consigliato per te

  • in

    Russia: Zenit San Pietroburgo campione d’inverno con 15 vittorie su 15

    Di Redazione

    15 vittorie in 15 partite, solo un punto lasciato per strada: soltanto Perugia può vantare un cammino migliore nei principali campionati internazionali. Lo Zenit San Pietroburgo si è laureato trionfalmente campione d’inverno in Russia, vincendo per 3-0 anche l’ultima partita del girone d’andata sul campo dell’Ural Ufa: sulla carta una delle più insidiose, viste le varie assenze e il valore dell’avversario, regolato però dalla capolista con 5 ace e 11 muri (4 di Maxim Kosmin). Top scorer ancora una volta Matt Anderson con 12 punti.

    Il primo turno del 2023 è stato favorevole anche per tutte le altre big: lo Zenit Kazan si è imposto per 3-1 in rimonta sul campo dello Yenisei Krasnoyarsk, con 18 punti di Maxim Mikhaylov. La squadra di Verbov resta così provvisoriamente seconda davanti alla Dinamo Mosca, che però ha una partita in meno ed è reduce dal netto 3-0 ai danni del Nova (16 punti di Podlesnykh). Bene anche la Lokomotiv Novosibirsk, corsara in 4 set sul campo del Neftyanik Orenburg, e il Belogorie Belgorod, che passa in casa del Fakel Novy Urengoy con uno scatenato Mohammad Al Hachdadi (26 punti, 5 ace e 58% in attacco). In coda l’Ugra Samotlor vince lo scontro diretto con lo Stroitel Minsk, ma resta in zona retrocessione.

    (fonte: BO Sport) LEGGI TUTTO

  • in

    Dmitry Volkov rivela: “Il mio sogno è giocare in Italia”

    Di Redazione

    Il 2022 non è stato certo un anno facile per i pallavolisti russi, costretti all’isolamento dopo l’esclusione delle nazionali e squadre di club dall’attività internazionale a causa del conflitto scatenato dal loro paese in Ucraina. Paradossalmente, proprio in queste circostanze anomale un grande talento come Maksim Sapozhkov si è rivelato nel campionato italiano, con la maglia di Verona, più ancora di quanto avesse mai fatto in patria. Aspetto che non è passato inosservato all’illustre connazionale Dmitry Volkov, una delle stelle dello Zenit Kazan, che in un’intervista a BO Sport spiega: “Se prima guardavo solo le partite delle prime 4 di Superlega, ora seguo anche le partite di Verona, per vedere come gioca Maksim contro le big“.

    Nell’intervista, l’estroso schiacciatore ammette che giocare in Italia è per lui “un sogno, un obiettivo fin dall’infanzia. Vorrei proprio essere lì un giorno“. E ad amplificare questo desiderio c’è l’esilio forzato di questi mesi: “Gli atleti hanno la competizione nel sangue, e anch’io voglio competere con i migliori. Quindi, l’assenza di coppe europee e della nazionale russa nelle manifestazioni più importanti è davvero dolorosa. Ma purtroppo questa è la realtà attuale, non possiamo influenzarla in alcun modo“.

    Un po’ di Italia c’è anche nel sestetto ideale che Volkov sceglie tra i suoi idoli di gioventù, rivelando tra l’altro una conoscenza della storia del volley non comune per un ragazzo di 27 anni: “Come palleggiatore scelgo Ricardinho, opposto Ivan Miljkovic, centrali Gustavo e Gigi Mastrangelo, schiacciatori Sergey Tetyukhin e Giba, libero Serginho“. A questo link è possibile leggere l’intervista completa, che tocca numerosi altri temi relativi alla Coppa di Russia recentemente vinta dallo Zenit e al volley nazionale.

    (fonte: BO Sport) LEGGI TUTTO

  • in

    Russia: lo Zenit San Pietroburgo vince nonostante l’emergenza

    Di Redazione

    Nessuna sorpresa in Russia nell’ultima giornata dell’anno di Superleague maschile: vincono le prime cinque della classifica e aumenta il divario con le inseguitrici. Non era scontato soprattutto per l’imbattuta capolista Zenit San Pietroburgo, alle prese con una vera e propria emergenza: senza l’infortunato Poletaev, la prima della classe non poteva contare neppure su Matt Anderson, che non è riuscito a rientrare in tempo dagli USA (sembra per ragioni meteorologiche). Anziché spostare nuovamente Kliuka nel ruolo di opposto, l’allenatore Andrey Tolochko ha fatto una scelta coraggiosa, mandando in campo l’esordiente assoluto Mikhail Nikkel (tesserato per l’occasione dai concittadini dell’Avtomobilist): rischio premiato, perché lo Zenit si è imposto per 3-0 sul Gazprom-Ugra Surgut, con 12 punti e il 59% in attacco dell’attaccante.

    Anche lo Zenit Kazan si è presentato con una formazione rimaneggiata, in questo caso per scelta: dei titolari hanno giocato solo Christenson e Volkov. Ciò non ha impedito alla formazione di Alexey Verbov di imporsi per 3-0 sull’Ural Ufa, che non batte lo Zenit dal lontano 2007 (ed è precipitato al sesto posto). Nessun problema neppure per la Dinamo Mosca, che oltre al 3-0 sul Neftyanik Orenburg festeggia il ritorno in campo di Denis Bogdan, mentre la Dinamo LO ha la meglio al tie break nella battaglia sul campo del Fakel Novy Urengoy e si porta momentaneamente in quinta posizione (ma la Lokomotiv Novosibirsk ha una gara da recuperare). Il campionato riprenderà ora tra il 4 e il 5 gennaio con le gare dell’ultimo turno di andata.

    (fonte: BO Sport) LEGGI TUTTO

  • in

    Russia: la Dinamo Mosca è davanti a tutti al giro di boa

    Foto VL Dinamo Di Redazione Si è chiuso il girone d’andata della Superleague femminile in Russia: a laurearsi campione d’inverno è la Dinamo Mosca, protagonista di 12 vittorie in 13 partite, le ultime 4 consecutive. La Dinamo – che ha recentemente vinto anche la Coppa nazionale – ha mantenuto il primo posto con il netto […] LEGGI TUTTO

  • in

    Russia: Dinamo Kazan e Leningradka si salvano al tie break

    Foto VC Dinamo Kazan Di Redazione Il ritorno della Superleague femminile dopo la parentesi della Coppa di Russia è sempre nel segno della Dinamo Mosca: fresca di trofeo nazionale, la squadra della capitale mantiene la vetta della classifica con l’agevole 3-0 allo Yenisei Krasnoyarsk (ben 7 muri-punto di Ekaterina Enina). L’unica a reggere il ritmo […] LEGGI TUTTO

  • in

    Russia: lo Zenit San Pietroburgo resta imbattuto, ma perde Poletaev e Iakovlev

    Foto VC Zenit San Pietroburgo Di Redazione Continua senza scossoni la Superleague maschile in Russia, almeno a livello di risultati: domina il terzetto composto da Zenit San Pietroburgo, Zenit Kazan e Dinamo Moscow, con la prima della classe ancora imbattuta dopo 13 partite. La squadra pietroburghese torna però ad avere problemi di formazione: sia Viktor […] LEGGI TUTTO

  • in

    Pavel Moroz nuovamente squalificato: 15 mesi di stop per doping

    Di Redazione Continua la serie di squalifiche “retroattive” per doping comminate dalla FIVB ai giocatori russi, puniti per violazioni commesse nel lontano 2014. I relativi campioni, infatti, sono riemersi solo ora dopo essere stati nascosti per anni dall’agenzia antidoping locale (cosa che aveva portato a un caso internazionale con la squalifica della Russia da tutte […] LEGGI TUTTO