consigliato per te

  • in

    La sede di Reesco visitata dai pallavolisti della Emma Villas Aubay Siena Samuel Onwuelo e Andrea Rossi

    Da quest’anno Reesco è sponsor anche del settore giovanile della Emma Villas Aubay Siena. Un sostegno significativo ed importante indirizzato ai ragazzi che si sono appassionati al volley. Gianfranco Soldati, uno dei soci e dei fondatori di Reesco, è da quattro stagioni anche nel consiglio del team biancoblu.
    “Tutti noi ambiamo a creare un vivaio sempre più importante e forte – le parole di Soldati. – Siamo molto contenti delle recenti convocazioni di sei ragazzi Under 15 del nostro team nella Rappresentativa Etruria. E’ la dimostrazione del buon lavoro che stiamo effettuando e della qualità dei ragazzi che fanno parte del settore giovanile di questa società. I nostri giovani sono apprezzati a livello regionale. Non è un fatto da poco. Voglio fare i complimenti a tutti i tecnici del settore giovanile della Emma Villas Aubay Siena e all’organizzazione della società. C’è un bel gruppo di lavoro, e una grande partecipazione da parte di un numero significativo di ragazzi. In città notiamo una passione che cresce continuamente nei confronti della pallavolo, la realtà si è modificata in pochi anni grazie all’operato della società senese”.
    Ancora Soldati: “Fare sport è un elemento qualificante per ragazzi così giovani sia da un punto di vista fisico che educativo. Si tratta di ragazzi che possono migliorare da un punto di vista tecnico ma che al contempo restano vicini e legati alla realtà della Emma Villas Aubay”.
    Da consigliere della società Gianfranco Soldati segue sempre la prima squadra biancoblu. “L’impegno dei ragazzi è evidente – afferma. – Si è visto un miglioramento nel gioco nel corso delle ultime partite. La squadra crede nelle proprie potenzialità. Credo che ci sia un margine di miglioramento, nel roster ci sono anche tanti ragazzi che sono arrivati a Siena quest’anno, quindi devono conoscersi al meglio e il feeling tra loro va affinato. In altre squadre già oggi c’è un affiatamento maggiore, con molti giocatori che si conoscono da anni e che hanno già un ottimo feeling tra loro”.
    La sede di Reesco è stata visitata dai giocatori della Emma Villas Aubay Siena Samuel Onwuelo e Andrea Rossi. “Ho salutato i ragazzi e ho detto loro di cercare di essere più cinici e incisivi nei momenti chiave di una gara – afferma Gianfranco Soldati. – Da consigliere della società dico che continueremo a mettere il massimo impegno nel nostro lavoro quotidiano per raggiungere risultati significativi”.
    “Con Reesco esiste un rapporto ormai consolidato nel tempo – dichiara il vicepresidente della Emma Villas Aubay Siena, Guglielmo Ascheri, – parliamo di un’azienda che ormai da tempo fa parte della nostra famiglia. In questa stagione il rapporto che ci lega è divenuto ancora più forte e si è integrato andando a coinvolgere anche il settore giovanile, il tutto a supporto del progetto che è stato costruito sul territorio. Il nostro ringraziamento va ai titolari dell’azienda Gianfranco Soldati e Giano Carubini per il sostegno che ci hanno sempre e costantemente fornito in tutti questi anni”. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Biaggi e l'aneddoto in ascensore con Rossi

    ROMA – Nella mente dei tifosi rimarranno impressi i tanti duelli e le rivalità di Valentino Rossi nel corso della carriera, ma nessuna può essere paragonata, soprattutto a livello mediatico, a quella con Max Biaggi. “Secondo me la nostra rivalità non è frutto del caso – ha sottolineato Biaggi a DAZN durante il documentario RiVale – ma hanno fatto in modo che si incendiasse. Io non ho scelto il ruolo del cattivo, come Rossi quello del buono. Ci siamo  fatti un po’ usare da questa rivalità arrivando a una situazione non tanto piacevole. Era diventata una pressione troppo alta, a me sicuramente qualcosa ha levato”.
    L’incontro in Giappone
    Biaggi racconta divertito di un incontro fortuito avvenuto in Giappone nel momento di massima rivalità tra i due. “Ci siamo incontrati a Motegi, durante l’apice della nostra rivalità. Io ero esausto, la rivalità iniziava a pesarmi. Per caso eravamo nello stesso albergo e ci siamo trovati in ascensore io, il mio fisioterapista e lui. Ad un certo punto ho spinto lo stop stop, ho guardato il mio fisioterapista e poi Valentino e gli ho chiesto ‘ma perché mi rompi tanto? Che ti ho fatto?’. Lui educatamente rispose: ‘Ma no Max, è la stampa che dice così’. Ero quasi pronto a credergli potevamo gestirla meglio la nostra rivalità”, queste le parole del campione romano. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Biaggi e l'incontro in ascensore con Rossi

    ROMA – Sono stati tanti i rivali in carriera per Valentino Rossi, ma forse il dualismo più sentito, anche a livello mediatico e perché arrivato con un connazionale, è stato quello con Max Biaggi. “Secondo me la nostra rivalità non è frutto del caso – ha confermato Biaggi a DAZN nel documentario RiVale – ma hanno fatto in modo che si incendiasse. Io non ho scelto il ruolo del cattivo, come Rossi quello del buono. Ci siamo  fatti un po’ usare da questa rivalità arrivando a una situazione non tanto piacevole. Era diventata una pressione troppo alta, a me sicuramente qualcosa ha levato”.
    Il retroscena in Giappone
    Simpatico l’aneddoto raccontato dal romano sull’incontro avvenuto in ascensore a Motegi, nel momento di massima tensione tra i due. “Ci siamo incontrati a Motegi, durante l’apice della nostra rivalità. Io ero esausto, la rivalità iniziava a pesarmi. Per caso eravamo nello stesso albergo e ci siamo trovati in ascensore io, il mio fisioterapista e lui. Ad un certo punto ho spinto lo stop stop, ho guardato il mio fisioterapista e poi Valentino e gli ho chiesto ‘ma perché mi rompi tanto? Che ti ho fatto?’. Lui educatamente rispose: ‘Ma no Max, è la stampa che dice così’. Ero quasi pronto a credergli potevamo gestirla meglio la nostra rivalità”, ha concluso il quattro volte campione del mondo della 250. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Rossi: “Naturale provare tristezza, ma mi sto abituando”

    ROMA – La tristezza, la nostalgia e la speranza nel futuro. Sono questi gli stati d’animo di Valentino Rossi, presente a EICMA, alla sua prima uscita da ex pilota. Il nove volte campione del Mondo, che ha ricevuto per l’occasione una Yamaha R1 VR46 con livrea speciale, non ha ancora digerito l’addio alla classe regina delle due ruote e alla sua M1 ufficiale: “Capita di pensare che non la guiderò più e che non sarò più un pilota della MotoGp. È naturale che io provi tristezza e nostalgia, ma piano piano mi ci sto abituando”.
    Rossi e un futuro tutto da scrivere
    Il campione, nonostante il fresco addio alle due ruote, guarda già al futuro più immediato che sembra essere al volante: “La settimana prossima ci sarà la 100km del Ranch, dove parteciperanno un sacco di piloti fortissimi di MotoGP, Moto2, Moto3, Superbike, Motocross. Mentre l’8 gennaio correrò ad Abu Dhabi con la Ferrari insieme a Uccio e a mio fratello Luca Marini. Per quanto riguarda le quattro ruote non ho ancora deciso, sto valutando 2-3 campionati e i vari team”, le sue parole. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Rossi: “Triste pensare che non correrò più in moto. Futuro? Devo ancora decidere”

    ROMA – Delusione per l’addio, speranza nel futuro. Sono queste le emozioni che accompagnano Valentino Rossi a EICMA, alla prima uscita da ex pilota della MotoGp. Il nove volte campione del mondo, che per l’occasione ha ricevuto una Yamaha R1 VR46 con livrea speciale, ha raccontato le sue sensazioni in merito al ritiro e alla sua Yamaha R1, la compagna di tante avventure. “Capita di pensare che non la guiderò più e che non sarò più un pilota della MotoGp. È naturale che io provi tristezza e nostalgia, ma piano piano mi ci sto abituando”, le sue parole.
    Rossi pensa al futuro
    Rossi, però, è anche proiettato al futuro, tutto da decidere e pieno di impegni: “La settimana prossima ci sarà la 100km del Ranch, dove parteciperanno un sacco di piloti fortissimi di MotoGP, Moto2, Moto3, Superbike, Motocross. Mentre l’8 gennaio correrò ad Abu Dhabi con la Ferrari insieme a Uccio e a mio fratello Luca Marini. Per quanto riguarda le quattro ruote non ho ancora deciso, sto valutando 2-3 campionati e i vari team”, conclude il pesarese certo che, nonostante la tristezza per l’addio, il futuro riservi ancora parecchie sorprese. LEGGI TUTTO

  • in

    La MotoGp diventa una serie, 8 episodi per celebrare le due ruote

    ROMA – La MotoGp diventa una serie tv. Lo ha annunciato Dorna che ha fatto sapere come, nel 2022 arriverà la serie che svelerà il dietro le quinte del campionato mondiale a due ruote. In Italia, così come in Francia e in Spagna, si potrà guardare in esclusiva, mentre gli altri 150 stati dovranno aspettare. La docuserie, prodotta da Dorna e da THE MEDIAPRO STUDIO, conterà 8 episodi da 50 minuti ciascuno, dove figureranno Valentino Rossi, Fabio Quartararo, Joan Mir, Marc Marquez, ‘Pecco’ Bagnaia e Joan Mir, nonché figure chiave del paddock a due ruote più famoso del mondo.
    Arroyo: “Prodotto sarà all’altezza” 
    “La stretta collaborazione fra noi e THE MEDIAPRO STUDIO – ha dichiarato Manel Arroyo, Chief Commercial Officer di Dorna Sports – è più che una garanzia sul successo di questa serie. L’idea era quella di ritagliare i momenti migliori e più importanti di ogni Gran Premio della stagione. La sinergia fra costruttori, produzione e piloti ci aiuterà a vedere tante cose che, fino ad ora, erano visibili solo dietro le quinte, creando un prodotto che sarà all’altezza”. Laura Fernández Espeso, CEO di THE MEDIAPRO STUDIO, ha aggiunto: “La collaborazione fra Dorna e Amazon Prime Video è stata decisiva. Crediamo che la serie piacerà non solo agli appassionati di motociclismo, ma a tutti gli spettatori interessati a una bella storia”. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Stoner: “Rossi? Gentile fin quando non sono diventato rivale”

    ROMA – Casey Stoner ha parlato a lungo durante il documentario “RiVale”, prodotto da DAZN in occasione del ritiro di Valentino Rossi dalla MotoGp. Tra Stoner e il pesarese la rivalità è stata forte soprattutto nel periodo passato dall’australiano in Ducati. Quest’ultimo, però, racconta del suo passaggio in Honda nel finale di carriera, quando nel team emiliano è arrivato proprio il numero 46. “In HRC ho trovato una moto davvero sensazionale da guidare. E, lo ammetto, godevo nel vedere Valentino soffrire con la Ducati. Aveva detto troppe cose su di sé e su come sarebbe stato in grado di cambiare quella moto in meglio. In realtà stava solo peggiorando la situazione”. Qualche parola anche sulla rivalità di Rossi con gli spagnoli Lorenzo e Pedrosa: “Sono stato uno dei più grandi rivali quando era all’apice. Rossi era il miglior pilota all’inizio del Nuovo Millennio, di un’altra categoria. Ma quando io, Jorge Lorenzo e Daniel Pedrosa siamo arrivati in MotoGP, ci siamo accorti che lui non ci era superiore”.
    Le frecciatine a Valentino
    Diverse le frecciatine lanciate da Stoner, che ha parlato del rapporto con Rossi: “E’ stato gentile fino a quando non sono diventato un rivale. Ha sempre cercato di fare giochi mentali, ma, quando questo non funziona, ottieni solo un rivale in più. Lui ha fatto sì che io fossi visto proprio come un nemico. Ha fatto lo stesso anche con Marquez. Da quel momento non ho più voluto essere suo amico e giocare lealmente”. Poi qualche parola anche sullo stile di guida: “Era bravo nel corpo a corpo, ma anche nel rubare la scia agli altri. Non riusciva a fare un giro veloce da solo, poteva farlo solo così e questo è un limite. Non è un caso che abbia perso due Mondiali all’ultimo”. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Rossi: “Norris? Sarebbe divertente correre con lui”

    ROMA – Un’accoppiata Valentino Rossi-Lando Norris in una gara a quattro ruote non è un’ipotesi così remota. Infatti il pilota McLaren al termine della gara di F1 dello scorso weekend in Qatar ha scritto un messaggio al Dottore proponendogli una gara insieme, trovando i favori del pilota italiano. “Sono sempre in contatto con Lando perchè lui è un mio fan dall’inizio. Lo seguo – afferma Rossi – perchè penso sia un giovane di gran talento, molto divertente e tra l’altro nel Gp di Monza ha avuto l’idea di fare un casco speciale come il mio”.
    “Sarebbe un’esperienza piacevole”
    L’idea stuzzica e non poco Valentino che ha riconosciuto il grande talento di un Norris sicuramente orgoglioso dei complimenti ricevuti da uno dei suoi idoli. “L’anno prossimo con più tempo libero voglio provare ad assistere ad una gara di F1 e nel caso ci fosse una possibilità sarebbe davvero fantastico correre con lui perché lo ritengo un pilota molto veloce. Sarebbe piacevole condividere un’esperienza del genere con Lando e nel caso ci sarà sicuramente da divertirsi”, queste la parole di Rossi a Motorsport. LEGGI TUTTO