consigliato per te

  • in

    Fondriest verso l’esordio: “Brescia è una squadra molto valida”

    Di Redazione
    Si avvicina sempre di più la “prima” ufficiale della Delta Informatica Trentino in Serie A1.
    L’avversaria, domenica alle ore 18 al Sanbàpolis, sarà il Millenium Brescia, formazione ormai alla terza stagione in Serie A1 e squadra formata da giocatrici che vantano già parecchie esperienze nelle massima serie, su tutte Nicoletti e Bechis. Per la seconda volta nella sua carriera calpesterà un taraflex di A1 la capitana e bandiera della Delta Despar Trentino Silvia Fondriest.
    «Il mio primo anno di A1 a Busto Arsizio lo ricordo molto bene, perché di fatto era un sogno che si avverava: chiunque da piccola, facendo i primi palleggi, sogna come punto d’arrivo la Serie A1 e così è stato anche per me. Questa volta sarà qualcosa di altrettanto emozionante e speciale perché questa è la mia società, la sento parte di me – spiega Silvia – Sarà stimolante mettermi alla prova contro il top della pallavolo mondiale: più l’asticella si alza e più ci sarà da lavorare per colmare il divario ed è proprio questo ciò che stiamo facendo in palestra in queste settimane per arrivare pronte all’esordio e per poter essere protagoniste in questo campionato».
    Domenica al Sanbàpolis andrà in scena uno scontro molto importante in ottica salvezza. «Sarà un inizio con il botto, perché punti come quelli messi in palio domenica rischiano di rivelarsi davvero preziosi: noi, però, a questo non dobbiamo pensare ma dobbiamo semplicemente scendere in campo e tornare finalmente, dopo sei mesi, a fare ciò che più ci piace. Non vediamo l’ora di giocare, è da due mesi che attendiamo questo momento e siamo davvero cariche e vogliose di partire. Brescia è una squadra molto valida composta da atlete con già un buon curriculum in A1».
    Conclude la Fondriest con un messaggio ai tifosi che finalmente potranno, seppur in numero ridotto e con un protocollo molto rigoroso da rispettare, tornare a seguire le gare dagli spalti di Sanbàpolis. «Una cosa posso prometterla ai nostri tifosi: noi ce la metteremo sempre tutta. Sono molto felice di poterli rivedere al Sanbàpolis, per poter far bene abbiamo senza dubbio bisogno del loro supporto e del loro calore».
    A proposito di tifosi: la vendita libera dei biglietti per il match di domenica tra Trento e Brescia proseguirà fino a venerdì. I tifosi dovranno recarsi presso la sede di Viale Verona 110/1 con orario 10-12 e 16-18.
    IL NUOVO SITO INTERNET
    Un sito internet da Serie A1. In vista della prima partecipazione al massimo campionato italiano, Trentino Rosa si è rifatta il look e dalla giornata di ieri ha messo online il suo nuovo sito internet. Una sorta di biglietto da visita della società, uno strumento innovativo e rinnovato nella grafica e nei contenuti, che accompagnerà gli addetti ai lavori, i tifosi e tutti gli appassionati alla scoperta dell’universo Delta Despar Trentino. Vi aspettiamo su www.trentinorosa.it dove sarà anche possibile iscriversi alla newsletter settimanale per non perdere nessun aggiornamento.
    (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Delta Trentino, capitan Fondriest: “Affiatamento e testa parole chiave”

