consigliato per te

  • in

    Lesione muscolare all’inguine per Jean Patry

    Di Redazione
    L’atleta francese Jean Patry é stato sottoposto ad accertamenti clinici-strumentali che hanno evidenziato una lesione dell’ileopsoas all’inguine destro. Le condizioni del giocatore verranno valutate di settimana in settimana.
    (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Jean Patry guarda avanti: “Dopo il girone d’andata capiremo ciò che possiamo fare”

    Di Redazione
    Antivigilia della decima giornata di campionato per l’Allianz Milano, che domenica pomeriggio alle 16 sarà di scena sul difficile campo della BLM Group Arena. Avversario di turno sarà l’Itas Trentino per un match dall’alto coefficiente di difficoltà anche in virtù della presenza, tra le fila trentine, dell’ex di turno Nimir Abdel-Aziz.
    A raccogliere la pesante eredità dell’opposto olandese è stato il giovane francese Jean Patry, al suo secondo anno in Italia dopo l’esperienza con la maglia di Cisterna di Latina. Il numero 9 dell’Allianz, che lo scorso anno è risultato essere uno dei tre bomber del campionato, nelle prime giornate ha messo a segno 128 punti (con una media di 4 punti per set) ed è pronto a raccogliere la sfida con Trento insieme ai suoi compagni.
    “La forza di questo gruppo è la squadra stessa – sottolinea il francese classe 1996 –. Siamo una squadra che non si arrende mai, siamo stati capaci di recuperare set importanti quando eravamo sotto nel punteggio, siamo riusciti a rientrare in partita quando non giocavamo bene e questo lo fai solo se giochi da squadra. È soprattutto sul gruppo che possiamo contare, su questo spirito“. 
    Parole chiare che testimoniano come l’opposto francese si sia perfettamente calato nella mentalità di Milano e che abbia fin da subito compreso quale fosse il punto di forza dell’Allianz Milano: “Mi sono integrato perfettamente nella squadra, andiamo molto d’accordo e procediamo tutti nella stessa direzione: è davvero bello allenarsi ogni giorno all’interno di questo gruppo. E quando parlo di collettivo, integro anche lo staff che facilita davvero questa atmosfera. Piazza è un tecnico che mette sempre molta energia nell’allenamento, gli piace che i giocatori siano felici di venire ad allenarsi“.
    Non manca poi un pizzico di autocritica: “Non ho giocato la mia miglior partita con Padova, ma sono abbastanza contento, sto lavorando bene in allenamento con il coach. Con Sbertoli stiamo cercando la giusta intesa, credo che ancora non abbiamo giocato la nostra miglior partita insieme, ma sono molto fiducioso. Nel complesso sono soddisfatto delle mie prestazioni, non è stato facile, perché è un passo importante trasferirsi da una squadra che giocava per salvarsi ad una che lotta per le prime posizioni in classifica. A Latina l’anno scorso ero il capocannoniere della squadra, quello che aveva più palle da attaccare; ora è un po’ diverso, il gioco è un po’ più distribuito tra tutti i giocatori. Devo abituarmi, ma sono sereno“.
    Il prossimo obiettivo in agenda per Milano e per Jean Patry però ora corrisponde al nome di Trento, con Milano che vuole confermarsi come protagonista di questo primo scorcio di stagione: “Le carte sono state ridistribuite un po’ dal Covid-19, che ha colpito finanziariamente alcuni club. Noi però dobbiamo rimanere concentrati sul nostro gioco, vedremo più avanti cosa succederà, visto che abbiamo ancora delle partite importanti da giocare contro tre grandi squadre: in primi Trento, che ha avuto una falsa partenza ma sta risalendo in classifica, poi Piacenza, che si trova un po’ nella medesima situazione, e Perugia. Penso che prima di fare un bilancio di quello che possiamo fare o essere dobbiamo prima finire il girone di andata“.
    Quali dunque gli obiettivi di Patry e della sua Powervolley? L’opposto transalpino non ha dubbi: “Sono sempre gli stessi, ovvero vincere il più possibile. Ci siamo qualificati per i quarti di finale di Coppa Italia ad inizio stagione, che era un obiettivo importante, mentre in campionato il nostro primo obiettivo è quello di qualificarci per i playoff e poi di arrivare il più lontano possibile. Sono sicuro che possiamo fare grandi cose in questa stagione. Per il momento, stiamo cercando di imparare da ogni gara, correggere gli errori e andare avanti insieme“.
    (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    I numeri di Superlega: Jean Patry è il bomber della quarta giornata

