consigliato per te

  • in

    Sonepar nuovo title sponsor della Pallavolo Padova in Superlega

    Sonepar Italia e Pallavolo Padova hanno annunciato l’avvio di una nuova e importante partnership per la stagione di SuperLega 2024-25. Sonepar Italia, parte del Gruppo internazionale Sonepar e leader a livello mondiale nella distribuzione di prodotti e soluzioni per il mercato elettrico, diventerà title sponsor della prima squadra del club bianconero, segnando l’inizio di un nuovo capitolo per la società patavina.

    A partire dal campionato di SuperLega 2024-25, la prima squadra padovana assumerà la denominazione ufficiale di “Sonepar Padova”, sottolineando l’impegno comune di entrambe le realtà nel perseguire lo sviluppo e la crescita del team, in un’ottica di miglioramento continuo.

    L’accordo prevede, inoltre, un’opzione per confermare tale partnership anche per le prossime due stagioni. 

    “Siamo entusiasti di poter esporre il logo di Sonepar Italia sulle maglie ufficiali della nostra prima squadra”, afferma il Presidente di Pallavolo Padova, Giancarlo Bettio. “C’è molto orgoglio nell’essere affiancati da un’azienda storica e leader di settore come Sonepar. Sarà un percorso in crescendo a partire dalla prossima stagione di SuperLega, con l’opzione di confermare tale partnership anche per le due stagioni seguenti, durante le quali faremo di tutto per soddisfare il nostro sponsor, il nostro pubblico e la città di Padova. Questo nuovo contratto ci dà ancora più spinta per fare meglio. Possiamo realisticamente puntare ad un miglioramento della nostra classifca, intraprendendo un reale percorso di crescita. Desidero ringraziare tutti coloro che hanno creduto nel nostro progetto. La nuova partnership con Sonepar Italia rappresenta un passo significativo per la nostra squadra e la nostra città”. 

    “È un onore che una società così importante abbia deciso di affiancare Pallavolo Padova per sostenere il nostro progetto sportivo”, dichiara il Past President bianconero, Fabio Cremonese. “Il nostro è prima di tutto un progetto sociale, in quanto il mondo dello sport coinvolge molti giovani, li tiene uniti e li aiuta a crescere. Credo che questo sia fondamentale, e va riconosciuta l’importanza e il ruolo svolto da tutti gli sponsor della nostra società, grandi e piccoli, per il loro impegno. È giusto elogiare i sacrifici che fanno questi partner, quindi grazie di cuore a ciascuno di loro. Con l’ingresso all’interno della famiglia bianconera di Sonepar Italia, inizia una nuova pagina per la nostra società, nell’auspicio che questa collaborazione possa durare il più a lungo possibile. Da parte della società, siamo felicissimi perché vediamo che il nostro progetto societario, volto a tenere uniti molti imprenditori del territorio, funziona. Il tutto avviene con la massima professionalità, umiltà e nella consapevolezza che, per mantenere un club così importante nel tempo, è necessario essere in molti e uniti. Questo credo sia l’aspetto più importante. Qui non c’è un interesse singolo, ma l’interesse della città e della società, che appartiene al proprio al pubblico. Appartiene alla città”. 

    “Sonepar Italia ha sempre avuto un’attenzione speciale per le iniziative sportive e culturali che nascono nel territorio e contribuiscono ad arricchire la comunità, sostenere le nuove generazioni e valorizzare il capitale umano” dichiara Sergio Novello, Presidente e AD Sonepar Italia. “Siamo un’azienda presente capillarmente a livello nazionale e parte di un grande gruppo internazionale ma le nostre radici rimangono qui a Padova, città che ospita il nostro quartier generale e in cui risiede la gran parte del nostro personale. Per questo siamo entusiasti di annunciare oggi la partnership con una società sportiva di rilevanza nazionale come Pallavolo Padova. Insieme condividiamo valori di impegno, meritocrazia e spirito di squadra, caratteristiche che, così nello sport come in azienda, ci consentono di eccellere e di creare valore nel territorio. Faremo tutto il possibile per contribuire al percorso di crescita della Pallavolo Padova alla quale auguriamo una stagione ricca di emozioni e traguardi da raggiungere assieme”.

    (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Nicola Fortunato resta a Lagonegro: “Fissati obiettivi importanti”

    Lucano, nato nella perla del Tirreno – Maratea – 29 anni fa, ma lagonegrese doc, nel sangue e nel cuore. Nicola Fortunato è il giocatore che rappresenta nel migliore dei modi il concetto di appartenenza a un territorio, alla sua squadra e ai suoi colori.

    Nicola ha la maglia biancorossa attaccata al corpo, l’ha indossata con orgoglio durante la magica scalata dalla B2 alla A2. E dopo tanto girovagare (Sabaudia, Palmi, Aversa) per accumulare esperienza, la scorsa stagione è tornato a casa, a difendere dalla sua posizione di libero la Rinascita, il Club della sua città. Lì dove resterà anche quest’anno, per una conferma che la Società non ha mai messo in dubbio in fase di programmazione 2024/2025.

    Leader in pectore del gruppo, Nicola durante la stagione appena conclusa ha saltato un solo match, la sconfitta in trasferta a Fano del 19 novembre, segno tangibile dell’immensa fiducia che coach Lorizio ripone in lui.

    A poche settimane dall’inizio della preparazione, Nicola è già carico e pronto a mettersi a disposizione del tecnico: “Sono molto contento di continuare il mio percorso con la Rinascita. Insieme alla Società, che ringrazio per la fiducia, abbiamo fissato obiettivi importanti che cercheremo di raggiungere. Non vedo l’ora di iniziare e di far gioire i nostri tifosi”.

    (fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Nicola Esposito confermato sulla panchina di Sorrento per il 12° anno consecutivo

    Continua l’idillio tra la ShedirPharma Sorrento ed il mister Nicola Esposito. La società ripone massima fiducia nel giovane tecnico costiero, che dopo aver guidato la squadra al miglior piazzamento della storia in Serie A3, siederà sulla panchina dei leoni biancoverdi per il 12° anno di fila.

    Il presidente Ruggiero ti ha confermato sulla panchina della ShedirPharma Sorrento. Quanta voglia c’è di ricominciare, e vivere nuovamente le sessioni di lavoro con la squadra?

    “La voglia di riprendere è tanta. Dopo un periodo di riposo in cui abbiamo ricaricato le batterie, siamo pronti a tornare al lavoro quotidiano. Sono molto contento della riconferma, e nonostante quello che sta per iniziare sia il dodicesimo anno con questi colori, dentro di me c’è sempre l’entusiasmo del primo giorno”

    Si è parlato di annunci sensazionali in arrivo. Crescono le aspettative per fare uno step in più rispetto all’anno scorso.

    “La società ha fatto un ottimo lavoro sul mercato, costruendo un organico di livello importante. Poi toccherà a noi dimostrare sul taraflex di essere una squadra di rango. Abbiamo cercato di formare un giusto mix tra atleti affermati nella categoria, e giovani promesse con voglia di lavorare e mostrare tutte le proprie potenzialità”.

    Che squadra è stata costruita e quali sono le caratteristiche principali ricercate nei profili scelti per formare il nuovo roster?

    “Nella scelta dei ragazzi, valutiamo anche e soprattutto il profilo umano, prima di quello più strettamente tecnico. Le sensazioni che abbiamo avuto con i nuovi atleti nel corso dei colloqui intercorsi telefonicamente sono state positive, per cui c’è tanta curiosità nel conoscere tutti personalmente quanto prima”.

    Che stagione di attendi? Cresce il livello, con tante squadre che stanno costruendo organici di grande qualità.

    “La stagione sarà sicuramente impegnativa, perché tutte le squadre stanno costruendo organici forti e ben strutturati. Noi vogliamo competere con tutte le squadre del nostro girone, essere all’altezza dei sodalizi più forti, anche per ripagare gli importanti sforzi economici fatti dalla società in sede di mercato”. 

    Quali saranno le prime cose che dirai al primo allenamento? Quanto è importante creare il giusto amalgama per far gruppo ed ottenere risultati?

    “Manca ancora tanto alla ripresa dei lavori, per cui ci sarà tempo. Mi aspetto senz’altro una squadra che si approccerà al lavoro quotidiano con grande umiltà, per cercare di migliorarsi allenamento dopo allenamento. Poi sarà compito degli atleti più esperti, fungere da traino e modello per quelli più giovani, affinché si crei subito un gran bel gruppo”.

    (fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    De Gennaro e Bosetti: “Abbiamo dominato e giocato bene, questo ci da fiducia”

    Grande partita quella disputata da Danesi e compagne che hanno imposto ritmo e gioco senza concedere nulla alle nordamericane in quella che potrebbe rappresentare la sfida snodo dell’estate azzurra con la posizione nel world ranking sempre più blindata e la prospettiva sempre più concreta di disputare l’ultimo atto di Volleyball Nations League. A commentare la vittoria sul Canada, oltre al ct Velasco, anche Moki De Gennaro e Caterina Bosetti.

    Caterina Bosetti – “Era importantissimo fare punti sia per le finali che per la qualificazione a Parigi – ha dichiarato la schiacciatrice azzurra, Caterina Bosetti – ma in generale è importante vincere per trovare feeling in campo a livello di squadra. Abbiamo dominato e giocato bene e questo ci da fiducia per il proseguo di questa week. Da tutte le partite fin qui disputate dobbiamo prendere spunto per migliorare ciò che ancora non va. Occorre maggiore qualità quando la partita diventa più veloce ed imprevedibile ma in generale credo che siamo sulla strada giusta per trovare la migliore intesa per seguire il nostro cammino ed arrivare il più lontano possibile. La qualificazione a Parigi si avvicina ma dobbiamo restare con i piedi per terra ed approcciare bene anche alle partite seguenti, magari dopo la qualificazione, per affrontare le sfide di Bangkok e Parigi con la mentalità giusta”.

    Monica De Gennaro – “Ci stiamo avvicinando alla qualificazione olimpica grazie a questo gran match disputato contro il Canada – ha ammesso Monica De Gennaro – grazie ad una fase break davvero importante. Con il servizio le abbiamo messe in difficoltà trovando poi nel muro un prezioso alleato per mandarle fuori giri. Abbiamo bisogno di giocare per migliorare dal punto di vista dell’intesa che si migliora giocando partite come questa ma anche e soprattutto stando insieme e lavorando sodo. In questo momento, personalmente, mi sento in fase di rodaggio, ma sono certa che giocando ed allenandomi come stiamo facendo, mi sentirò sempre meglio. Siamo solo all’inizio di questa lunga estate, pretendo sempre molto da me, forse non sono ancora perfetta, ma sono certa che stando in campo tutto migliorerà anche dal punto di vista personale”.

    (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Andrea Lanci raccoglie l’eredità del padre Tommaso alla presidenza di Ortona

    Sarà Andrea Lanci, già direttore generale e figlio dell’indimenticabile Tommaso, venuto a mancare lo scorso 2 maggio, a prendere le redini della Sieco Service Impavida Ortona assumendone la carica di Presidente.

    “Raccolgo con onore la carica di mio Padre. Succedere a lui è per me motivo di orgoglio anche se sostituire un uomo così generoso, altruista e lungimirante non sarà di certo una passeggiata. Assumo questa importante carica anche e soprattutto per lui. Il mio papà era molto legato a questa società e so che non si sarebbe lasciato scoraggiare da quest’ultima stagione andata storta. Nonostante le difficoltà, nonostante lo sconforto abbiamo deciso di andare avanti e di farlo al meglio allestendo una squadra che sono certo potrà navigare nelle prime posizioni del girone al quale saremo assegnati” queste le prime parole da presidente di Andrea Lanci. 

    “Manca ancora un bel po’ prima che la stagione cominci, ma vorrei che ognuno, giocatori, staff, tifosi, dedicasse in cuor suo il prossimo campionato al ricordo di mio padre”.

    (fonte comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Parigi? Velasco ormai punta le finali di VNL: “Siamo una nazionale che sta crescendo”

    Inizia con il piede giusto la week 3 di Volleyball Nations League delle azzurre. Al West Japan General Exhibition di Fukuoka, l’Italia ha battuto il Canada con un secco 3-0 (25-16; 25-15; 25-14) avvicinando considerevolmente i traguardi della qualificazione olimpica (+ 6,18 p) e delle Finals di VNL.

    “Siamo una nazionale che sta crescendo – ha esordito Velasco – oggi siamo stati aiutati dagli errori del Canada ma le ragazze hanno giocato bene non abbassando mai il ritmo della partita soprattutto dopo il 2-0. Si potevano correre dei rischi ed invece la squadra ha risposto bene dimostrandosi in crescita. Abbiamo guadagnato poco più di 6 punti mentre il Canada ne ha persi 6 e questo, a meno di cataclismi, significa che siamo vicini alla qualificazione ai Giochi Olimpici di Parigi“.

