consigliato per te

  • in

    Nba, Boston sbanca Miami: Derrick White la decide sulla sirena

    MIAMI (STATI UNITI) – Una gara incredibile dal finale tutt’altro che scontato. Boston sbanca Miami vincendo la terza partita consecutiva e portando a casa il match grazie a un canestro sulla sirena di Derrick White, eroe della serata.
    L’incredibile rimonta dei Boston
    In gara sei Boston si è imposto 104-103 risalendo dal 3-0 nella serie al 3-3. I biancoverdi dominano quasi per tutta la gara presentandosi a 3 minuti dalla fine sul +10 rimontato grazie al 3/3 di Jimmy Butler e portadosi a casa la gara grazie a un canestro, già iconico, di White sulla sirena. Nella storia dei playoffs Nbs solo tre squadre erano riuscite a rimontare sotto 0-3 arriando a gara 7. LEGGI TUTTO

  • in

    Playoff Nba: Boston a valanga su Philadelphia, serie in parità

    BOSTON (STATI UNITI) – Ruggito Boston: al ‘Td Garden’ in gara-2, i Celtics travolgono 121-87 i Philadelphia 76ers e pareggiano la serie dei quarti di finale dei playoff Nba sull’1-1. La squadra di coach Mazzulla domina in lungo e in largo, chiudendo il match nel terzo quarto con un parziale di 35-16 che non lascia scampo a Embiid e compagni. Tra i padroni spiccano le magistrali prove di Brown (25 punti), Brogdon (23), il duo Smart-White (15 a testa) e Williams (12). Sotto tono la stella dei Celtics, Jayson Tatum, a referto con 7 punti e 7 rimbalzi. 
    Philadelphia, che batosta
    Nonostante il rientro dell’mvp della regular season, Joel Embiid, i Sixers non riescono a opporre resistenza: il centro classe 1994 segna 15 punti in 27 minuti di impiego ma non può nulla contro la furia offensiva dei Celtics. Per gli ospiti spiccano anche i 16 punti di Harris, i 13 di Maxey e la doppia doppia di Harden (12 punti e 10 rimbalzi). La serie si sposta ora a Philadelphia: gara-3 è in programma al ‘Wells Fargo Center’ nella notte tra giovedì e venerdì (1:30 ora italiana). LEGGI TUTTO

  • in

    Nba, Boston batte i Golden State, nuovo successo per Philadelphia

    NEW YORK (Stati Uniti) – Boston si prende la sua piccola rivincita. Dopo la sconfitta nelle Finals della passata stagione e il ko del mese scorso a San Francisco, i Boston Celtics battono i Golden State all’overtime (121-118). Il protagonista della sfida e Tatum che segna 34 punti conquistando 19 rimbalzi. Ancora una volta i Warriors vengono sconfitti lontano da casa: ora sono 18 le sconfitte incassate in trasferta sulle 23 sfide disputate in questa stagione. I Boston Celtics restano saldamente al comando della Eastern Conference, ma Philadelphia tiene il passo ottenendo la quarta vittoria consecutiva (105-95) contro i Portland Trail Blazers.
    La rimonta di Minnesota, il successo dei Bulls
    I Phoenix Suns si impongono contro Brooklyn (117-112) che incassa la quarta sconfitta in altrettante gare: la parziale rimonta finale non è sufficiente ai Nets che falliscono il sorpasso a fil di sirena. Impresa che riesce ai Minnesota Timberwolves che risalgono la corrente da -14, e alla fine chiudono in maniera trionfale (128-126) contro i Toronto Raptors. A Parigi i Chicago Bulls si impongono su Detroit (126-108) con 30 punti di LaVine e 26 di DeRozan. LEGGI TUTTO

  • in

    Nba, i Milwaukee Bucks vanno ko senza Antetokounmpo

    NEW YORK (Stati Uniti) – Tre le partite nel primo giorno del nuovo anno. Nella notte americana, il campionato Nba ha registrato l’ennesimo successo dei Denver Nuggets – settima vittoria nelle ultime otto partite – che hanno sconfitto i Boston Celtics per 123-111. Tripla doppia per Nikola Jokic che sul suo gabellino personale porta a casa 30 punti, 12 rimbalzi e 12 assist.
    Milwaukee paga l’assenza di Antetokounmpo
    Successo interno per i Memphis Grizzlies che superano i Sacramento Kings per 118-108. Match equilibrato deciso nell’ultimo quarto dominato dai Grizzlies. I Milwaukee Bucks pagano a caro prezzo le assenze di Giannis Antetokounmpo, Jrue Holiday e Khris Middleton incassando una netta sconfitta casalinga contro i Washington Wizards: la partita non è mai in discussione, finisce 95-118 per gli ospiti. LEGGI TUTTO

  • in

    Nba, Boston fermata da Chiacago. Orlando ko senza Banchero

    CHICAGO (Stati Uniti) – Dopo nove vittorie consecutive, si ferma la striscia positiva dei Celtics nella Eastern Conference di Nba. Allo United Center di Chicago, Boston si piega ai Bulls per 121-107 sotto i colpi di uno scatenato DeMar DeRozan, autore di 28 punti. A nulla, invece, sono valsi i 28 punti di Jayson Tatum e i 25 di Jaylen Brown per gli uomini di Mazzulla, al secondo ko stagionale. Inseguono i Bucks che battono i Portland Trail Blazers per 119-111, 37 punti per Giannis Antetokounmpo, pesante sconfitta per i Golden State Warriors contro i Pelicans che passano per 128-83: a trascinare il team di New Orleans Brandon Ingram, autore di 34 punti. Ko anche gli Utah Jazz che ha perso contro i Los Angeles Clippers (121-114) ma che ha conservato il primato nel Gruppo Ovest. Nessun sorriso per Orlando, orfana di Paolo Banchero, sconfitta 123-102 dagli Indiana Pacers. Questi gli altri risultati della notte: Cleveland Cavaliers-Atlanta Hawks 114-102, Minnesota Timberwolves-Miami Heat 105-101, Oklahoma City Thunder-New York Knicks 119-129.Clicca qui per non perderti tutte le news ed i pronostici NBA LEGGI TUTTO

  • in

    Nba, Chicago interrompe la serie positiva di Boston

    NEW YORK (Usa) – Nella Eastern Conference di Nba, dopo nove vittorie consecutive si fermano i Celtics. La squadra di Boston, nella notte italiana, allo United Center di Chicago, è stata battuta per 121-107 dai Bulls. Man of the match DeMar DeRozan, autore di 28 punti.
    Serata maestosa per Antetokounmpo
    Avanzano i Bucks: la formazione di Milwaukee ha battuto i Portland Trail Blazers per 119-111: 37 punti per Giannis Antetokounmpo. Pesante sconfitta per i Golden State Warriors, sconfitti in trasferta dai Pelicans per 128-83. A trascinare il team di New Orleans Brandon Ingram, autore di 34 punti. Nonostante la sconfitta contro i Los Angeles Clippers (121-114) gli Utah Jazz mantengono il primato nel Gruppo Ovest. Sul fronte Est, Milwaukee è appena dietro Boston con 12 vittorie e quattro sconfitte. I Cavaliers superano Atlanta Hawks (114-102).
    Guarda la galleryBanchero, look da urlo per il Draft Nba 2022Clicca qui per non perderti tutte le news ed i pronostici NBA LEGGI TUTTO

  • in

    Clamoroso Gallinari: a Boston per l’anello Nba!

    TORINO – Per l’ufficialità manca soltanto il taglio di Danilo Gallinari da parte dei San Antonio Spurs, ma il Gallo ha comunque scelto. La sua prossima destinazione sarà Boston, inseguirà  con i mitici Celtics (dove sarebbe il secondo azzurro, dopo le 18 partite di Gigi Datome nel 2015) l’anello che ancora non ha al dito, l’anello che affiancherà quello del prossimo matrimonio con la compagna Eleonora Boi, madre della piccola Anastasia. Accordo biennale che copre la fine del contratto con Atlanta. Dei 21 milioni e rotti, erano garantiti 5 fino al 29 luglio, ma la cifra comunque finita al Gallo è tra 11 e 12 milioni.
    PREGIATO A quasi 34 anni Gallinari era uno dei pezzi più pregiati del mercato dei free agent e ha subito trovato sistemazione nel primo giorno di trattative, preferendo la leggendaria  franchigia del Massachusetts ai Chicago Bulls. Miami si era leggermente defilata dopo che Durant l’ha indicata tra le sue destinazioni preferite insieme con Phoenix nella richiesta di cessione presentata a Brooklyn. Il primo a segnalare l’affare è stato Jack Fleischer, poi è intervenuta anche Espn con Adrian Wojnarowski, l’uomo delle notizie sicure dal mondo Nba. Boston ha un’eccezione salariale da 6,5 milioni per il primo anno. Sarà un cambio eccellente per le ali di Boston, Tatum, Brown e Horford, elemento per dare un’opportunità offensiva in più quando il sistema offensivo dei Celtics sarà rotto. E la squadra più forte, reduce da una finale Nba, nella carriera americana di Danilo che comunque sarà in Nazionale agli Europei al via il 3 settembre a Milano. LEGGI TUTTO

  • in

    Nba Finals, Warriors straripanti: Celtics ko e serie sull'1-1

    SAN FRANCISCO (USA) – La reazione tanto attesa è arrivata e Golden State torna in parità nella finale dei playoff Nba contro Boston, a cui non bastano i 28 punti messi a referto da Jayson Tatum per spuntarla nel secondo round della sfida.
    Curry il miglior marcatore
    Trascinati da un Steph Curry in gran serata (top scorer del match con 29 punti) gli Warriors non ripetono infatti gli errori del primo match (quando si erano fatti rimontare dai Celtics nell’ultima frazione) e grazie soprattutto a uno straordinario terzo periodo (35-14 il parziale) vincono la gara 2 con il risultato di 107-88. Con le due squadre ora sull’1-1, la serie si sposterà adesso in sul parquet del TD Garden in Massachusetts, dove è in programma gara 3 nella notte tra mercoledì 8 e giovedì 9 giugno. LEGGI TUTTO