consigliato per te

  • in

    Il Pagellone di Paolo Cozzi – Bruno ispiratissimo, Russell fuori forma

    Di Paolo Cozzi Settima giornata di Superlega con il big match fra Modena e Trento che cattura subito l’attenzione degli appassionati di pallavolo e evoca sfide epiche vissuti nell’ultimo decennio. Un bel test per una Leo Shoes PerkinElmer che è uscita sottotono da questo primo scorcio di stagione e ha bisogno al più presto di trovare certezze sotto rete. E Modena non delude: spinta dal calore del suo pubblico e dal gioco veloce di Bruno sfodera finalmente una prestazione convincente e può finalmente tornare a respirare dopo un avvio in apnea. Tutto facile anche per le altre due big, Civitanova e Perugia, che seppur impegnate fuori casa si liberano in tre agevoli set rispettivamente di una Vibo Valentia ancora alla ricerca della quadratura del cerchio e di una Ravenna che non deve certo cercare in queste gare i punti salvezza. Milano e Monza si rilanciano vincendo la prima in casa contro una Verona ormai in zona rossa (QUI LE PAGELLE DELLA GARA), la seconda spuntandola al tie break contro una Cisterna in crescita. Male, molto male Piacenza, che esce a testa bassa da Padova. Foto Lega Pallavolo Serie A VIBO-CIVITANOVA. Più facile del previsto la trasferta calabrese della Lube che, ancora senza Juantorena (ma c’era da attendersi che nell’anno post-olimpico avrebbe rallentato un po’), trova in Lucarelli (voto 8) il trascinatore di giornata insieme a Simon (voto 8,5), che chiude con un centello in attacco. Per Vibo è davvero notte fonda, ma mi auguro che il presidente Callipo non si faccia prendere dalla frenesia e tenga salda la guida di Baldovin. L’infortunio di Nishida (voto 5) desta timori sul breve, ma è sull’attacco che si addensano le nuvole maggiori. Saitta (voto 5) sembra la brutta copia del palleggiatore ammirato lo scorso anno, Mauricio Borges (voto 4,5) non riesce mai ad incidere e anche Douglas Souza (voto 5,5) è lontano da standard accettabili. RAVENNA-PERUGIA. Troppo forte la Sir, che si permette di dare spazio a tutta la rosa contro una Ravenna che può davvero poco. Se Leon (voto 7,5) è la solita garanzia, piace l’ingresso di Ter Horst (voto 8), che sfrutta bene l’occasione, e soprattutto quello di Travica (voto 8), che rimane un lusso per la panchina. In casa romagnola ancora tante difficoltà in ricezione, ma qualche debole segnale di miglioramento in attacco e muro, ma a parte Comparoni (voto 7) è notte fonda per tutti i ragazzi di Zanini. Foto Lega Pallavolo Serie A MODENA-TRENTO. Partita scaccia crisi per la squadra di Giani, che appoggiandosi ad un Bruno (voto 8) ispiratissimo regola in tre set una incerottata Itas. Pochi errori e, nonostante una ricezione in difficoltà, Nimir (voto 8,5) e Ngapeth (voto 8) fanno quello che vogliono quando chiamati in causa. Bene anche la coppia di centrali, pressoché perfetta in attacco. Per Trento due assenze pesanti che possono spiegare molte cose, ma una ricezione che sbanda così lascia comunque qualche spunto su cui riflettere. Michieletto (voto 8) mostra comunque la sua classe; faticano un po di più Cavuto (voto 5,5), soprattutto in ricezione, e il libero Zenger (voto 5). CISTERNA-MONZA. Una Vero Volley dai due volti si fa rimontare da Cisterna e vede lo spettro della sconfitta, prima del colpo di reni finale grazie ad uno Dzavoronok (voto 7,5) che nei momenti caldi si fa trovare pronto. Continua a sentirsi un ragazzino Grozer (voto 7,5) che sembra rinato alla corte di coach Eccheli. Chi buca il match è Grozdanov (voto 4,5) mai entrato in partita e in difficoltà in attacco e muro. È Dirlic (voto 8) l’uomo della svolta di Cisterna, ma piace molto anche la personalità del giovane Rinaldi (voto 7) davvero infermabile in attacco, anche se poi paga dazio con una ricezione da rivedere completamente. E sì che papà Pietro faceva il libero! Foto Lega Pallavolo Serie A PADOVA-PIACENZA. La Gas Sales Bluenergy parte forte, spinge sull’acceleratore, ma proprio in vista della bandiera a scacchi si inceppa e incappa in una sconfitta che fa male. Padova non è bellissima in attacco, ma ha pazienza, e alla fine grazie a Bottolo (voto 8) e Weber (voto 7,5) trova i grimaldelli per scardinare il muro piacentino. Bene anche Vitelli (voto 7), centrale sempre più utile e presente in questa Padova. Per Piacenza tanti dubbi e anche i primi segnali di tensione con i propri tifosi. L’attacco fatica e sbaglia molto, ma è la ricezione a sbandare paurosamente. Russell (voto 5) è ancora lontano dalla forma migliore, Rossard (voto 6) va un po’ meglio in attacco ma sprofonda in ricezione. In più la girandola di cambi a ogni partita toglie lucidità e precisione anche a un campione olimpico come Brizard (voto 5,5). LEGGI TUTTO

  • in

    Russell lancia Piacenza: “Possiamo arrivare nelle prime quattro, anzi tre”

    Di Redazione La sua Piacenza ha iniziato la stagione col piede giusto, ma lui, Aaron Russell, è ancora all’inseguimento della forma migliore. Colpa dei postumi dell’operazione all’anca a cui si è sottoposto sul finire della scorsa stagione che oltre a fargli saltare l’Olimpiade di Tokyo lo stanno condizionando ancora in questo inizio di campionato. “Fisicamente sto bene, ma qualche dolorino alla schiena lo sento ancora – racconta in un’intervista esclusiva rilasciata al collega Vincesco Bosco per la Libertà – So che devo ancora crescere per arrivare al top, ma adesso è importante farmi trovare pronto quando la squadra e il tecnico hanno bisogno di me”. Nelle cinque partite sin qui disputate dalla Gas Sales, Russell è andato a referto in tre: 4 punti nella maratona vinta contro Civitanova alla seconda giornata, uno contro Milano in quella successiva (anche questa vinta al tiebreak) e un altro contro Monza domenica scorsa. Proprio in terra brianzola è arrivato il primo stop per Piacenza, ed è stato di quelli che lasciano il segno (3-0): “Una sconfitta che deve servirci da lezione. Di sicuro non è stata la nostra giornata migliore, ma qualche occasione per rientrare in partita l’abbiamo avuta e non l’abbiamo sfruttata” ammette lo schiacciatore statunitense. Visto il valore del roster, non sarà però di certo uno stop, seppur netto, a condizionare il prosieguo della stagione. Anche perché a Piacenza il morale è alto e la consapevolezza di essere attrezzati per fare bene lo è altrettanto. “Penso che possiamo chiudere tra le prime quattro, anzi tra le prime tre – afferma con sicurezza Russell -. Chiudere bene il girone d’andata sarà determinante. Per riuscirci però dovremo giocare sempre al top perché questo è un campionato dove non ti puoi rilassare con nessuno”. (fonte: Libertà) LEGGI TUTTO

  • in

    Piacenza presenta Recine e Stern. Bernardi: “Giovani ma con grande potenziale”

    Di Redazione La Gas Sales Bluenergy Piacenza ha presentato questa mattina presso Pagani Geotechnical Equipment S.r.l. lo schiacciatore Francesco Recine, campione europeo con la Nazionale italiana, l’opposto Toncek Stern, vicecampione europeo con la Nazionale Slovena. Lorenzo Bernardi, Primo allenatore Gas Sales Bluenergy Volley Piacenza: “Con l’arrivo di questi due giocatori confermiamo l’idea della squadra che abbiamo fortemente voluto e pensato durante questi mesi. Toncek Stern, nonostante la giovane età, è un giocatore con grandi qualità ed esperienza sia nazionale che internazionale. Francesco Recine, è un giocatore che può dare grandissimo apporto al gruppo. Avevamo già notato il suo potenziale, vederlo giocare in Nazionale è stata una bella conferma. Ora manca solo il settimo uomo in campo, il pubblico! Non vediamo l’ora di tornare al palazzetto in piena presenza.” Francesco Recine, schiacciatore e neo campione europeo, ha parlato della sua esperienza con la Nazionale e dell’opportunità di poter giocare per Piacenza:“E’ stata una grande soddisfazione aver vinto la medaglia d’oro, la prima in assoluto per me. E sono entusiasta di giocare qui a Piacenza. Per me è una grande opportunità per poter crescere come giocatore. La squadra è seria e ambiziosa e spero di dare il mio contributo al gruppo. I miei compagni di reparto hanno molta più esperienza di me e spero di imparare molto da loro. Sono figlio d’arte ma i miei genitori non hanno mai fatto pressioni per seguire la loro strada.” Toncek Stern, classe ’95, vicecampione d’Europa: “Per me è il quarto anno in Italia e sono molto felice di poter giocare a Piacenza. Il nostro roster è composto da giocatori molto forti, per me è una grande opportunità e porto il mio talento sperando di potermi ritagliare il mio spazio. Giocare con Francesco (Recine ndr) come compagno di squadra sarà più bello che averlo come avversario”. Lo statunitense Aaron Russell torna in Italia dopo l’infortunio della scorsa stagione, al suo secondo anno a Piacenza: “Ho lavorato tutta l’estate per poter ritornare in campo, fisicamente mi sento bene. Ho voglia di scendere in campo e dare il meglio.” Presentati inoltre altri due componenti dello staff biancorosso: Paolo Zambolin, scoutman con una carriera trentennale nella pallavolo a livello di club nazionali e internazionali e il Dottor Carlo Segalini, volto noto dello sport piacentino. Dottor Carlo Segalini, medico sportivo: “Sono un grande appassionato di sport e arrivo dal mondo del calcio, ma non ho potuto dire di no alla chiamata di Hristo Zlatanov. Il mondo del volley è una bella sfida per me” Paolo Zambolin, scoutman: “Sono molto contento di essere ritornato in Italia dopo molte esperienze all’estero. Quest’anno abbiamo uno staff di alto livello con il quale speriamo di regalare grandi soddisfazioni.” (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Gas Sales Bluenergy Piacenza, si rivede in palestra Aaron Russell

    Di Redazione La Gas Sales Bluenergy Piacenza riabbraccia Aaron Russell: lo schiacciatore statunitense è tornato al PalaBanca, dove si è subito concesso alla prima foto di rito per salutare i tifosi. La società aveva annunciato che il giocatore si sarebbe presentato in ritardo rispetto ai compagni di squadra (al lavoro dal 23 agosto) per problemi burocratici legati al visto, ma fortunatamente i tempi sono stati piuttosto brevi. Russell si metterà ora al lavoro per il completo recupero fisico, dopo aver saltato la parte finale della scorsa stagione e l’intera estate con la nazionale a causa di un intervento chirurgico all’anca. (fonte: Facebook Gas Sales Bluenergy Piacenza) LEGGI TUTTO

  • in

    La Gas Sales Bluenergy torna al lavoro il 23 agosto, ma senza Russell

    Di Redazione La città di Piacenza accoglie i primi componenti del gruppo squadra della Gas Sales Bluenergy: dopo una lunga attesa finalmente è tutto pronto. La squadra emiliana ha fissato per lunedì 23 agosto alle 9 il raduno del nuovo roster per la stagione 2021-22 al PalaBanca. In rispetto dei protocolli indetti dalla Fipav e dalle norme vigenti contro il Covid-19, gli atleti verranno sottoposti a test ed esami clinici e le prime attività si svolgeranno a porte chiuse. Coach Lorenzo Bernardi e il suo staff avranno a disposizione otto componenti del roster: i centrali Alessandro Tondo, Edoardo Caneschi, Enrico Cester e Maxwell Holt, il palleggiatore Pierre Pujol, gli schiacciatori Thibault Rossard e Oleg Antonov, infine, il libero Leonardo Scanferla. Lo schiacciatore Aaron Russell, per questioni burocratiche legate al visto, al momento si trova negli USA e si unirà al team in un secondo momento. La restante parte del gruppo squadra sarà impegnato con le rispettive nazionali in vista dei Campionati Europei e dei Mondiali Under 21. (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Aaron Russell vestirà ancora la maglia di Piacenza: “Non vedo l’ora di tornare”

    Di Redazione Arriva la prima importante conferma nel roster di Gas Sales Bluenergy Volley Piacenza: Aaron Russell vestirà ancora biancorosso. Lo schiacciatore americano anche nella prossima stagione proseguirà la sua avventura in SuperLega Credem Banca con la maglia dei piacentini per il secondo anno consecutivo. Con i suoi colpi e la sua classe Russell ha fatto vedere tutte le sue grandi doti da attaccante, facendo innamorare fin da subito la tifoseria piacentina. L’americano, che nella stagione 2020/2021 ha vestito la maglia numero 2, è stato uno dei principali punti di riferimento del gioco dei biancorossi. In Italia dal 2015, il martello classe’93 ha collezionato in questa stagione 29 presenze tra campionato, Del Monte Coppa Italia e Play Off, con 106 set disputati e ben 426 punti realizzati, di cui 24 ace e 31 muri. In attesa di tornare sul taraflex della SuperLega, Russell ci tiene a mandare un saluto a tutti i tifosi che in questi mesi non gli hanno mai fatto mancare messaggi e sostegno e si dice pronto a tornare in Italia in vista della prossima stagione: “Ci tengo a ringraziare innanzitutto tutti i tifosi biancorossi che in questo periodo mi hanno sempre fatto sentire il loro affetto e supporto. I loro messaggi mi hanno fatto molto piacere. Non vedo l’ora di tornare a Piacenza e spero davvero di poterli rivedere presto al PalaBanca a tifare per noi”. Ad aprile Russell ha fatto ritorno negli Stati Uniti per sottoporsi a un intervento chirurgico per la risoluzione definitiva del problema all’anca che lo ha condizionato nel finale di stagione. Ora, lo schiacciatore sta svolgendo un percorso personalizzato sempre negli States per il pieno recupero della condizione fisica in vista del prossimo campionato. (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Piacenza, Elisabetta Curti: “Organico quasi completo. Ci serve un centrale italiano di spessore”

    Di Redazione Procede a spron battuto la campagna acquisti della Gas Sales Bluenergy Piacenza in vista del prossimo campionato di Superlega. La squadra, come ha dichiarato la Presidente Elisabetta Curti nell’intervista rilasciata al quotidiano Libertà, è quasi fatta, al 6+1 manca solo all’appello un centrale di spessore, possibilmente italiano e sempre un posto tre straniero (in lizza c’è l’americano Max Holt) da inserire nella rosa. Presidente a che punto è il mercato della Gas Sales Bluenergy? «Direi a buon punto. L’organico è quasi completo, dobbiamo colmare la lacuna dei centrali ma ci stiamo lavorando e contiamo nei prossimi giorni di chiudere anche questo discorso. Cester è già arrivato, arriveranno ancora un italiano e uno straniero ma non è così semplice trovare i giocatori giusti perché di italiani nel ruolo ce ne sono pochi e ogni anno il mercato è più complicato. A noi serve un italiano di spessore, speriamo di poter decidere velocemente». La squadra è più forte rispetto a quella della scorsa stagione? «Sicuramente sì, l’obiettivo era migliorarci e credo che sia stato un buon lavoro da coach Bernardi, da Zlatanov e dal nostro direttore sportivo Binaghi sotto la regia di Bongiorni. Una squadra quella che sta nascendo ben ponderata. Ogni decisione è stata presa di comune accordo partendo dalle richieste e suggerimenti del tecnico. Bernardi, ad esempio, crede tantissimo nella diagonale Brizard-Lagumdzija, giocatori giovani, carichi. Non voglio sbilanciarmi ma spero, anzi credo che sarà una bella stagione spumeggiante, siamo migliorati». Qualcuno nell’ambiente dice che avete avuto fretta a prendere il palleggiatore visto che poi Giannelli e Sbertoli sono andati sui mercato… «Col senno del poi si fa davvero poco. Logico che nessuno si aspettava quanto è poi successo a Trento, io dico solo che siamo contentissimi di essere riusciti a tesserare un regista come Brizard, non è stato facile. Era molto corteggiato, abbiamo giocato d’anticipo e siamo riusciti a portarlo a Piacenza, pensi che dopo neppure quindici giorni che aveva firmato con noi già alcune società ci hanno chiesto di cederglielo». Lunedì prossimo Alberto Polo sarà ascoltato dal Tribunale antidoping dopo essere stato sospeso dall’inizio di aprile per essere stato trovato positivo a un controllo: che cosa si aspetta? «In tutto questo periodo siamo sempre stati vicino a lui, abbiamo sempre creduto nella sua buona fede e continuiamo a farlo. Credo e spero che sia giusto valutare il caso singolo, attendiamo la sentenza». Aaron Russell è la grande incognita… «La sua è una situazione molto particolare, dopo l’operazione all’anca sta lavorando sodo per riprendersi in fretta. L’ho sentito pochi giorni fa, ha già iniziato ad allenarsi con la palla senza però saltare. Non ha più dolore, è monitorato quotidianamente dallo staff medico della nazionale americana, lo aspettiamo a braccia aperte anche se sappiamo bene che all’inizio non potrà essere al meglio». Obiettivo per questa stagione? «Migliorare quanto fatto la scorsa… diciamo arrivare alle semifinali scudetto».  LEGGI TUTTO

  • in

    Russell: “Sta nascendo una bella squadra per poter vincere qualcosa”

    Di Redazione Notizia proprio di ieri sera l’ufficialità dell’acquisto da parte della Gas Sales Bluenergy Piacenza della “sorpresa” di questa Superlega appena andata in archivio, il bomber turco Adis Lagumdzija. Società emiliana che, anche con il nuovo regista francese Vrizard non nasconde certo gli obiettivi della prossima stagione, senza dimenticare che c’è anche un certo Aaron Russell ora “fermo ai box” che si è sottoposto a metà aprile ad un intervento chirurgico (perfettamente riuscito) per la risoluzione definitiva del problema all’anca che lo ha condizionato in questo finale di stagione. Questa l’intervista allo schiacciatore effettuata dalla Libertà: “Sto bene, ho iniziato a camminare già più che bene, sono felice di potermi finalmente muovere ed essere più mobile, piano piano aumenta la forza”. Le Olimpiadi inizieranno tra poco. “E per me sono molto meno vicine. C’erano delle scelte da fare e le scelte sono state fatte. Vorrei spingere e provare ad esserci a Tokyo ma se spingo troppo c’è il rischio che mi faccio male e butti all’aria quanto fatto fino ad ora per recuperare dopo l’intervento. Quindi prima di pensare alla partecipazione alle Olimpiadi metto prima il focus sul mio miglioramento”. Sulla Gas Sales del 2021/2022 il classe ’93 non si nasconde: “Seguo tutto da qui e vedo nascere una bella squadra. Credo chela società stia lavorando al meglio per allestire una squadra con tante armi per potere provare a vincere qualcosa nella prossima stagione. Dobbiamo imparare dalle esperienze fattela scorsa stagione e utilizzare queste esperienze per migliorare e andare avanti”. Che voto dai alla stagione che si è appena conclusa? “Tutto sommato e considerato quanto è successo darei una sufficienza piena, un sei e mezzo. Abbiamo risposto bene ai cambi della squadra che per un motivo o per l’altro durante la stagione ci sono stati, ma è innegabile chele nostre prestazioni siano state troppo altalenanti. Abbiamo lasciato per strada qualche punto di troppo e soprattutto importante, come ho detto dobbiamo imparare dalle esperienze vissute nella scorsa stagione per fare meglio nella prossima“. LEGGI TUTTO