    Di Redazione
    Doppio esordio stagionale importante per la Delta Despar Trentino: il primo dopo sei mesi di stop, ma soprattutto il primo nella massima serie. Coach Bertini e le sue ragazze si stanno preparando duramente per affrontare la prima sfida, che ha già il sapore di scontro salvezza, contro Brescia.
    “Affiatamento e testa saranno due aspetti fondamentali nell’avventura che ci apprestiamo a vivere” afferma capitan Fondriest nell’intervista di Trentino:
    “Mi spiego: lo scorso anno vincere era quasi obbligatorio ed era diventata un’abitudine, mentre nella prossima stagione siamo consapevoli che dovremo fare i conti anche con risultati negativi, magari consecutivi. Sin dal primo giorno d’allenamento abbiamo alzato l’asticella perché, anche prima dell’ufficialità, noi credevamo fortemente nella possibilità di giocare in serie A1:andare “oltre” non significa solamente giocare meglio, ma anche avere un approccio mentale diverso dal passato”.
    Da quello che dice sembra già che l’alchimia sia buona.“Assolutamente sì. Il principio è semplice: la serie A1 è un’opportunità, una straordinaria vetrina per tutte noi e dobbiamo sfruttarla nel migliore dei modi. Siamo le ultime arrivate, non abbiamo nulla da perdere e dovremo scendere in campo con l’obiettivo di raccogliere il massimo da ogni singola partita. Non sarà facile, ma lo spirito dovrà essere quello di giocare ogni pallone con l’intensità, la cattiveria e la concentrazione dell’ultima palla nella finale delle Olimpiadi”.
    Qualche settimana fa coach Bertini ha detto che punterà moltissimo sulla fase di “muro ­ difesa”. Da centrale le toccherà un super lavoro.“Ah senza dubbio ­e, infatti, stiamo lavorando tantissimo anche su questo aspetto. La Delta Despar dovrà essere la classicasquadra “rognosa” che resta sempre “attaccata” alla partita e poi prova a piazzare il colpo finale. Le qualità tecniche e caratteriali non ci mancano e io sono fiduciosa”.
    L’esordio sarà in casa contro Brescia, un diretta rivale nella corsa salvezza. Ci sono due scuole di pensiero a riguardo: meglio affrontare subito un’avversaria alla portata e, magari, non essere pronte o sarebbe stato preferibile giocare contro una big, prendere confidenza con la categoria e, magari, trovare le concorrenti dirette più avanti?“Mah, ognuno la vede a modo proprio. Detto che prima o poi bisognerà affrontare tutte le squadre, dico che noi potremo essere favorite perché, alzatrice a parte, ci conosciamo alla perfezione e abbiamo già all’attivo tante gare assieme.Non so, ve lo dico il 20 settembre: quello che posso garantire è che, sin dalla prima partita, metteremo sul parquet il centodieci per cento”. LEGGI TUTTO

  • in

    Silvia Fondriest e il salto in A1: “Possibilità più unica che rara. Vogliamo giocarcela”

    (foto Alessio Marchi – Trentino Rosa)

    Di Redazione
    Fino all’ultimo la Delta Despar Trentino ha aspettato di conoscere il proprio destino, se continuare in A2 o essere ammessa nella massima serie. Alla fine è arrivato il verdetto: è A1 Femminile. Le formazione trentina è stata “catapultata” nell’Olimpo del volley insieme alle squadre più forti ma questo di sicuro non spaventa staff e giocatrici, come la stessa capitana, Silvia Fondriest ha dichiarato nell’intervista rilasciata al Corriere del Trentino. Un’occasione “più unica che rara da giocarsela fino in fondo”.
    Silvia Fondriest, capitano di Trentino Rosa, come state a un mese dall’esordio in A1? “Stiamo già ritrovando i meccanismi collaudati dell’anno scorso. L’innesto di una nuova palleggiatrice ha portato qualche differenza, stiamo lavorando per creare la giusta affinità ma il ritmo di gioco è già a buon livello. Inoltre coach Bertelli è capace di rendere divertente anche la fase di preparazione“.
    È soddisfatta del nuovo gruppo? “Si stanno creando dinamiche di collettivo positive sia dentro che fuori dal campo. Trascorriamo anche molto tempo libero insieme e questo ci aiuta. Tra ragazze confermate e nuove arrivate c’è un bel connubio di gioventù e pazzia che, sotto la guida del tecnico, potrà affrontare nel modo giusto un campionato diverso”.
    Come valuta il calendario che vi aspetta? “Iniziamo col botto contro Brescia, un’avversaria diretta a cui sappiamo di dover strappare punti importanti. Non avevo preferenze, dovremo andare sempre in campo con l’idea di giocarcela. Aver confermato gran parte della squadra rispetto all’anno scorso ci deve dare un vantaggio per partire forte“.
    Quali sono le sue sensazioni in vista della prossima stagione? “All’inizio avevo qualche preoccupazione per le tempistiche con cui è arrivata la notizia, quasi all’ultimo minuto. Siamo una squadra che viene dalla A2 e dovremo imparare anche a gestire qualche sconfitta in più ma adesso abbiamo solo voglia di godercela. Sentiamo di esserci meritate questa grande occasione che potremo vivere al massimo in un ambiente propositivo. Tutte noi abbiamo le potenzialità per stare in questa categoria ma sappiamo anche di avere una possibilità più unica che rara“. LEGGI TUTTO