    “Adesso oltre a crescere partita dopo partita, dobbiamo iniziare a pensare alle finali di VNL, manca ancora la matematica, ma siamo praticamente dentro e quindi dobbiamo continuare a lavorare sodo. Dal punto di vista tecnico, continueremo a lavorare sulla ricezione perché anche oggi con le braccia a volte arrivavamo in maniera sbagliata sotto il pallone. Non sempre c’è una spiegazione a questo ma dobbiamo perseguire la continuità così come in contrattacco dobbiamo essere pignoli”.

    “D’altra parte però quando una partita si mette così in discesa è fisiologico rilassarsi leggermente ma guardando ai numeri non abbiamo concesso più di 16 punti a set alle nostre avversarie e pertanto possiamo essere soddisfatti. Poi esiste il rapporto con l’avversario che può fungere da variabile nel giudizio complessivo sul nostro gioco. Nelle finali di VNL e poi alle Olimpiadi ci misureremo con le migliori e allora potremo essere più precisi nei giudizi su quanto prodotto”.

    “Sono felice dell’apporto della panchina che nell’economia della partita è sempre fondamentale. Tutte sono pronte, tutte conoscono il loro ruolo nella squadra e tutte entrano in campo con grande applicazione”.

    (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Enrico Basso è un nuovo centrale di Belluno

    Dopo aver annunciato l’ingaggio del libero Nicolò Bassanello, il Belluno Volley si assicura le prestazioni di un centrale di qualità come Enrico Basso: originario di Padova, 24 anni da compiere il prossimo 1 agosto, è reduce da due stagioni di alto profilo a Pineto.

    Con la maglia dell’Abba, infatti, Basso è riuscito ad alzare due trofei sul palcoscenico di A3: la Coppa Italia e la Supercoppa, mentre l’ultimo campionato lo ha vissuto e interpretato in A2.

    Anche nella seconda serie, ha messo in mostra le sue qualità a muro (forte anche dei 197 centimetri) e in attacco. Il centrale è nato pallavolisticamente al Volley Treviso: per due campionati ha i difeso i colori di Motta, con cui è riuscito a ottenere una promozione in A2, mentre tre anni fa era a San Donà di Piave. 

    Enrico Basso e Nicolò Bassanello verranno presentati ufficialmente in conferenza stampa: l’appuntamento è in calendario mercoledì 12 giugno, ore 17.30, negli uffici della Da Rold Srl (in via Vittorio Veneto, 223, a Belluno).

    (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Christoph Marks torna a Fano: “Sono contentissimo, mi sono sempre sentito a casa”

    Ritorno con il botto in casa Virtus Fano. Dopo aver deliziato il pubblico fanese nella stagione 2022-23 e aver dato nella scorsa una grossa mano a Reggio Emilia in A2 (quasi 20 punti a partita) Christoph “Bibop” Marks is back.

    L’opposto tedesco, dotato di grande tecnica e potenza, sarà uno dei punti di riferimento in attacco ed il suo entusiasmo è palpabile: “A Fano mi sono sempre sentito a casa – esordisce “Bibop” – è stato strano quest’anno non esserci, ecco perché sono contentissimo e arrivo molto carico”.

    Di Fano Marks ha sempre apprezzato tutto: “Città, tifosi, società – afferma Marks – e tutto quello che ruota attorno. Grande professionalità dello staff che, in questa stagione, crescerà ancora vista la presenza di Mastrangelo e di giocatori di assoluto livello”.

    Tutti hanno ancora davanti gli occhi lucidi di due anni fa dell’opposto tedesco al termine di una stagione regolare esaltante che ha invece lasciato un po’ di amaro in bocca nei play off.

    Ora però Marks si ritrova Fano in A2, pronto a giocare una stagione scoppiettante ed emozionante: “Ormai so come funziona Fano – continua il tedesco – conosco il palazzetto e i tifosi. Spero che tutti siano contenti del mio ritorno, sono pronto a dare il massimo”. Poi su se stesso dice: “Mi sento più forte di due anni fa – conclude l’ex Ortona e Reggio Emilia – e non vedo l’ora di farmi vedere dai tifosi che spero ci seguiranno in tanti com’è successo negli ultimi due anni”.

    Con l’arrivo di Coscione si completa così una diagonale da brividi: Coscione-Marks in A2 non sono secondi a nessuno e la loro intesa sarà fondamentale per le sorti della Smartsystem Fano.

    (fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO