consigliato per te

  • in

    Adrian Mannarino conquista Astana: la stagione dorata del Tennista Francese prosegue con un altro titolo ATP

    Adrian Mannarino nella foto

    Adrian Mannarino, 34 anni, continua a vivere la miglior stagione della sua carriera in una fase già avanzata di età. Il francese, attualmente al 34° posto nel ranking mondiale ma con un’ascesa garantita di 11 posizioni da dopodomani, ha conquistato questo martedì il quarto titolo della carriera e il secondo della sua stagione nell’ATP 250 di Astana, in Kazakistan.
    Il tennista francese si è imposto in finale sull’americano Sebastian Korda, 28° del ranking mondiale, con il punteggio di 4-6, 6-3 6-2, recuperando da uno svantaggio di un set e break nel secondo parziale.
    Mannarino è riuscito a “rompere” il gioco dell’americano con il suo tennis astuto, confermando l’ottimo momento che sta vivendo. Nonostante la sconfitta, anche Korda salirà nel ranking, raggiungendo la 26° posizione mondiale.
    ATP 250 Astana (Kazakistan) – Finali, cemento (al coperto)

    Center Court – Ora italiana: 09:00 (ora locale: 1:00 pm)1. [4] Mate Pavic / John Peers vs [2] Nathaniel Lammons / Jackson Withrow ATP Astana Mate Pavic / John Peers [4]66 Nathaniel Lammons / Jackson Withrow [2]77 Vincitore: Lammons / Withrow ServizioSvolgimentoSet 2Tiebreak0*-0 0-1* 0-2* 1*-2 2*-2 3-2* 3-3* 4*-3 df 4*-4 4-5* 4-6* 5*-6 6*-6 7-6* 7-7* 7*-86-6 → 6-7N. Lammons / Withrow 15-0 30-0 40-06-5 → 6-6M. Pavic / Peers 15-0 15-15 30-15 40-15 ace 40-30 ace5-5 → 6-5N. Lammons / Withrow 0-15 15-15 30-15 30-30 40-30 40-405-4 → 5-5M. Pavic / Peers 15-0 30-0 40-04-4 → 5-4N. Lammons / Withrow 15-0 30-0 40-0 ace4-3 → 4-4M. Pavic / Peers 0-15 15-15 30-15 30-30 40-303-3 → 4-3N. Lammons / Withrow30-40 15-0 30-0 30-15 40-153-2 → 3-3M. Pavic / Peers 15-0 15-30 df 30-30 40-302-2 → 3-2N. Lammons / Withrow 15-0 30-0 ace 40-0 40-15 df2-1 → 2-2M. Pavic / Peers 0-15 15-30 30-30 40-30 40-401-1 → 2-1N. Lammons / Withrow 0-15 15-15 30-15 ace 40-151-0 → 1-1M. Pavic / Peers 15-0 15-15 30-15 40-15 40-300-0 → 1-0ServizioSvolgimentoSet 1Tiebreak0-0* 0*-1 1*-1 1-2* 1-3* 1*-4 2*-4 3-4* 3-5* 3*-6 4*-66-6 → 6-7M. Pavic / Peers 15-0 15-15 30-15 40-15 40-305-6 → 6-6N. Lammons / Withrow 15-0 30-0 40-0 40-155-5 → 5-6M. Pavic / Peers 15-0 30-0 40-04-5 → 5-5N. Lammons / Withrow 0-15 15-15 40-154-4 → 4-5M. Pavic / Peers 0-15 df 0-30 15-30 30-30 ace3-4 → 4-4N. Lammons / Withrow 0-15 15-15 15-30 30-30 40-303-3 → 3-4M. Pavic / Peers 15-0 15-15 30-15 40-15 40-30 ace2-3 → 3-3N. Lammons / Withrow 15-0 30-0 40-0 ace2-2 → 2-3M. Pavic / Peers 15-0 30-0 40-0 40-15 df1-2 → 2-2N. Lammons / Withrow 15-0 30-0 30-15 40-151-1 → 1-2M. Pavic / Peers0-1 → 1-1N. Lammons / Withrow 0-15 df 15-15 30-15 40-15 40-300-0 → 0-1

    2. [5] Sebastian Korda vs [6] Adrian Mannarino (non prima ore: 11:30)ATP Astana Sebastian Korda [5]632 Adrian Mannarino [6]466 Vincitore: Mannarino ServizioSvolgimentoSet 3A. Mannarino 0-15 df 15-15 30-15 40-15 40-30 40-40 A-402-5 → 2-6S. Korda 0-15 0-30 15-302-4 → 2-5A. Mannarino 15-0 15-15 30-15 40-15 40-30 df2-3 → 2-4S. Korda 0-15 15-15 30-15 30-30 40-30 ace 40-40 A-40 ace1-3 → 2-3A. Mannarino 0-15 15-15 30-15 ace 40-15 40-301-2 → 1-3S. Korda 0-15 0-30 0-401-1 → 1-2A. Mannarino 0-15 15-15 30-15 30-30 30-40 40-40 A-40 ace1-0 → 1-1S. Korda 0-15 0-30 df 15-30 30-30 40-300-0 → 1-0ServizioSvolgimentoSet 2A. Mannarino 0-15 15-15 30-15 30-30 40-303-5 → 3-6S. Korda 15-0 15-15 30-15 30-30 40-30 40-40 A-40 40-40 df 40-A3-4 → 3-5A. Mannarino 0-15 15-15 30-15 40-153-3 → 3-4S. Korda 0-15 0-30 15-40 30-403-2 → 3-3A. Mannarino 0-15 15-15 30-15 40-153-1 → 3-2S. Korda 15-0 15-15 30-15 40-15 ace2-1 → 3-1A. Mannarino 15-0 15-15 30-15 30-30 df 40-30 40-40 40-A 40-40 A-40 40-40 A-40 40-40 df 40-A df1-1 → 2-1S. Korda 15-0 30-0 30-15 40-150-1 → 1-1A. Mannarino 15-0 30-0 40-0 ace0-0 → 0-1ServizioSvolgimentoSet 1S. Korda 15-0 30-0 30-15 40-155-4 → 6-4A. Mannarino 0-15 0-30 15-30 15-404-4 → 5-4S. Korda 30-0 40-0 ace3-4 → 4-4A. Mannarino 15-0 30-0 40-0 ace 40-153-3 → 3-4S. Korda 0-15 15-15 30-15 40-152-3 → 3-3A. Mannarino 15-0 30-0 30-15 40-152-2 → 2-3S. Korda 15-0 ace 15-15 15-30 30-30 40-301-2 → 2-2A. Mannarino 15-0 15-15 df 30-15 30-30 40-301-1 → 1-2S. Korda 0-15 0-30 15-30 15-40 30-40 ace 40-40 A-400-1 → 1-1A. Mannarino 15-0 30-0 30-15 df 30-30 40-30 ace0-0 → 0-1 LEGGI TUTTO

  • in

    La lunga assenza di Sebastian Korda dal circuito ATP continua, salta anche l’ATP 250 dell’Estoril

    Sebastian Korda nella foto – Foto Getty Images

    Nel mese di gennaio, il tennista statunitense Sebastian Korda aveva entusiasmato con delle bellissime prestazioni. Dopo essere arrivato in finale ad Adelaida, mettendo in difficoltà il grande Novak Djokovic e raggiungendo i quarti di finale degli Australian Open 2023, dove ha sconfitto con autorità Daniil Medvedev, Korda ha subito una brutta battuta d’arresto a causa di un infortunio al polso.
    A distanza di oltre due mesi dall’ultimo torneo ATP disputato, la situazione del giovane tennista americano continua a preoccupare gli appassionati. Nonostante le aspettative, Korda non sarà presente neanche al prossimo torneo ATP Estoril 2023, dove era considerato uno dei principali protagonisti e dove avrebbe dovuto fare il suo ritorno in campo sul rosso.
    Al momento, il prossimo appuntamento in programma per Korda è il prestigioso Masters 1000 di Montecarlo, ma il suo ritorno alle competizioni sembra ancora incerto. Prima dell’infortunio, l’americano si era affermato come una delle principali minacce del circuito, grazie alle sue ottime prestazioni e alla sua grinta in campo. LEGGI TUTTO

  • in

    David Goffin resterà fermo per tutto l’intero mese di Marzo. Ritorno in campo all’inizio della stagione su terra. Anche Sebastian Korda dovrà saltare dei tornei

    David Goffin nella foto – Foto Getty Images

    Cattive notizie per David Goffin e l’infortunio subito nel suo ultimo torneo, l’ATP 250 di Marsiglia. Lì non è stato in grado di competere nei quarti di finale contro Mikael Ymer, lasciando una sensazione di preoccupazione per il suo ginocchio sinistro.Infine, oggi abbiamo appreso che la sua riabilitazione lo farà perdere l’intero mese di marzo, fissando la sua data di ritorno per l’inizio della stagione su terra battuta, in primavera.
    Sebastián Korda sta attraversando un momento complicato. Dopo un magnifico Open d’Australia che si è concluso nel peggiore dei modi per lui, con il ritiro durante i quarti di finale contro Karen Khachanov a causa di problemi al polso destro, l’americano continua a non riprendersi e ha dovuto rinunciare anche ai tornei di Acapulco e Indian Wells. Nonostante ciò, Korda ha l’obiettivo di partecipare al torneo di Miami e, secondo il giornalista Ben Rothenberg, sta svolgendo un duro lavoro di allenamento fisico per sfruttare al meglio questo periodo in cui non ha potuto utilizzare la racchetta. LEGGI TUTTO

  • in

    La diversità dei tennisti USA. Gilbert: “I nuovi giovani sono tutti diversi. Finalmente…”

    Sebastian Korda a Melbourne (foto Getty Images)

    La novità più interessante degli ultimi Australian Open è stata certamente il ritorno del tennis a stelle strisce. Alla fine il titolo è andato al più forte, Novak Djokovic, ma è indubbio che gli statunitensi dopo anni di vacche magrissime sono tornati protagonisti. Tommy Paul è giunto in semifinale, due giovani come Korda e il sorprendente Shelton nei quarti. Nonostante il deludente torneo di Taylor Fritz, considerato da molti alla vigilia uno dei possibili “underdog”, i tennisti americani hanno confermato la crescita generale del loro movimento che, anche a livello di quantità, è tornato ad essere importante. Nel ranking ATP di questa settimana infatti c’è un top10 (Fritz), altri due top20 (Tiafoe e Paul) e in totale ben 10 nei primi 50. Ancor più interessante il dato se rapportato all’età dei top50: eccetto il super veterano Isner (37 anni), gli altri sono tutti al massimo 25enni. 
    Oltre all’ottimo numero di giocatori a stelle e strisce nei piani alti della classifica, quello che è interessante sottolineare è la diversità degli stessi giocatori. Tutti tennisti piuttosto offensivi, dotati di un tennis aggressivo alla ricerca del punto vincente, ma con caratteristiche tecniche e peculiarità assai diversificate. Si va infatti dal gioco a tutto campo di Fritz a quello più estemporaneo di Tiafoe, continuando con la progressione di Paul, pulizia d’impatto ed eleganti geometrie di Korda, la continue variazioni “sotto ritmo” di Brooksby, la potenza dirompente di Shelton, la fantasia di Wolf, il super servizio di Opelka, la capacità difensiva e pressing di Nakashima. C’è davvero un po’ di tutto e questo non è affatto scontato per il tennis USA. Uno dei principali “problemi” che ha afflitto le ultime generazioni di giocatori statunitensi è stato proprio la mancanza di diversità, l’aver perseguito un solo modello di gioco: gran fisico, servizio potente e diritto pesante su palla alta. Stop. Un idealtipo che ha certamente funzionato qualche lustro addietro, quando il tennis si stava spostando verso un gioco sempre più aggressivo e di pressione da fondo campo, ma non più sufficiente dal nuovo millennio, quando i migliori giocatori al mondo sono diventati via via sempre più completi, rapidi, flessibili e pronti a passare da difesa ad attacco con un bagaglio tecnico mediamente piuttosto evoluto. Non è un caso da molti anni il tennis di vertice è Europa-centrico: tennisti cresciuti con scuole più reattive al cambiamento, con l’ausilio del tennis sul “rosso” che permette da giovanissimi di affinare meglio la tecnica dovendo affrontare situazioni di gioco meno uguali rispetto ai campi rapidi; con maestri e accademie che hanno maggiormente assecondato le peculiarità di ogni ragazzo, invece di forzarne la direzione tecnica verso un solo modello. Tutti tendono all’efficacia più che alla fantasia, ma lasciando comunque spazio alla differenziazione. Del resto, è la differenza e l’unicità che creano un crack. Un vantaggio competitivo.
    Proprio questo ha parlato Brad Gilbert, ex top10 poi coach e oggi stimato analista di tennistv. Il californiano ha confermato le parole di Shelton in merito alla sua capacità di giocare molto bene anche su terra battuta, e che mediamente i giovani tennisti statunitensi arrivati nei piani alti del ranking hanno un tennis più completo, moderno e soprattutto vario tra di loro.
    “Dopo molti anni, credo che nel 2023 e da qua in avanti potremo (tennis statunitense) fare bene anche in Europa in primavera sulla terra battuta. Prendiamo per esempio Ben: con quel servizio esplosivo, la sua forza nelle gambe e il suo movimento eccellente da fondo campo, Shelton potrebbe essere molto interessante sulla terra battuta”. afferma Gilbert.
    “Sono sicuro di una cosa, e non da oggi: i tennisti americani non sarebbero tornati ai vertici della disciplina finché non fossero diventati abbastanza bravi sulla terra battuta. Non è un discorso di vincere i tornei lì, ma per la qualità del gioco espresso. Troppi dei nostri ragazzi erano solo un servizio e un dritto. Da anni questo non basta più. Ora molti dei nostri ragazzi sono più atletici, quindi possono fare più cose. La cosa bella dei giocatori USA attuali è che giocano tutti in modo diverso. Non sono lo stesso tipo di giocatore, ed è interessante osservarli”.
    “Abbiamo avuto un lungo periodo in cui i nostri ragazzi hanno saltato quasi del tutto la stagione sulla terra battuta”, conclude Brad. “Diversi anni fa avevi forse uno o due ragazzi nei tabelloni dei maggiori tornei in Europa, erano exploit isolati. Credo che nessuno di loro si sentirà solo quest’anno, avrà altri connazionali in gara”.
    Un punto di vista interessante che conferma in pieno la nostra visione. Il tennis si è spostato sempre più verso atleti migliori, con poche debolezze importanti e capaci di rendere lungo tutto l’arco dell’anno. Per tornare ai vertici, anche il “gigante” USA ha dovuto rimboccarsi le maniche e studiare il lavoro fatto (bene) in Spagna, Italia, Francia, nelle migliori accademie e centri di allenamento di alto livello europei. Vedremo se in questa nuova generazione a stelle e strisce ci sarà finalmente un campione Slam, manca da venti anni (Andy Roddick – US Open 2003). Oltre a Fritz, è molto probabile che già alla fine di questa stagione altri tennisti statunitensi siano in top10 o a ridosso, e soprattutto protagonisti nei massimi appuntamenti.
    Marco Mazzoni LEGGI TUTTO

  • in

    Le delusioni della stagione maschile 2022

    Daniil Medvedev, da n.2 a n.7 di fine anno

    Carlos Alcaraz, Rafael Nadal, Novak Djokovic. Questo il podio dei migliori giocatori del 2022. È indubbio che i tre grandi protagonisti della stagione appena andata in archivio sono il fenomenale nuovo n.1 al mondo, l’inossidabile campione maiorchino arrivato a 22 Slam e il serbo, che pur giocando “poco” per i noti problemi ha dominato Wimbledon e chiuso la stagione da vincitore alle Finals. Non è questo tuttavia l’approfondimento sui tre leader stagionali e su chi sia stato il migliore dei tre. Puntiamo invece la lente sulle delusioni del 2022, i giocatori che rispetto al proprio potenziale non hanno convinto, giocando al di sotto delle attese con poche vittorie, magari perdendo pure posizioni nel ranking ATP di fine anno rispetto allo scorso gennaio. Purtroppo anche nel 2022 ne troviamo diversi, e di importanti.

    Daniil Medvedev
    Può forse sembrare ingeneroso mettere in cima alla lista delle delusioni uno che ha toccato la prima posizione del ranking mondiale nella stagione, ma considerare positiva l’annata di Daniil Medvedev sarebbe un’offesa al suo talento e potenziale. Ha vinto due tornei, Vienna e Los Cabos, ma in questi eventi non ha affrontato nemmeno un top10. Qua casca l’asino… Il moscovita infatti quest’anno contro i migliori ha stentato assai. A parte l’Australian Open di gennaio, non ha più battuto uno tra i migliori 10 al mondo per il resto della stagione. Ha giocato un Roland Garros e soprattutto un US Open modesto, a chiusura di un’estate sul cemento nord americano mediocre, assai al di sotto delle aspettative. Ha delle scusanti: il problema alla schiena con la piccola operazione, e pure il non aver potuto giocare a Wimbledon per le note faccende belliche. Tuttavia la sensazione è che qualcosa in lui si sia rotto o almeno guastato con la terribile sconfitta agli Australian Open in finale, rimontato da Nadal. Daniil aveva la partita in pugno, saldamente al comando. È stato a una manciata di game dal secondo Slam in carriera. Per un suo momento di distrazione/follia nel terzo set ha avuto un calo, ha rimesso in corsa l’altro, e se lo trascini alla lotta feroce punto su punto, non lo batti più. Quel tarlo gli è rimasto, perché troppe volte in stagione, anche contro avversari assai meno quotati e attrezzati, nella lotta si è perso. Esempio lampante le sue ATP Finals: indoor il suo tennis fa faville, a Torino lo scorso novembre ha perso i suoi tre match, lotte, occasioni buttate. Poche volte è rimasto focalizzato sul proprio servizio, spesso è sembrato anche confuso su come giocare. Molti avversari hanno capito come giocargli contro, ma Daniil c’ha messo certamente del suo, non ottenendo assolutamente risultati in linea con il suo valore. Chiude il 2022 da n.7, l’aveva iniziato da n.2.

    Denis Shapovalov
    Niente di nuovo sul fronte canadese. E pensare che a Melbourne aveva illuso, con un torneo finalmente di una certa consistenza. Nessuna novità tecnica, fuochi d’artificio a go go, ma meno pallate sparacchiate via e una prima di servizio più continua. Aveva vinto battaglie nei primi turni e brillato contro Zverev negli ottavi, quindi ha ceduto contro Nadal in cinque tirati set nei quarti. Si ipotizzava un passo in avanti. Ennesima delusione. Shapo “Sciupovalov” ha ricominciato ad avvitarsi su stesso, perdendo alcune partite incredibili (vedi la semifinale a Dubai vs. Vesely, o contro Harris a Miami) e continuando a restare nel limbo del talento inespresso. Eccetto l’interessante parentesi di Roma (quarti di finale), dalla primavera all’estate ha inanellato una serie terribile di sconfitte, incluse quelle dolorose a Wimbledon (aveva fatto semifinale nel 2021) e al suo open del Canada, dove ha ceduto di schianto contro De Minaur. Dopo un match durissimo perso a New York contro Rublev (altro psicodramma, per entrambi), è volato in Asia dove ha ritrovato un barlume di efficacia, sprecando a Seoul la chance di vincere il secondo titolo in carriera, superato da un Nishioka che ha avuto solo il merito di tenerla in campo e lasciar sbagliare l’altro. A Vienna è tornato in finale, stavolta battuto da un discreto Medvedev. Shapovalov va per i 24 anni, ma di passi in avanti dal punto di vista mentale, della gestione dello stress nel match e della lucidità in campo non se ne vedono. I rivali corrono, il rischio è quello di restare solo il miglior highlights-maker del tour.

    Sebastian Korda
    Se non ci fosse stato il mese di ottobre, la sua stagione sarebbe stata davvero grigia e negativa. L’avevamo apprezzato alle NextGen Finals 2021 battagliare a viso aperto contro la “furia” Alcaraz, portando in campo un tennis di un’eleganza superiore. L’eleganza è rimasta, ma la consistenza? Il figlio di Petr promette molto, ma nel 2022 ha stentato terribilmente nel fare un salto di qualità, più agonistico che tecnico. Non gli manca molto, alla palla del “tu”, serve bene, forse la risposta è ancora non al livello del resto del suo bagaglio di gioco, ma è soprattutto nelle fasi caldi che “Sebi” è mancato. Ha perso troppe volte nel terzo set, troppi tiebreak, subendo più la personalità dei rivali che il loro gioco. Questo è un aspetto cruciale, che pone seri dubbi sulla sua futura evoluzione. Il lato agonistico non è per niente facile da allenare. Mentre “Shapo” scappa dalla lotta tirando a tutta e non pensando affatto, forse Korda pensa fin troppo ma diventa lento e attendista, e questo lo pone in condizione perdente contro avversari volitivi. È ancora giovane come tennis, quella 2022 è stata la sua prima vera annata completa sul tour, ma c’erano ben altre attese su di lui, come su Jenson Brooksy, altro statunitense che rientra a pieno tra le delusioni del 2022 con motivazioni piuttosto simili. Broosky si è scontrato contro avversari che non si sono fatti incantare dai suoi giochi di prestigio; Korda invece è mancato nell’imporre la sua personalità.

    Alsan Karatsev
    Il “ciclone” russo dopo un 2021 straordinario, soprattutto nella prima parte dell’anno, nel 2022 si è come eclissato, perdendo quella furia e intensità che l’avevano issato tra i migliori 15 al mondo. Ha toccato a febbraio il proprio best (14), forte di un successo a Sydney nella sua “amata” Australia, poi si è perso per strada, inanellando una quindicina di tornei di fila con sconfitte al primo o secondo turno. Tanti errori non forzati, servizio meno stabile, quel tennista che ti travolgeva con una velocità di piedi pazzesca e colpi a tratti straordinari è rimasto un ricordo. Ha chiuso l’anno con sole 17 vittorie e 29 sconfitte, al n.59. Se perderà i 250 punti di Sydney a inizio 2023 con un pessimo risultato uscirà addirittura dai 100. Possibile che la sua pazzesca annata 2021 resti quella della classica meteora. Peccato, perché di tennis ne ha mostrato, e anche parecchio.

    Cristian Garin
    Il 26enne cileno è stato uno dei “gamberi” del 2022: iniziato l’anno da n.17 (il suo best ranking) ha chiuso la stagione al n.85. È stato pure sfortunato, poiché il suo miglior torneo è stato Wimbledon (quarti, battuto da Kyrgios), quindi non ha ottenuto i punti conquistati sul campo per la nota questione legata ai tennisti russi e la ritorsione dell’ATP contro i Championships. Ha giocato non al meglio sull’amato rosso, alternando qualche buona prestazione e momenti di vuoto. Si era pure preso qualche settimana di pausa perché totalmente deluso dal proprio livello di gioco. Non è un campione, ma un tennista solido, uno che devi battere. Nel 2022 sembra aver perso la convinzione nei propri mezzi.

    Ugo Humbert
    9 vittorie e 21 sconfitte, passando dal n.35 di inizio stagione all’attuale n.86. Questo il magrissimo bottino del mancino di Metz, che nell’anno dei suoi 24 aspettavamo a ben altri risultati dopo la buona crescita mostrata nella scorsa stagione. Ha un tennis complicato, leggero, non può prescindere dal miglior servizio e da tanta fiducia per rischiare le sue giocate. Pare proprio averla persa per strada, vista la brutta serie di sconfitte nelle quali è incappato. Fino a Wimbledon non aveva mai vinto due partite di fila… Proprio sui prati più nobili si è preso almeno la soddisfazione di battere Ruud. È rimasta la sua unica gioia fino a settembre, quando ha vinto al Challenger di Rennes, dove tuttavia il miglior avversario sconfitto era il n,150 al mondo (l’olandese Brouwer). Davvero una miseria per un tennista estaticamente delizioso e con un certo talento.

    Marco Mazzoni LEGGI TUTTO

  • in

    ATP 250 Metz: un ottimo Sonego supera Korda, è in semifinale

    Lorenzo Sonego

    Uno dei migliori Lorenzo Sonego del 2022 vola in campo nei quarti di finale all’ATP 250 di Metz e sconfigge in due set Sebastian Korda. 6-4 6-4 lo score conclusivo, giusto un break per set, senza mai cedere il servizio, risultato finale ampiamente meritato di un’ottima prestazione. Oggi tutto ha funzionato piuttosto bene nel tennis del piemontese, a partire dal servizio che gli ha regalato punti importantissimi, soprattutto nella fase centrale del secondo set, quando Korda è (finalmente) salito di livello ed ha messo molta pressione all’azzurro. Ma il gap tra Lorenzo e Sebastian oggi è stato soprattutto nell’intensità di gioco, nella spinta, nella velocità in campo e nella copertura dello stesso. Pur dando ampi meriti all’azzurro, è corretto sottolineare come oggi Korda sia stato l’immagine sbiadita di quel fantastico costruttore di tennis geometrico ammirato contro Musetti. Ha servito così così “Sebi”, soprattutto ha commesso troppi errori in costruzione e non è quasi mai riuscito a tenere fermo in campo Sonego, inchiodandolo con le sue accelerazioni ben in difesa. Lorenzo oggi è stato bravo a spingere col diritto, ma soprattutto bravissimo a contenere in difesa le accelerazioni del rivale che, non così rapido e aggressivo, ha finito per sbagliare l’affondo dopo due o tre rimesse dell’azzurro. Un po’ lento, di piedi e di pensiero, Korda, ha avuto una fiammata di qualità solo nel secondo set, ha ma ceduto un turno di servizio che gli è stato fatale. Nel primo set il break a Sonego è stato quasi “gentilmente offerto”, ma nel secondo invece è stato Lorenzo ad andare a prenderselo, sulla spinta dell’ottimo game salvato al servizio nel turno precedente. Non è ancora il Sonego eccezionale ammirato nel 2021, ma questa versione del piemontese ha una vitalità, intensità e coraggio molto interessante. Al prossimo turno avrà un avversario molto complicato, Hurkacz probabilmente, ma giocando con la sua grinta, con questa velocità e con un servizio finalmente ritrovato, di sicuro Lorenzo non lascerà nulla di intentato e ci proverà. È questo il Sonego che ci piace, e che vince, cogliendo le opportunità.

    La cronaca dell’incontro
    Il match inizia con Korda al servizio. La prima scossa è sull’1 pari. L’americano incappa in un pessimo game, a zero concede il break a Sonego, con un classico non forzato di rovescio. Molto lento coi piedi Sebastian in quest’avvio. Lorenzo gioca solido, non fa niente di incredibile ma facendo scambiare Korda raccoglie i cocci degli errori del “figlio d’arte”. 3-1 Sonego. Va sotto ancora 15-30 lo statunitense, molto rapido ad entrare in campo il piemontese, ma stavolta Korda alza il ritmo, cerca l’affondo con precisione e resta in scia sotto 3-2. Sonego serve bene, nei propri primi 3 turni ha ceduto solo tre punti, molto sicuro, per il 4-2. La differenza nella sua prestazione rispetto a Korda in quest’avvio è di energia, intensità, rapidità nell’aggredire la palla. Lorenzo va a servire per il primo set sul 5-4. Cede il primo 15, dopo uno lunghissimo scambio nel quale è rimasto inchiodato sul rovescio. Si riscatta col servizio, quindi si butta a rete ed è graziato da un passante dell’americano che non passa la rete, quasi a campo aperto. Un errore banale di rovescio in scambio condanna “Sonny” al 30 pari. Con una bella prima di servizio al corpo si procura il primo set point sul 40-30. Sonego spinge col diritto e conquista il punto… anzi no, la verifica del rimbalzo della difesa di Korda costringe Lorenzo a rigiocare il punto. Gioca lo stesso schema, spinge forte sul rovescio di Sebastian, che spara in rete. 6-3 Sonego, un set meritato, ottimo al servizio ha difeso senza patemi il break conquistato.
    Secondo set, Korda serve per primo. Con un buon game si porta 1-0. Più laborioso il primo game dell’azzurro, ma tiene il turno di battuta. Funziona bene lo schema servizio sul rovescio, passo avanti e via affondo col diritto per Lorenzo. S’inventa anche una bella smorzata che gli vale il 2 pari. Avanti 3-2, Korda trova finalmente un game molto efficace in risposta. Spinge, avanza, com una volée elegante e perfetta si porta 15-40, ha le sue prime palle break. Lorenzo cancella prima chance con una botta di servizio al centro. Altra solida prima palla, ancora al T, la risposta arriva a malapena alla rete. Tira un sospiro di sollievo Gipo Arbino in tribuna, con altre due prime (incluso un Ace!), Lorenzo vince 4 punti di fila, di fatto senza far iniziare lo scambio, per il 3 pari. Caldissimo il braccio di Sonego in questa fase, con un diritto splendido pizzica la riga sul 30 pari, ecco la prima palla break per scappare via nel secondo set. Regge in difesa Lorenzo, rincorre, ed è Korda a sbagliare col rovescio. 4-3 e servizio avanti Sonego, e due passi dalla semifinale a Metz. Korda è con le spalle al muro, ha uno scatto violento in risposta e si porta 0-30. Si butta avanti con coraggio il torinese per non lasciare spazio all’iniziativa del figlio di Petr. Ok il primo attacco, quindi incassa un grave errore di Korda, un rovescio passante tutt’altro che impossibile. Si arrampica nel cielo con lo smash Lorenzo, e con un’altra bella prima al centro Sonego tira su un altro game complicato, volando avanti 5-3. Korda sembra non crederci più, commette un altro erroraccio e quindi subisce una smorzata (ben eseguita) da Sonego. È 15-30, a due punti dal match l’azzurro. Con un’altra difesa splendida, coprendo benissimo il campo e tenendo col diritto in corsa, Lorenzo ha il primo match point sul 30-40. Niente prima “in” per Korda… ma spinge l’americano e cancella la prima chance per l’azzurro. Resta in vita nel match l’americano, Sonego serve per chiudere sul 5-4. Inizia alla grande, Ace, quindi comanda lo scambio col diritto, 30-0. Il quinto Ace dell’incontro lo porta a 40-0, altri 3 match point. Basta il primo, con un diritto vincente lungo linea da sinistra lascia fermo il rivale. Splendida prestazione per Lorenzo, che torna in semifinale in un torneo ATP. Aspetta il vincente di Hurkacz – Rinderknech. Un match nel quale partirà sfavorito, ma con questo impeto e rapidità in campo, certamente si giocherà le sue chance. Bravo Lorenzo!
    Marco Mazzoni

    ATP Metz Lorenzo Sonego66 Sebastian Korda44 Vincitore: Sonego ServizioSvolgimentoSet 2L. Sonego 15-0 ace 30-0 40-0 ace5-4 → 6-4S. Korda 0-15 15-15 15-30 30-30 30-40 40-40 A-405-3 → 5-4L. Sonego 0-15 0-30 15-30 30-30 40-304-3 → 5-3S. Korda 0-15 0-30 15-30 30-30 30-403-3 → 4-3L. Sonego 15-0 15-15 15-30 15-40 30-40 40-40 A-40 ace2-3 → 3-3S. Korda 0-15 15-15 30-15 40-15 40-302-2 → 2-3L. Sonego 0-15 15-15 30-15 40-151-2 → 2-2S. Korda 15-0 15-15 30-15 40-151-1 → 1-2L. Sonego 15-0 ace 30-0 30-15 40-15 40-30 40-40 A-400-1 → 1-1S. Korda 0-15 15-15 30-15 40-15 40-300-0 → 0-1ServizioSvolgimentoSet 1L. Sonego 15-15 30-15 30-30 40-305-4 → 6-4S. Korda 0-15 15-15 30-15 40-15 40-305-3 → 5-4L. Sonego 15-0 15-15 30-15 40-154-3 → 5-3S. Korda 15-0 15-15 30-15 30-30 40-304-2 → 4-3L. Sonego 15-0 30-0 30-15 40-153-2 → 4-2S. Korda 15-0 15-15 15-30 30-30 ace 40-303-1 → 3-2L. Sonego 0-15 15-15 30-15 ace 40-152-1 → 3-1S. Korda 0-15 0-30 0-401-1 → 2-1L. Sonego 0-15 15-15 30-15 40-150-1 → 1-1S. Korda0-0 → 0-1
    5 ACES 20 DOUBLE FAULTS 037/57 (65%) FIRST SERVE 37/57 (65%)30/37 (81%)1ST SERVE POINTS WON 26/37 (70%)12/20 (60%) 2ND SERVE POINTS WON 9/20 (45%)2/2 (100%) BREAK POINTS SAVED 1/3 (33%)10SERVICE GAMES PLAYED 1011/37 (30%) 1ST SERVE RETURN POINTS WON 7/37 (19%)11/20 (55%) 2ND SERVE RETURN POINTS WON 8/20 (40%)2/3 (67%) BREAK POINTS CONVERTED 0/2 (0%)10 RETURN GAMES PLAYED 1042/57 (74%) SERVICE POINTS WON 35/57 (61%)22/57 (39%) RETURN POINTS WON 15/57 (26%)64/114 (56%) TOTAL POINTS WON 50/114 (44%) LEGGI TUTTO