consigliato per te

  • in

    Cisterna: Soli e l’ex Zingel pronti per la sfida di Verona

    CISTERNA – Dopo il turno di riposo per la fase finale di Supercoppa la Top Volley Cisterna è tornata in campo per preparare la gara di domenica pomeriggio. I ragazzi di coach Soli sono chiamati a riscattare una partenza con il freno a mano tirato, dopo la doppia sconfitta in campionato prima a Perugia e poi in casa contro Padova. L’appuntamento è per domenica al Pala Olimpia, ospiti della Verona Volley, con inizio alle 15,30.
    PARLA SOLI – “Una squadra che sa fare bene le cose semplici – spiega l’allenatore della Top Volley, Fabio Soli – questo è il punto di forza dei nostri avversari, unito alla fisicità dei propri giocatori e a un talento di livello internazionale come Mozic, che ha già dimostrato in queste primissime uscite di essere un giocatore che anche contro grandi squadre e i tanti centimetri degli avversari, è riuscito a fare volume in termine di punti e di percentuale di attacco”.
    L’EX ZINGEL – Nelle fila di Cisterna scenderà in campo Aidan Zingel, con un passato in forza alla compagine scaligera. Uno stimolo in più per il centrale australiano molto legato alla città e soprattutto alla tifoseria. “Non è la prima volta che torno da avversario a Verona – queste le parole di Aidan Zingel – ed è sempre emozionante come la prima volta. Ho tanti bei ricordi e belle relazioni con la tifoseria e il pubblico. Sicuramente la partita sarà una battaglia testa a testa, perché loro stanno giocando ad alto livello e sono anche una squadra giovane e molto fisica. Dovremmo affrontarla con pazienza sapendo che ci saranno tanti scambi lunghi”.

    Sostieni Volleyball.it

    Articolo precedenteModena: Stankovic e Van Garderen presentano il debutto al PalaPanini contro Vibo ValentiaArticolo successivoKorea F.: Con 33 punti di Bedart-Ghani le Hyundai E&C si portano in testa alla classifica LEGGI TUTTO

  • in

    Modena: Stankovic e Van Garderen presentano il debutto al PalaPanini contro Vibo Valentia

    Stankovic e Van Garderen

    MODENA – Nel corso di una conferenza stampa in vista del ritorno in campo programmato per sabato sera contro Vibo Valentia, il debutto stagionale del club al palaPanini, queste le parole del centrale di Modena Dragan Stankovic: “Come sto? Dopo 10 giorni di preoccupazione ieri abbiamo visto che sto migliorando e ho fatto una parte di allenamento, oggi ne farò un po’ di più con la speranza di esserci per sabato. Vibo? L’anno scorso ha fatto bene e quest’anno ha fatto un passo avanti ulteriore come squadra. Ha tanti giocatori di esperienza e conosciuti, un gruppo nuovo che ha sicuramente bisogno di arrivare al potenziale massimo, ma in questo momento dobbiamo preoccuparci della nostra squadra. Stiamo lavorando, sabato sarà un vero test contro una squadra che scenderà in campo con la voglia di dare tutto, come noi”.
    “Come sarà ritrovare il PalaPanini? C’è tantissima voglia da parte di tutti, dopo un anno di partite senza pubblico – spiega Maarten Van Garderen -, inoltre queste tre settimane di soli allenamenti sono state toste e non vediamo l’ora di tornare a giocare sabato, con i tifosi. Sarà un bell’inizio, affascinante, contro una squadra ostica, che tirerà a tutto braccio, ma noi dobbiamo pensare solo a Modena, se giochiamo come sappiamo le cose andranno alla grande”.

    Sostieni Volleyball.it

    Articolo precedenteSiena. Ufficiale, Paolo Montagnani nuovo coach LEGGI TUTTO

  • in

    Siena. Ufficiale, Paolo Montagnani nuovo coach

    Paolo Montagnani
    SIENA – E’ ufficiale, Paolo Montagnani firma con la Emma Villas Aubay Siena. Il tecnico livornese sostituisce Lorenzo Tubertini alla guida della formazione biancoblu.Classe 1968, per tantissime stagioni si è seduto sulle panchine della massima serie e della serie A2. Dagli esordi con Latina e poi Pineto fino all’ultima stagione a Santa Croce, passando da Taranto, Padova, Città di Castello, Molfetta, Tuscania e Livorno, con anche due esperienze all’estero (Giappone e Polonia).A Siena ritrova in squadra Pinelli, Ottaviani e Sorgente conosciuti durante le stagioni in terra laziale.Queste le prime parole del nuovo tecnico della Emma Villlas: “Finalmente dopo tante battaglie vissute da avversario sarò l’allenatore di Siena. Se prima facevo di tutto per battere la Emma Villas ora farò di tutto per battere le altre squadre. So che la situazione che troverò non è facile, indubbiamente non è l’inizio che si aspettava questa società: tre partite senza neanche un set vinto possono creare grandi insicurezze nei giocatori. Tutta la nostra concentrazione sarà nel ritrovare certezze, nuove sicurezze ma soprattutto mettere in campo una squadra organizzata già per la trasferta di questa domenica. Tutte le mie energie sono volte al prossimo match contro Mondovì.” LEGGI TUTTO

  • in

    Pineto. Arriva il palleggiatore Martinelli da Ravenna

    PINETO – Nuovo rinforzo per l’ABBA Pineto Volley. Arriva dalla Consar Ravenna il palleggiatore Riccardo Martinelli. Veronese, il giovane palleggiatore arriva alla corte di mister Rovinelli per sostituire Giacomo Leoni che continua il suo percorso riabilitativo alla caviglia.Classe 2002, 206 centimetri di altezza, Martinelli nella scorsa stagione è stato nel giro della prima squadra romagnola in Superlega giocando contemporaneamente con la serie B. Queste le sue prime parole: “Sono felice dell’occasione che mi è stata presentata e cercherò di sfruttarla al meglio. Sono stato accolto molto bene dalla società e con la squadra mi trovo molto bene, siamo carichi e daremo sempre tutto per raggiungere il nostro obiettivo. 

    Sostieni Volleyball.it

    Articolo precedenteVoglia di Volley: Diego Mosna e la Trento che verràArticolo successivoCatania: In arrivo l’albanese Kejda Kodra? LEGGI TUTTO

  • in

    Televisione: Questa sera Paola Egonu conduce “Le Iene”

    MILANO – Tornano le Iene e raddoppiano con due puntate a settimana. Il martedì resta l’appuntamento con le nuove conduttrici (questa volta tocca a Paola Enogu) in studio con Nicola Savino e la Gialappa’s Band, il venerdì si alterneranno invece alla conduzione il trio composto da Giulo Golia, Filippo Roma e Matteo Viviani e quello di Nina Palmieri, Roberta Rei e Veronica Ruggeri. Sempre in prima serata su Italia1.“Sono grata per quest’opportunità che mi permetterà di scoprire un mondo completamente diverso dal mio. Sono sicura di poter imparare molto da questa esperienza a cui prenderò parte con l’intento di divertirmi, in pieno spirito Iena!”, dice la campionessa di pallavolo Paola Egonu che debutta alla conduzione di un programma tv questa sera.Tantissimi i servizi nella puntata, come sempre. Tra questi, l’intervista a Valentino Rossi dopo la sua ultima gara in Italia di MotoGp a Misano.

    Sostieni Volleyball.it

    Articolo precedenteScandicci: CEV, c’è un caso Antropovova? E’ stata tesserata o non tesserata da club russi? LEGGI TUTTO

  • in

    Scandicci: CEV, c’è un caso Antropovova? E’ stata tesserata o non tesserata da club russi?

    Antropova con la maglia russa (2017, collegiale U16), Sassuolo e Scandicci

    SCANDICCI – C’è davvero un caso Antropova nella Savino del Bene Scandicci? Sotto l’aspetto del primo tesseramento nella pallavolo l’opposta è italiana o russa?Nel club toscano che l’ha in organico da questa stagione manifestano tranquillità e dicono che il problema non esiste anche se alla presentazione delle liste delle giocatrici in CEV per la Challenge Cup si è acceso un “alert” al fianco della giocatrice. La ragazza, nel database della confederazione europea, pare risulti atleta di tesseramento russo, quindi straniera per il club italiano. Un problema di poco conto se il club dovesse utilizzarla solo in Europa, ma determinante nell’ambito del campionato femminile visto che la stessa è stata acquistata da Sassuolo (il club l’aveva opzionata da tempo) anche perché “italiana” di tesseramento.
    LA LISTA DEL 2017 – Il motivo del conflitto sul database CEV nasce dalla presenza della giovane giocatrice in una prelista presentata dalla Federazione russa per l’Europeo Under16 del 2017. Torneo che la Russia perse in finale contro l’Italia di coach D’Aniello, ma nella lista delle 12 che presero parte al torneo Antropova non era presente.  Dopo pochi giorni di collegiale venne lasciata andare (direttamente per Italia) per sua espressa richiesta.
    Antropova con la divisa russa quando per pochi giorni ha fatto parte del gruppone allargato di Under 16 della Russia del 2017
    A SASSUOLO – Una presenza che ora costringe l’ambizioso club toscano a dover produrre nuove carte per dimostrare la sua “italianità” in senso meramente sportivo come sostenuto anche dai dirigenti di Sassuolo che proprio nel 2018 l’hanno registrata nelle liste FIPAV come “primo tesseramento”: “Antropova è arrivata da noi a Sassuolo nel 2017 perché il suo patrigno, medico sportivo, ortopedico del Leningrado di pallavolo femminile e dello Zenit San Pietroburgo – dice Carmelo Borruto patron del Sassuolo e della sua Accademy – voleva che la figlia avesse un futuro pallavolistico in Italia e non in Russia e proprio per questa visione che avevano in famiglia i genitori non l’hanno mai fatta tesserare prima”.
    LA LETTERA – “Per poterla tesserare da italiana ho dovuto seguire un iter lungo un intero anno, è sportivamente italiana dal 2018. Per fare tutto doveva avere residenza in Italia e specificare le motivazioni della sua presenza. Nel 2017 arrivò a 14 anni per giocare a pallavolo appoggiandosi a me e a Gianni Caprara. Noi chiedemmo subito il via libera alla Federazione Russa che produsse un documento in originale in cui certificava che la ragazza non era mai stata tesserata e questo documento è arrivato in Fipav. Ci sono le dichiarazioni dei genitori e della Federvolley russa che lo certificano in originale”  spiega Borruto. “Conosco bene la vicenda tanto che io ero il suo tutore legale, la ragazza era sotto la mia responsabilità”.
    SOLO CON LE SCUOLE – “Lei ha fatto parte di Scuole dello Sport nelle quali si fa nuoto, scherma, pallavolo, ma non sono da intendersi come società, non ha mai preso parte a campionati. Non ha mai fatto attività di club, ma solo attività scolastica” ribadisce Borruto. Anche da altre parti vicine all’atleta – l’opposta è seguita dalla Gold Sport di Modena – si minimizza il problema. Se il problema esiste sanno già come risolverlo?
    SCANDICCI TEMPOREGGIA – Il club toscano si dice fiducioso. Sandra Leoncini, consigliere del Club spiega:  “Stiamo verificando se l’inghippo esiste. Il problema nasce dalla nostra presentazione della liste delle nostre atlete in CEV che ha fatto accendere una luce rossa alla Cev a cui risulta una partecipazione ad un torneo a cui la ragazza non è mai stata. Stiamo producendo alla Cev tutto il necessario per dimostrare che la ragazza non ha mai preso parte a questo torneo Under16 della nazionale. E’ stata in collegiale solo 3 giorni, senza però mai essere stata tesserata, è una questione meramente burocratica.
    STOP CAUTELATIVO – “Domenica scorsa? A dire la verità non l’abbiamo messa a referto a scopo meramente cautelativo. Abbiamo reputato che in una partita come quella potevamo affrontarla anche senza Kate, aspettando che si possa far luce su questa vicenda”.
    QUESTIONE DI GIORNI – “Tempi non ce ne hanno dati – prosegue la dirigente di Scandicci –, ci hanno fatto sapere che nel giro di qualche giorni ci faranno sapere. Noi l’abbiamo ingaggiata come italiana, colpevoli? Sicuramente no, ma come si dice a casa nostra ‘la colpa muore fanciulla’. A noi interessa avere l’atleta a disposizione e possibilmente italiana che è comunque un plus per un’atleta che ha un valore, russa o italiana, indiscutibile”.
    INTANTO…  CORTEGGIAMENTI RUSSI 2021– In ogni caso questa estate, quattro anni dopo quel collegiale del 2017 – dove la quattordicenne vesti per qualche giorno. icolori e le divise russe , la Russia l’ha corteggiata con la proposta di andare a vestire la maglia della nazionale di Busato, sognando una squadra con due talenti dal futuro (e presente) certo: Antropova e Fedorovtseva insieme. Dalla giocatrice (e dalla famiglia della ragazza) è arrivata però una risposta negativa.
    NIENTE AZZURRO – Giocatrice di interesse e livello internazionale, 18 anni compiuti a marzo, nelle passate stagioni non è mai entrata nelle grazie delle nazionali giovanili azzurre perché nonostante il dichiarato primo tesseramento da italiana non lo era come nazionalità non avendo ancora il passaporto italiano e non potendo richiederlo perché la madre risiedeva in Italia con un permesso temporaneo per motivi di studio il ché non costituiva in alcun modo motivo per acquisire lo stato di residente. LEGGI TUTTO

  • in

    A1 Femminile: I commenti al termine dei match della 4. giornata

    MODENA – I commenti a fine match della quarta giornata di andata di A1 Femminile
    Volley Bergamo 1991 – Megabox Ondulati Del Savio Vallefoglia 3-1Fabio Bonafede (coach Vallefoglia): “Non abbiamo avuto un approccio iniziale all’altezza della situazione, da parte nostra dobbiamo capire che siamo in A1 e che dobbiamo reggere la pressione che, in partite del genere, si vive nei palasport. Bergamo ha fatto la sua partita ed ha portato a casa meritatamente la vittoria, e noi non abbiamo scuse o alibi di nessun tipo. Comunque, ho trovato strano che ci abbiano fischiato una decina di invasioni e un fallo di formazione”.
    Reale Mutua Fenera Chieri ’76-Unet E-Work Busto Arsizio 3-0Camilla Weitzel (Chieri):  “Sono davvero contenta per la squadra. Dal risultato la partita sembra a senso unico ma in realtà abbiamo dovuto lottare duramente in tutti i tre set. Che bello vincere nuovamente davanti al pubblico di casa, sono molto felice per le mie compagne”.Lucia Bosetti (Chieri): “Ci aspettavamo un Chieri così forte, l’ha dimostrato lo scorso campionato e in casa soprattutto: le giocatrici hanno dei riferimenti importanti in questo palazzetto dove non è semplice giocare. Complimenti a loro perché hanno preparato veramente bene la partita. Noi dobbiamo sistemare le cose che non sono andate stasera, che sono tante, ma noi non siamo queste”.
    Bartoccini-Fortinfissi Perugia – Acqua & Sapone Roma Volley Club 3-0Anastasia Guerra (Perugia): “Sono veramente super contenta di questa gara, siamo riuscite a mettere in campo quello che avevamo preparato durante la settimana ed il risultato si è visto. Spero che questo ci dia uno slancio un più anche per il morale visto che i risultati delle partite non hanno reso giustizia al vero valore della squadra. Dobbiamo ancora lavorare sul saper gestire i cali di tensione che purtroppo ogni tanto ci capitano ma sono sicura che col tempo riusciremo a gestire al meglio anche quelle situazioni”.Agnese Cecconello (Roma): “Non è stata una bella partita. Per noi è ancora dura riprenderci dalla sconfitta infrasettimanale contro Casalmaggiore, ma dobbiamo farlo, e pure in fretta, tornando a lavorare duramente in palestra perché queste sono delle partite importanti e abbiamo perso delle occasioni. Sicuramente non dovrà mai più succedere. C’è tanta voglia di fare bene oltre che l’onore di indossare questi colori. Però questo non basta, bisogna lavorare per cercare l’alchimia giusta e la forza per reagire a queste sconfitte e farlo a testa alta lavorando duro ogni giorno.” LEGGI TUTTO