consigliato per te

  • in

    Vittoria dolceamara per la Moyashi

    18 febbraio 2024, Salsomaggiore – La Moyashi conquista la quinta vittoria consecutiva a Salsomaggiore spuntandola al tie-break (25-19, 23-25- 20-25, 26-24, 13-15). Nonostante la grande fatica dovuta anche ad alcuni acciacchi, i neroverdi riescono a recuperare un primo set doloroso e conquistare i seguenti due. Un risveglio di Salsomaggiore mette in difficoltà la Moyashi, che cede il quarto set agli emiliani. La gara si gioca al tie-break, in uno scontro fino all’ultimo pallone: Garlasco si fa valere e conquista due punti importantissimi. Una vittoria che manda i neroverdi al turno di riposo con un po’ di amarezza per il punto perso, ma consapevoli di avere i mezzi per poter raddrizzare anche le giornate più storte.
    Formazioni: Per la trasferta con Salsomaggiore, coach Galimberti schiera Peslac in regia con Martinez opposto, Cavalcanti e Puliti in banda, Orlando e Biasotto in centro con Calitri libero. Dall’altra parte della rete coach Mattioli schiera leoni in cabina di regia con Bulfon opposto, Bussolari e Alberghini in centro, Van Solkema e Cantagalli in banda con Zecca libero.
    La gara
    Un po’ di spaesamento nel campo neroverde rende faticoso l’inizio della gara con Salsomaggiore. Ci prova capitan Puliti, ma i padroni di casa si portano presto sul 10-5. Tenta di recuperare un po’ di attenzione la Moyashi, che con Martinez e l’ace di Cavalcanti cerca la ricorsa (16-12). Buono l’apporto di Cavalcanti, ma Cantagalli e Beltrami mettono in difficoltà la ricezione della Moyashi che consente agli emiliani di portarsi sul 22-18. Coach Galimberti chiama il doppio cambio con Pedroni e Vattovaz, ma Van Solkema permette ai suoi di prendersi il set 25-19.
    La Moyashi tenta la rivincita all’inizio del secondo parziale con Martinez e Orlando che cercano di contenere i padroni di casa (8-9). Martinez e Cavalcanti ce la mettono tutta per mantenere il poco vantaggio conquistato, e affidandosi a una buona difesa di Calitri si portano sul 15-17. Poca precisione da parte dei neroverdi consente a Salsomaggiore di riportarsi avanti. Sul 20-19 coach Galimberti chiama il doppio cambio con Pedroni e Vattovaz, che riescono a rianimare la sfida (20-21). Pedroni si affida a un buon Orlando, e grazie al muro e all’attacco di Vattovaz i neroverdi si prendono il set 23-25.
    Ritrovata l’energia giusta, Martinez mette subito in chiaro le intenzioni della Moyashi, e supportato da Cavalcanti e dall’ace di Puliti, guida i suoi sul 4-8. Ancora Cavalcanti e Martinez continuano a spingere riuscendo a contrastare Bulfon. Sull’11-14 coach Galimberti ricorre ancora una volta al doppio cambio Vattovaz e Pedroni. Non guarda in faccia nessuno Cavalcanti, e con il supporto dall’ace di Orlando trascina con forza i suoi sul 16-21. Rientrano in campo Peslac e Martinez, che colgono subito la palla al balzo e conquistano il terzo set 20-25.
    La tensione si fa sempre più alta, e le disattenzioni in ricezione da parte dei neroverdi consentono a Salsomaggiore di portarsi in vantaggio. Con Martinez e Tomassini i neroverdi provano ad avvicinarsi sempre di più (9-8). Tornano in campo Pedroni e Vattovaz, e con Orlando in attacco e a muro la Moyashi trova il pareggio (13-13). Cavalcanti le prova tutte, ma gli emiliani trovano forza e si portano avanti. Sul 20-18 rientrano in campo Martinez e Peslac, e con Tomassini al servizio e gli attacchi di Martinez i neroverdi si portano sul 21 pari. Con Orlando dal centro e Puliti, la Moyashi annulla il primo set point conquistato da Salsomaggiore portando il set ai vantaggi, ma Bussolari si prende di forza il set 26-24.
    Si gioca tutto al tie-break, con Tomassini che dà il meglio di sé aiutato da un buon muro di Orlando (6-4). I padroni di casa si avvicinano sempre di più, fino a portarsi sull’8 pari. Non si ferma Tomassini, che supportato da Cavalcanti trascina i neroverdi sull’11-13. Con un muro di Martinez la Moyashi si prende il set point, e Puliti conferma la vittoria con il 13-15.

    TABELLINO
    WIMORE SALSOMAGGIORE TERME 2 – MOYASHI GARLASCO 3                                     
    PARZIALI: 25-19, 23-25, 20-25, 26-24, 13-15
    MOYASHI GARLASCO: Peslac 2, Tomassini 6, Cavalcanti 21, Pedroni, Martinez 19, Biasotto 4, Vattovaz 3, Calitri (L),  Accorsi, Orlando Boscardini 12, Puliti 13. NE: Chadtchyn.
    All. Galimberti, Vice Moro.
    12 muri, 7 ace, 14 errori al servizio, 53% ricezione positiva (30% perfetta), 44% efficienza in attacco.
    WIMORE SALSOMAGGIORE TERME: Leoni, Boschi 1, Van Solkema 23, Zecca (L), Cantagalli 10, , Bussolari 8, Alberghini 12, Monica (L), Bulfon 25. NE: Beltrami, Bucciarelli, Riccò, Conforti.
    All. Mattioli, Vice Montanini.
    10 muri, 5 ace, 15 errori al servizio, 48% ricezione positiva (33% perfetta), 50% efficienza in attacco.
      LEGGI TUTTO

  • in

    Moyashi, che rimonta!

    11 febbraio 2024, Pavia – Quarta vittoria consecutiva per la Moyashi Garlasco, che contro la capolista Mantova rimonta e si impone per 3-2 (28-26, 17-25, 23-25, 26-25, 16-14). Appoggiandosi alla potenza di fuoco di capitan Puliti (22 punti) e Cavalcanti (20 punti), i neroverdi hanno la meglio sulla corazzata guidata da Yordanov. Decisivo il servizio di Peslac sul finale e l’ingresso di  un Chadtchyn da 100% in attacco nel quinto, onnipresente Calitri che dà un grande aiuto in difesa. Importante l’apporto di tutti i membri della squadra, pronti a supportare i compagni nei momenti più delicati della partita. Una vittoria contro pronostico che conferma le qualità e il carattere della Moyashi.
    Formazioni: per la sfida con la capolista coach Galimberti schiera Peslac in cabina di regia con Martinez opposto, Puliti e Cavalcanti in banda, Biasotto e orlando al centro con Calitri libero. Dall’altra parte della rete coach Serafini schiera Martinelli in regia con Pedroso opposto, Miselli e Ferrari al centro, Yordanov e Scaltriti in banda e Catellani libero.
    La gara
    Buon la partenza della Moyashi, che non si lascia intimorire dalla capolista e trova un buon break con Peslac in battuta. Con le diagonali di Puliti e Cavalcanti i neroverdi passano avanti (8-6). Alta la concentrazione per Garlasco che allunga con capitan Puliti e Martinez (16-11). Cede un po’ la ricezione della Moyashi, e Yordanov trascina i suoi sul 20-20. Il set si gioca punto a punto, con Puliti che spinge per portare i suoi al set-point (24-22). I mantovani annullano due set point con Zanini, portando il set ai vantaggi. È ancora un super Puliti a chiudere il primo set 28-26.
    Più complicato l’inizio del secondo parziale, con Puliti e Cavalcati che, aiutati dall’ace di Peslac, le provano tutte per non far scappare i mantovani (7-8). Fatica la Moyashi, e sul 9-13 coach Galimberti chiama in campo Pedroni. Martinez e Cavalcanti provano a contenere Mantova, ma gli ospiti si portano sul 12-20 con Yordanov. Entrano in campo Chadtchyn e Tomassini che si fanno subito sotto recuperando punti e annullando il primo set point. Non basta però: un errore in battuta consegna il set agli ospiti 17-25.
    Ritrovata la grinta, i neroverdi sommano agli errori mantovani gli attacchi di Cavalcanti e il muro di capitan Puliti per portarsi sul 9-6. Yordanov e Ferrari mettono in difficoltà la ricezione della Moyashi e portano i loro sulla parità, ma con Puliti e Martinez i neroverdi riescono a ritrovare il vantaggio (17-15). Il set prosegue con un continuo cambio palla con Martinez e Cavalcanti che le provano tutte per allungare (21-21). Galimberti chiama il doppio cambio con Pedroni e Vattovaz, ma il muro mantovano non perdona e gli ospiti salgono a 24-21. I neroverdi annullano due set point, ma Yordanov non ci sta e chiude la pratica 23-25.
    Orlando e Martinez provano a riportare ordine, ma Mantova è determinata e sta avanti (7-8). Non ci stanno Tomassini e Cavalcanti, che ritrovano il pareggio sul 13-13. Martinez e Tomassini continuano a lottare per trovare il vantaggio, aiutati dal muro di Orlando (19-18). Ancora un ottimo Cavalcanti aiutato da un capitan Puliti in grande spolvero non permettono ai mantovani di allontanarsi, e con l’ace di Peslac i neroverdi si portano sul 23-22. Martinez trova il 24-23 e l’ace di Vattovaz la chiude ai vantaggi (26-24).
    Partono bene i neroverdi con il tocco di seconda intenzione di Peslac e il muro di Tomassini (4-4), ma le difficoltà in ricezione e il muro avversario bloccano i neroverdi (4-8). Con il cambio campo entrano Vattovaz e Chadtchyn. Buona l’apporto di Calitri, che consente ai neroverdi di trovare il 10-10 appoggiandosi all’attacco deciso di Chadtchyn e Puliti. Tomassini continua l’opera supportato dall’ace di Peslac che consegna il match point ai neroverdi, prontamente annullato dai mantovani. Con errore della capolista la Moyashi conquista la quarta vittoria consecutiva con una rimonta entusiasmante.

    TABELLINO
    PARZIALI: 28-26, 17-25, 23-25, 26-25, 16-14
    MOYASHI GARLASCO 3 – GABBIANO MANTOVA 2
    MOYASHI GARLASCO: Peslac 7, Tomassini 9, Cavalcanti 20, Pedroni, Chadtchy 4, Martinez 16, Biasotto 2, Vattovaz 2, Calitri (L), Accorsi, Orlando Boscardini 8, Puliti 22. All. Galimberti, vice Moro.
    8 muri, 4 ace, 21 errori in battuta, 60% ricezione positiva (21% perfetta), 48% efficienza in attacco.
    GABBIANO MANTOVA: Miselli 3, Catellani (L), Yordanov 20, Scaltriti 14, Martinelli 2, Ferrari 12, Depalma, Zanini 6, Gola 1, Massafeli Pedroso 18. NE. Parolari, Novello, Tauletta, Sommavilla (L). All. Serafini, vice Delpane.
    10 muri, 4 ace, 8 errori in battuta, 70% ricezione positiva (31% perfetta), 41% efficienza in attacco. LEGGI TUTTO

  • in

    E sono 3! Moyashi saccheggia San Donà

    4 febbraio 2024, San Donà di Piave – Gara senza esclusione di colpi quella tra Moyashi Garlasco e Personal Time San Donà di Piave. Dopo oltre 2 ore di gara è la Moyashi ad avere la meglio per 2-3 (25-15, 17-25, 20-25, 26-24, 13-15) di una San Donà sottotono ma mai doma. Dopo un primo set impalpabile, i neroverdi mettono il turbo nel secondo e terzo parziale, lottando con le unghie e con i denti per rientrare in un quarto set che si era messo male, concluso solo ai vantaggi a favore dei veneti. La spunta Garlasco al tie-break contro un Giannotti di fuoco sino alle ultimissime fasi della partita. I neroverdi rispondono così alla vittoria di Bologna su Savigliano, salendo anche loro a quota 18 punti e trovando il terzo successo consecutivo. Continua ad essere di grande impatto il contributo della panchina, sempre pronta a mettersi al servizio della squadra, a partire da un Tomassini in gran forma e la diagonale Pedroni-Vattovaz decisiva nella crescita del secondo e terzo parziale. Poteva forse essere bottino pieno ma quel che è certo è che i neroverdi stanno trovando la loro identità e la continuità nei risultati non può che entusiasmare e motivare un gruppo capace di ribaltare per la terza gara consecutiva il pronostico. Tutta un’altra storia sarà domenica prossima contro Mantova, regina del girone e poco intenzionata a lasciare punti per strada.
    Formazioni: A San Donà coach Galimberti schiera Peslac in regia con Martinez opposto, Puliti e Cavalcanti in banda, Biasotto e Orlando al centro e libero Calitri. Dall’altra parte della rete coach Moretti chiama in campo Tulone in regia con l’ex neroverde Giannotti opposto, Guastamacchia e Iorno al centro, Favaro e Umek in banda con Bassanello libero.
    La gara 
    In difficoltà la Moyashi nell’inizio sfida con San Donà. Ci provano Biasotto e Cavalcanti, ma il muro veneto guidato da Guastamacchia non permette ai neroverdi di mettere palla a terra (8-4). Dopo un primo momento di incertezza, prova a riprendersi la Moyashi grazie a Martinez e Puliti in attacco e agli ace di Peslac e Biasotto (15-12). Peslac continua ad affidarsi a Martinez, ma San Donà prende definitivamente il largo sul servizio di Giannotti (21-14). Sul 23-14 entra in campo Tomassini, ma San Donà si prende di forza il set 25-15.
    Per il secondo set coach Galimberti conferma Tomassini e cambia diagonale, affidandosi a Pedroni e Vattovaz. Il cambio concede ai neroverdi una boccata d’aria: appoggiandosi a capitan Puliti, Vattovaz e all’ace di Tomassini è presto 3-8. La grande attenzione in ricezione e la buona distribuzione di Pedroni consentono a Vattovaz, Puliti e Orlando di allungare (10-16). Riesce tutto ai neroverdi: Pedroni trova gloria personale, Puliti e Cavalcanti concludono su palla alta e San Donà non riesce a reagire (15-22). Sono un infuocato Vattovaz e un solido Orlando a rimettere il match in parità (17-25).
    Inizio shock per la Moyashi nel terzo set, subito sopra 1-5 con San Donà sorpresa dall’energia neroverde. Si riprende San Donà grazie a Favaro, ma i neroverdi riprendono presto il pallino del gioco e sulla difesa spettacolare di Calitri trovano il +6 (6-12). L’ansia da prestazione mette in difficoltà la Moyashi che subisce il rientro di Giannotti, ma riesce presto a divincolarsi dagli errori e portarsi sul 15-21 con Vattovaz e Puliti. Buono l’apporto di Tomassini, che guida i suoi verso il set point concretizzato da Cavalcanti (20-25).
    Si alza la posta in gioco nel quarto set. La Moyashi si lascia guidare da capitan Puliti e Tomassini per contrastare la ripresa di San Donà trainata da Giannotti (8-6). Con Favaro al servizio i veneti volano via, e sul 10-6 coach Galimberti deve ricorrere al doppio cambio con Peslac e Martinez. Tornano a farsi sotto i neroverdi con Cavalcanti e Tomassini (13-13), e il muro di Orlando rilancia la Moyashi sul +2 (16-18). Non mollano i veneti, che tornano a martellare con il bomber Giannotti (20-20). Sul 21 pari Galimberti chiude il doppio cambio, con Pedroni e Vattovaz che tengono i neroverdi attaccati al set (23-23). Il set si allunga ai vantaggi, ma è Giannotti a farla da padrone e conquistare di forza il parziale 26-24.
    Parte bene Tomassini che, aiutato dall’ace di Pedroni, porta subito i neroverdi in vantaggio (1-5). Ci provano capitan Puliti e Vattovaz a mantenere la guida del set, ma Umek e Giannotti si fanno sotto permettendo ai loro di avvicinarsi (6-8). Tomassini sale in cattedra e stampa San Donà mettendo una buona ipoteca sul set (9-12). L’ace di Pedroni assegna ai neroverdi il match point, ma Giannotti non ci sta e annulla 2 occasioni (12-14). Al terzo match point annullato entrano in campo Peslac e Martinez. È capitan Puliti a sancire la terza vittoria consecutiva per i neroverdi 13-15.
    TABELLINO
    MOYASHI GARLASCO 3 – PERSONAL TIME SAN DONÀ 2
    PARZIALI: 25-15, 17-25, 20-25, 26-24, 13-15
    MOYASHI GARLASCO: Peslac 2, Tomassini 14, Cavalcanti 14, Pedroni 4, Martinez 5, Biasotto 2, Vattovaz 15, Calitri (L), Accorsi, Orlando Boscardini 7, Puliti 17. NE: Chadtchyn.
    All. Galimberti, Vice Moro.
    15 muri, 11 ace, 16 errori al servizio, 56% ricezione positiva (19% perfetta), 47% efficienza in attacco.
    PERSONAL TIME SAN DONÀ: Tulone 2, Bassanello (L), Giannotti 30, Favaro 15, Guastamacchia 6, Iorno 5, Paludet (L), Cunial, Umek 14, Lazzarini. NE: Parisi, Trevisol, Lazzaron, Tuis.
    All. Moretti, Vice Mamprin.
    8 muri, 7 ace, 17 errori al servizio, 43% ricezione positiva (18% perfetta), 49% efficienza in attacco. LEGGI TUTTO

  • in

    Un altro ko per la Moyashi con Motta

    14 gennaio 2024, Pavia – Non riesce a sbloccarsi la Moyashi Garlasco, alla quinta sconfitta consecutiva con una Pallavolo Motta che si impone 3-1 (25-20, 21-25, 14-25, 18-25). La buona partenza nel primo set fa sognare i tifosi neroverdi di poter rivedere la Moyashi tornare alla vittoria, ma Motta prende pian piano fiducia e con Mazzotti e Mian fa la voce grossa in attacco, permettendo ai veneti di vincere in rimonta il secondo set, dominare il terzo e chiudere la pratica in quattro set. Sfuma l’occasione di far punti per i neroverdi che sembrano per buoni tratti potersi esprimere con qualità, per poi attraversare fasi troppo altalenanti per poter provare a mettere in difficoltà i veneti.
    Formazioni: coach Galimberti schiera Peslac in regia con Martinez opposto, Puliti e Cavalcanti in banda, Biasotto e Orlando al centro con libero Calitri. Dall’altra parte della rete coach Marzola schiera Catone in regia con Mazzotti opposto, Saibene e Mian in banda, Luisetto e Arienti al centro con Pirazzoli libero.
    La gara
    Partenza equilibrata per la Moyashi, con Cavalcanti e capitan Puliti a guidare i neroverdi contro i veneti (9-6). Mantiene il vantaggio la Moyashi affidandosi a Cavalcanti e Puliti in ace (17-12). Continua a martellare Cavalcanti, che riesce facilmente a sfruttare l’imprecisione avversaria per portare i suoi sul 22-17. Qualche ingenuità neroverde concede il 23-20, ma Orlando e Martinez chiudono la pratica 25-20.
    Inizio di secondo in cui i neroverdi sono costretti a rincorrere, ritrovando la parità grazie al servizio aggressivo di Martinez (4-4) e ad un capitan Puliti in grande spolvero (8-7). La Moyashi riesce a scucire un break grazie al muro di Biasotto (12-10) e tiene il vantaggio anche grazie al buon ingresso di Vattovaz e Pedroni con il doppio cambio (17-15) ma il muro veneto e la diagonale di Mian girano l’inerzia del set, con Motta che si affida ai suoi attaccanti di palla alta per il 20-22. Puliti sblocca i suoi ma a nulla vale e Mazzon firma il 21-25 che vale l’1 pari nel computo dei set.
    Subito avanti Motta che allunga 1-7 in gran fiducia. Galimberti butta nella mischia Chadtchyn e Pedroni per provare a cambiare qualcosa ma il turno al servizio di Luisetto si ferma solo sul 2-11. Sembra ricominciare a funzionare il cambio palla dei neroverdi (5-13) ma la Moyashi soffre senza riuscire a reagire nonostante l’ingresso di Colella (8-19). Catone può gestire in tranquillità i suoi e Mazzon chiude 14-25.
    Confermato Pedroni in regia nel quarto set con una Moyashi più coriacea (5-4). Biasotto e Orlando ricominciano a farsi sentire dal centro (7-5) ma Motta sfrutta gli errori in attacco dei neroverdi per tornare avanti (11-12). L’ace di Mazzon e Luisetto dal centro costringono Galimberti al time-out sul 13-16, ma Motta è in palla e allunga ancora con Luisetto (13-18). Orlando sblocca (14-18) ma la Moyashi perde la bussola (15-22). Rientra Peslac che stampa Mian per una mini reazione neroverde (17-22). Non basta e nel momento decisivo Mian fa la voce grossa dai 9 metri (18-24) e Catone chiude 18-25.
    TABELLINO:
    PALLAVOLO MOTTA 3 – MOYASHI GARLASCO 1
    PARZIALI: 25-20, 21-25, 14-25, 18-25.
     MOYASHI GARLASCO: Peslac 1, Cavalcanti 8, Pedroni, Chadtchyn 1, Martinez 13, Biasotto 9, Vattovaz 2, Calitri (L), Colella 1, Accorsi, Orlando Boscardini 7, Puliti 10. NE: Tomassini, Viola (L).
    All. Galimberti, Vice Moro.
    5 muri, 2 ace, 11 errori al servizio, 69% ricezione positiva (43% perfetta), 38% efficienza in attacco.
     PALLAVOLO MOTTA: Saibene 2, Nardo, Mazzotti 17, Catone 3, Bortolozzo, Mian 21, Luisetto 10, Arienti 6, Pirazzoli (L), Mazzon 15. NE: Santi (L), Murabito, D’Annunzi.
    All. Marzola, Vice Vanini.
    11 muri, 5 ace, 11 errori al servizio, 54% ricezione positiva (31% perfetta), 48% efficienza in attacco. LEGGI TUTTO

  • in

    Parte male il 2024, ko a Belluno per la Moyashi

     
    7 gennaio 2024, Belluno – Grande fatica da parte dei neroverdi nella trasferta con Belluno. Nella seconda partita del girone di ritorno la Moyashi non riesce a trovare la chiave giusta e perde per 3-0 (25-18, 25-21, 27-25). Giornata da dimenticare per i neroverdi in grande difficoltà con in attacco da posto 4 e in ricezione. A tenere a galla i neroverdi ci pensano Biasotto e Orlando dal centro e Martinez, ma non basta per stare al passo con Belluno, trascinata da Bucko (16 punti) e capitan Bisi (15 punti). Non riparte bene il 2024 e la Moyashi incontra la quinta sconfitta consecutiva, ferma ancora a 11 punti al dodicesimo posto e non favorita da un calendario che la vedrà affrontare in fila cinque tra le prime sette formazioni della classifica.
    Formazioni: Per la trasferta con Belluno coach Galimberti conferma Peslac in cabina di regia con Martinez opposto, Cavalcanti e Puliti in banda e Biasotto e Orlando al centro, Calitri libero. Dall’altra parte della rete coach Colussi schiera Ferrato in regia con Bisi opposto, Schiro e Bucko in banda, Mozzato e Antonacci al centro e Orto libero.
    La gara
    Parte disorientata la Moyashi, con il muro veneto che mette in difficoltà i neroverdi (4-1). Ci provano Martinez e Biasotto a ristabilire un buon ritmo ma Belluno accelera e si tiene avanti (8-5). Ci provano Cavalcanti e Orlando, ma non migliora il gioco dei neroverdi: qualche imprecisione di troppo in ricezione rende impenetrabile il muro avversario che fa perdere terreno alla Moyashi (16-10). Sul 20-13 coach Galimberti chiama in campo Chadtchyn e Accorsi per provare a recuperare sui veneti. Ci provano Biasotto in ace e Orlando dal centro, ma Belluno si prende di forza il primo set per 25-18.
    Parte meglio il secondo set per i neroverdi, che con l’ace di Peslac e l’attacco di Cavalcanti riescono a sfruttare al meglio gli errori bellunesi portandosi sul 0-4. Ci mette poco Belluno a recuperare con Bucko al servizio (8-7). Coach Galimberti allora chiama in campo Pedroni, che affidandosi a Biasotto e Martinez prova a mantenere i suoi attaccati ai veneti (16-14). Entra in campo Chadtchyn, ma l’efficienza in attacco dei neroverdi non migliora e i padroni di casa si portano sul 22-18, per poi portarsi a casa il set 25-21.
    Parte con molti errori da parte di entrambe le squadre il terzo set, con i neroverdi in grado di sfruttare meglio le incertezze avversarie portandosi sul 6-8 con Puliti e Orlando. Si mantengono in vantaggio i neroverdi con l’ace di Biasotto e Martinez in attacco a contrastare le difficoltà in ricezione (15-16). Orlando e Cavalcanti provano a recuperare i veneti saliti in vantaggio, ma una Moyashi poco consistente a muro consente a Belluno di portarsi sul 21-20. Con Biasotto e Puliti la Moyashi prova a recuperare il comando del set portandolo ai vantaggi, ma Belluno conferma la vittoria 27-25.

    TABELLINO
    BELLUNO VOLLEY 3 – MOYASHI GARLASCO 0
    PARZIALI: 25-18, 25-21, 27-25
    MOYASHI GARLASCO: Peslac 3, Cavalcanti 2, Pedroni, Chadtchyn 1, Martinez 9, Biasotto 9, Calitri (L), Accorsi, Orlando Boscardini 10, Puliti 3. NE: Tomassini, Colella, Vattovaz, Viola (L).
    All. Galimberti, Vice Moro.
    5 muri, 4 ace, 7 errori al servizio, 49% ricezione positiva (21% perfetta), 39% efficienza in attacco.
    BELLUNO VOLLEY: Ferrato 3, Schiro 5, Bucko 16, Bisi 15, Reyes, Martinez G. 4, Martinez I., Orto (L), Mozzato 11, Antonaci 6, De Col. N.E. Stufano, Fraccaro, Guolla
    All. Colussi, Vice De Cecco.
    8 muri, 3 ace, 15 errori al servizio, 52% ricezione positiva (19% perfetta), 58% efficienza in attacco. LEGGI TUTTO

  • in

    Finale d’andata amaro. Con Brugherio finisce 3-0

    26 dicembre 2023, Brugherio – Finale d’andata da dimenticare per la Moyashi, che esce sconfitto dalla trasferta di Brugherio con un perentorio 3-0 (25-20, 25-20, 26-24). E’ un buon inizio nel primo set, ma i neroverdi soffrono la potenza di Meschiari e Ichino, che mettono in grave difficoltà la ricezione degli ospiti per tutta la partita. Bertini utilizza tutti i giocatori a disposizioni, con un buon Colella (6 punti con il 75% in attacco) nella terza frazione, capace di trascinare i suoi nel miglior parziale della gara.
    Formazioni: Per l’ultima partita d’andata coach Bertini schiera Peslac in regia con Martinez opposto. Cambio in banda con Puliti e Chadtchyn, al centro Biasotto e Orlando con Calitri libero. Dall’altro lato coach Delmati chiama in campo Selleri in regia con Prespov opposto, Meschiari e Ichino in banda, Compagnoni e Mellano al centro con Marini libero, formazione composta da atleti 2004-2005 che in casa vengono trascinati dal pubblico.
    La gara
    Partenza equilibrata con la Moyashi in grado di approfittare degli errori avversari e portarsi sul 5-8 con Puliti e Martinez. Allungano i neroverdi con Chadtchyn e Biasotto in grado di contrastare il muro dei diavoli portandosi sul 10-15. Meschiari e Ichino riescono a recuperare, puntando sul servizio, stasera in particolare difficoltà la ricezione neroverde (21-19). Tanti errori al servizio per i Garlacticos e i diavoli si portano a casa il primo set 25-20.
    Nel secondo set i padroni di casa si impongono subito sotto la guida di Meschiari, portandosi sul 9-5, ace di Peslac e qualche attacco di Chadtchyn tengono a galla la Moyashi. Bertini chiama il doppio cambio con Pedroni e Vattovaz che provano ad accorciare il vantaggio rosa (15-12). Non migliora la ricezione neroverde e Brugherio trova presto il 21-15. Sono Chadtchyn e Puliti i più determinati nel provare a rimediare al gap, ma un errore in battuta consegna ai padroni di casa anche il secondo set 25-20.
    Parte in salita il terzo set, con i diavoli che partono in vantaggio (5-3). Bertini chiama in campo Colella che, con Martinez e Vattovaz, riesce a portare i neroverdi sull’8-9. L’attaccante milanese e l’opposto argentino provano a tenersi attaccati ai diavoli (16-15). Set in equilibrio fino al 20-20. Martinez guida i neroverdi ai vantaggi, ma la speranza dura poco e i diavoli conquistano la partita 26-24 con errore di doppia.
    TABELLINO
    GAMMA CHIMICA BRUGHIERO 3 – MOYASHI GARLASCO 0
    PARZIALI: 25-20, 25-20, 26-24
    MOYASHI GARLASCO: Peslac 3, Tomassini 2, Cavalcanti, Pedroni 1, Chadtchyn 12, Martinez 9, Biasotto 3, Vattovaz 2, Calitri (L), Colella 6, Accorsi, Orlando Boscardini, Puliti 5. NE: Viola
    All. Bertini, Vice Moro.
    5 muri, 2 ace, 17 errori al servizio, 42% ricezione positiva (22% perfetta), 47% efficienza in attacco.
    GAMMA CHIMICA BRUGHIERO: Meschiari 11, Selleri, Marini (L), Ichino 16, Prespov 14, Compagnoni 2, Carpita, Consonni, Mellano 6. NE: Chinello, Mancini, Viganò, Prada.
    All. Delmati, Vice Piazza.
    5 muri, 3 ace, 11 errori al servizio, 50% ricezione positiva (31% perfetta), 50% efficienza in attacco. LEGGI TUTTO

  • in

    C’è mancato poco. Moyashi cede a Bologna 1-3

    17 dicembre 2023, Pavia – Un’occasione mancata per i Garlacticos contro la Geetit Bologna che riesce a imporsi per 1-3 (19-25, 25-19, 23-25, 22-25) in una gara equilibrata dal secondo set in poi. Non è mancata la grinta da parte dei neroverdi, che appoggiandosi a Cavalcanti e Chadtchyn, entrambi autori di 17 punti, hanno provato fino all’ultimo a stare attaccati ai bolognesi. Gli errori in battuta e un muro poco incisivo hanno messo in difficoltà i neroverdi, a cui è mancato quel qualcosa in più per concretizzare un risultato fattibile. Si ferma a quota 10 punti la Moyashi, che dovrà cercare a Santo Stefano i tre punti a casa di una coriacea Gamma Chimica Brugherio.
    Formazioni: Cambio in regia per la Moyashi, con Bertini che chiama in campo Pedroni con opposto Martinez. In banda entrano Puliti e Cavalcanti con Biasotto e Orlando al centro e Calitri libero. Dall’altra parte della rete, coach Marzola chiama in campo Sitti in regia con Listanskins opposto, l’ex Baciocco e Sacripanti in banda, Aprile e l’ex Giampietri in centro e Brunetti libero.
    La gara
    Partenza in salita per la Moyashi che nonostante il contributo di Puliti e Biasotto, fatica a tener testa ai bolognesi (4-9). Il muro di Sacripanti e Sitti mette in difficoltà i neroverdi e Bertini chiama il doppio cambio sul 10-15 con Vattovaz e Peslac. Orlando e Vattovaz provano ad accorciare sugli ospiti, ma Sacripante continua a martellare portando i suoi sul 15-21. Non bastano i tentativi di Chadtchyn e Cavalcanti per impedire a Bologna di portarsi a casa il primo set 19-25.
    Più combattuto l’inizio del secondo set, con la Moyashi che resta attaccata a Bologna grazie a  Chadtchyn e Cavalcanti (9-8). Efficace il muro di Tomassini e Chadtchyn, che con l’ace di Cavalcanti e l’attacco di Vattovaz consente ai neroverdi di spingersi sul 15-12. Tentano il recupero i Bolognesi, ma i neroverdi guidati da Cavalcanti e Chatdchyn mantengono la concentrazione alta portandosi sul 21-17. Appoggiandosi al muro di Tomassini, Chadtchyn trova la spinta per aggiudicarsi il set 25-19.
    Approfittando degli errori bolognesi, accompagnati dall’ace di Vattovaz e gli attacchi di Chadtchyn e Tomassini, i neroverdi tengono testa agli ospiti (10-9). Provano a mantenere il vantaggio i neroverdi con Chadtchyn e Tomassini, ma Giampietri e Sacripanti mettono in difficoltà i Garlacticos (15-16). Faticano i neroverdi, che nonostante il contributo di Orlando e Vattovaz non riescono a contrastare i bolognesi che si portano sul 21-22 per poi chiudere la pratica con Listanskis (23-25).
    I muri di Peslac e un buon ritmo in attacco di Cavalcanti e Vattovaz consentono ai neroverdi di portarsi subito sul +3 (9-6). Mantengono il passo i neroverdi, che con Tomassini e Orlando provano a tenere il vantaggio. Sul 13-12 Bertini chiama il doppio cambio con Martinez e Pedroni, e con Chadtchyn e Tomassini i neroverdi si tengono sul 17-14. Appoggiandosi alla difesa di Calitri i neroverdi provano a tener testa a un buon Aprile con Orlando e Chadtchyn (22-22), ma nonostante i tentativi di Cavalcanti, l’ex Baciocco consegna ai suoi la vittoria (22-25).

    TABELLINO
    MOYASHI GARLASCO 1 – GEETIT BOLOGNA 3
    PARZIALI: 19-25, 25-19, 23-25, 22-25

    MOYASHI GARLASCO: Peslac 4, Tomassini 6, Cavalcanti 17, Pedroni, Chadtchyn 17, Martinez 4,  Biasotto 3, Vattovaz 11, Accorsi (L), Orlando Boscardini 8, Puliti 1. NE: Calitri (L), Colella.
    All. Bertini, Vice Moro.
    7 muri, 3 ace, 21 errori al servizio, 60% ricezione positiva (39% perfetta), 64% efficienza in attacco.
     
    GEETIT BOLOGNA: Aprile 8, Giampietri 13, Sitti 2, Baciocco 12, Sacripanti 13, Ronchi, Brunetti (L), Minelli, Listanskis 19. NE: Serenari, Omaggi, Donati, Maletti,
    All. Marzola, Vice Vanini.
    13 muri, 4 ace, 13 errori al servizio, 54% ricezione positiva (29% perfetta), 59% efficienza in attacco. LEGGI TUTTO

  • in

    La trasferta è un taboo. Moyashi cede 3-0 a Savigliano

    5 dicembre 2023, Garlasco – Non riescono a dare seguito alla bella vittoria con Salsomaggiore i neroverdi, che a Savigliano perdono per 0-3 (25-21, 25-22, 25-21). Per lunghi tratti i Garlacticos giocano alla pari con Savigliano, ma manca lucidità e precisione nei momenti clou del set, con i piemontesi più cinici nel concretizzare le occasioni lasciate dai neroverdi. Faticosa la partita dei posti 4 con Chadtchyn chiamato in campo, dal secondo set in poi, a dare il suo contributo. Dalla panchina Bertini pesca anche Tomassini, punto di riferimento al centro per Peslac insieme a Martinez (14 punti), ma non basta a contenere Van De Kamp e Rossato, capaci di mettere a terra 26 palloni in due. Rimane bloccata a 7 punti la Moyashi, che con Mirandola domenica al PalaRavizza dovrà assolutamente portare a casa punti per provare ad agganciare le formazioni di metà classifica.
    Formazioni: Bertini va sul sicuro con Peslac in regia e Martinez opposto, in banda Cavalcanti e Puliti, Biasotto e Orlando al centro, Calitri libero. Dall’altra parte della rete entra in campo Pistolesi in regia con Rossato opposto, al centro Rainero e Dutto, Galaverna e Van De Kamp in banda e Gallo libero.
    La gara
    Buona la partenza della Moyashi, che nonostante qualche difficoltà in attacco riesce a portarsi subito in vantaggio con Cavalcanti e Martinez (7-8). Inverte l’inerzia del set Savigliano con il muro di Pistolesi che porta i piemontesi sul 14-12. I neroverdi rientrano grazie al servizio di Biasotto e Peslac, e con Martinez in attacco recuperano presto Savigliano portandosi sul 19 pari, ma i padroni di casa rimangono lucidi e con un servizio ficcante tornano avanti per poi sfruttare gli errori neroverdi e chiudere sul 25-21.
    Garlasco recupera velocemente lo svantaggio iniziale grazie a Cavalcanti e l’ace di Martinez, ma Savigliano ne ha di più, trascinata da Galaverna sul 10-7. Con il muro di Tomassini e l’ace di Peslac i neroverdi tornano in parità, ma i padroni di casa si fanno sentire e conducono il set sul 16-13. Bertini chiama il doppio cambio sul 19-14 con Pedroni e Vattovaz ritrovando il -3 (21-18). Il buon momento di Tomassini fa sperare i neroverdi (22-20), ma una Savigliano sempre più cinica conquista anche il secondo set 25-22.
    Tentano il riscatto i neroverdi cominciando bene il terzo set con Cavalcanti e Chadtchyn (8-8). Con l’ace di Tomassini e l’attacco di Chadtchyn, la Moyashi sembra riuscire a scappare via(14-17), ma Savigliano ritrova presto la parità sfruttando il passaggio a vuoto neroverde (17-17), per poi imporsi decisamente sulla Moyashi portandosi sul 21-17. L’entrata in campo di Colella non basta a cambiare le sorti della partita che Savigliano si porta a casa con il definitivo 25-21.
     
     
    TABELLINO
    MONGE-GERBAUDO SAVIGLIANO 3 – MOYASHI GARLASCO 0
    PARZIALI: 25-21, 25-22, 25-21
    MOYASHI GARLASCO: Peslac 2, Tomassini 10, Cavalcanti 6, Pedroni, Chadtchyn 6, Martinez 14, Biasotto 6, Vattovaz 1, Colella, Calitri (L), Orlando Boscardini 2, Puliti 2. NE: Accorsi (L),
    All. Bertini, Vice Moro.
    6 muri, 4 ace, 15 errori al servizio, 59% ricezione positiva (26% perfetta), 46% efficienza in attacco.
    MONGE-GERBAUDO SAVIGLIANO: Calcagno, Gallo (L), Rainero 4, Galaverna 8, Rabbia (L), Rossato 13, Dutto 5, Pistolesi 3, Van De Kamp 13. NE: Quaranta, Carlvaris, Brugiafreddo, Turkaj,
    All. Simeon, Vice Brignone .
    7 muri, 5 ace, 9 errori al servizio, 50% ricezione positiva (20% perfetta), 51% efficienza in attacco. LEGGI TUTTO