  • in

    Fondriest e Furlan al centro del progetto Delta Informatica Trentino

    (foto Alessio Marchi – Trentino Rosa)

    Di Redazione
    Due conferme eccellenti al centro della rete trentina. Per il terzo anno consecutivo Silvia Fondriest ed Eleonora Furlan vestiranno la maglia della Delta Informatica Trentino, formando una coppia di centrali di grande qualità ed affidabilità in un reparto completato dalla neo arrivata Valeria Pizzolato. Due pedine fondamentali nello scacchiere di coach Bertini, considerate dagli addetti ai lavori tra le migliori interpreti del ruolo dell’intera categoria.
    Per capitan Silvia Fondriest quella che scatterà tra pochi giorni sarà l’ottava stagione in maglia Delta Informatica Trentino, la quinta consecutiva. La scorsa stagione la centrale roveretana ha inoltre ha avuto l’onore di sollevare al cielo il primo trofeo societario conquistato della società di patron Postal in Serie A, la Coppa Italia di A2, nella splendida cornice di un Pala Yamamay gremito da oltre 6000 tifosi.
    «Sono ovviamente molto contenta di proseguire la mia avventura con la maglia della Delta Informatica – commenta la Fondriest –; con la società c’è ormai un legame molto stretto che ci unisce da numerose stagioni ed è gratificante vedere anno dopo anno i continui miglioramenti in termini di organizzazione e di risultati. Uno dei motivi per i quali ho scelto di rimanere a Trento è senza dubbio il fatto di voler continuare a lavorare con gran parte del bellissimo gruppo dello scorso anno, anche per portare avanti il progetto e le idee di coach Bertini con il quale mi sono trovata davvero molto bene».
    Nonostante non siano mancate proposte da società blasonate ha sposato per il terzo anno di fila la causa Trentino Rosa anche la centrale Eleonora Furlan, da due anni top scorer di squadra nel fondamentale del muro e tra le migliori “muratrici” dell’intera categoria, come confermano i numeri: 84 muri in 24 partite nella scorsa stagione con 3,5 muri di media a partita per un totale di 215 punti totali tra tutti i fondamentali.
    (foto Alessio Marchi – Trentino Rosa)
    «Senza alcun dubbio sono felice di rimanere a Trento e difendere per il terzo anno consecutivo i colori di questa società – commenta la Furlan – La società ha dimostrato sempre più di essere credibile e professionale e mi sono sempre trovata a mio agio con le compagne e lo staff tecnico e societario. Il fatto che la società abbia deciso di confermare gran parte del gruppo della scorsa stagione e l’amaro in bocca per l’epilogo finale con la mancata promozione mi ha dato una spinta importante per proseguire la mia esperienza trentina. Non mi pongo aspettative ma vorrei tanto replicare quanto è stato fatto nella scorsa annata, perché la reputo una delle mie stagioni migliori di sempre. L’augurio è quello di toglierci molte soddisfazioni».
    (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO