consigliato per te

  • in

    F1, la Sprint Qualifying è ufficiale

    Tutti i team, alla fine, hanno trovato un accordo e l’avvio alla sperimentazione del discusso nuovo format di qualifiche è stato approvato all’unanimità. La Qualifica Sprint, la gara di 100km da disputare il sabato pomeriggio per decidere la griglia di partenza di domenica è stata approvata e verrà testata in tre GP, due in Europa, uno extra-Europa, che verranno annunciati in seguito. La prima prova dovrebbe avvenire a Silverstone
    Le dichiarazioni di Todt e Domenicali
    “Siamo entusiasti di questa nuova opportunità che porterà ai nostri fan un weekend di gara ancora più coinvolgente nel 2021”, ha dichiarato il presidente e amministratore delegato della Formula 1 Stefano Domenicali. “Vedere i piloti che si sfidano per tre giorni sarà un’esperienza straordinaria e sono sicuro che anche loro apprezzeranno la lotta”.
    “Sono lieto che tutte le squadre abbiano sostenuto questo piano, ed è una testimonianza dei nostri sforzi congiunti per continuare a coinvolgere i nostri fan in modi nuovi, assicurandoci al contempo di preservare la tradizione e la meritocrazia del nostro sport”.
    Il presidente della FIA Jean Todt, ha commentato: “Sono lieto di vedere che la Formula 1 sta cercando nuovi modi per interagire con i suoi fan e ampliare lo spettacolo di un weekend di gara attraverso il concetto di Qualifica Sprint. È stato possibile grazie alla continua collaborazione tra FIA, Formula 1 e tutti i team”.
    “La F1 si sta dimostrando più forte che mai con tutte le parti interessate che lavorano insieme in questo modo, e molto è stato fatto per garantire che gli aspetti sportivi, tecnici e finanziari del formato siano giusti”.
    Qualifica Sprint, ecco il format completo
    Venerdì, dopo il primo turno di libere, le vetture scenderanno in pista per la sessione di qualifica che stabilirà l’ordine di partenza della gara sprint di sabato pomeriggio. Inoltre, è stato deciso che l’evento assegna punti per i primi tre, in quest’ordine: 3 al primo, 2 al secondo e 1 al terzo.
    Nel dettaglio
    Venerdì:
    1) Prove libere di 60 minuti, i team hanno scelta libera di due set di gomme
    2) Qualifica classica nel pomeriggio, con 5 treni di soft per pilota
    Sabato:
    1) Secondo turno da 60 minuti di prove libere di mattina
    2)Qualifica Sprint sulla lunghezza di 100km, e scelta libera tra due set di gomme
    Domenica:
    Via al GP tradizionale, con i team che avranno a disposizione i 2 treni di gomme rimasti. LEGGI TUTTO

  • in

    Ufficiale: la F1 sbarca a Miami dal 2022 e con Austin raddoppia negli Usa

    Dopo anni di tentativi andati a vuoto, la Formula 1 approderà a Miami: l’annuncio di Liberty Media è di oggi e decisivo è risultato il voto favorevole del consiglio comunale di Miami Gardens. Si correrà dunque un GP su un circuito da costruire attorno all’Hard Rock Stadium, che ospita i Miami Dolphins in Nfl e i Miami Hurricanes in Ncaa.

    Gara in calendario dal prossimo anno

    La gara sarà in calendario dal prossimo anno in data da definirsi, e per dieci stagioni. La pista tutta da realizzare misurerà 5,41 chilometri e avrà 19 curve, tre rettilinei e la possibilità di ospitare anche tre zone DRS, con una velocità massima stimata in 320 km orari. Sarà l’undicesima sede statunitense del Mondiale dalla sua istituzione (1950) dopo aver corso a Riverside, Sebring, Watkins Glen, Long Beach, Las Vegas, Detroit, Dallas, Phoenix, Indianapolis e infine ad Austin, che manterrà il suo GP. Vinta la ritrosia degli abitanti, la Formula 1 e il promotore organizzeranno le attività in determinati orari concordati e garantiranno biglietti scontati ai cittadini. Ci sarà inoltre un programma per supportare le imprese locali e la comunità, incluso un piano di istruzione attraverso la Formula 1 nelle scuole.

    Sullo stesso argomentoFormula 1F1, Miami: manifestazione contro il GP prima del Super Bowl

    Le parole di Domenicali

    Stefano Domenicali, Presidente e amministratore delegato della Formula 1, ha dichiarato: «Siamo entusiasti di annunciare che la Formula 1 correrà a Miami dal 2022. Gli Stati Uniti sono un mercato-chiave, in crescita per noi e siamo molto incoraggiati dalla nostra crescente presenza negli Stati Uniti, che sarà ulteriormente supportata da questa entusiasmante seconda gara».

    Sullo stesso argomento LEGGI TUTTO

  • in

    F1, Marko consiglia Vettel: “Un anno sabbatico avrebbe aiutato”

    ROMA – La stagione di Sebastian Vettel, la prima con l’Aston Martin dopo l’addio alla Ferrari, non è iniziata nel migliore dei modi. In Bahrain, infatti, il tedesco ha deluso prima in qualifica, non superando neanche il taglio del Q1 e venendo penalizzato per non aver rallentato con le bandiere gialle esposte, e poi in gara dove ha tamponato Ocon rimendiando anche una penalità. Un avvio da dimenticare tanto che Helmut Marko, consigliere Red Bull ed ex mentore del pilota tedesco, in un’intervista a Formel1.de, ha rivelato come per il quattro volte campione del mondo sarebbe stato meglio fermarsi per una stagione: “Vettel avrebbe dovuto prendere un anno di pausa dalla Formula 1 per capire le sue esigenze. Credo che possa cambiare molto in Formula 1 il prossimo anno, ma lui non ha voluto seguire questa strada. Adesso si trova al volante della Aston Martin che, così come la Mercedes, soffre di problemi simili con il low rake”, le sue parole.

    Un problema, quello indicato da Helmut Marko, del quale sembrano soffrire in partiolar modo Mercedes e Aston Martin: “Se torniamo ai test la Mercedes aveva un retrotreno molto instabile ma il team è riuscito a porre in parte rimedio a questo problema. In Aston Martin, da quanto ho visto, non sono riusciti a trovare una soluzione. Alla fine riusciranno anche a migliorare la maneggevolezza, ma non credo che raggiungeranno il livello della Mercedes. Credo che il gap di 1 secondo e mezzo dalla Mercedes non sia dovuto solo a Vettel, ma in parte è colpa anche della vettura, anche se grazie al motore Mercedes credo che riusciranno a recuperare terreno. In ogni caso non mi spiego ancora come Vettel abbia potuto tamponare Ocon”, ha concluso Marko. LEGGI TUTTO

  • in

    F1, Marko: “A Vettel avrebbe fatto bene un anno sabbatico”

    ROMA – “Vettel avrebbe dovuto prendere un anno di pausa dalla Formula 1 per capire le sue esigenze”. La pensa così Helmut Marko, consigliere Red Bull ed ex mentore del pilota tedesco, che in un’intervista a Formel1.de ha parlato del momento complicato che sta attraversando il 4 volte campione del mondo. Il 2021 di Vettel non è infatti iniziato nel migliore dei modi. Dopo l’addio alla Ferrari e il passaggio in Aston Martin, in Bahrain il tedesco ha deluso, prima nelle qualifiche, dove non ha superato lo scoglio del Q1 ed è stato penalizzato per non aver rallentato con le bandiere gialle e poi in gara, dove ha chiuso fuori dalla zona punti in seguito al tamponamento con Esteban Ocon. Il mancato feeling con la nuova vettura potrebbe essere dovuto anche all’assetto low rake che si sposa male con il nuovo disegno dei fondi previsto dai regolamenti. Secondo Marko, però, un anno sabbatico avrebbe fatto bene a Vettel. “Credo che possa cambiare molto in Formula 1 il prossimo anno, ma lui non ha voluto seguire questa strada – ha detto – Adesso si trova al volante della Aston Martin che, così come la Mercedes, soffre di problemi simili con il low rake”. 

    Nel tentativo di tagliare i costi sulla scia della crisi dovuta al Covid, la FIA si è mossa per ridurre i livelli di deportanza e rallentare le auto, cosa che sembra aver danneggiato le monoposto con un rake poco accentuato. Al momento Mercedes e Aston Martin sembrano essere le vetture che hanno sofferto maggiormente di questa novità. “Se torniamo ai test – ha aggiunto Marko – la Mercedes aveva un retrotreno molto instabile ma il team è riuscito a porre in parte rimedio a questo problema. In Aston Martin, da quanto ho visto, non sono riusciti a trovare una soluzione. Alla fine riusciranno anche a migliorare la maneggevolezza, ma non credo che raggiungeranno il livello della Mercedes. Credo che il gap di 1 secondo e mezzo dalla Mercedes non sia dovuto solo a Vettel, ma in parte è colpa anche della vettura, anche se grazie al motore Mercedes credo che riusciranno a recuperare terreno. In ogni caso non mi spiego ancora come Vettel abbia potuto tamponare Ocon”. LEGGI TUTTO

  • in

    F1, Mick Schumacher: “Imparerò in gara, ma sono pronto”

    ROMA – “In una scala da 1 a 10 sono pronto 9. Abbiamo ancora un paio di settimane nelle quali posso migliorarmi. Sono pronto, non vedo l’ora che si parta”. Tanto ottimismo per Mick Schumacher a poche settimane dal suo debutto in Formula 1, dove correrà sulla monoposto del team Haas. Il pilota tedesco ha parlato in un’intervista ai microfoni di “Auto, Motor und Sport”, mostrandosi carico per l’inizio della stagione: “Pur avendo una discreta esperienza nelle altre categorie, nulla è come la Formula 1. Sarà speciale. Tramite Zoom io e il mio team stiamo facendo tante chiamate, in modo che io mi prepari al meglio, ma le gare vanno vissute per essere capite. Si impara solo facendo”.

    “Dobbiamo essere in grado di sognare”
    “Se ci verrà data la possibilità e avremo un po’ di fortuna faremo di tutto per approfittarne e portare a casa buoni risultati – ha proseguito Schumacher, che lo scorso anno ha conquistato il Mondiale piloti di Formula 2 -. E se capiteranno un paio di gare folli come l’anno scorso, forse ci sarà anche la possibilità di salire sul podio. Certo, sarebbe un sogno, ma dobbiamo essere in grado di sognare”. LEGGI TUTTO

  • in

    F1, Mick Schumacher: “Sono pronto. Il podio sarebbe un sogno”

    ROMA – “Pur avendo una discreta esperienza nelle altre categorie, nulla è come la Formula 1. Sarà speciale. Tramite Zoom io e il mio team stiamo facendo tante chiamate, in modo che io mi prepari al meglio, ma le gare vanno vissute per essere capite. Si impara solo facendo”. Mick Schumacher si prepara al Mondiale 2021 di Formula 1, cmpionato in cui farà l’esordio a bordo della monoposto Haas. Il pilota tedesco, intervistato da “Auto, Motor und Sport”, si presenta già in ottima forma in vista dell’inizio: “In una scala da 1 a 10 sono pronto 9. Abbiamo ancora un paio di settimane nelle quali posso migliorarmi. Sono pronto, non vedo l’ora che si parta”.

    “Cercheremo di fare buoni risultati”
    “Se ci verrà data la possibilità e avremo un po’ di fortuna faremo di tutto per approfittarne e portare a casa buoni risultati – ha proseguito Schumacher, che lo scorso anno ha conquistato il Mondiale piloti di Formula 2 -. E se capiteranno un paio di gare folli come l’anno scorso, forse ci sarà anche la possibilità di salire sul podio. Certo, sarebbe un sogno, ma dobbiamo essere in grado di sognare”. LEGGI TUTTO

  • in

    F1, Hamilton elogia Rashford: “Una forza ispiratrice”

    ROMA – Marcus Rashford protagonista anche fuori dal campo. La copertina di “Time” è solo l’ultimo dei tanti riconoscimenti ricevuti dall’attaccante del Manchester United, che nell’ultimo anno si è distinto come uno degli sportivi più attivi nelle battaglie contro la povertà causata anche dall’emergenza coronavirus. Sono tanti gli attestati di stima arrivati a Rashford, come la copertina del famoso magazine e i complimenti di Lewis Hamilton, pluricampione di Formula 1.

    Hamilton: “Siamo forti se abbiamo un obiettivo comune”
    Rasford, nominato da parte della Regina Elisabetta come “Membro dell’ordine dell’Impero britannico”, è stato fortemente elogiato dal pilota della Mercedes, anche lui protagonista di battaglie importanti nel 2020, come quella contro il razzismo per il movimento “Black Lives Matter”. “In un anno che ha messo in luce la forza che possiamo avere se lavoriamo per un obiettivo comune è stato una forza ispiratrice che ha unito il Regno Unito nell’impegno ad accertarsi che nessun bambino rimanesse affamato” – ha detto Hamilton. LEGGI TUTTO