consigliato per te

  • in

    Piacenza completa il reparto centrali con l’arrivo di Edoardo Caneschi

    Di Redazione Edoardo Caneschi, classe 1997, completa il reparto dei centrali di Gas Sales Bluenergy Volley Piacenza. Cresciuto prima nelle giovanili del volley Arezzo e poi nel Club Italia, Caneschi fa il suo esordio nel massimo campionato italiano di pallavolo nella stagione 2017/2018 con la maglia di Sora. Dopo tre anni in Ciociaria, il giocatore originario di Arezzo si trasferisce a Verona, dove nella passata stagione colleziona 25 presenze condite da 140 punti, 10 ace e ben 43 muri. Queste le prime parole del neo-centrale biancorosso: “Ho scelto Piacenza perché credo che la squadra quest’anno possa togliersi grandi soddisfazioni, sarà una grandissima opportunità per me e voglio sfruttarla al massimo dando sempre il 200%. Arrivo con l’obiettivo di ritagliarmi uno spazio importante, dopo tutti i problemi dello scorso anno sono carico di energie. Da questa stagione mi aspetto una squadra pronta a lottare con ferocia su ogni pallone e di rivedere il pubblico al palazzetto, per poter gioire insieme a noi”.  Ad accogliere il nuovo giocatore di Gas Sales Bluenergy Volley Piacenza è il team manager Alessandro Fei: “Caneschi è un giocatore giovane e di prospettiva, che farà sicuramente sentire i suoi 205cm sottorete. Inoltre, essendo italiano, ci darà la possibilità di avere più soluzioni nei moduli di gioco”. Edoardo Caneschi è stato protagonista anche con le giovanili della Nazionale italiana: nel 2015 ha conquistato una medaglia d’argento ai Campionati Europei Under 19. Nel 2018 è invece arrivata la prima convocazione in Nazionale maggiore. (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    È l’opposto mancino Fabio Bisi l’ottavo volto nuovo della Tonno Callipo

    Di Redazione È Fabio Bisi, opposto mancino di 27 anni compiuti lo scorso 16 luglio, l’ottavo volto nuovo della Tonno Callipo edizione 2021-2022. Nato a Modena, l’atleta (2 metri di altezza) è reduce da sei stagioni di fila in Serie A2, cinque disputate a Brescia ed una, tre anni orsono, a Potenza Picena. Giocatore molto tecnico, astuto nel piazzare la palla, dispone di una varietà di colpi che torneranno molto utili alla squadra giallorossa. Cresciuto nel vivaio di Modena, si è ritrovato con i ‘canarini’ ancora 17enne inserito in squadra soprattutto per completare l’organico ed ovviare all’assenza di qualche giocatore senjor. Ecco quindi che la chiamata del Club vibonese rappresenta l’occasione per l’esordio vero e proprio in Superlega e può dirsi che l’opposto modenese arriva nell’Olimpo del volley nel momento di maggiore maturità, tecnica e personale. L’enorme bagaglio accumulato in A2 lo rende di fatto uno specialista della seconda serie nazionale e dunque più che pronto a confermarsi anche nel massimo campionato di pallavolo. Bisi nei sei anni di A2 è sempre andato in triplice cifra, per la bellezza complessiva di ben 2398 punti in 142 partite e 543 set giocati. Quest’anno con i 389 punti (5° nella classifica finale degli schiacciatori) realizzati, di cui 29 ace e 330 in attacco, oltre a 30 muri, ha trascinato il suo Brescia alla finale-promozione per la A1 contro Taranto. Dopo aver superato Siena in semifinale, Bisi e compagni si sono arresi in tre partite al Taranto, dando così il lasciapassare ai pugliesi per il ritorno in Superlega. Delle sei stagioni in A2 quella più prolifica per Fabio è stata la seconda a Brescia, quando realizzò ben 484 punti, disputando anche il maggior numero di set, ben 106, di tutto il suo percorso in A2. CARRIERA Fabio Bisi inizia a giocare nella sua Emilia Romagna, in particolare tra i più promettenti del vivaio gialloblù di Modena dove il mancino viene aggregato per due stagioni alla prima squadra. Nella prima aveva appena compiuto 17 anni e viene inserito nel gruppo a partire dal mese di dicembre del 2011. Anche nella seconda l’intento è stato quello di fare affidamento sul giovane opposto mancino per rendere più completi gli allenamenti settimanali. Due annate che serviranno ad accrescere l’esperienza sul campo, soprattutto dopo essere stato a contatto con i big della prima squadra. Nel 2011 a Modena ci sono atleti del calibro di Anderson (reduce proprio dall’annata di Vibo), Esko, Manià, Kooy, Sala, Casoli e diversi altri, con allenatore Bagnoli; l’anno successivo Kovacevic, Deroo, Molteni, Quesque con in panchina Lorenzetti. Da lì in poi per Bisi cresce l’esigenza di iniziare a giocare e così ecco le prime due annate a Brescia in A2, realizzando 367 punti nella prima e 484 nella seconda che sarà poi il suo best score di tutte le annate in A2. Bisi passa poi a Potenza Picena nel 2017-2018, qui registra la sua seconda migliore prestazione con 459 punti. Quindi il ritorno per altre tre stagioni di fila a Brescia: in sequenza realizza 443, 256 e 389 punti. PASSIONI Non solo volley per l’opposto emiliano che coltiva anche altri interessi. È impegnato a completare gli studi universitari a Modena per la triennale di Economia e Finanza con l’obiettivo di conseguire la laurea ed avere una scelta lavorativa in più nel dopo-pallavolo. E poi stravede per il suo cane, un labrador color cioccolato di nome Gin come il distillato. “Lo avevo adottato quando ero al Potenza Picena – racconta – ed è stato tutto l’anno con me. A Brescia invece non l’ho potuto portare e l’ho lasciato in affidamento ai miei genitori, ora il problema – sorride – è che ormai è praticamente impossibile separarli. Si sono talmente affezionati che mi hanno chiesto di farlo rimanere con loro a Modena. La mia fortuna è poterlo riabbracciare quando torno a casa, ormai il suo padrone è diventato mio padre ed io sono il vice”. DICHIARAZIONI Il lungo percorso fatto di 142 partite e 543 set giocati in A2 porterà dunque Fabio Bisi a misurarsi finalmente in Superlega, e lo farà proprio con la Tonno Callipo. La gavetta inizia da una delle patrie del volley, Modena, che Bisi ricorda così. “Nei due anni lì ho solo dato una mano. Questa sarebbe la mia prima vera stagione in un roster ufficiale di A1 e sono felice che sia quello della Tonno Callipo: so che Vibo è una piazza storica, molto importante e con tanti anni di militanza in A1. Ci ho giocato da avversario solo una volta, in A2, quindi conosco poco di quella che è la sua storia. Però sono curioso di imparare tutto quello che c’è dietro a questa grande società e mi aspetto un anno sorprendente”. Una lunga ‘gavetta’ in A2 utile per maturare ed affinare esperienze, Bisi indica l’annata più bella. “Con così tante stagioni sulle spalle ormai sono diventato un giocatore esperto di A2. Adesso ritorno in una serie in cui di fatto non ho mai giocato, ed in una squadra in cui sarò uno degli esordienti nella massima serie. Ricordo con molto piacere l’ultima stagione, perché è stata alquanto rocambolesca: siamo riusciti ad arrivare in finale play off contro Taranto, ma purtroppo ci è mancata la vittoria. È stata un’annata veramente fantastica anche se molto particolare: soprattutto per tutta la questione-covid e l’assenza di pubblico”. Su come si immagina la prossima di stagione Bisi ammette sinceramente: “So che anche quest’anno il livello sarà altissimo quindi ancora più stimolante. Anche il ritorno dei tifosi al Palazzetto sarà una nota molto positiva”. A dare qualche referenza a Bisi sul Club giallorosso è stato l’ex Cisolla: “Ciso con cui ho giocato tanti anni a Brescia mi ha parlato sempre molto bene della Tonno Callipo descrivendola come una società organizzatissima, molto puntuale e che si avvale di bravi professionisti. Diciamo che è un’opinione diffusa tra i giocatori che sono transitati da Vibo e anche da parte di chi ci ha giocato da avversario”. Interlocutorio sulle aspettative, in un ambiente che sarà per lui tutto nuovo sia come categoria che come posizione geografica, essendo la sua prima volta al Sud. “Ad essere sincero non saprei cosa mi riserva il prossimo futuro, tra l’altro senza neanche conoscere i compagni, né la società essendo proprio il mio primo anno in A1. Sono però convinto che da parte mia porterò tutta l’esperienza accumulata in questi anni, la mia sicurezza e tranquillità su certi aspetti che penso possano essere d’aiuto al gruppo. Anche se credo che quest’anno apprenderò più cose di quello che riuscirò a dare: la differenza dal punto di vista tecnico tra A2 e Superlega è evidente, il livello sarà molto più alto, ma il mio obiettivo è comunque di rendermi utile alla causa giallorossa”. Sulla Callipo che si sta costruendo Bisi individua un aspetto sicuramente fondamentale. “Molti saremo ‘nuovi’ visto che finora i riconfermati sono Rizzo e Saitta, per cui sarà molto importante il lavoro del periodo di preparazione pre-season in modo da cercare l’unione ed il giusto assemblaggio in palestra. Saranno questi i punti di forza su cui fare leva per essere artefici di un buon campionato”. Un passaggio anche sul tecnico Baldovin. “Me ne ha parlato Scanferla e si è espresso in toni entusiastici. Lo ha avuto come allenatore a Padova e lo ha definito un gran lavoratore, molto bravo, che ti dà la possibilità di crescere molto tecnicamente. Quindi non vedo l’ora di potermi allenare con lui per imparare al meglio tutti i trucchi del mestiere della Superlega”. Infine, pur se Bisi non si sente di fare promesse, non può mancare invece un pensiero sulla calorosa piazza di Vibo, tra le più appassionate della Superlega. “Non avendo ancora visto la squadra non me la sento di fare pronostici, però sicuramente prometto che ci metteremo grande impegno. Lo faremo sia negli allenamenti che nelle partite. Lo meritano anche i tifosi che è riconosciuto quanto tengano alla squadra. Nella buona e nella cattiva sorte non hanno mai fatto mancare il loro sostegno”. (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    L’Allianz Milano dà il benvenuto al suo nuovo regista Paolo Porro. Triennale per lui

    Di Redazione  L’Allianz Powervolley Milano dà il benvenuto al suo nuovo regista: Paolo Porro. L’accordo con Pallavolo Padova è stato raggiunto nelle ultime ore; la firma del contratto triennale con la società del presidente Lucio Fusaro consentirà al giovane campione di vestire la maglia a tinte bianco blu per le prossime tre stagioni.  Un ragazzo di grande talento che prenderà parte all’ambizioso progetto di Powervolley Milano sotto la guida di coach Roberto Piazza, che conosce il giovane palleggiatore fin dai tempi di Volley Treviso: “Porro era già nei piani della società la scorsa stagione, poi ha scelto di prendere altre strade. È un ragazzo che seguivo da diverso tempo, così come Milano ovviamente. Quando si è concretizzata la possibilità per Riccardo di andare a Trento, – spiega coach Piazza – insieme abbiamo deciso di puntare su un atleta che potesse fare lo stesso percorso che ha fatto Sbertoli con Milano: puntare su un giocatore con delle mani straordinarie e con del talento, talento che ovviamente metterà al servizio della squadra”. Colpo di mercato, dunque, per l’Allianz Powervolley che si assicura uno dei più promettenti interpreti del ruolo. Giocatore ancora molto giovane (classe 2001), Porro nasce a Genova ma cresce pallavolisticamente tra le fila del Volley Treviso. Nel 2020 fa il suo esordio in Superlega con la maglia di Modena a completamento del reparto palleggiatori insieme a Micah Chrinstenson. Seppur la giovane età, l’inclinazione naturale dell’alzatore si denota già a partire dai diversi premi conquistati con le Nazionali Giovanili, espressione del suo enorme talento in regia: passano in rassegna il titolo come miglior palleggiatore al Mondiale U19 con la vittoria annessa della medaglia d’oro e il premio come miglior regista dell’Europeo U20, da cui esce come vicecampione.  L’Allianz Powervolley punta su questo straordinario ragazzo dalle qualità tecniche invidiabili per dirigere sotto rete il roster milanese. Con la maglia numero 16, Porro esprime il proprio fervore per l’inizio di questa nuova ed imminente avventura: “Inutile dire quanto sia per me un onore far parte di questa squadra e soprattutto quale grande stimolo stia provando nel poter dare il mio contributo per il nuovo campionato che dovremo affrontare – continua il giovane palleggiatore – Non vedo l’ora di iniziare per conoscere i miei nuovi compagni con i quali condividere le importanti sfide che ci aspettano ed assieme a loro crescere, migliorare e poter ripagare con il mio impegno la grande fiducia che lo staff e la società ha riposto in me. Spero di vivere e far vivere grandi emozioni anche ai tifosi e ripagarli del loro attaccamento alla maglia, sperando di trovarli tutti in palestra”. LA SCHEDAPaolo PorroNato a Genova il 27/10/2001Ruolo: PalleggiatoreAltezza: 183 cmNazionalità: Italiana CARRIERA2021/22 Allianz Powervolley Milano2020/21 Leo Shoes Modena2019/20 Volley Treviso (TV) (Serie B)2018/19 Volley Treviso (TV) (Serie B)2017/2018 Volley Treviso (TV) (Serie D) PALMARES2019 Campionati Mondiali Under 19 NoteMiglior Palleggiatore e medaglia d’argento Europeo Under 20 2020Miglior Palleggiatore al Mondiale U19 2019 in Tunisia (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Esperienza e potenza in attacco per la Consar con Marko Vukasinovic

    Di Redazione Il Consorzio per il volley a Ravenna comunica un altro ingaggio per la Consar: agli ordini di coach Zanini arriva lo schiacciatore Marko Vukasinovic, 28 anni fra pochi giorni. Secondo montenegrino a Ravenna dopo Radunovic, che nella nostra città giocò nel 2012/13, Vukasinovic è nato nella capitale Podgorica il 30 luglio 1993, ed è un altro giocatore in grado di mettere esperienza e conoscenza del volley al servizio della Consar. Lo schiacciatore montenegrino ha infatti militato per 4 annate in patria nel Buducnost Podgorica (dal 2010/11 al 2013/14), poi è passato in Svizzera al Biogas Nafels dove ha giocato per due stagioni, inframezzate dall’esperienza in Grecia all’Orestiada. Nel 2017/18 va in Serbia al Novi Pazar. Da lì il salto in Asia: due annate in Qatar all’Al Rayyan mentre la stagione scorsa ha indossato la casacca dell’Al Hilal, club dell’Arabia Saudita. “Conoscevo già il club di Ravenna e seguo la Superlega da molti anni. Il mio amico e compagno di squadra Kamil Rychlicki – sono le sue prima parole – che ha giocato a Ravenna mi ha raccontato molto della società e della città. Me l’ha descritta bellissima. Sono contento di competere in uno dei migliori campionati al mondo, anzi direi che è il campionato più duro in assoluto ed è proprio questo che lo rende grandioso. La SuperLega era il mio sogno da quando ho iniziato a giocare e due anni fa sono stato molto vicino a coronare questo sogno. Ora è tutto vero, grazie alla società e a coach Zanini che, se ricordo bene, sei anni fa ho affrontato con la mia nazionale quando lui allenava la Turchia. E’ li che ci siamo incontrati per la prima volta. Conosco il suo modo di lavorare e credo che questa sarà per me un ottima opportunità di crescita e miglioramento sotto  la sua guida. Non vedo l’ora di cominciare”. (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Da Padova a Piacenza. Toncek Stern nuovo opposto della Gas Sales Bluenergy

    Di Redazione Gas Sales Bluenergy Volley Piacenza ufficializza l’arrivo dell’opposto Toncek Stern. I biancorossi si assicurano le prestazioni del giocatore sloveno che nell’ultima stagione ha militato tra le fila di Padova e che a giugno ha preso parte alla VNL a Rimini. Insieme a Lagumdzija farà coppia nel reparto di posto 2. Grande potenza e fisicità per 200 cm di altezza, Stern è stato tra i principali terminali d’attacco in questa stagione. Lo sloveno, oltre a risultare il miglior marcatore della sua squadra, si è classificato al quinto posto nella speciale classifica stilata al termine delle gare per quanto riguarda i punti vincenti. Sono ben 501 quelli realizzati in 34 partite tra campionato e Coppa Italia: numeri che testimoniano una continua crescita ma soprattutto le doti da grande attaccante di Stern. “Sono molto contento di arrivare a Piacenza e sono carico in vista della prossima stagione – dichiara Toncek Stern – La Società è ambiziosa, con grande entusiasmo e con la voglia di crescere anno dopo anno. La rosa è fatta da giocatori molto forti e credo che potremo fare bene tutti insieme. In questo momento mi trovo in Slovenia poi inizierò la preparazione in vista degli Europei. Arriverò a Piacenza dopo questa competizione e non vedo l’ora di conoscere i miei nuovi compagni, lo staff e i tifosi. Ho visto che sono molto legati alla Società: per noi atleti rappresentano un grande aiuto e non vedo l’ora di incontrarli”. “Accogliamo con soddisfazione Stern in squadra – sottolinea Elisabetta Curti, presidente Gas Sales Bluenergy Volley Piacenza – Conosce bene la Superlega in quanto è già da alcuni anni che gioca in Italia, in più, nella passata stagione abbiamo ammirato le sue doti da grande attaccante che gli hanno permesso di essere uno dei migliori realizzatori del campionato. Ogni volta che lo abbiamo affrontato ci ha dato del filo da torcere. È un giocatore con una grande fisicità e sicuramente sarà prezioso e potrà dare un contributo importante alla causa biancorossa”. Il classe ‘95 originario di Maribor conosce bene la SuperLega: sono quattro, infatti, le stagioni in cui ha militato in squadre italiane, collezionando in totale 129 presenze. Cresciuto in Slovenia, Stern arriva nel nostro campionato a 21 anni e veste la maglia di Verona. Con gli scaligeri rimane dal 2016 al 2018 per poi trasferirsi a Latina. Nella stagione 2019/2020 vive una doppia esperienza: prima al Chemika Bydgoszcz in Polonia e poi all’Halkbank Ankara in Turchia. La scorsa estate rientra in Italia in Veneto, questa volta però tra le fila di Padova. Stern fa parte della Nazionale slovena e già a livello giovanile ha messo in luce le sue qualità. Nel 2014, infatti, è stato eletto miglior schiacciatore agli Europei, manifestazione chiusa dalla Slovenia al quarto posto. A partire dal 2015 è stabilmente convocato con la Nazionale maggiore: il debutto è avvenuto nel match vinto contro la Croazia il 18 luglio. Nel 2019 il nuovo opposto biancorosso ha conquistato l’oro alla Volleyball Challenger Cup (a luglio) e la medaglia d’argento al Campionato Europeo (a settembre). (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Matey Kaziyski: “Per me si tratta di una nuova esperienza, ancora differente dal passato”

    Di Redazione La prima intervista di nuovo da giocatore di Trentino Volley a Matey Kaziyski. Per lui si tratta di un ritorno all’Itas dopo cinque stagioni lontane da Trento. Bentornato a casa Matey! “Grazie, era ora di tornare ad indossare la mia maglia numero 1 di Trentino Volley. Aveva passato troppo tempo nell’armadio”. Con quali obiettivi? “Ce ne sono parecchi, sento che il mio tempo con questo Club non è ancora finito. Voglio ad esempio superare quota 5.000 punti (attualmente è a quota 4945, ndr), ma soprattutto voglio dare il mio contributo per tenere sempre ad alti livelli la squadra. Dopo tanti viaggi era arrivato il momento di tornare a casa e adesso mi concentrerò su tutto quello che riguarda il lavoro in palestra. Aiutare la squadra e fare bene ogni giorno saranno i miei primi obiettivi”. C’è stato un motivo particolare che ti ha spinto a tornare proprio questa estate? “Ho girato il mondo ma ho sempre tenuto qui la mia residenza e quella che io considero la mia abitazione di riferimento. Nella mia testa avevo sempre pensato che prima o poi mi sarebbe piaciuto giocare di nuovo qui per completare il mio percorso. Ho girato abbastanza il mondo, adesso voglio stare a Trento”. Qual è il ricordo più bello che hai nella mente delle tue precedenti otto stagioni in gialloblù? “Non ho dubbi, il primo giorno che sono arrivato a Trento, perché ho subito avvertito sensazioni bellissime non solo rispetto alla città ma anche per quel che riguarda società e tifosi, che furono subito numerosissimi ad accogliermi. Mi hanno fatto sentire immediatamente un trentino e io non lo dimentico: è stata una emozione fortissima”. Giocherai in una squadra completamente rinnovata rispetto alla scorsa stagione… “La prima cosa da fare sarà proprio quella di diventare in fretta un gruppo e trovare uno stile di lavoro e di gioco per essere subito competitivi. Mi metterò a disposizione dei compagni, per me si tratta di una nuova esperienza, ancora differente dal passato. Un Matey Kaziyski 3.0, ancora più carico e voglioso di rivedere i tifosi al palazzetto. Spero che tutto ciò possa accadere presto”. Nel periodo in cui ha vestito la maglia di Trentino Volley, Matey Kaziyski ha scritto tante pagine del libro dei record gialloblù. Ecco le principali: -Miglior marcatore della storia con 4.945 punti; precede di 2.068 punti il secondo, Filippo Lanza, fermatosi nel 2018 a quota 2.877. -Con la stagione 2021/22 diventerà l’unico giocatore ad aver vestito la maglia gialloblù in nove annate agonistiche differenti: 2007/08, 2008/09, 2009/10, 2010/11, 2011/12, 2012/13, 2014/15, 2015/16 e 2021/22. Supererà così Andrea Bari ed Emanuele Birarelli, che si sono fermati a quota otto. -Con 334 partite ufficiali disputate, è il quarto giocatore più presente: davanti a lui solo Birarelli e Colaci (345) e Bari (339). -E’ il giocatore che ha indossato il maggior numero di volte la fascia di capitano: 204. Anche in questo caso il secondo è Lanza (150). -E’ il giocatore che ha realizzato più punti in una singola stagione: 852 nell’annata agonistica 2009/10. Precede Nimir Abdel-Aziz di 11 lunghezze in questa particolare classifica (841 nel 2020/21 per l’opposto olandese). -E’ il secondo giocatore ad aver vinto più titoli (15), grazie alla vittoria di 4 Mondiali per Club, 3 Champions League, 4 Scudetti, 3 Coppe Italia ed una Supercoppa Italiana. Meglio di lui solo Emanuele Birarelli (che vanta una Supercoppa Italiana in più). -E’ il giocatore ad aver realizzato il maggior numero di ace in una sola partita: 9 in Itas Trentino-Tonno Callipo Vibo Valentia 3-2 del 26 marzo 2009 (gara 1 dei quarti di finale dei Play Off Scudetto). Divide il record con Nimir Abdel-Aziz che ne ha ottenuti altrettanti in Kioene Padova-Itas Trentino 0-3 del 27 settembre 2020 (gara di regular season). -Nelle sue 334 partite ufficiali ha ottenuto 277 vittorie e 57 sconfitte. -E’ il miglior marcatore della storia gialloblù in regular season del massimo campionato italiano con 2.444 punti in 173 gare. (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Nuovo colpo al centro per la Gas Sales Bluenergy Piacenza. Ecco Maxwell Holt

    Di Redazione Nuovo colpo al centro in questa sessione di mercato per Gas Sales Bluenergy Volley Piacenza: il centrale Maxwell Holt, infatti, vestirà la maglia dei biancorossi. Nella stagione di SuperLega Credem Banca 2021/2022 il roster dei piacentini potrà, così, contare su un innesto di assoluto valore che andrà a rafforzare la batteria dei posti 3. Originario di Cincinnati, classe’87 Holt, infatti, è una garanzia: forte a muro e in attacco, dove fa valere tutti i suoi 205 centimetri, il centrale americano è dotato anche di un servizio potente che più volte ha saputo mettere in crisi le difese avversarie. Per il nuovo biancorosso tanta qualità ma anche tanta esperienza accumulata negli anni sia con i club sia con la Nazionale Americana. Ad accogliere il centrale è Giuseppe Bongiorni, vicepresidente Gas Sales Bluenergy Volley Piacenza: “Diamo il benvenuto a Holt, anzi, il bentornato a Piacenza dove ha già vissuto giornate intense ed importanti della sua carriera. Siamo certi che Maxwell darà un contributo importante, mettendo a disposizione la sua esperienza, vista la profonda conoscenza del campionato italiano e dei suoi principali attori. La presenza di Holt nel roster della prossima stagione consentirà a mister Bernardi di disporre di più moduli di gioco a seconda anche del recupero post-intervento di Aaron Russell che sta procedendo al momento in modo lineare, anche se i tempi sono ovviamente ancora prematuri per fare una valutazione completa e definitiva”. Dopo gli inizi alla Pennsylvania State University, Holt sbarca in Italia nella stagione 2009/2010 con Verona, facendo il suo esordio nella massima serie. L’anno successivo si trasferisce a Piacenza: in Emilia rimane fino al 2013, dove vince una Challenge Cup per poi provare una nuova esperienza nel campionato russo. Nel triennio con la Dinamo Mosca l’americano conquista una Coppa Cev nel 2015. Il richiamo dall’Italia, però, è forte e il centrale decide di rientrare in SuperLega a Modena. Con i gialli rimane quattro stagioni e conquista due Supercoppe Italiane. L’annata appena conclusa, invece, ha visto Holt protagonista con la maglia di Monza. In Nazionale, dopo la trafila con le selezioni juniores, Holt debutta ufficialmente alla Pan American Cup nel 2009. Tanti i successi con la casacca a stelle e strisce: nel 2013 conquista il campionato NORCECA, nel 2014 trionfa alla World League e nel 2015 alla Coppa del Mondo. Per Holt anche un bronzo alle Olimpiadi di Rio de Janeiro nel 2016 e un argento alla VNL nel 2019. Nel corso della sua carriera, inoltre, con la Nazionale, il centrale ottiene anche riconoscimenti individuali: miglior centrale alle World League nel 2015, alla VNL del 2019 e alla Coppa del Mondo sempre nello stesso anno. (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Prisma Taranto, arriva lo schiacciatore João Rafael: “Contento di ritrovare Di Pinto”

    Di Redazione Continua a prendere forma la rosa della Prisma Taranto, che vuole prepararsi al meglio per la nuova stagione d’esordio nel campionato di Superlega. Dopo i numerosi acquisti dei giorni scorsi, nelle ultime ore, si chiude il gran colpo di mercato.Il presidente Avv. Antonio Bongiovanni e la vicepresidente Elisabetta Zelatore hanno prontamente siglato una trattativa condotta egregiamente da mister Di Pinto e perfezionata dal D.S. Mirko Corsano. Alla corte di coach Di Pinto arriva lo schiacciatore brasiliano João Rafael De Barros Ferreira. Schiacciatore brasiliano classe 1993 dal curriculum già pieno di pallavolo che conta. Un giocatore esperto, con obiettivi personali e di gruppo, che ha subitoapprezzato il progetto di Taranto: «Di Taranto mi è subito piaciuto il progetto, la società è ambiziosa e la città ha molta storia pallavolistica alle spalle. Sono onorato di essere allenato ancora una volta da coach Di Pinto ed è un piacere ritrovarmi in squadra con Sabbi e Randazzo. Come ogni stagione l’obiettivo principale sarà quello di vincere più gare possibili e migliorare assieme ai miei compagni» Determinazione, impegno e voglia di vincere non gli mancano, sarà un valido innesto all’interno della squadra e onorerà con tutto se stesso i colori rossoblù. (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO