consigliato per te

  • in

    Sara Franceschi a SuperNews: “A Tokyo 2020 una Sara protagonista. Obiettivo? Disputare una finale olimpica”

    SuperNews ha avuto il piacere di intervistare Sara Franceschi, nuotatrice livornese classe 1999. La giovane mistista, nella prima giornata degli Assoluti primaverili, a marzo, ha centrato la qualificazione alle Olimpiadi di Tokyo 2020, nei 400 misti, con il tempo di 4’37”0. Per la Franceschi non si tratta di una novità, dal momento che nel 2016 è stata la più giovane atleta della spedizione azzurra alle Olimpiadi brasiliane di Rio. Ai nostri microfoni, Sara ci ha raccontato in che modo la giovane nuotatrice di Rio 2016 sia adesso più cosciente, più grande e consapevole dei propri mezzi per raggiungere un grande obiettivo: una finale a Tokyo 2020.

    Sara, come nasce l’amore per il nuoto?Fin da piccola ho sempre nuotato. Vivendo a Livorno, città di mare, i miei genitori volevano che io sapessi nuotare. Come la maggior parte delle bambine, da piccola praticavo anche danza, contemporaneamente al nuoto. Poi, in prima media, decisi di intraprendere la sola strada del nuoto per vari motivi: la scuola era diventata più impegnativa, a danza non eccellevo particolarmente e mi divertivo moltissimo in piscina con i miei compagni di nuoto.
    Come ti sei sentita ad essere la più giovane atleta della spedizione azzurra alle Olimpiadi brasiliane di Rio 2016?Rio 2016 è stato un sogno. Ero un po’ la “mascotte” della spedizione azzurra, essendo la più piccola atleta che l’Italia portava all’Olimpiade. È stata un’esperienza indimenticabile, perché l’Olimpiade, per me ma credo per ogni sportivo, è l’ambizione più grande da realizzare. Inoltre, ritrovarsi in un villaggio popolato da atleti provenienti dalle più varie discipline sportive e nazioni è surreale, un’atmosfera completamente diversa dal solito. Ero davvero piccola, non mi rendevo bene conto di dove mi trovassi. Rio è stata una parentesi davvero fantastica.
    Hai centrato la qualificazione per Tokyo 2020, nei 400 misti, con il tempo di 4’37”0, nella prima giornata degli Assoluti primaverili, nella «bolla acquatica» dello Stadio del Nuoto di Riccione. Cosa ti aspetti dalla prossima esperienza olimpica? Quale risultato ti auguri?Sicuramente, nella mia seconda e prossima Olimpiade, vivrò il tutto in maniera più concreta, sarò più protagonista. Non sono più la bambina di Rio, ma un’atleta di 22 anni che ha conquistato meritatamente questo pass olimpico. L’obiettivo è quello di dare il massimo. Ho tempo per prepararmi, dal momento che mi sono qualificata a marzo. Noi, come Nazionale, potevamo provare a rifare il tempo a giugno, al Settecolli, ma, avendolo fatto prima, ho il tempo di realizzare e prepararmi al meglio. Spero di dare il mio massimo e di arrivare in una finale a Tokyo 2020. Visto il tempo realizzato a marzo, non credo sia così impossibile. Vedremo cosa succederà.
    In cosa è cambiata Sara di Rio 2016 rispetto a Sara di Tokyo 2020?Sara di Rio 2016 era una bambina ancora incosciente, che aveva ottenuto dei buoni risultati nelle Nazionali Giovanili, ma che non era ancora entrata nel mondo dei grandi, dei professionisti. A partire dal 2018, dopo la maturità, ho iniziato a dedicarmi completamente al nuoto, allenandomi intensamente, mattina e pomeriggio. Avevo capito che in me c’era qualcosa, che potevo realizzare qualcosa di importante, così ci ho creduto, non ho mollato, neanche durante il difficile periodo della quarantena. Alle Olimpiadi di Tokyo 2020 parteciperà una Sara più grande, più consapevole e con la voglia di dare il proprio massimo. Mi sono tanto allenata per questo, e spero di riuscire nel mio obiettivo.
    In quale stile ti senti più forte?Gli stili in cui sono più forte sono sempre stati rana e dorso. Un nuotatore può diventare mistista perché i due stili principali, al centro della gara, sono quelli che poi ti permettono di fare risultato. Poi, delfino e stile libero sono quelli che, con gli anni e acquisendo più forza, ho perfezionato e migliorato, cimentandomi di conseguenza in tutti e quattro gli stili. Tuttavia, dorso e rana rimangono il mio pezzo forte.
    C’è un nuotatore o una nuotatrice fonte di ispirazione per te?Sicuramente Federica Pellegrini per la Nazionale Italiana. Ho avuto la possibilità di allenarmi con lei e, nonostante abbia 33 anni, Federica non molla mai un metro, è sempre lì a competere, a gareggiare anche in allenamento. Per questo, la ammiro molto, è un esempio da seguire.
    In che modo ti stai allenando attualmente? Hai già iniziato una preparazione particolare in vista di Tokyo 2020?Sì, l’ho già iniziata. Dopo gli Assoluti, sono stata ferma soltanto nei due giorni di Pasqua e Pasquetta, per poi subito ripartire con gli allenamenti. Le gare sono terminate sabato e già mercoledì siamo partiti e arrivati a Livigno per iniziare il collegiale in altura, che a noi nuotatori serve a riossigenare il sangue. Siamo ad alta quota, in montagna, e per due settimane e mezzo rimarrò qui. Dopodiché, a maggio parteciperò agli Europei di Budapest, e continuerò poi gli allenamenti a casa, nella vasca da 50 metri, in vista dell’Olimpiade che inizierà a fine luglio.
    Come ci si sente a rappresentare la propria nazione ad una competizione prestigiosa come le Olimpiadi?E’ veramente bellissimo. Noi della Nazionale Nuoto, poi, siamo un gruppo molto affiatato, unito, ci facciamo forza l’un l’altro anche in allenamento. Quando ho partecipato alle Universiadi nel 2019, a Napoli, gareggiare in Italia è stato veramente emozionante: avevi tutto il pubblico che tifava per te, un calore incredibile. Gli italiani, nonostante non potranno essere fisicamente presenti alle Olimpiadi quest’anno, faranno sicuramente un gran tifo da casa che arriverà e che sentiremo fino a Tokyo. LEGGI TUTTO

