consigliato per te

  • in

    Medvedev: “Nemmeno io voglio rivelare i miei dettagli medici, concordo con Djokovic”

    Daniil Medvedev

    Daniil Medvedev è stato il giustiziere di Novak Djokovic a US Open 2021, sbarrando la strada al n.1 verso un clamoroso Grande Slam stagionale. Ma c’è grande rispetto nel russo per il serbo.
    L’ennesima dimostrazione viene dalle dichiarazioni rilasciate da Daniil negli eventi promozionali del torneo di Mosca, al quale non ha partecipato in campo, offrendo comunque la sua presenza a livello di immagine. Interpellato sulle parole di Djokovic in merito alla vaccinazione obbligatoria per volare in Australia, ecco le parole del russo: “Mi è piaciuto molto quello che ha detto Novak l’altro giorno. Il tennis è uno sport individuale e non vorrò mai divulgare informazioni mediche perché i miei rivali avrebbero informazioni sulle mie possibili debolezze. In questo caso deve essere lo stesso. La vaccinazione è una decisione personale e non è necessario divulgare informazioni, non lo farò. Sinceramente credo che nessun tennista sarà messo in quarantena, ma che chi non vuole farsi vaccinare dichiarerà di avere qualche tipo di infortunio per non gareggiare, senza dover ammettere di non aver ricevuto il vaccino. Quanto a me, dirò solo che voglio giocare il torneo”.
    Medvedev quindi non vuole rivelare i suoi dati, ma ammettendo di voler giocare in Australia… di fatto ammette di essere vaccinato o che è in procinto di farlo. LEGGI TUTTO

  • in

    Prime parole di Djokovic dopo US Open: “Giocherò nel 2021, non so in Australia. Non voglio partecipare alla guerra sui vaccini”

    Novak Djokovic

    Novak Djokovic torna a parlare dopo la dolorosissima sconfitta patita a US Open. Dopo un allenamento in patria, è stato intervistato dal media Blic, informando sulle proprie condizioni e sul suo prossimo programma. Si è detto sicuro di rientrare per il 1000 di Bercy, ATP Finals di Torino e Coppa Davis, mentre non ha ancora certezze per l’Australian Open, viste le restrizioni per i non vaccinati e la sua nota posizione no-vax. Ecco alcuni estratti del pensiero del n.1 del mondo, intervistato dopo un allenamento con Olga Danilovic.
    “Ho iniziato ad allenarmi oggi. Era passato molto tempo dall’ultima volta in cui avevo preso in mano una racchetta. Sì, ho allenato il mio fisico, ma oggi è stata la prima volta di nuovo in campo”. Come se Novak avesse bisogno di staccare, totalmente, dopo la rincorsa al Grande Slam, stoppata all’ultimo passo, a tre set dall’impresa leggendaria.
    Ecco il programma per il resto della stagione 2021: “Ho intenzione di giocare a Parigi, le ATP Finals a Torino e la Coppa Davis. Starò qui tutta la settimana, a Belgrado, e la settimana prima di Parigi lascerò la Serbia per dedicarmi di più all’allenamento. Il compleanno di Stefan è tra pochi giorni e noi saremo qui, a festeggiarlo con la famiglia. Ho trascorso la maggior parte del mio tempo qui a Belgrado. Sono impegnato nello sviluppo del Tennis Center e della mia futura Academy. Questo progetto mi dà molte soddisfazioni. Il mio desiderio è quello di trasmettere la storia della mia vita e carriera ai più piccoli”.
    Il capitolo più lungo è quello relativo alla delicata questione Australian Open. Ricordiamo che lo stato di Victoria dallo scorso 15 ottobre ha stabilito che solo atleti vaccinati possono competere in tornei e campionati professionistici. Un ostacolo enorme per ogni persona che rifiuta il vaccino anti-covid. Ecco il pensiero di Djokovic: “Sto seguendo quello che sta succedendo in Australia e credo che tra due o tre settimane verrà presa una decisione definitiva. Non credo che le condizioni cambino molto rispetto a quanto già sappiamo. Ci saranno molte restrizioni. Stanno cercando di migliorare le condizioni quest’anno. Il problema è che viaggi in aereo con una persona positiva, vaccinata o meno, e devi passare una quarantena di 14 giorni in camera tua. È successo a 70 giocatori quest’anno. Vorrei che tutti i giocatori si riunissero di più e fossero coinvolti nel processo decisionale. Mi sembra che non ci venga chiesto nulla. La verità è che non so se giocherò gli Australian Open. La situazione non è affatto buona”.
    Continua Novak: “Quest’anno in Australia non è stata una bella esperienza. Passare così tanto tempo nella stanza e poi dover giocare al meglio dei cinque set… Se queste decisioni vengono mantenute, penso che molti giocatori si chiederanno se andranno o meno, se vale la pena andarci… Non ho ancora deciso se giocherò a Melbourne. Ci sono molte speculazioni. I media speculano molto. C’è molta divisione nella società, tra chi è stato vaccinato e chi no. Questo, per me, è terrificante. Che qualcuno venga giudicato se vuole capire e decidere se vaccinarsi o meno… mi fa sentire deluso dalla società. Non rivelerò se sono vaccinato o meno. È una questione privata. Qualunque cosa tu dica, i media diffonderanno la paura tra la gente. Non voglio partecipare a questa guerra. Voglio andare in Australia, ma non so se lo farò. Al momento posso dire solo questo”.
    Parole importanti quelle di Djokovic, in cui conferma la propria delusione per la situazione generale, la volontà di capire come muoversi prima di prendere una decisione definitiva, ma vista la fermezza mostrata “down Under” dall’inizio della pandemia, pare difficile che possa essere offerto una sorta di “salvacondotto” a chi volesse giocare agli Australian Open da non vaccinato.
    Marco Mazzoni LEGGI TUTTO

  • in

    Secondo la stampa serba, Djokovic giocherà ancora nel 2021

    Novak Djokovic

    Non c’è ancora alcun annuncio ufficiale, ma secondo il media serbo Kurir il n.1 del mondo Novak Djokovic scenderà di nuovo in campo nel 2021 per assicurarsi la chiusura dell’anno in vetta al ranking ATP. L’indiscrezione arriva, sempre secondo Kurir, dall’ufficio stampa del campione serbo, che non avrebbe “gradito” la prima pagina del quotidiano italiano Tuttosport, dove si parlava di ampie chance di qualificazione alle Finals di Torino per Berrettini e anche Sinner vista la probabile assenza di Djokovic dalla competizione.
    Il programma di Novak per il finale di stagione sarebbe quello già prestabilito prima di US Open, ossia giocare al Masters 1000 di Paris-Bercy e quindi alle ATP Finals. Tuttavia ancora non c’è alcuna certezza in merito, siamo nell’ambito delle ipotesi, seppur ben accreditate, e così le riportiamo.
    Djokovic ricordiamo è fermo dall’amara sconfitta nella finale di US Open contro Daniil Medvedev, battuta d’arresto storica che gli ha impedito di completare un clamoroso Grande Slam. LEGGI TUTTO

  • in

    La sconfitta di Medvedev lascia Novak Djokovic ad un passo da un nuovo grande record

    Novak Djokovic classe 1987, n.1 del mondo

    Daniil Medvedev è stato sconfitto ieri negli ottavi di finale del torneo Masters 1000 di Indian Wells e ha praticamente perso la possibilità di finire il 2021 in cima alla classifica mondiale.Il 25enne russo è l’unico che ha ancora una possibilità di superare Novak Djokovic entro la fine dell’anno, ma il deludente risultato in California porterà Djokovic a chiudere l’anno in testa cosa che costituirà un nuovo record.
    Djokovic, vincitore dei primi tre Grand Slam nel 2021 e finalista nel quarto, chiuderà salvo clamorosi capovolgimenti, la stagione in cima alla classifica mondiale per la settima volta in carriera, superando Pete Sampras, con cui condivide attualmente quel record, con sei stagioni.
    Roger Federer e Rafael Nadal, per esempio, hanno chiuso in testa la stagione in cinque occasioni. LEGGI TUTTO

  • in

    La singolare confessione di Iga Swiatek (super tifosa di Nadal): «Ho pianto quando Djokovic ha perso agli US Open»

    Novak Djokovic classe 1987, n.1 del mondo

    Iga Swiatek non ha mai nascosto la sua passione tennistica per Rafa Nadal, tuttavia, alla finale degli US Open la polacca non ha avuto problemi a tifare per Novak Djokovic.E non solo non ha avuto problemi, ma ha preso molto sul serio il fatto che il numero 1 del mondo stesse lottando per completare il Grand Slam – qualcosa che alla fine non è accaduto.
    Più di un mese dopo, Swiatek ha ammesso che dopo la sconfitta di Nole contro Daniil Medvedev, ha iniziato a piangere.
    “Sentivo che meritava questo risultato e se qualcuno poteva farlo, quello era lui. Ho pianto quando ha perso la finale degli US Open, ma sì, anche se sono sempre stata fin da piccola una Fans di Nadal”. LEGGI TUTTO

  • in

    Pilic: “L’occidente è in difficoltà ad ammettere che Djokovic è il migliore”

    Djokovic vincitore a Wimbledon 2021

    Nikola Pilic, finalista a Roland Garros 1973 e poi coach di successo sulla panchina di molti giocatori, difende Novak Djokovic e se la prende col mondo occidentale. Un 12enne “Nole” arrivò dai Balcani alla sua accademia, nei pressi di Monaco di Baviera in Germania, formandosi sotto la guida esperta di Pilic per quattro anni, tanto che il numero 1 ha spesso considerato proprio Pilic come il suo vero “padre tennistico”. I due poi si ritrovarono anche in Davis, con Nikola capitano del team serbo che Djokovic guidò alla vittoria dell’Insalatiera nel 2010.
    Intervistato dal giornale croato Vecernji list, Pilic ha espresso tutta la sua ammirazione per Djokovic ed un certo risentimento per il mondo occidentale. Ecco alcuni estratti dell’intervista, che non mancherà di scatenerare reazioni….
    “Penso che il suo successo abbia ferito l’Occidente in modo diverso. Per la loro comprensione delle cose, il livello raggiunto da Djokovic era riservato a qualcuno dell’Occidente; e poi arriva un ragazzo di un piccolo paese a dominare il mondo del tennis. Se Roger Federer avesse fatto quello che ha fatto Djokovic agli US Open 2020, non sarebbe stato squalificato. L’occidente ha un problema nell’ammettere che Djokovic è il migliore”.
    Continua Pilic: “Djokovic è semplicemente fenomenale, ha lavorato tanto, senza scorciatoie, si è meritato col sudore tutto quel che ha raggiunto. Ricordo che i giornalisti serbi mi stavano addosso nel 2019 cercando di farmi dire che Novak è il migliore. Non volevo dirlo fino a quando non ha vinto Wimbledon quest’anno. Il giorno in cui lo ha fatto, ho dato un’occhiata completa e approfondita ai numeri. Novak ha ottenuto lo stesso numero di titoli slam di Nadal e Federer, è avanti nei confronti diretti e sta staccando tutti come numero di settimane da n.1 del raning. Inoltre ha vinto il maggior numero di titoli Masters 1000, è l’unico giocatore ad aver vinto ogni Slam almeno due volte nell’era moderna, e a un certo punto aveva quasi 17.000 punti ATP, in quel momento aveva accumulato più punti di Murray, Nadal e Federer messi insieme. Non sono di parte, Novak è semplicemente il migliore di tutti i tempi”.
    Pilic ha anche sottolineato l’impegno umanitario del serbo: “Novak non è mai stato a Bergamo in vita sua, ma lì ha donato un milione di euro. Ha ristrutturato o costruito 437 asili nido. Ha investito 8-9 milioni di euro in attività umanitarie”.
    Marco Mazzoni LEGGI TUTTO