panchina di LaMarcus Aldridge. L’ex Portland realizza 13 dei suoi 23 nell’ultima frazione compresi 5 consecutivi nella volata finale per assicurare il successo ai bianconeri. Allo United Center di Chicago i Bulls danno spettacolo con i 30 punti di Zach LaVine e la tripla doppia di Lonzo Ball (17 punti, 10 rimbalzi e 10 assi): battuti i Pelicans 128-112.
    Jokic e Gobert dominanti, Boston cade ancora
    Nikola Jokic firma a referto un’altra solita prestazione superlativa da 32 punti e 16 rimbalzi guidando i Nuggets al successo contro San Antonio per 102-96, Rudy Gobert invece scrive 17 punti e 21 rimbalzi a referto con Utah che piega a domicilio i Kings 109-101. Boston perde ancora e questa volta tra le mura amiche del TD Garden, finisce 115-83 in favore dei Toronto Raptors guidati da Scottie Barnes (25 punti e 13 rimbalzi). Washington (senza Beal) la scampa 135-134 dopo un overtime contro Indiana, vani i 40 punti di Myles Turner per i Pacers che si sono arresi ai 34 di Spencer Dinwiddie e alla tripla di Bertans a 35″ dalla fine. Infine successi facili per New York (121-96 ad Orlando) e Houston (124-91 contro Oklahoma City) trascinata da un super Christian Wood da 34 punti e 14 rimbalzi. LEGGI TUTTO

  • in

    Nba, pre-season: cade Milwaukee, Chicago e Golden State ok

    NEW YORK (STATI UNITI) – Non sono bastati i quasi 13mila spettatori sugli spalti del ‘Fiserv Forum’ e di Milwaukee i 26 punti messi a segno dal ‘solito’ Antetokounpo (top-scorer dell’incontro) ai campioni in carica dei Bucks, sconfitti per 114-103 ai Dallas Mavericks in uno dei match della pre-season Nba. In grande evidenza anche Curry, esplosivo nel 119-97 con cui i Golden State Warriors hanno battuto i Portland Trail Blazers: il n. 30 ha totalizzato 41 punti e 7 triple contro un avversario privo di Lillard. Prosegue intanto l’imbattibilità dei Chicago Bulls, che hanno ottenuto il quarto successo di fila superando per 118-105 i Memphis Grizzlies: LaVine, con un bottino di 31 punti, è stato il più prolifico in campo. Successi anche per i Miami Heat (121-100 con i Boston Celtics), i Detroit Pistons (112-108 ai Philadelphia 76ers 112-108); i Cleveland Cavaliers (110-94 sul campo degli Indiana Pacers); i San Antonio Spurs (126-98 sugli Houston Rockeets) mentre i New York Knicks l’hanno spuntata di misura (115-113) sui Washington Wizards. LEGGI TUTTO