  • in

    Federica Pellegrini parla delle sue prime gare dopo il Covid-19

    Federica Pellegrini dopo essere guarita dal Covid-19, è tornata in vasca a Budapest. Considerando il periodo senza allenamenti, il bottino della nuotatrice italiana è più che positivo, 5° nei 200 dorso in vasca corta, 4° nella staffetta 4×100 stile libero donne, 7° nella mista e infine 4° nei 200 stile libero.

    Federica Pellegrini intervistata da Sky Sport, ha dichiarato: ” Sono super contenta. In primis per essere riuscita a raggiungere la mia squadra, anche se solo per l’ultimo match. Ne avevo bisogno per me e sentivo che anche loro ne avevano bisogno. Dopo tutto quello che mi è successo, mi sono buttata simbolicamente in acqua e non sapendo esattamente cosa potesse venirne fuori. Infatti ero agitata prima della prima gara, che poi era i 200 dorso, diciamo non esattamente la mia gara, quella che conosco così bene. Quando fai le visite mediche dopo essere guarita dal Covid, la prima cosa che ti dicono è ‘parti gradatamente’. Per cui non è che potessi buttarmi in acqua il primo giorno e spingere 8 km come se niente fosse, a parte che non ce l’avrei neanche fatta. Il dubbio più grosso che avevo in quei giorni era il fatto di avere strascichi sia a livello cardiaco che a livello polmonare”.
    Federica Pellegrini non allontana il pensiero delle Olimpiadi ma adesso la priorità è la salute: “In questo momento è logico che la priorità è la salute, a prescindere da quello che può essere l’Olimpiade o la vita di un atleta”. LEGGI TUTTO

  • in

    Nuoto: azzurri decimati dal Covid-19

    Il Covid-19 continua a lasciare il segno sul nuoto azzurro. Dopo la recente positività di Federica Pellegrini, l’elenco degli azzurri contagiati si allunga e non di poco. Fortunatamente tutti gli atleti sono asintomatici e nessuno di loro è in gravi condizioni. Paolo Barelli, Presidente della Federnuoto ha commentato la situazione attuale che sta attraversando il nuoto italiano: “Siamo molto dispiaciuti. I nuotatori nella collegiale di Livigno avevano fatto dei test prima di arrivare là ed erano tutti risultati negativi, però quando ti muovi e trovi qualcuno, è facile prendere il coronavirus. Questa è la realtà. Il paese è così, purtroppo. La Asl locale farà tutte le valutazioni del caso perché è una cosa che nasce lì sul posto, non è un fatto di piscina”.

    Nuoto, l’elenco degli atleti positivi
    In un comunicato diramato dalla Fin, compaiono i nomi dei nuotatori positivi al Coronavirus. Oltre alla Pellegrini, sulla nota si legge: “I tamponi di controllo effettuati nel corso del collegiale in svolgimento a Livigno hanno registrato la positività al Covid-19 di Federico Burdisso, Martina Rita Caramignoli, Gabriele Detti, Marco De Tullio, Stefano Di Cola, Sara Gailli, Edoardo Giorgetti, Matteo Lamberti, Alessio Proietti Colonna e Simona Quadarella”. Si precisa che “gli esami ai membri dello staff tecnico-sanitario hanno dato esito negativo”. LEGGI TUTTO

  • in

    Federica Pellegrini, Tokyo 2021: “Il traguardo è ben chiaro”

    L’organizzazione delle Olimpiadi di Tokyo 2021 è ancora incerta, ma i grandi campioni del mondo certamente non si fermano. Federica Pellegrini, la Divina del nuoto azzurro, ha ripreso gli allenamenti al Centro Federale di Verona ed ha rilasciato le sue ultime dichiarazioni a riguardo per Sky Sport. Inoltre, la campionessa è stata scelta proprio in questo periodo da Michelin come ambasciatrice di una campagna promozionale online avente lo slogan “Performance fatte per durare”. Nello spot si può notare il parallelismo fra la velocità dell’incredibile nuotatrice e dei motori.

    Federica Pellegrini: le dichiarazioni riguardo Tokyo 2021La Divina ha risposto alle domande di Sky Sport dicendo subito: “Il traguardo ce l’ho ben chiaro, arrivare alla mia quinta Olimpiade, ma in questo momento la parte più difficile per noi atleti è la programmazione. Per ora c’è solo una data certa, Tokyo appunto, ma mancano tutte le date intermedie, sono state cancellate tutte le gare del 2020. Ci hanno detto che torneremo a gareggiare solo nel 2021. Noi atleti aspettiamo di capire se si possano programmare alcuni eventi magari in autunno, sarebbero test importanti in base ai quali fissare i successivi cicli di lavoro“. Successivamente la Pellegrini ha spiegato un po’ come ha vissuto questo periodo del lockdown, specificando anche le difficili conseguenze: “È stato un periodo traumatico, per me come per tutti. Io per carattere sono già molto introspettiva e quindi direi che mi conosco bene. Certo, sono cambiate molte abitudini, alcuni progetti sono stati messi per forza in stand-by o rimandati, il mio delle Olimpiadi ma pure i programmi di chi fa altri lavori“.
    Ha proseguito poi chiarendo le sue sensazioni riguardo lo stop delle gare dicendo:”Psicologicamente è difficile allenarsi senza avere un obiettivo a breve termine. Pensare ad un anno e mezzo di soli allenamenti rischia di diventare un periodo davvero lungo. Per noi è troppo importante gareggiare, sentire l’adrenalina addosso, ascoltare il boato del pubblico. Anche solo la presentazione ufficiale prima di andare sul blocco di partenza è uno stimolo enorme che viene a mancare. Chiariamo bene, la mancanza di gare non è assolutamente un lamento, è un dato di fatto. Era fondamentale tornare in acqua e meno male che siamo riusciti a farlo. Sarebbe stato peggio non nuotare per 5 mesi!”. La campionessa ha anche sottolineato, come sempre, l’importanza della determinazione e della costanza nel suo sport ed ha aggiunto dichiarazioni anche riguardo il suo rapporto con il nuoto ed il suo futuro: “Il ruolo delle donne è un tema che ho affrontato da sempre. Nel nuoto devo pure dire che le donne sono al pari degli uomini, non ci sono differenze di salari o premi. Ho sempre detto che Tokyo resta il mio obiettivo finale ma devo pure tenere conto di avere 32 anni quando le mie avversarie ne hanno 17 e sono nel pieno della loro forza fisica. Non lascerò le gare perché non sopporto più il nuoto, anzi. L’acqua resterà sempre una parte importante per me, ma vorrei fare anche altro nella vita, fa parte del normale processo di evoluzione umana“.
    Federica Pellegrini ha voluto anche parlare dei lati positivi di questo periodo, ovvero:”L’aspetto positivo è che proprio in questa fase di grande difficoltà per l’intero Paese noi italiani ci siamo ritrovati molto più uniti come nazione, soprattutto all’inizio del lockdown. A livello pratico io avevo comprato i biglietti aerei e prenotato l’albergo per i miei genitori a Tokyo, magari si fanno un viaggetto in Giappone quest’estate da soli se si potrà ripartire!“.
    Cosa pensa Federica Pellegrini riguardo la partnership con la Michelin
    La Divina ha ironizzato molto durante l’intervista riguardo questo punto della sua carriera, ad esempio ha detto:”La velocità è una mia passione, a patto che non mi propongano un test. Io non ho la patente della moto, al limite sceglierei le quattro ruote e la Formula Uno“. E ancora: “ Diciamo che ho quattro ruote, due braccia e due gambe, ed una quinta ruota che me la sono sempre portata appresso: la mia determinazione”. La Pellegrini ha poi concluso sorridendo dicendo: “Spero che le mie gomme reggano fino a Tokyo 2021“.

    Le ultime dichiarazioni di Federica Pellegrini per il calcio e tutti gli altri sport. “Io non ho criticato il calcio! La mia era una provocazione bella e buona: non dimenticatevi che esistono anche gli altri sport. Ci hanno ascoltato, quindi posso dire che è stata un po’ come una nostra vittoria, ma non era un discorso a discapito del calcio, so quanto sia importante come traino economico. A livello sociale per i tifosi è importante che il campionato riprenda come magari i tifosi della pallavolo pensano lo stesso del loro sport. Diciamo che la difficoltà del calcio in questo momento è comune a tutti gli sport di squadra, è un dato di fatto purtroppo“. LEGGI TUTTO