consigliato per te

  • in

    Giocatrici positive al Covid a Olbia: chiesto il rinvio della gara con Brescia

    Di Redazione Si aggiunge il Volley Hermaea Olbia alla lunghissima lista delle squadre colpite dai contagi da Covid-19. La società isolana ha comunicato di aver riscontrato “alcuni casi di positività” nel gruppo squadra in seguito agli ultimi controlli effettuati con tampone antigenico; i soggetti positivi sono stati posti in isolamento. Olbia, che nel prossimo weekend non sarebbe comunque scesa in campo per il rinvio della gara con la Green Warriors Sassuolo (a sua volta vittima del Covid), ha chiesto alla Lega Pallavolo Serie A Femminile di rimandare anche la prossima gara interna, prevista per domenica 16 gennaio contro la Banca Valsabbina Millenium Brescia. (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Olbia espugna il PalaMoncada della Seap Dalli e trova il quarto sorriso consecutivo

    Di Redazione Non si ferma la corsa dell’Hermaea Olbia, che sbanca anche il PalaMoncada di Porto Empedocle e conquista il quarto successo consecutivo nel campionato di A2. Le aquile tavolarine hanno saputo piegare le resistenze di un’Aragona trascinata dai punti di Zech grazie a una prestazione di carattere e intensità. Ancora una volta coach Guadalupi ha avuto risposte positive da tutto il collettivo: Renieri ha saputo trascinare in attacco (27 punti), ma sono risultate decisive anche le difese di capitan Caforio, l’apporto sotto rete di Barbazeni e le iniziative in banda di Maruotti e Miilen. Menzione particolare anche per Gerosa, in campo con personalità al posto dell’infortunata Babatunde LA GARA – Guadalupi sceglie dunque Allasia in diagonale con Renieri, Barbazeni e Gerosa al centro, Miilen e Maruotti in banda e Caforio libero. Le padrone di casa di Aragona, anche loro alle prese con diversi forfait, rispondono con Casarotti al palleggio, Zonta opposto, Negri e Cometti centrali, Zech e Dzakovic in banda, Vittorio libero. Buona la partenza delle aquilotte, che con la diagonale di Miilen si portano subito sul 7-2. Il tecnico siciliano Micoli chiama il timeout, ma l’estone è in grande spolvero, e con un delizioso pallonetto allunga ancora. Sotto di 10 (13-3), Aragona corre ai ripari inserendo Caracuta in regia al posto di Casarotti e risale la china fino al -3 (19-16 con l’ace di Cometti, autrice di una straordinaria serie in battuta) minando le certezze delle hermeine, che rinforzano la ricezione con Formaggio al posto di Maruotti. La contesa si fa equilibrata, ma l’Hermaea recupera la necessaria lucidità per chiudere i conti: Renieri si prende la palla set e poi mette a terra l’ace del 25-20. Aragona, decisa a reagire, parte meglio nel secondo game, con la montenegrina Dzakovic che firma l’ace del 10-5. Guadalupi interviene per porre rimedio al primo, vero momento di difficoltà della sua formazione, ma Dzakovic è ancora un fattore e spinge le sue sul +8. Pian piano le olbiesi riprendono a macinare gioco e si rimettono in scia fino al -1 col servizio vincente di Renieri (19-18). L’opposto toscano firma pure la parità a 20 con un bell’attacco in diagonale. Il punto a punto finale premia però Aragona, che fa leva sul duo Dzakovic-Cometti per strappare la parità nel conto (25-23). In avvio di terzo set l’Hermaea si rianima e prova a scappare subito sul 7-3 con Miilen. Barbazeni si fa sentire sotto rete e le galluresi arrivano anche a doppiare le rivali. Aragona non riesce a mettere in discussione il predominio delle biancoblù, che al netto di un piccolo calo nel finale di set non hanno difficoltà a chiudere sul 25-18 con l’attacco di Maruotti da posto 4. Il quarto set inizia punto a punto, poi Aragona preme sull’acceleratore e va sul 10-6. Immediata la reazione delle aquile tavolarine, capaci di impattare a quota 11 e poi di sorpassare sfruttando una fiammata di Maruotti. La squadra di Micoli si tiene in linea di galleggiamento con Stival e Cometti, ma alla lunga deve alzare bandiera bianca: Barbazeni giganteggia a muro e Renieri firma il successo pieno con una gran parallela (25-19). L’Hermaea brinda dunque alla settima vittoria stagionale e sale in quarta posizione in classifica con 21 punti. “Siamo contentissimi per aver portato a casa l’intera posta in palio – commenta il tecnico biancoblù Dino Guadalupi – sembrava che la gara potesse scivolare via liscia nel primo set, poi con il ritorno di Caracuta Aragona ha cambiato marcia mettendoci in difficoltà dal punto di vista difensivo. Nel secondo siamo incappati in una serie di errori, avevamo rimesso in piedi la situazione ma poi gli episodi ci sono stati avversi e le avversarie hanno vinto meritatamente. Nel prosieguo siamo riusciti a riprendere il bandolo della matassa facendo valere i nostri punti di forza in questo momento. Ci prendiamo tre punti che valgono tantissimo per la nostra classifica, ora cercheremo di sfruttare la pausa per recuperare a livello fisico. La nostra squadra, come altre, è arrivata un po’ scarica al termine di un periodo denso di impegni”. Seap Dalli Cardillo Aragona-Hermaea Olbia 1-3 (20-25; 25-23; 18-25; 19-25) Aragona: Bisegna ne, Zech 14, Ruffa, Caracuta 2, Casarotti, Zonta 1, Cometti 9, Negri 10, Dzakovic 15, Stival 8, Vittorio L. Allenatore: Micoli Hermaea: Barbazeni 8, Allasia 3, Fezzi, Miilen 20, Renieri 27, Minarelli ne, Maruotti 14, Caforio L, Severin ne, Gerosa 6, Formaggio. Allenatore: Guadalupi Arbitri: Capolongo e Pasciari (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Olbia ad Agrigento contro Aragona per dimenticare la delusione in Coppa Italia

    Di Redazione Archiviata la parentesi Coppa Italia, sfumata dopo la sconfitta in tre set di Lignano Sabbiadoro contro Talmassons, l’Hermaea Olbia si tuffa nuovamente in clima campionato. Domenica pomeriggio, nel primo turno di ritorno del Girone A, le aquilotte saranno di scena al PalaMoncada di Porto Empedocle (Agrigento) per affrontare la matricola Aragona, sconfitta al tie break nel match d’andata. In settimana le galluresi hanno lavorato sodo per correggere gli errori che sono costati la sconfitta con la CDA, formazione comunque molto competitiva, come del resto testimonia il terzo posto nel Girone B: “Contro Talmassons non siamo riuscite ad esprimere al massimo né le nostre capacità, né il nostro gioco – evidenzia la palleggiatrice hermeina Veronica Allasia – loro sono una squadra molto forte che ha saputo metterci in difficoltà soprattutto nel fondamentale di muro-difesa. Noi, invece, venivamo da una settimana non troppo intensa a livello di allenamenti per poter recuperare a pieno dal punto di vista fisico”.  Ora le attenzioni sono rivolte ad Aragona, che dopo un inizio difficoltoso è riuscita ad assorbire l’impatto con la nuova categoria. Le siciliane arrivano dal turno di riposo, ma nell’ultima gara giocata hanno saputo cogliere il successo pieno contro Sant’Elia con 23 punti della montenegrina Dzakovic. Il sestetto di Micoli occupa la nona piazza con 8 punti e sta sgomitando per evitare la Poule Retrocessione: “Per vincere dovremo ritrovare la concentrazione che ci ha contraddistinto nel finale del girone di andata e sfruttare al meglio i nostri fondamentali più forti, come la battuta. Aragona è davvero una buona squadra: è sempre riuscita a mettere in difficoltà le squadre di alta classifica e in più giocherà in casa – conclude – per questo motivo non sarà semplice mantenere la stessa linea di gioco per tutta la durata della partita”.  (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Talmassons: al via gli ottavi di Ottavi Coppa Italia. Domenica arriva Olbia