    Di Redazione
    La Lega Pallavolo Serie A ha pubblicato, come di consueto, numeri e statistiche relativi alla quarta giornata di campionato disputata domenica 11 ottobre. Il miglior realizzatore è Jean Patry dell’Allianz Milano con 23 punti. Ecco tutti i dati nel dettaglio:
    LA GARA PIÙ LUNGA: 02.04Kioene Padova – Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia (1-3)
    LA GARA PIÙ BREVE: 01.18Gas Sales Bluenergy Piacenza – Itas Trentino (0-3)
    IL SET PIÙ LUNGO: 00.341°Set (24-26) Leo Shoes Modena – Allianz Milano
    IL SET PIÙ BREVE: 00.232° (13-25) Gas Sales Bluenergy Piacenza – Itas Trentino
    I TOP DI SQUADRA
    ATTACCO: 67,7%Itas Trentino
    RICEZIONE: perfetta 38,8%Top Volley Cisterna
    MURI VINCENTI: 11Kioene Padova
    PUNTI: 73Leo Shoes Modena
    BATTUTE VINCENTI: 7Allianz MilanoItas TrentinoNBV VeronaTonno Callipo Calabria Vibo ValentiaI TOP INDIVIDUALI
    PUNTI: 23Jean Patry (Allianz Milano)
    ATTACCHI PUNTO: 18Jean Patry (Allianz Milano)Nemanja Petric (Leo Shoes Modena)Toncek Stern (Kioene Padova)Yuki Ishikawa (Allianz Milano)
    SERVIZI VINCENTI: 5Robertlandy Simon (Cucine Lube Civitanova)
    MURI VINCENTI: 5Marco Vitelli (Kioene Padova)
    I MIGLIORIYuki Ishikawa (Leo Shoes Modena – Allianz Milano)Paolo Zonca (Consar Ravenna – Top Volley Cisterna)Davide Saitta (Kioene Padova – Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia)Wilfredo Leon (NBV Verona – Sir Safety Conad Perugia)Robertlandy Simon (Vero Volley Monza – Cucine Lube Civitanova)Nimir Abdel-Aziz (Gas Sales Bluenergy Piacenza – Itas Trentino)
    (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Patry: “La partita di domenica contro Cisterna per me sarà speciale”

    Di Redazione
    Tempo di Superlega per l’Allianz Powervolley Milano: la formazione di coach Piazza è pronta all’esordio in campionato previsto per domani (h 18.00) all’Allianz Cloud contro la Top Volley Cisterna. Dopo aver iniziato la stagione in Coppa Italia, ora il club milanese si proietterà sul nuovo cammino in Serie A che inizierà dall’impianto di piazza Stuparich che, per l’occasione e secondo l’Ordinanza della Regione Lombarda, potrà accogliere 700 spettatori.
    Il 76° campionato nazionale di pallavolo maschile per l’Allianz Powervolley riparte così da Milano e dall’Allianz Cloud: era dal 2014-2015 che la società del presidente Lucio Fusaro non inaugurava l’inizio del campionato tra le mura amiche. Negli ultimi 5 anni, infatti, Powervolley ha sempre iniziato il proprio cammino in Superlega in trasferta, con un bilancio di 2 vittorie e 3 sconfitte. Se nelle stagioni 2015-16 e 16-17 Milano era una squadra ancora in costruzione e priva ancora di una vera identità, il vero exploit è arrivato nel 2017-18 quando Piano e compagni espugnarono Trento, vincendo al tie break contro i padroni di casa della Diatec. Meno felice, invece, è stata la prima apparizione nel 2018-19, quando Milano subì una pesante sconfitta contro Ravenna, mentre nettamente diverso è stato l’esordio nella passata stagione quando, nella prima di Piazza in panchina, l’Allianz Powervolley si impose con un perentorio 3-0 nel derby lombardo con Monza. Ora è tempo di proiettarsi al presente ed il primo ostacolo sul nuovo cammino è rappresentato dalla Top Volley Cisterna: è infatti la formazione pontina il primo avversario che si troveranno di fronte gli uomini di coach Piazza che, sulle ali dell’entusiasmo della qualificazione ai quarti di Coppa Italia e della riapertura dell’Allianz Cloud a 700 persone, cercheranno di portare a casa il bottino pieno al termine della contesa.
    Sarà una partita speciale sotto tanti punti di vista, sia perché è la prima gara del campionato, sia perché è la prima gara per Milano in cui potrà riabbracciare il proprio pubblico, sia perché nella metà campo Powervolley c’è un ex del calibro di Jean Patry. L’opposto francese, volto nuovo nelle fila meneghine, ha rivelato il suo enorme talento proprio lo scorso anno con la maglia di Cisterna, risultando uno dei migliori bomber del campionato: un talento sul quale Milano ha scelto di investire, affidando all’atleta di Montpellier il ruolo di attaccante principe della squadra. Sarà subito un banco di prova arduo per Patry ed i suoi compagni perché la nuova Cisterna è una formazione diversa da quella della scorsa stagione: la rivoluzione compiuta nel volley mercato ha portato in dote ai pontini giocatori del calibro internazionale come il francese Tillie e il bulgaro Seganov, oltre ad atleti interessanti ma anche esperti come Sabbi, Randazzo e Cavuto.
    Ed è proprio l’opposto francese Jean Patry ad analizzare e presentare, alla vigilia del match, la sfida contro la Top Volley Cisterna: «La partita di domenica contro Cisterna per me sarà speciale, però devo scendere in campo preparandomi a disputare una gara normale come tutte le altre. Vogliamo iniziare bene la stagione in Campionato come abbiamo fatto bene nei primi due match di Coppa. Qui a Milano l’ambiente è fantastico, abbiamo davvero un bel gruppo e lavoriamo moto bene sia fuori sia dentro il campo».
    STATISTICHEIl match Allianz Powervolley Milano – Top Volley Cisterna sarà il confronto numero 19 tra le due società. 6 successi per Milano, 12 per Cisterna.
    EXYuki Ishikawa a Cisterna nel biennio 2016-2017, Jean Patry a Cisterna nel 2019/20, Daniele Sottile a Milano nel 2015/16.
    DIRETTA TVIl match Allianz Powervolley Milano – Top Volley Cisterna sarà visibile in diretta streaming su Eleven Sports a partire dalle ore 18.00.
    PROBABILI FORMAZIONIAllianz Powervolley Milano: Sbertoli – Patry, Kozamernik – Piano, Ishikawa – Maar, Pesaresi (L). All. Piazza.
    Top Volley Cisterna: Sottile – Onwuelo, Szwarc – Krick, Tillie – Randazzo, Cavaccini (L). All. Tubertini.
    Arbitri: Florian – Puecher. Terzo arbitro: Manzoni.
    Impianto: Allianz Cloud di Milano.
    (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Jean Patry è già di casa a Milano: “Contento del percorso che stiamo facendo”

    Di Redazione
    Analisi lucida e concreta al termine di un match combattuto ma anche meritatamente conquistato: è Jean Patry a commentare l’esito dell’incontro che ha visto l’Allianz Milano imporsi per 3-1 su Vibo Valentia nella seconda giornata del girone A degli ottavi di finale di Coppa Italia. I tre punti conquistati da Milano, che si sommano agli altri 3 ottenuti contro Verona, lanciano Piano e compagni in testa alla classifica, consentendo loro di ottenere matematicamente anche la qualificazione ai quarti in seguito alla sconfitta di Verona contro Monza per 2-3.
    Il passaggio del turno si è reso possibile grazie a due prove robuste della formazione di coach Piazza, che prima contro i veneti e poi contro i calabresi ha messo in campo tutta la sua voglia ed il suo desiderio di essere una nuova protagonista della stagione. La vittoria in terra calabrese ha tuttavia un valore più importante, nonostante Milano si sia trovata di fronte alle prime difficoltà durante il match. Difficoltà logiche se si considera che si è all’inizio della stagione, che per molti mesi gli atleti sono stati fermi causa Covid-19 e che è normale che durante una partita il pallino del gioco non possa sempre essere nelle mani di una sola squadra.

