consigliato per te

  • in

    MotoGp: Zarco operato per sindrome compartimentale, correrà ad Austin

    ROMA – Johann Zarco si è sottoposto a un intervento chirurgico al braccio destro per risolvere i problemi dettati dalla sindrome compartimentale. Il pilota francese, che nella stagione 2021 di MotoGp aveva cominciato benissimo, aveva visto peggiorare i suoi risultati nelle ultime tappe, anche a causa del problema fisico per cui è stato operato. Visti i tempi di recupero molto brevi, Zarco riuscirà con tutta probabilità a essere presente nel Gran Premio delle Americhe, in programma nei primissimi giorni di ottobre sul circuito di Austin.
    Le parole di Zarco
    Qualche giorno fa, Zarco aveva parlato del suo modo di affrontare problemi come la sindrome compartimentale: “I ragazzini che si operano appena hanno dolore secondo me sono frettolosi. Serve fare esami approfonditi, non è una cosa intelligente operarsi appena si ha dolore, perché potrebbe anche essere solamente un problema di rilassamento mentale con una nuova moto. Con le moto a 4 tempi non si fa più tanta percorrenza e si tende a usare più forza, ma la forza ha un limite. E se ti alleni di più fai diventare troppo grosso il muscolo e questo poi va a bloccare un nervo, che non fa passare il sangue e si sente il dolore”. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Bagnaia e il titolo: “Difficile ma non impossibile”

    ROMA – Francesco Bagnaia non vuole smettere di credere al Mondiale finché l’aritmetica lo consentirà. Dopo le due vittorie tra Aragon e Misano, ‘Pecco’ si è sbloccato in top class e punta quel Fabio Quartararo che appare però ancora lontano a pochi Gp dal termine: “Il nostro obiettivo è quello di fare sempre meglio, difficile fare meglio del primo posto. Abbiamo guadagnato poco su Fabio, che è arrivato secondo, ma meglio di così non potevamo fare. Vogliamo restargli davanti, si vedrà cosa accadrà. Mancano 4 gare, è difficile ma non impossibile, quindi ci proveremo”, le sue parole. 
    Verso Austin
    Sul prossimo Gran Premio negli Stati Uniti si sente fiducioso: “Ad Austin penso che Marquez sarà fortissimo, ma anche Miller e le Suzuki – ammette a Sky Sport -. Lì ho fatto nel 2019 la mia prima Top 10 in MotoGP. La nostra moto si adatta bene a questa pista, vedremo. Penso però che sarà Marc l’uomo da battere. Quartararo non pensa al Mondiale, ma gara dopo gara. E’ giusto che sia così. Lo facevo anche io nel 2018 quando ho vinto in Moto2, solo una volta ci ho pensato e ho finito 12°. L’unica mossa è quella di spingere sempre. Dobbiamo essere dei degni avversari”.  LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Quartararo: “Prima giornata di test positiva”

    ROMA – Fabio Quartararo arriva soddisfatto al termine della prima giornata di test della MotoGp a Misano Adriatico. Il leader della classifica piloti si è detto abbastanza soddisfatto delle primissime impressioni sul prototipo della Yamaha per il 2022, guidato per la prima volta sulla pista romagnola. “Non è stata una giornata molto impegnativa, volevo fare più giri, ma la squadra mi ha detto di stare tranquillo per un po’ – ha detto il francese -. Complessivamente è stata comunque una giornata positiva. L’obiettivo principale era quello di guidare la moto prototipo 2022 per la prima volta. L’unica cosa che posso dire è che la prima impressione è buona. Sono abbastanza contento e non vedo l’ora di tornare in sella”. 
    Il commento di Morbidelli
    Anche Franco Morbidelli ha parlato dopo la prima giornata a Misano: “Oggi abbiamo avuto la possibilità di fare circa 30 giri, ho potuto apprezzare di più la moto e migliorare un po’ il mio feeling. Abbiamo fatto qualche passo avanti. Naturalmente, non abbiamo fatto molti giri per risparmiare un po’ la gamba. Era dolorante dopo la gara. Ora stiamo cercando di gestire questi due giorni di test senza sconvolgerla troppo. Oggi è andata così: sono stato in grado di migliorare il mio feeling senza stressare troppo la gamba, quindi sono contento”. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Quartararo: “La prima impressione con la moto 2022 è buona”

    ROMA – “Non è stata una giornata molto impegnativa, volevo fare più giri, ma la squadra mi ha detto di stare tranquillo per un po’. Complessivamente è stata comunque una giornata positiva. L’obiettivo principale era quello di guidare la moto prototipo 2022 per la prima volta. L’unica cosa che posso dire è che la prima impressione è buona. Sono abbastanza contento e non vedo l’ora di tornare in sella”. Queste le parole di Fabio Quartararo dopo la prima giornata di test della MotoGp a Misano Adriatico, arrivati subito dopo il Gran Premio di San Marino vinto da Pecco Bagnaia. Il leader della classifica piloti si è detto abbastanza soddisfatto delle primissime impressioni sul prototipo della Yamaha per il 2022, guidato per la prima volta sulla pista romagnola.
    Le parole di Morbidelli
    Anche Franco Morbidelli ha parlato dopo la prima giornata a Misano: “Oggi abbiamo avuto la possibilità di fare circa 30 giri, ho potuto apprezzare di più la moto e migliorare un po’ il mio feeling. Abbiamo fatto qualche passo avanti. Naturalmente, non abbiamo fatto molti giri per risparmiare un po’ la gamba. Era dolorante dopo la gara. Ora stiamo cercando di gestire questi due giorni di test senza sconvolgerla troppo. Oggi è andata così: sono stato in grado di migliorare il mio feeling senza stressare troppo la gamba, quindi sono contento”. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Ciabatti: “Speriamo di diventare come la Ferrari in Formula 1”

    ROMA – La Ducati cavalca l’onda dell’entusiasmo dopo il doppio successo di Francesco Bagnaia tra Aragon e Misano. La casa di Borgo Panigale punta ad alzare l’asticella anche e soprattutto in vista del futuro. Innegabile la gioia del direttore sportivo, Paolo Ciabatti: “Siamo un costruttore abbastanza piccolo che investe molto in tecnologia e questi risultati sono molto importanti – ammette -, a Misano c’erano molti tifosi sugli spalti vestiti di giallo perché era la penultima gara che Rossi correva in Italia, ma speriamo che il prossimo anno quel giallo si trasformi in rosso perché Pecco è un pilota dell’accademia di Valentino, è un giovane pilota italiano e guida la Ducati, una moto italiana. Speriamo che in futuro Ducati e Bagnaia siano in MotoGp quello che la Ferrari è in F1“.
    Ciabatti su Valentino Rossi
    In questi giorni è stato proprio Bagnaia a essere designato da qualcuno come l’erede di Valentino Rossi, prossimo al ritiro dalla MotoGp: “Il nuovo Rossi non esiste, perché Valentino è campione da più di vent’anni – ammette Ciabatti in un’intervista ai microfoni di ‘As’ -. La popolarità di questo sport è cresciuta grazie anche a lui. Penso che ci sia un solo Valentino Rossi e non ce ne saranno altri. È un personaggio come Michael Jordan. Ce ne sono tanti che sono bravissimi a basket, ma di Jordan ce n’è solo uno“. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Ciabatti: “Vogliamo essere ciò che è la Ferrari in Formula 1”

    ROMA – La Ducati non si pone limiti e cavalca l’onda dell’entusiasmo. Il doppio successo di Francesco Bagnaia tra Aragon e Misano spinge la casa di Borgo Panigale ad alzare l’asticella anche e soprattutto in vista del futuro. Innegabile la gioia del direttore sportivo, Paolo Ciabatti: “Siamo un costruttore abbastanza piccolo che investe molto in tecnologia e questi risultati sono molto importanti – ammette -, a Misano c’erano molti tifosi sugli spalti vestiti di giallo perché era la penultima gara che Rossi correva in Italia, ma speriamo che il prossimo anno quel giallo si trasformi in rosso perché Pecco è un pilota dell’accademia di Valentino, è un giovane pilota italiano e guida la Ducati, una moto italiana. Speriamo che in futuro Ducati e Bagnaia siano in MotoGp quello che la Ferrari è in F1“.
    Il nuovo Rossi
    In questi giorni è stato proprio Bagnaia a essere designato da qualcuno come l’erede di Valentino Rossi, prossimo al ritiro dalla MotoGp: “Il nuovo Rossi non esiste, perché Valentino è campione da più di vent’anni – ammette Ciabatti in un’intervista ai microfoni di ‘As’ -. La popolarità di questo sport è cresciuta grazie anche a lui. Penso che ci sia un solo Valentino Rossi e non ce ne saranno altri. È un personaggio come Michael Jordan. Ce ne sono tanti che sono bravissimi a basket, ma di Jordan ce n’è solo uno“. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Lorenzo: “Sarà difficile trovare un altro pilota come Rossi”

    ROMA – I grandi campioni del passato rendono omaggio a colui che ha scritto numerosi capitoli della MotoGp. A partire da Jorge Lorenzo che in un incontro con la stampa ha speso parole di assoluta stima per Valentino Rossi: “È triste perché a livello di personalità è stato il più carismatico della storia. Sarà difficile trovare un altro pilota così. Non dico che sarà impossibile, ma sarà davvero complicato per la gente che muoveva. Ha fatto davvero bene al motociclismo”, ha dichiarato l’ex pilota spagnolo. 
    Le parole di Lorenzo
    Tuttavia, Lorenzo si dice d’accordo sulla scelta di Rossi di lasciare le due ruote visti i risultati recenti: “Ma era un momento che doveva arrivare – conferma – perché è arrivato per tutti i grandi dello sport, come Jordan o Alì o Maradona. È qualcosa di inevitabile. Quando si invecchia si perdono alcune facoltà e a Valentino è successo questo. Ha dovuto prendere questa decisione perché anno dopo anno era sempre più evidente. Se invidio che diventerà papà? No, sinceramente no. Sembra molto motivato a correre in auto, sono sicuro che si divertirà“, LEGGI TUTTO