    Di Redazione Volley Talmassons raggiunge un importante traguardo: per la prima volta nella storia la squadra del Presidente Cattelan ha raggiunto l’accesso alla Coppa Italia di categoria. Al terzo anno nella seconda categoria nazionale, secondo di fila con Coach Barbieri al volante, la società friulana si mette in tasca uno dei traguardi posti ad inizio stagione. Volley Hermaea Olbia, sarà questa l’avversaria di Domenica 12 Dicembre allo Stadio Teghil di Lignano Sabbiadoro. Le sarde emergono dalla caldissima zona playoff, piazzandosi al sesto posto del girone A grazie a 3 vittorie consecutive, per di più contro le prime 3 squadre che comandano la classifica. Sulle ali dell’entusiasmo e guidate dall’altissima centrale, oltretutto ex della sfida, Barbazeni, le ragazze di Coach Guadalupi proveranno a continuare ad ottenere scalpi importanti. Le rosa giungono invece a questa partita ferite dall’ultima gara casalinga, persa contro le quotatissime ragazze di Mondovì. Tale risultato ha fatto scivolare dal primo al terzo posto le padrone di casa, ciò non ha demoralizzato il gruppo, anzi lo ha spronato a fare ancora meglio. La schiacciatrice Laura Grigolo suona la carica: ”Siamo contente di aver raggiunto un obiettivo storico per Talmassons. Ora affrontiamo una partita da dentro o fuori quindi dovremo approcciarla in modo aggressivo sin da subito. Olbia è una squadra ordinata che sta giocando bene ed ha ottenuto risultati magari inaspettati perciò sarà una partita difficile e dovremmo lavorare bene anche dal punto di vista mentale. Sarà importante il nostro gioco e il lavoro di squadra, sicuramente dovremmo mettere anche tanta personalità. Aspettiamo il tutto il pubblico possibile per sostenerci!” (fonte: Comunicato Stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    L’Hermaea vuole stupire ancora: “Abbiamo capito quali sono le nostre potenzialità”

    Di Redazione Dopo l’exploit contro la capolista San Giovanni in Marignano, l’Hermaea Olbia non vuole smettere di stupire e vola a Busto Arsizio sul campo della Futura Volley Giovani con l’intento di portare a casa il primo successo esterno della stagione. “La vittoria di domenica scorsa è stata sicuramente inaspettata – ammette la centrale biancoblù Karin Barbazeni – arrivavamo da una partita in cui non eravamo riuscite a esprimere le potenzialità e il nostro gioco, e in pochi avrebbero potuto pronosticare un risultato del genere. Se devo essere sincera, a oggi non sono ancora riuscita a comprendere a pieno quale sia stata la chiave della partita. Sicuramente abbiamo giocato di squadra, ci siamo unite e ognuna di noi ha dato il suo contributo nell’esatto momento in cui serviva, compresa la panchina che si è dimostrata essenziale. Credo che questa partita ci abbia dato l’opportunità di capire quali sono le nostre potenzialità. Se lavoreremo in palestra con dedizione ed impegno ogni volta che ci sarà data l’occasione riusciremo a toglierci molte soddisfazioni durante l’intero campionato“. Uno dei segreti della buona Hermaea di questo avvio di stagione è proprio il rendimento delle due centrali: Babatunde è tra le più brillanti rivelazioni di tutto il campionato, e pure Barbazeni è pian piano cresciuta fino a diventare un riferimento importante. “Inizialmente ho avuto un po’ di difficoltà ad ingranare – ammette – avevo la sensazione di non riuscire a fare tutto quello di cui ero capace. Ora mi sento meglio anche dal punto di vista fisico, e in settimana lavoro con lo staff per correggere i miei difetti, ma anche per migliorare le qualità che già ho, come per esempio il muro. Sarà un lavoro lungo ma credo che prima o poi i risultati si vedranno“. Sul difficile campo di Busto Arsizio, domenica le “aquilotte” cercheranno altri punti fondamentali per la classifica. Olbiesi e bustocche sono infatti appaiate a quota 13 punti, alle spalle del terzetto di testa composto da Omag, Macerata e Brescia. “Busto è una squadra tosta – prosegue Barbazeni – sono molto forti tecnicamente ed esperte. Nonostante ciò cercheremo di dare il massimo e di esprimere il nostro gioco dall’inizio alla fine della partita. Anche in questa partita sarà importante limitare i down, gestire il numero di errori e per fare ciò sarà necessario mantenere sempre alta la concentrazione“. Fischio d’inizio domenica 28 novembre alle 16 al PalaBorsani di Castellanza (VA). La gara sarà visibile in diretta streaming sul canale Youtube di Volleyball World. (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Futura Volley Giovani a caccia del tris di vittorie contro Olbia