    Milano ha dominato il primo parziale al pari del terzo, andando in difficoltà nel secondo e lottando nel quarto. Difficoltà superate con brillantezza fino al raggiungimento dell’obiettivo: dinamiche di gioco che temprano giorno dopo giorno una squadra che sta cercando di affinare sempre più i suoi meccanismi. “Sapevamo che era difficile giocare a Vibo – analizza l’opposto francese – soprattutto perché tra il viaggio ed il giorno di attesa dei tamponi poteva essere complicato. Abbiamo iniziato molto bene il match, anche se nel secondo set abbiamo un po’ dormito e commesso troppi errori. Vibo è un avversario duro, ma alla fine abbiamo ritrovato la nostra serenità e sono molto contento della vittoria perché era molto importante“.
    Patry è uno dei volti nuovi dell’Allianz Powervolley e, allenamento dopo allenamento, sta affinando l’intesa con Riccardo Sbertoli e amalgamandosi al meglio negli schemi di coach Piazza: è suo il turno in battuta che ha spaccato il terzo set, lanciando Milano dal 12-10 al 12-21. Il successo finale di Milano consegna alla società del presidente Fusaro il primo obiettivo stagionale: la qualificazione ai quarti della coppa nazionale. “Qualificarsi è una grande soddisfazione – conclude Patry –, ora mercoledì avremo una nuova sfida. Noi dobbiamo continuare a lavorare. Siamo solo alla seconda partita che giochiamo insieme come team, ma siamo soddisfatti del percorso che stiamo facendo. Iniziare la stagione con due vittorie è importante, sono contento per la squadra“.
    Squadra che tornerà in campo mercoledì 23 al Centro Pavesi FIPAV (h 18.00) dove arriverà per il derby lombardo di coppa Monza che, avendo sconfitto Verona al tie break e toccato quota 5 punti, è qualificata al pari di Milano per il turno successivo.
    (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Finisce in parità l’allenamento congiunto tra Milano e Ravenna

    Di Redazione
    Va in archivio il secondo test match non ufficiale della settimana per l’Allianz Powervolley Milano. La formazione di coach Piazza, nell’allenamento, ha ospitato la Consar Ravenna di Marco Bonitta. Il confronto è terminato in parità 2-2 con i parziali 25-18, 25-23, 22-25, 28-30.
    Prestazione complessivamente convincente del team meneghino con il tecnico Piazza che ha schierato in partenza Sbertoli-Patry, Kozamernik-Piano, Ishikawa-Maar e Pesaresi libero, mentre Ravenna ha risposto con Batak-Pianli, Grozdanov-Mengozzi, Zonca-Recine e Kovacic libero. Ancora una volta una buona opportunità per testate la condizione fisica e mentale della squadra in vista della nuova stagione: il test ha infatti consegnato buone indicazioni sull’importanza del fondamentale del muro (16 punti complessivi) e sulla fase offensiva con Patry (24 punti ed il 51%) e Maar (58% con 9 punti). In miglioramento il gioco al centro con il capitano Piano che sta riprendendo sempre più il ritmo gara: per lui ben 14 punti con 7 muri.
    Quattro in totale i set disputati con il primo chiuso da Milano in maniera agevole per 25-18, mentre la seconda frazione ha visto Ravenna condurre per larghi tratti fino al 21-22, quando Milano ha effettuato il sorpasso e chiuso il parziale con la sette di Piano su assist di Ishikawa (25-23). Il terzo game è stato vinto da Ravenna (22-25), mentre l’ultimo parziale, che chiude il confronto in parità, se lo aggiudica la formazione romagnola per 28-30.
    A commentare il match sono le parole di Riccardo Sbertoli, regista dell’Allianz Powervolley Milano: «Stiamo cercando di sfruttare al meglio queste sessioni di allenamento quando manca una settimana circa all’inizio della stagione. Riusciamo a stare bene in campo, ma dobbiamo essere più precisi in alcune situazioni di ricezione e di sistema di gioco. Abbiamo ancora una settimana però per limare questi dettagli».
    TABELLINO
    ALLIANZ POWERVOLLEY MILANO – CONSAR RAVENNA: 2-2 (25-18, 25-23, 22-25, 28-30)
    Allianz Powervolley Milano: Basic 3, Kozamernik 5, Daldello 2, Sbertoli 2, Maar 9, Patry 24, Meschiari 3, Piano 14, Mosca 8, Ishikawa 3, Pesaresi (L). All. Roberto Piazza.
    Consar Ravenna: Mengozzi 2, Giuliani 0, Redwitz 0, Arasomwan 6, Recine 14, Zonca 8, Grozdanov 13, Batak 1, Kovacic (L), Pinali 18, Pirazzoli (L). N.e.: Loeppky, Koppers. All. Marco Bonitta.
    NOTE
    Durata set: 19’, 27’, 23’, 29’. Durata totale: 1h e 38’.
    Allianz Powervolley Milano: battute vincenti 7, battute sbagliate 23, muri 16, attacco 47%, 50% (2% perfette) in ricezione.
    Consar Ravenna: battute vincenti 2, battute sbagliate 18, muri 6, attacco 44%, 48% (26% perfette) in ricezione.
    (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Jean Patry si racconta: “Ho scelto Milano per il progetto”

    Di Redazione
    È il volto nuovo dell’Allianz Powervolley Milano: il francese Jean Patry da Montpellier, classe 1996, è pronto a prendersi sulle spalle la sua nuova squadra. È stata una delle sorprese della scorsa stagione con Cisterna, mentre ora non vede l’ora di indossare la maglia di Milano. Primi giorni di ritiro per il nuovo numero 9 meneghino, chiamato a raccogliere un’eredità importante nel ruolo di posto 2, ma che dimostra fin da subito la determinazione che appartiene solo ai grandi giocatori.
    “Avevo molte offerte, sia in Italia sia all’estero, ma la proposta di Milano era per me la migliore in termini di progetto – racconta sul sito della Federazione francese –. Stavo cercando una sfida che mi permettesse di fare un piccolo passo in avanti in Superlega rispetto a Cisterna. Sarei anche potuto rimanere, perché la società ha fatto una grande squadra per la stagione 2020-2021, ma ho preferito optare per Milano, che è uno dei migliori club in Italia e negli ultimi anni ha sempre avuto un ruolo di vertice in campionato. Nella scorsa stagione hanno chiuso al quinto posto, da tre anni sono sempre nei playoff. È un club che mi interessava molto già da quando sono arrivato in Italia, con un ottimo allenatore ed una squadra ricca di affiatamento. Da fuori l’atmosfera di lavoro sembra molto bella».
    Impressioni confermate fin dai primi giorni di ritiro che la squadra sta svolgendo a Cuneo, prima occasione per Patry di entrare a contatto con i suoi nuovi compagni. Patry ha scelto Milano e Milano ha scelto Patry, giocatore che nella sua prima stagione in Italia ha dato dimostrazione del suo ampio bagaglio tecnico: “Personalmente sono piuttosto soddisfatto di ciò che ho fatto durante la scorsa stagione – prosegue il talento di Montpellier –. Sono stato sempre costante, ho chiuso terzo nella classifica marcatori dietro a Nimir e Boyer e per me questo era un piccolo obiettivo da raggiungere. Penso di aver fatto bene, così come è andata bene durante le qualificazioni alle Olimpiadi di Tokyo“.
    “Una cosa è certa: nello sport ad alto livello devi sempre metterti in discussione – prosegue l’attaccante francese – non puoi mai adagiarti sugli allori e su ciò che è stato fatto, ma devi sempre pensare a ciò che viene dopo. C’è sempre la necessità di dimostrare in ogni partita che sei un giocatore di alto livello e che meriti quello status. Quindi non devo pensare di essere l’MVP delle qualificazioni olimpiche, ma la cosa più importante rimane sempre la prossima partita“.
    Sguardo al futuro, che ora ha i colori dell’Allianz Powervolley Milano. “Siamo una squadra molto giovane, questo sarà molto importante dal punto di vista dello spirito di gruppo e dalla coesione che si creerà. Il sestetto titolare per metà è rimasto lo stesso dello scorso anno, con Sbertoli, Piano, Kozamernik e Pesaresi, mentre i cambiamenti sono sui posti 4 con Maar e Ishikawa. Sono certo che il team abbia un grande potenziale, poi starà a noi dimostrare come andrà la stagione”.
    Team giovane ed ambizione, come Patry, pronto a tracciare la strada insieme ai suoi compagni: “L’obiettivo è essere una squadra di alto livello. Abbiamo un roster che ci consente di poter puntare in alto in classifica, ma questo è solo sulla carta. Vale per noi come per altre squadre. Faremo di tutto per portare in alto in classifica Milano e diminuire sempre più le distanze dalle prime quattro. È qualcosa in cui credo, uno dei motivi per cui ho sposato il progetto di Milano. Sarà anche necessario prestare attenzione però anche alle altre squadre, perché il coronavirus ha un po’ ridistribuito le carte nel campionato italiano: alcune squadre si sono rinforzate più del previsto, altre forse meno. Sarà una Superlega interessante, potrebbero esserci delle sorprese“.
    Dritto al punto, come è giusto che sia nelle corde di un opposto, anche quando parla di eredità e responsabilità: “So che prendere il posto di Nimir non sarà facile – conclude il francese –, ma per me questa sfida rappresenta un’opportunità. Se sono stato chiamato, è perché ho le qualità per far bene che Milano cercava. Sicuramente non sarò una copia di Nimir: cercherò di fare ciò che so fare e ciò per cui sono stato preso. Sono stato già rassicurato in questo dal presidente Fusaro, che mi ha detto che non si aspetta da me che faccia 40 punti a partita. Lo ringrazio, ma anche se mi ha rassicurato, io darò sempre il massimo in gara e se riuscirò a mettere a terra 40 punti, lo farò di certo“.
    (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO