consigliato per te

  • in

    Kim Yeon-Koung pensa al futuro: “Non ho ancora provato l’Italia…”

    Di Redazione A poco più di un mese dalla conclusione delle Olimpiadi di Tokyo e dall’annuncio del suo addio alla nazionale, la stella coreana Kim Yeon-Koung ha parlato per la prima volta in pubblico nel corso di una conferenza stampa, tornando sui Giochi di Tokyo ma rivolgendo soprattutto lo sguardo al futuro. Già a maggio, infatti, Kim aveva annunciato che avrebbe giocato la prossima stagione con la maglia dello Shanghai: ma cosa accadrà da gennaio 2022, quando il campionato cinese sarà terminato? “È stato molto difficile scegliere la nuova destinazione – ha rivelato Kim – ho pensato all’Europa, ma quando è arrivata l’offerta della Cina sono stata attratta dal fatto che il campionato durasse solo due mesi. Inoltre, la trasferta è breve: dopo il campionato avrei la possibilità di recuperare e mi lascerei aperta la porta per il mercato europeo“. Non è un segreto che la fuoriclasse coreana abbia numerosi ammiratori, mentre sono una novità le voci che riguardano il nostro paese: “Alcuni club europei ne stanno parlando. Avrei voglia di andare, non ho ancora vissuto un’esperienza in Italia. Ma non ho ancora deciso“. Le nostre squadre dovrebbero vincere anche la concorrenza del campionato professionistico USA di Athletes Unlimited, nel quale Kim troverebbe la MVP di Tokyo Jordan Larson: “L’ho contattata e le ho chiesto se le piacerebbe giocare con me” ha spiegato. (fonte: The Spike) LEGGI TUTTO

  • in

    Sheilla diventa dirigente dell’Itambé Minas, ma non lascia la pallavolo giocata

    Di Redazione Dopo lunghe incertezze, è arrivato il momento della scelta per Sheilla Castro: la campionessa brasiliana sta per iniziare una nuova carriera da dirigente. Lo farà nella squadra che l’ha lanciata ormai vent’anni orsono, l’Itambé Minas, in cui ricoprirà il ruolo di ambassador del Minas Tenis Clube Technical-Managerial Trainee Program, un’iniziativa che mira a formare gli ex atleti per continuare a lavorare nelle società sportive in posizioni dirigenziali o tecniche. “Sono molto felice – dice Sheilla – di essere la pioniera di questa fantastica iniziativa. Voglio mettere la mia esperienza di atleta che ha giocato in tutto il mondo al servizio del Minas in un progetto che aiuterà tantissimo lo sport brasiliano. Vogliamo che lo sport cresca e il Minas è all’avanguardia in questo. Mi piace il ruolo di ambasciatrice“. Tuttavia, la plurititolata schiacciatrice (che ha compiuto 38 anni a luglio) non abbandonerà la carriera agonistica: si prevede infatti la sua partecipazione alla seconda edizione del campionato professionistico USA di Athletes Unlimited, a cui ha già preso parte l’anno scorso. “Abbiamo reclutato Sheilla in questo progetto – sottolinea il presidente del Minas Ricardo Vieira Santiago – che partirà dalla pallavolo, ma sarà presente anche negli altri sport della nostra società. Porteremo atleti che sono punti di riferimento nelle discipline in cui lavorano e offriremo tutto il supporto necessario alla formazione di questi professionisti. Sfrutteremo l’esperienza di questi atleti per sviluppare ulteriormente le nostre categorie giovanili e le prime squadre“. (fonte: Minas Tenis Clube) LEGGI TUTTO

  • in

    Jordan Larson, tra Shanghai Ubest e Athletes Unlimited: la carriera non si ferma

    Di Alessandro Garotta Chiudere in bellezza, da protagonista. O andare avanti. Jordan Larson era davanti a un bivio. T ornata da Tokyo con la medaglia d’oro e il titolo di MVP del torneo olimpico, ecco la decisione di proseguire la carriera di giocatrice: la 34enne schiacciatrice statunitense sarà infatti ai nastri di partenza del campionato cinese con lo Shanghai Ubest (squadra in cui ha militato anche nelle ultime due stagioni) per poi prendere parte alla seconda stagione della Lega Professionistica Statunitense di Athletes Unlimited, di cui è testimonial e campionessa in carica.  LEGGI TUTTO

  • in

    Athletes Unlimited “scrittura” Faucette e Rigdon, sognando Akinradewo

    Di Redazione Iniziano a circolare le prime voci sulla “starting list” della prossima lega professionistica USA, che Athletes Unlimited replicherà dopo il successo della prima edizione. Il torneo dalla formula inedita, che prevede una classifica individuale e squadre “rimescolate” ogni settimana, nel 2022 dovrebbe vedere tra le protagoniste anche Juliann Faucette-Johnson, quest’anno impegnata nel campionato italiano a Bergamo, e l’ex Cuneo Madison Rigdon, reduce da una doppia esperienza in Turchia con Sariyer ed Eczacibasi. Rigdon, nel frattempo, ha trovato un incarico come assistant coach alla Austin Junior Volleyball. I sogni proibiti degli organizzatori hanno però due nomi ancora più altisonanti: quelli di Carli Lloyd, che potrebbe sfruttare proprio il torneo di Athletes Unlimited per tornare alla pallavolo giocata dopo la maternità, e di Foluke Akinradewo. La centrale della nazionale USA, attualmente impegnata nelle Olimpiadi di Tokyo, ha rifiutato numerose offerte dall’estero, per la prossima stagione, preferendo restare vicina alla propria famiglia. Una novità pressoché certa è invece la centrale McKenzie Jacobson, lo scorso anno in Francia al Vandoeuvre Nancy. LEGGI TUTTO

  • in

    Athletes Unlimited annuncia la nuova stagione: appuntamento alla primavera 2022

    Di Redazione All’indomani del completamento del primo campionato professionistico femminile, gli Stati Uniti guardano già al futuro: Athletes Unlimited ha annunciato che nella primavera del 2022 sarà organizzata la seconda edizione della manifestazione. “La risposta dei fan, dei partner e, soprattutto, degli atleti, ha sorpassato di gran lunga le nostre aspettative iniziale” ha detto il fondatore Jon Patricof. I contenuti legati campionato hanno generato oltre 18 milioni di visualizzazioni su Instagram e Facebook, piattaforme su cui si sono registrati 70mila nuovi fan. Tra le varie iniziative collaterali c’è stato il progetto “Bring it in” che ha permesso a ospiti VIP, come Karch Kiraly, April Ross e Lindsey Berg, ma anche Chelsea Clinton e la star NBA Stephen Curry, di dare virtualmente il fischio d’inizio alle partite. La lega, inoltre, ha lanciato una serie di attività di sostegno al post-carriera e allo sviluppo personale delle atlete, e una partnership con The Girl Scouts of the USA e Starlings Volleyball USA per fornire supporto economico a 33 organizzazioni nazionali e locali. Infine, Athletes Unlimited ha aderito insieme ad altre 7 leghe professionistiche alla campagna “It’s Up to You” per sensibilizzare sul tema dei vaccini Covid-19. (fonte: Athletes Unlimited) LEGGI TUTTO

  • in

    USA: De La Cruz sorpassa Larson, Lowe e Hunter nella Top 4

    Foto Jade Hewitt/Athletes Unlimited

    Di Redazione
    Si prevedevano scintille in conclusione della terza giornata di gare del campionato professionistico USA organizzato da Athletes Unlimited, e così è stato. Lo scontro diretto tra Team De La Cruz e Team Larson si è concluso con la vittoria delle prime per 2-1 (23-25, 25-19, 25-21): un risultato che permette alla dominicana di scavalcare “The Governor” al primo posto della classifica individuale, nonostante l’ottima performance di Larson, autrice di 20 attacchi vincenti (su 49), 15 difese e un muro.

    Come MVP è stata votata Karsta Lowe, seguita dalla palleggiatrice Kelly Hunter: in questo modo le due giocatrici si sono guadagnate rispettivamente il terzo e il quarto posto in classifica, garantendosi i gradi di capitano e la possibilità di selezionare le squadre per il prossimo turno di gare.

    Nell’altro match della notte, invece, il Team Edmond ha ottenuto la sua prima vittoria con un brillante 3-0 (26-24, 25-22, 25-22) ai danni del Team Nwanebu, che chiude il terzo giro di incontri a bocca asciutta. Aury Cruz è stata la MVP della gara con 12 attacchi vincenti, molti dei quali dalla seconda linea; a seguire Symone Abbott e Samantha Seliger-Swenson. Stasera alle 23 italiane il draft per la prossima settimana, trasmesso in diretta Facebook.
    (fonte: Athletes Unlimited) LEGGI TUTTO

  • in

    USA: battaglia per il primo posto tra Larson e De La Cruz

    Foto Jade Hewitt/Athletes Unlimited

    Di Redazione
    Terzo weekend di gare nella “bolla” di Dallas per il campionato professionistico femminile degli Stati Uniti organizzato da Athletes Unlimited. Nella classifica individuale resiste al comando Jordan Larson, che anche ieri notte ha condotto la sua squadra alla vittoria contro il team di Ebony Nwanebu per 2-1 (25-13, 20-25, 25-16) e 70-54 nel punteggio totale. Alla brillante prestazione di Larson, MVP con 15 attacchi vincenti, hanno dato man forte le compagne di squadra Sheilla Castro, alla sua miglior prestazione nel campionato americano con 10 attacchi, e Deja McClendon (11).

    A lanciare la sfida alla leader è però Bethania De La Cruz, staccata di soli 6 punti in classifica dalla rivale dopo il secondo 3-0 di fila (25-21, 25-18, 25-15 e 75-54 nei punti totali), questa volta ai danni della squadra di Leah Edmond, che il giorno prima aveva impegnato Larson e compagne in un lunghissimo parziale chiuso solo sul 35-37. De La Cruz ha chiuso da MVP con 13 attacchi, 9 difese e 3 ace, davanti a due sorprese come la schiacciatrice Lindsay Stalzer e la palleggiatrice Kelly Hunter. In classifica generale Hunter guadagna due posizioni ed è quinta: davanti a lei c’è Brie King, palleggiatrice del team di Larson.

    Stanotte la resa dei conti nello scontro diretto tra Team De La Cruz e Team Larson, che chiuderà il terzo turno insieme alla sfida tra team Edmond e team Nwanebu: al termine si conosceranno i quattro capitani per la prossima settimana di gare.
    (fonte: Athletes Unlimited) LEGGI TUTTO

  • in

    USA: crolla il Team Lowe, Nwanebu tra le prime 4

    Foto Jade Hewitt/Athletes Unlimited

    Di Redazione
    Ultimo turno della seconda tornata di gare nel campionato professionistico USA organizzato da Athletes Unlimited. Assoluto protagonista della giornata è il Team Edmond, che rifila al Team Lowe la sconfitta più pesante finora registrata nel torneo: un netto 3-0 (25-14, 25-20, 25-22) con un margine di 18 lunghezze nel punteggio totale (75-57). Risultato che ha riflessi importanti anche sulla classifica individuale: Leah Edmond (10 attacchi e 5 muri) sale al secondo posto scambiandosi la posizione con Karsta Lowe, che ora è soltanto quinta. MVP dell’incontro è Aury Cruz con 10 attacchi (39%), 9 difese e 2 ace, seguita dalla palleggiatrice Brie King che mette a segno anche 4 muri.

    Arriva la prima sconfitta anche per il Team Larson, battuto per 2-1 e per 73-57 nel punteggio totale dal Team De La Cruz. Jordan Larson è comunque tra le migliori in campo (11 difese e 88% in attacco nei primi due set) e conserva la prima posizione assoluta nella classifica generale, mentre la MVP Bethania De La Cruz (15 attacchi vincenti e 2 ace) conquista il terzo posto. L’exploit della serata è però quella di Ebony Nwanebu, che si prende in extremis la quarta piazza proprio ai danni di Lowe.

    L’ex opposta di Martignacco sarà quindi uno dei quattro capitani nel draft delle squadre per il terzo weekend di gare, che si terrà domani alla mezzanotte italiana e sarà trasmesso in diretta Facebook.
    (fonte: Athletes Unlimited) LEGGI TUTTO