    Di Redazione Dopo due vittorie che ne hanno rilanciato le quotazioni, la Futura Volley Giovani cerca il terzo sigillo consecutivo nella gara casalinga della prossima domenica: le biancorosse, ancora di scena al PalaBorsani, cercano infatti punti preziosi contro il Volley Hermaea Olbia per concludere il girone d’andata nella migliore posizione possibile. Un incrocio importante che dirà molto anche per quel che riguarda il discorso Coppa Italia, che vedrà impegnate le prime 6 classificate di ogni girone: la Futura punta a uno dei primi 4 posti, che garantirebbe almeno un turno casalingo. L’atteggiamento positivo mostrato nelle ultime uscite dalle “Cocche” dovrà sopperire all’assenza forzata di Giuditta Lualdi, operata al ginocchio lunedì; la qualità dell’intero gruppo biancorosso e del neo acquisto Luisa Casillo saranno fondamentali per procedere nella marcia auspicata. L’incrocio di domenica sarà tuttavia da affrontare con la massima delicatezza: sul campo di Castellanza arriverà infatti una squadra che nello scorso weekend ha addirittura rifilato un secco 3-0 alle capolista Omag-MT San Giovanni in Marignano, ed è appaiata in classifica alle bustocche a quota 13. Matteo Lucchini: “Quella di domenica sarà una partita delicatissima, trattandosi di un team che ha collezionato diversi punti in classifica: non sottovalutiamo l’avversario ma anzi alzeremo ancora di più il livello di guardia, per cui cercheremo di essere aggressivi e di sfruttare il fattore campo. Giocheremo con una formazione diversa, ma questo è già successo altre volte nel corso della stagione; le motivazioni rimangono costanti e da Ravenna in poi ho visto una crescita a livello emotivo. La società ha fatto anche uno sforzo per portare a casa Casillo, il giocatore giusto per questa situazione: ha portato capacità, esperienza e tanto sano entusiasmo. Ci sono le componenti giuste per continuare a scalare la classifica“. Giulia Angelina: “In questo momento non sto facendo molti ragionamenti sulla Coppa Italia, la cosa più importante è trovare il ritmo e la costanza nel nostro gioco. Quando esprimiamo la nostra pallavolo siamo superiori alle altre squadre, ritengo che sviluppare queste capacità sia prioritario nell’ottica di affrontare al meglio il mese di dicembre, ricco di scontri diretti. Mi dispiace che in questo momento non ci sia Giuditta Lualdi, dovremo sopperire a questa mancanza dando un contributo maggiore in altre situazioni; dobbiamo eliminare del tutto alcuni alti e bassi durante il corso del match, questo è il periodo giusto per riprendere ritmo e fiducia“. Una sfida tutta da vivere, che sarà disputata leggermente in anticipo rispetto all’orario canonico: l’appuntamento è infatti fissato per le 16 di domenica 28 Novembre presso il PalaBorsani. Come tutti i match del campionato, la gara sarà trasmessa in diretta streaming sul canale YouTube di VolleyballWorld. Futura e Olbia si affronteranno domenica per la terza volta nella loro storia, con i due precedenti disputati nella regular season della scorsa stagione: le biancorosse ebbero la meglio sulle avversarie in entrambe le occasioni, sia al San Luigi (3-1) che in Sardegna (0-3). (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Olbia, Ilaria Maruotti: “Dopo l’occasione persa a Marsala dobbiamo reagire”

    Di Redazione Archiviare subito l’amara sconfitta subita sul campo di Marsala e ripartire con slancio, sfruttando – magari – l’emozione per il ritorno nella vecchia casa del Geovillage. È questo l’obiettivo dell’Hermaea Olbia, che domenica pomeriggio riceve la visita della Omag-MT San Giovanni in Marignano, capolista del girone A di Serie A2 Femminile. A presentare la difficile sfida contro le romagnole è la schiacciatrice Ilaria Maruotti, che parte proprio da un’analisi del ko in casa della Sigel: “Ci è mancata la continuità – afferma – dopo un primo set degno di nota siamo completamente calate, non abbiamo avuto la capacità di mantenere lo stesso ritmo per tutta la durata del set. Il fondamentale che sicuramente ci è andato meglio è stata la battuta, siamo riuscite a metterle in difficoltà col nostro servizio ma, già dal secondo set, Marsala ha saputo reagire e noi ci siamo fatte trovare impreparate soprattutto nella situazione del muro-difesa“. Nel corso della gara l’Hermaea è spesso riuscita a ricucire anche distacchi di 4-5 punti rispetto alle avversarie. Che però, dal canto loro, si sono mostrate più continue. Specie a partire dal secondo set: “Per avere più positività di risultati, bisognerebbe non fare sconti a nessuno, soprattutto alle squadre che sono più al nostro livello – sottolinea Maruotti – infatti con Marsala abbiamo perso una buona occasione. Proprio per questo dobbiamo prendere la sconfitta di mercoledì come stimolo per cercare di reagire immediatamente, abbiamo dall’altra parte una squadra forte e molto complicata con la quale non possiamo permetterci errori di questo tipo“. Fischio d’inizio domenica 21 Novembre alle 17 al Geopalace di Olbia. Dirigeranno la gara gli arbitri Mazzarà Antonio e Lentini Gianmarco. Il match sarà visibile in diretta streaming sul canale Youtube di Volleyball World. (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Ravenna strappa il tie break con Olbia. Bendandi: “Prova di grandissimo carattere”

    Di Redazione Un’altra bellissima vittoria per l’Olimpia Teodora, che ottiene il quarto successo consecutivo strappando il tie break al PalaCosta contro Olbia. Le Leonesse ravennati, provate dalla lunga trasferta infrasettimanale in Sicilia e ulteriormente colpite dalle assenze di Fricano e Torcolacci, entrambe ammalate, battono anche la sfortuna e, con una prova di immensa grinta, conquistano due punti importantissimi. Una grande prova di squadra per le ragazze guidate da Coach Simone Bendandi, con tutte le attaccanti titolari in doppia cifra. Esordio da titolare in Serie A2 con addirittura 14 punti, di cui 4 nel decisivo tie break, per la giovanissima classe 2003 Chiara Salvatori. Al fischio d’inizio Coach Simone Bendandi deve rinunciare a Fricano e Torcolacci, sostituite da Guasti e dalla giovanissima Salvatori, all’esordio in Serie A2, nel sestetto con Pomili, Colzi, Spinello, Bulovic e Rocchi libero. In avvio l’ace di Pomili vale il primo vantaggio per le ravennati (3-2), che allungano sul 5-2 con il muro di Colzi. Olbia torna subito sotto (5-4) e, nonostante un nuovo tentativo di fuga delle padroni di casa (9-5), trovano il pareggio a quota 14. L’Olimpia Teodora torna subito avanti sul 16-14 e poi sul 19-15, poi trova il break decisivo nel finale con il muro si Salvatori, gli attacchi di Bulovic e Guasti, e l’ace finale di Spinello che chiude il set per 25-17 Le padrone di casa provano a partire forte anche nella seconda frazione (3-1), ma due ace di Allasia ribaltano la situazione e Olbia si porta avanti 3-5. Le ospiti provano ad allungare prima sul 6-9, poi sul 10-14, ma Ravenna resta a contatto con grande grinta e una serie di belle difese (14-16). Le sarde allungano ancora sul 15-19, ma le Leonesse non mollano e ritrovano la parità sul 19-19. Dopo il momentaneo 19-21, il muro di Colzi regala il sorpasso alle padrone di casa sul 22-21, ma nel finale Olbia riesce ad avere la meglio e vince il set per 23-25. Il muro di Guasti regala subito il 2-0 all’Olimpia Teodora, che si porta avanti 4-1. L’ace di Allasia pareggia i conti a quota 4 e, nonostante il muro di Colzi per il 7-4, le ospiti mantengono la parità sul 9-9. Ravenna torna avanti 12-10 e trova la fuga con l’ace di Bulovic per il 15-11. Due punti consecutivi di Colzi e l’ace di Pomili mettono in ghiaccio il parziale sul 22-14, poi ci pensa Bulovic a chiudere il set sul 25-17. In apertura di quarta frazione Olbia trova lo 0-2, ma il primo allungo è ravennate con un muro di Colzi e l’ace di Pomili che lanciano il parziale del 6-2. Le ospiti suonano la carica con l’ace di Babatunde (7-6) e trovano il sorpasso sul 10-11. Nella fase centrale del set regna l’equilibrio, l’Olimpia Teodora sorpassa e prova la fuga con il muro di Salvatori per il 17-15, ma Olbia pareggia a quota 18 e controsorpassa fino al 19-21. Si lotta punto su punto e le padrone di casa pareggiano nuovamente a quota 21, ma nel finale in volata la spuntano nuovamente le ospiti, che prolungano la partita vincendo il quarto set per 22-25. Nel tie break le squadre continuano a battersi su tutti i palloni, ma il primo break è ravennate con tr punti consecutivi di Salvatori per il 5-3. Dopo il momentaneo 5-5, le padrone di casa allungano 8-6 al cambio campo, continuano a lavorare alla grande in difesa e con Bulovic trovano l’11-7. Olbia torna sotto sull’11-9, ma ancora un muro di Salvatori ristabilisce le distanze sul 13-9 e Guasti chiude parziale e partita per il definitivo 15-11. “Possiamo essere soddisfatti – commenta a caldo Coach Simone Bendandi – perché abbiamo conquistato 11 punti in quattro partite, con tre vittorie negli ultimi otto giorni in una settimana difficilissima e con una trasferta davvero scomoda. Questa sera abbiamo dovuto anche far fronte a due defezioni dell’ultimo minuto e la squadra ha reagito con una prova di grandissimo carattere. Abbiamo difeso tantissimo e lottato fino alla fine, siamo partiti bene mettendo grande pressione al servizio seguendo il piano partita, poi i due set che abbiamo perso sono quelli in cui abbiamo commesso più errori. Voglio fare grandissimi complimenti ad Alessandra e a Chiara (Guasti e Salvatori, ndr) che si sono fatte trovare pronte e hanno dato grande qualità. Tutte le ragazze si sono strette e hanno capito il momento: era una sfida nella sfida fare risultato stasera e questi sono davvero due punti entusiasmanti”. “Fare a meno di Taylor era difficile – aggiunge Alessandra Guasti –, io ho cercato di sostituirla portando il mio contributo in altri fondamentali come a muro e in difesa. Sapevamo che era una partita difficile e che avremmo dovuto fare a meno anche di Alice, sono molto contenta perché abbiamo giocato bene e tirato fuori quel carattere che in certe situazioni ci era mancato nelle prime partite”. “Oggi cercavamo una reazione che sicuramente c’è stata – commenta coach Guadalupi – purtroppo nel primo set siamo partiti contratti e non siamo riusciti a trovare ritmo in attacco e qualità e aggressività nel fondamentale di difesa. Poi però siamo riusciti a invertire il trend, e da lì abbiamo progressivamente migliorato la qualità del gioco in molti aspetti. A partire da quel momento è stata una partita aperta, giocata su pochi break che hanno spaccato i set, anche se nel terzo abbiamo abbassato troppo l’aggressività al servizio rendendo vita facile alla loro distribuzione. L’obiettivo più importante in questo momento è riuscire a tenere l’intensità fisica e mentale alta per tutto l’arco delle partite, anche quando l’avversario ci costringe a rigiocare con continuità. Perché quando succede troviamo la sicurezza delle nostre qualità tecniche, e soprattutto un’identità collettiva su cui stiamo ancora lavorando per migliorare. E come sempre bisogna farlo costantemente in settimana.” TabellinoOlimpia Teodora Ravenna – Volley Hermaea Olbia 3-2 (25-17, 23-25, 25-17, 22-25, 15-11)Ravenna: Pomili 20, Salvatori 14, Colzi 16, Guasti 13, Spinello 1, Bulovic 22, Rocchi (L); Fontemaggi, Sestini, Foresi. N.e.: Monaco. All.: Simone Bendandi. Ass.: Federico Chiavegatti.Note: Muri 8, ace 4, battute sbagliate 13, errori ricez. 4, ricez. pos 51%, ricez. perf 27%, errori attacco 14, attacco 38%.Olbia: Barbazeni 1, Allasia 5, Miilen 13, Renieri 19, Maruotti 3, Babatunde 13, Caforio (L); Fezzi 7, Minarelli, Severin, Gerosa 3, Formaggio. All.: Dino Guadalupi. Ass.: Giuseppe Garbellini.Note: Muri 10, ace 4, battute sbagliate 6, errori ricez. 4, ricez. pos 62%, ricez. perf 35%, errori attacco 15, attacco 28%. Arbitri: Anthony Giglio e Marta Mesiano. (fonte: Comunicato Stampa) LEGGI TUTTO