consigliato per te

  • in

    Belluno presenta il nuovo ds Carniel: “Ripartiamo con nuove ambizioni”

    Il Belluno Volley presenta ufficialmente il suo nuovo direttore sportivo: Alessandro Carniel. Lo fa all’interno di una conferenza stampa, al ristorante-enoteca “De Gusto”, alla presenza dei vertici societari: dal presidente Sandro Da Rold ai vice Andrea Gallina e Stefano Da Rold. 

    Classe 1976, sposato e padre di due figli (Aurora ha 13 anni ed è una ginnasta, mentre Federico, 7, è un calciatore alle prime armi), Carniel ha un passato pallavolistico a tinte biancoverdi, a Motta di Livenza, dove si è espresso come atleta (agiva nel ruolo di centrale). E dirigente, in un percorso nobilitato dall’approdo in A2: “Qui trovo una società storica – sono le sue prime parole dolomitiche – e un’aria frizzante, che mi piace. Le persone del direttivo, inoltre, mi hanno già trasmesso competenza, affetto e il desiderio di fare bene. Ecco perché non ho avuto esitazioni nell’accettare questa sfida”. 

    Il nuovo ds non si nasconde: “Mi ritengo una persona ambiziosa, a cui piace lavorare parecchio, sul campo e insieme allo staff, con giocatori che possano crescere”. Per quanto riguarda l’organico, è in fase di costruzione: “Lo zoccolo duro rimarrà, ci saranno almeno cinque o sei conferme. Una di questa la possiamo già svelare e riguarda il capitano Fabio Bisi. Poi, ovviamente, non mancheranno i volti nuovi, in vari ruoli: sarà un mix di atleti d’esperienza e alto livello e di giovani che, d’alto livello, speriamo lo diventino”. 

    Il presidente Da Rold accoglie con parole cariche di fiducia il direttore sportivo: “Carniel ha le caratteristiche per aiutarci a compiere un ulteriore step. Ripartiamo con nuove ambizioni. E dopo un campionato chiuso con un successo ben al di sopra delle aspettative, in termini di pubblico e di interesse. A tale proposito, vorrei ringraziare chi ci ha accompagnato fino a questo punto, come l’ex direttore generale Franco Da Re e il tecnico Gian Luca Colussi: hanno dato il massimo affinché potessimo raggiungere questi risultati. Ma, tornando al pubblico, diventa sempre più esigente. E, di conseguenza, non possiamo permetterci di compiere passi indietro: così abbiamo voluto aggiungere ulteriore professionalità all’ambiente per arrivare in alto”.

    Il massimo dirigente si sofferma anche sulla nuova guida tecnica: “Matteo De Cecco ora è con la Nazionale slovena, in un contesto di livello mondiale. Abbiamo bisogno che il coach porti la sua esperienza in un territorio come il nostro, che deve uscire dalle logiche provinciali e ampliare gli orizzonti”. 

    Anche i due vice guardano lontano. A cominciare da Andrea Gallina: “L’importante è continuare a evolvere, con la consapevolezza che, da ogni annata, possiamo trarre il giusto insegnamento”. Sulla stessa linea di pensiero, Stefano Da Rold: “Non sono mai stato così fiducioso. La base è solida, a livello dirigenziale e di roster. Proprio in tema di roster, tengo ad abbracciare idealmente quei giocatori che, negli anni scorsi, hanno avuto meno spazio, ma sono sempre riusciti a dare il loro apporto. Per raggiungere determinati traguardi, c’è bisogno di tutti”. 

    (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Si presenta il ds Carniel: «Una grande sfida in una società storica»

    il Belluno Volley presenta ufficialmente il suo nuovo direttore sportivo: Alessandro Carniel. Lo fa all’interno di una conferenza stampa, al ristorante-enoteca “De Gusto”, alla presenza dei vertici societari: dal presidente Sandro Da Rold ai vice Andrea Gallina e Stefano Da Rold.
    IL PROFILO – Classe 1976, sposato e padre di due figli (Aurora ha 13 anni ed è una ginnasta, mentre Federico, 7, è un calciatore alle prime armi), Carniel ha un passato pallavolistico a tinte biancoverdi, a Motta di Livenza, dove si è espresso come atleta (agiva nel ruolo di centrale). E dirigente, in un percorso nobilitato dall’approdo in A2: «Qui trovo una società storica – sono le sue prime parole dolomitiche – e un’aria frizzante, che mi piace. Le persone del direttivo, inoltre, mi hanno già trasmesso competenza, affetto e il desiderio di fare bene. Ecco perché non ho avuto esitazioni nell’accettare questa sfida».
    IN COSTRUZIONE – Il nuovo ds non si nasconde: «Mi ritengo una persona ambiziosa, a cui piace lavorare parecchio, sul campo e insieme allo staff, con giocatori che possano crescere». Per quanto riguarda l’organico, è in fase di costruzione: «Lo zoccolo duro rimarrà, ci saranno almeno cinque o sei conferme. Una di questa la possiamo già svelare e riguarda il capitano Fabio Bisi. Poi, ovviamente, non mancheranno i volti nuovi, in vari ruoli: sarà un mix di atleti d’esperienza e alto livello e di giovani che, d’alto livello, speriamo lo diventino».
    PUBBLICO – Il presidente Da Rold accoglie con parole cariche di fiducia il direttore sportivo: «Carniel ha le caratteristiche per aiutarci a compiere un ulteriore step. Ripartiamo con nuove ambizioni. E dopo un campionato chiuso con un successo ben al di sopra delle aspettative, in termini di pubblico e di interesse. A tale proposito, vorrei ringraziare chi ci ha accompagnato fino a questo punto, come l’ex direttore generale Franco Da Re e il tecnico Gian Luca Colussi: hanno dato il massimo affinché potessimo raggiungere questi risultati. Ma, tornando al pubblico, diventa sempre più esigente. E, di conseguenza, non possiamo permetterci di compiere passi indietro: così abbiamo voluto aggiungere ulteriore professionalità all’ambiente per arrivare in alto». Il massimo dirigente si sofferma anche sulla nuova guida tecnica: «Matteo De Cecco ora è con la Nazionale slovena, in un contesto di livello mondiale. Abbiamo bisogno che il coach porti la sua esperienza in un territorio come il nostro, che deve uscire dalle logiche provinciali e ampliare gli orizzonti».
    INSEGNAMENTO – Anche i due vice guardano lontano. A cominciare da Andrea Gallina: «L’importante è continuare a evolvere, con la consapevolezza che, da ogni annata, possiamo trarre il giusto insegnamento». Sulla stessa linea di pensiero, Stefano Da Rold: «Non sono mai stato così fiducioso. La base è solida, a livello dirigenziale e di roster. Proprio in tema di roster, tengo ad abbracciare idealmente quei giocatori che, negli anni scorsi, hanno avuto meno spazio, ma sono sempre riusciti a dare il loro apporto. Per raggiungere determinati traguardi, c’è bisogno di tutti».
    [embedded content] LEGGI TUTTO

  • in

    Seconda divisione maschile: Belluno centra la promozione, Resanese battuta 3-0

    In attesa della sfida decisiva per l’approdo in serie D (venerdì 24, ore 20, a Mirano), il Belluno Volley perfeziona la prima promozione sul campo di questa intensissima annata. E il merito è dei ragazzi di Seconda divisione, che riescono superare la Resanese anche nel match di ritorno dei playoff e ad approdare in Prima. Nella palestra del “Galilei”, il folto e caloroso pubblico si rivela fondamentale, grazie all’incessante sostegno, dallo scambio iniziale a quello finale. 

    La cronaca

    In merito alla cronaca, il primo set è caratterizzato da un equilibrio costante: gli ospiti “rammendano” ogni strappo dei giovani rinoceronti e, sul rettilineo conclusivo, si arriva in parità a quota 20. A quel punto, una schiacciata di Davide Torres e un ace di Marco Vorano ispirano il 23-20. E lo stesso Torres inchioda il pallone della staffa: 25-21. 

    Dopo essersi liberati dalla tensione, i padroni di casa si esprimono in maniera più sciolta. E, nel secondo capitolo del match, partono subito decisi (4-1), lasciando poco spazio agli avversari (16-9): 25-12 e 2-0 nel conto dei set, mentre il sipario cala definitivamente in un terzo parziale in cui i bellunesi prendono ben presto il largo (7-1, 12-6, 19-11, 21-15). Respingono il tentativo di rimonta dei trevigiani. E la spuntano 25-23. 

    Scoppia così la festa e lievita la soddisfazione degli allenatori Simone Donadel e Samantha De Francesch, oltre che del responsabile del settore giovanile, Paolo Bristot. Volutamente non è stato nominato alcun mvp: tutti, infatti, sono stati fondamentali per il raggiungimento di questo traguardo. 

    Ora il Belluno Volley è atteso dalla gara di ritorno dello spareggio promozione di Prima divisione. E dalla semifinale Under 15 Challenge: l’appuntamento è per sabato 25 maggio a Treviso.

    Belluno Volley -Samarcanda Resanese 3-0 25-21, 25-12, 25-23. 

    Belluno Volley : Nessenzia, Fraccaro, D’Incà, Battistel, Vorano, Mattiuzzi, Barancean, Pol, Torres, Gionfalo, Urago, Cibien, Sacchet (L), Bortoluzzi (L). Allenatore: S. Donandel. Samarcanda Resanese : Betto, Mestriner, Bertoncello, Caron, Caon, Mazzoccato, Munaro, Bortignon, Canil, Cimador (L), Vascellari (L), Simion. Allenatore: I. Luisetto.  

    (fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Gian Luca Colussi dopo l’esonero: “Me lo aspettavo, Belluno resterà nel mio cuore”

    “Qualcosa avevo iniziato a intuire, poi sono arrivate le ufficialità del caso. Pazienza, Belluno resterà per sempre nel mio cuore”. Sono le prime parole di Gian Luca Colussi, rilasciate al Corriere delle Alpi, dopo la mancata conferma sulla panchina del Belluno Volley.

    A comunicargli la scelta del cambio in panchina, racconta Colussi, è stato il vicepresidente Gallina. Nessun confronto col presidente Da Rold.

    “Sono consapevole che nello sport i matrimoni non durano all’infinito, ma sarei ipocrita a dire che non provo un po’ di rammarico – ammette Colussi – . Rimane sotto gli occhi di tutti il risultato di un anno in cui abbiamo chiuso secondi in, uscendo dai Play Off contro chi poi ha conquistato gli spareggi”.

    “Sono contento di un campionato super, nonostante magari qualche punto perso a inizio stagione. Nel momento in cui ci è stata la coesione giusta, i risultati si sono visti” e aggiunge: “Belluno merita l’A2 e gli auguro di riuscire a raggiungerla”.

    Secondo indiscrezioni del quotidiano, Franco Da Re avrebbe lasciato proprio perchè in disaccordo con la decisione del cambio in panchina.

    (fonte: Corriere delle Alpi) LEGGI TUTTO

  • in

    Prima divisione maschile: gara 1 dello spareggio promozione sorride a Belluno

    Gara 1 dello spareggio promozione di Prima divisione sorride al Belluno Volley: alla Spes Arena, i ragazzi guidati da Max De Grandis sfruttano al meglio il fattore campo e la spuntano in quattro parziali sull’Urban Miranese, al termine di una prova di personalità. Dopo essersi lasciati alle spalle una falsa partenza, ripartono in grande stile nel secondo set, per poi addirittura dilagare nel finale.

    È la classica vittoria corale, in cui ognuno degli interpreti ha dato un contributo tangibile: dai fratelli Guolla a Pavan in regia, fino a Carlo Grigioni, premiato come mvp di serata. Un passo importante è stato condotto, quindi.

    Ma il traguardo è ancora lontano. Perché venerdì 24 (ore 20), a Campocroce Mirano, è in calendario il secondo e ultimo atto della serie che mette in palio un posto in serie D: in caso di una vittoria per parte con lo stesso quoziente set, verrà disputato un Golden set.

    La cronaca

    Passando alla cronaca, in avvio i bellunesi non devono affrontare solo un avversario di caratura, ma anche l’inevitabile tensione per una sfida che vale una buona fetta di stagione. Parizzi, in attacco, prova a dare il primo strappo al confronto (15-13): gli ospiti, però, hanno altre idee e un pallonetto di Raia vale il sorpasso (16-17). Si gioca sul filo dell’equilibrio: la Miranese scappa sul 23-21, i rinoceronti hanno la forza di impattare (23-23), ma non evitano il rovescio. Il punto è decisivo è di frutto di un “mani e fuori” di Portale. 

    Il Belluno Volley, però, non arretra di un centimetro. E, nel secondo round, innesta le marce alte, grazie anche all’ingresso di Stefano Guolla: un fattore. Sarà proprio l’atleta solitamente legato alla compagine di Serie A3 a respingere il tentativo di rimonta degli avversari e a timbrare due servizi vincenti di assoluta importanza. Sì, perché valgono il 22-19. La Miranese si rifà sotto e addirittura pareggia con Portale. A rimettere le cose in chiaro è Parizzi, con il muro del 24-22, ma gli ospiti annullano due set-ball e portano la comitiva ai vantaggi: sarà un ace di Fiodar Guolla a sparigliare le carte e a regalare il definitivo 28-26. 

    A quel punto la strada si fa in discesa: anche perché i rinoceronti trovano continuità al servizio, alzano le percentuali in ricezione e in attacco. E, non contenti, si fanno sentire pure a muro. Nello specifico, il terzo round è marchiato a fuoco dai fratelli Guolla, capaci di ispirare il primo break (7-4) e la definitiva fuga: il parziale si chiuderà con 10 lunghezze di margine. E saranno addirittura 13 nel quarto capitolo di un match ormai in pugno ai biancoblù, abili a capitalizzare al meglio gli errori nella metà campo avversaria: Pavan, in regia, riesce a coinvolgere, a turno, tutti i compagni sul parquet, lanciatissimi verso un epilogo armonico. L’orchestra dolomitica suona lo stesso spartito. E fa sua gara 1. 

    “L’importante era prendere le misure a un avversario preparato – è il commento di Max De Grandis, nel post partita – e ben messo in campo. Inizialmente ci ha creato delle difficoltà con un volley molto veloce. Poi, però, abbiamo giocato maggiormente al centro e, chiudendo il muro, siamo riusciti ad aprire di più il gioco”. Il coach non nasconde la sua soddisfazione: “Stiamo giocando di squadra, pure chi entra a partita in corso riesce sempre a dare il proprio contributo. E questo è fondamentale perché in sei non si vince”. 

    Belluno Volley-Urban Miranese 3-1 (23-25, 28-26, 25-15, 25-12)

    Belluno Volley: F. Guolla, Polo, S. Guolla, Rossano, Colferai, Parizzi, Tona, Nicolini, Urago, Pavan, Grigioni, Ravazzolo (L). Allenatore: M. De Grandis.  

    Urban Miranese: Veronese, Fortale, Brusamolin, Midi, Toniato, Raia, Vetrano (L), Longato (L), Prendin, Cazzin, Zaramella, Spiandorello, Puntar. Allenatore: D. Beccarello. 

    Arbitri: Davide Brolatti ed Elena Marinoni di Padova. 

    Note. Durata set: 27’, 31’, 25’, 21’; totale: 104’. 

    (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Belluno affida la guida tecnica a Matteo De Cecco: “Grato per la fiducia”

    Nella stagione 2024-2025, la guida tecnica del Belluno Volley sarà assunta da Matteo De Cecco. Dopo un’annata vissuta in qualità di vice allenatore, la società dolomitica ha deciso di affidare al tecnico friulano il timone della prima squadra, impegnata nel campionato di Serie A3 Credem Banca. 

    “Ringrazio per la fiducia il presidente Sandro Da Rold e l’intero consiglio direttivo – sono le parole del coach originario di Majano -. Ovviamente conosco bene la piazza, così come le ambizioni del club. Lavoreremo sodo per soddisfare il desiderio dell’intera città: quello di essere protagonisti in un campionato che, lo sappiamo, è complicato. Ma l’entusiasmo c’è e non mancano neppure gli ingredienti per ottenere risultati importanti. La rosa? È “work in progress”: il ds Alessandro Carniel si adoperando per completarla“. 

    Si riparte da una buona base: “Sono soddisfatto del percorso condotto fino a qui – riprende De Cecco – ma ora è necessario fare qualcosa in più. Dovremo ragionare per step e porci degli obiettivi intermedi: a cominciare dalla qualificazione alla Coppa Italia e, a seguire, nei playoff di A3. È il minimo sindacale. La gente si aspetta tanto da noi, ne siamo consapevoli. E siamo noi, per primi, ad avere aspettative elevate. Anche perché possiamo contare su una società strutturata, che non intende solo ripetersi, ma migliorarsi”. 

    Anche questa, per De Cecco, sarà un’estate – oltre che una tarda primavera – da vivere in palestra, come assistente tecnico della Nazionale slovena: “Sono in ritiro a Lubiana da quasi due settimane. Domenica partiremo per Antalya, dove saremo impegnati nella prima pool della Volleyball Nations League. E ce la vedremo con Turchia, Francia, Polonia, Olanda, Stati Uniti e Canada: l’obiettivo? Fare bene. Il che significa mantenere il distacco nel ranking con le squadre che ci inseguono e provare ad arrivare alle finali. Quindi saremo in Giappone e infine “in casa”, all’Arena Stozice per giocarci la qualificazione olimpica“. L’avventura slovena non impatterà con la preparazione bellunese: “No, il programma è ben diverso rispetto a un anno fa – conclude il coach -. Ci sarà il tempo di lavorare con calma e a dovere, fin dall’inizio”. 

    De Cecco è in plancia di comando, quindi. Pronto a salpare verso nuovi orizzonti. 

    (fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Guida tecnica a Matteo De Cecco: «Grato per la fiducia»

    Nella stagione 2024-2025, la guida tecnica del Belluno Volley sarà assunta da Matteo De Cecco. Dopo un’annata vissuta in qualità di vice allenatore, la società dolomitica ha deciso di affidare al tecnico friulano il timone della prima squadra, impegnata nel campionato di Serie A3 Credem Banca. 
    DESIDERIO – «Ringrazio per la fiducia il presidente Sandro Da Rold e l’intero consiglio direttivo – sono le parole del coach originario di Majano -. Ovviamente conosco bene la piazza, così come le ambizioni del club. Lavoreremo sodo per soddisfare il desiderio dell’intera città: quello di essere protagonisti in un campionato che, lo sappiamo, è complicato. Ma l’entusiasmo c’è e non mancano neppure gli ingredienti per ottenere risultati importanti. La rosa? È “work in progress”: il ds Alessandro Carniel si adoperando per completarla». 
    OBIETTIVI INTERMEDI – Si riparte da una buona base: «Sono soddisfatto del percorso condotto fino a qui – riprende De Cecco – ma ora è necessario fare qualcosa in più. Dovremo ragionare per step e porci degli obiettivi intermedi: a cominciare dalla qualificazione alla Coppa Italia e, a seguire, nei playoff di A3. È il minimo sindacale. La gente si aspetta tanto da noi, ne siamo consapevoli. E siamo noi, per primi, ad avere aspettative elevate. Anche perché possiamo contare su una società strutturata, che non intende solo ripetersi, ma migliorarsi». 
    SLOVENIA – Anche questa, per De Cecco, sarà un’estate – oltre che una tarda primavera – da vivere in palestra, come assistente tecnico della Nazionale slovena: «Sono in ritiro a Lubiana da quasi due settimane. Domenica partiremo per Antalya, dove saremo impegnati nella prima pool della Volleyball Nations League. E ce la vedremo con Turchia, Francia, Polonia, Olanda, Stati Uniti e Canada: l’obiettivo? Fare bene. Il che significa mantenere il distacco nel ranking con le squadre che ci inseguono e provare ad arrivare alle finali. Quindi saremo in Giappone e infine “in casa”, all’Arena Stozice per giocarci la qualificazione olimpica». L’avventura slovena non impatterà con la preparazione bellunese: «No, il programma è ben diverso rispetto a un anno fa – conclude il coach -. Ci sarà il tempo di lavorare con calma e a dovere, fin dall’inizio». 
    De Cecco è in plancia di comando, quindi. Pronto a salpare verso nuovi orizzonti.  LEGGI TUTTO

  • in

    Belluno saluta il dg Da Re e coach Colussi

    Il Belluno Volley saluta due figure che hanno contribuito alla crescita della società: il direttore generale, Franco Da Re, e il tecnico che ha guidato la prima squadra nelle ultime due stagioni di Serie A3, Gian Luca Colussi. 

    Dopo una profonda valutazione del quadro attuale – a livello tecnico e dirigenziale – è maturata la decisione di imboccare strade diverse con due persone che hanno garantito impegno, dedizione e professionalità. E lasciato un’impronta positiva sul club e sui giocatori.

    La società, dal canto suo, si impegna a mantenere elevata la qualità della programmazione, oltre agli impegni assunti con quello che è il suo più grande e prezioso patrimonio: il pubblico bellunese. 

    “Da Re e Colussi vanno ringraziati per ciò che hanno dato al Belluno Volley – afferma il presidente Sandro Da Rold – e, allo stesso modo, credo anche loro saranno grati alla nostra società, che ha dato loro l’opportunità di esordire in Serie A3. Dalla proficua collaborazione usciamo tutti vincitori: in questo senso, la stima per entrambi rimane immutata”. 

    Il club è pronto a voltare pagina: “Nell’ambito di una prossima e ulteriore crescita, sceglieremo delle figure che riteniamo idonee per provare, senza esitazioni, l’assalto alla Serie A2. Un nome è già noto: il direttore sportivo, Alessandro Carniel, con il quale abbiamo trovato l’accordo lunedì scorso, mentre gli altri punti fermi verranno comunicati nelle prossime ore”. 

    A Franco Da Re e Gian Luca Colussi, il presidente e i vertici societari augurano “il meglio in vista del loro percorso pallavolistico”. 

    (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO