consigliato per te

  • in

    Fabio Fanuli: “Bravi a soffrire e stare sul pezzo nei momenti difficili”

    Una vittoria strepitosa quella ottenuta dalla Conad Reggio Emilia, che nel posticipo si è imposta per 3-1 contro la Kemas Lamipel Santa Croce dell’ex coach Mastrangelo, avvicinandosi al grande obiettivo della salvezza. Ernesto Torchia, miglior ricettore con il 72% di positività e il 45% di perfetta, è stato tra i protagonisti della gara: “Contro Santa Croce stasera è stata una partita giocata fino all’ultimo punto, non potevamo perdere e dovevamo mettere in campo tutto quello che avevamo. L’abbiamo fatto e sono contento. I numeri? Sì, certo, ho fatto una buona partita, ma io sono contento quando la squadra vince. Adesso ci teniamo stretti questi tre punti fondamentali per la salvezza“.

    Anche Lorenzo Sperotto, entrato nel terzo set al posto di Santambrogio, parla di una vittoria di squadra: “Certo, sono soddisfatto della mia prestazione, ma preferisco parlare della prestazione del gruppo che c’è stata stasera, è stata veramente formidabile. Credo che tutti abbiano dato un apporto positivo alla vittoria di oggi e ci siamo meritati questi tre punti. Adesso la missione è ancora da completare, speriamo di portarla a termine“.

    Foto Volley Tricolore

    Momentaneamente la Conad si trova a 28 punti ma sempre al dodicesimo posto, anche se ora Brescia, undicesima, ha solo un punto in più della compagine reggiana: “Devo dire che è andata decisamente bene – commenta Lorenzo Caciagli, centrale giallorosso che ha messo a segno ben 6 muri – oggi il lavoro fatto in difesa è stato fondamentale per poter vincere questa partita e fare tre punti molto importanti, la squadra ha girato sicuramente nel migliore dei modi“.

    Per Reggio Emilia, che al momento ha 4 punti di vantaggio sulla Cave del Sole Lagonegro, non è ancora svanito il rischio dei play out (che si giocheranno solo nel caso in cui il distacco sia inferiore alle 3 lunghezze). Impegnata nell’ultima giornata sul campo di Cuneo, la Conad dovrà vincere per assicurarsi la salvezza diretta, a meno che Lagonegro esca sconfitta dal campo della Consoli McDonald’s Brescia.

    Coach Fabio Fanuli è soddisfatto ed orgoglioso della sua squadra: “È stata una grande vittoria. I ragazzi si meritano tutto quello che stiamo ottenendo. Stiamo dimostrando in campo la nostra forza, perché siamo stati bravi a soffrire e a rimanere sul pezzo nei momenti difficili. Sicuramente noi non molliamo perché il nostro obiettivo è chiaro: vogliamo salvarci; i ragazzi lo sanno e quindi daremo tutto quello che abbiamo fino alla fine, ci ripresenteremo in palestra ad allenarci con la stessa fame, con lo stesso spirito di una squadra che non molla e che vuole a tutti i costi arrivare fino in fondo. Poi se l’avversario sarà più bravo gli batteremo le mani, ma noi, fin quando non versiamo l’ultima goccia di sudore che abbiamo, non siamo contenti e non usciremo dal campo“.

    Presente all’incontro anche Yassin Bouih, campione europeo di campestre staffetta mista 4×1500: “Mi sono divertito tantissimo. Penso che sia stata un’esperienza bellissima. Sono felice di portare fortuna, vista la vittoria di due partite su due. Ho visto una squadra molto unita, molto coraggiosa, che ha saputo tirare fuori il carattere quando serviva. Perciò spero che continui così e che ci sia un futuro brillante per la Conad“.

    (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Reggio schiacciata dalla capolista, Fanuli: “Bisogna solo continuare a lavorare”

    Di Redazione

    Una partita complicata quella che si è giocata al Bigi, affrontare la prima in classifica non è mai facile e la Conad ha subito ancora una volta un pesante KO per 3-0 contro la Tonno Callipo Vibo Valentia.

    Sperotto, regista reggiano, analizza quello di positivo che si può comunque raccogliere dall’incontro: “C’è stato un buon atteggiamento in alcuni frangenti, soprattutto nel primo set, ma anche nell’ultimo. Abbiamo giocato contro una corazzata, quindi sono contento dell’atteggiamento della squadra che ha tenuto quasi tutto il match. Quando ci sono così tante bocche di fuoco con la possibilità di far punto non è facile; per questo faccio i complimenti ai nostri avversari. Adesso lavoriamo per giocare tutte le partite come una finale, ne mancano solo quattro e dovremo dare tutto quello che abbiamo”.

    Un match tra alti e bassi, un primo set dove Reggio sembrava non cedere mai e un terzo set che fino all’ultimo ha lasciato speranza che il risultato venisse ribaltato; il secondo parziale invece ha punito duramente i giallorossi che si sono abbattuti dopo la sconfitta del set precedente.

    Vibo Valentia non ha comunque mai concesso il minimo vantaggio alla compagine emiliana che ha pagato duramente il gap: “Vibo è una squadra costruita per fare il salto di categoria, lo sta dimostrando e l’ha dimostrato anche stasera. – il commento di Ernesto Torchia, libero reggiano che ha giocato nella fase di difesa – Peccato per il secondo set dove abbiamo mollato. Adesso ci aspettano quattro finali e daremo tutto per conquistare punti e provare a lottare per la salvezza. Sicuramente lo spirito e la voglia di portare a casa punti e di vincere le partite non devono mai mancare. Dobbiamo tenere a mente tutto il lavoro che stiamo facendo in settimana, e credere in tutti i sacrifici che stiamo facendo, perché sicuramente verranno ripagati”.

    Adesso mancano solo quattro giornate e poi si concluderà la Regular Season e la classifica stabilirà chi sarà in Serie A3 Credem Banca 2023/2024. Al momento Lagonegro si trova a 24 punti, uno in più di Reggio e questo significa che la possibilità di giocarsi i play out c’è; l’unico modo perché la tredicesima retroceda direttamente insieme all’ultima, momentaneamente Motta di Livenza con 17 punti, è che la dodicesima abbia più di due punti di differenza.

    Conclude poi Fabio Fanuli, il nuovo tecnico reggiano, che si assume le sue responsabilità: “Ci aspettavamo una partita molto complessa, lo testimoniano i dieci punti che Vibo Valentia ha sulla seconda in classifica. Ho grande rispetto per questa squadra, costruita bene in ogni dettaglio, che ha dimostrato in campo il suo valore. Per quanto ci riguarda, è stata una partita di alti e bassi. Resta il rammarico per il secondo set giocato non bene, è giusto che io mi assuma le mie responsabilità e bisogna solo continuare a lavorare, come i ragazzi stanno facendo dall’inizio dell’anno”.

    (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Reggio Emilia ancora ko: “Ci abbiamo messo la grinta, ma non basta”

    Di Redazione

    La Conad Reggio Emilia combatte, ma non finalizza. È la Tinet Prata di Pordenone ad avere la meglio per 3-1 al PalaBigi, scavalcando la squadra di casa: “Prata è una squadra difficile con una battuta molto forte. Abbiamo fatto una buona partita ma abbiamo commesso troppi errori nei momenti chiave dell’incontro” confessa Luiz Perotto, schiacciatore brasiliano in maglia Conad.

    Anche Lorenzo Sperotto, palleggiatore di Volley Tricolore, trova che sia mancato quel qualcosa in più nei punti chiave dell’incontro, quando la Tinet ha saputo scavalcare ed allungare sui reggiani: “Ci abbiamo messo del carattere e devo dire che combattendo ci si gioca tutto sui dettagli. Purtroppo in questo sport non basta la grinta, ma ci vuole molta concentrazione, senza sbagliare le cose facili per poi riuscire a realizzare quelle più difficili; così si vincono le partite“. 

    Luca Cantagalli, tecnico reggiano, aggiunge: “Oggi ce la siamo giocata alla pari. Purtroppo nei momenti decisivi dei set, quando contava, abbiamo fatto qualche errore di troppo e abbiamo perso. Dobbiamo rimboccarci le maniche e lavorare ancora, probabilmente stasera ha fatto la differenza l’inesperienza di qualche nostro giocatore che si affaccia per la prima volta su questa categoria. Dobbiamo essere più aggressivi e crederci di più, perché quando l’abbiamo fatto abbiamo sempre messo in difficoltà l’avversario: questo quindi potrebbe darci un grosso vantaggio“.

    (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Reggio Emilia, Sperotto e Torchia: “La squadra si è subito amalgamata”

    Di Redazione

    Sono passate tre settimane dal ritiro della Conad Reggio Emilia a Felina e la preparazione della squadra biancorossa continua a ritmo sostenuto. Coach Luca Cantagalli sta preparando i suoi ragazzi per affrontare al meglio gli allenamenti congiunti ormai alle porte (il primo si giocherà già il 3 settembre contro Modena Volley), ma soprattutto per iniziare il campionato al massimo della forma e con nuovi stimoli. 

    “Devo dire che sono molto contento del modo in cui il gruppo sta affrontando la preparazione – racconta il palleggiatore e vicecapitano Lorenzo Sperotto – siamo tutti molto disponibili al lavoro in palestra pesi ed il clima è sicuramente positivo. Stiamo lavorando molto anche con la palla, sia dal punto di vista tecnico, sia di intesa di squadra. Si sta costruendo un buon rapporto con lo staff, riponiamo in loro, infatti, tutta la nostra fiducia per arrivare pronti all’inizio del campionato“. 

    Anche il libero Ernesto Torchia si esprime positivamente: “La squadra si è amalgamata fin da subito; il ritiro a Felina ha decisamente influenzato in maniera positiva la creazione di questo affiatamento. Stiamo già provando qualche situazione di gioco per arrivare pronti ai primi allenamenti congiunti; questo ci permette di constatare il livello tecnico raggiunto dalla squadra, ma soprattutto aiuta a capire quali fondamentali sono ancora da affinare“.

    (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Lorenzo Sperotto lascia Trento e si mette in gioco a Reggio Emilia

    Di Redazione Arriva dalla SuperLega il nuovo regista della Conad Reggio Emilia: è Lorenzo Sperotto, classe 1999, reduce da due stagioni alla Itas Trentino e pronto a mettersi in gioco in Serie A2. “I due anni a Trento – commenta il palleggiatore – mi hanno lasciato un bagaglio ricco di esperienze sia dal punto di vista tecnico che umano. Stare a contatto con grandi campioni è stato per me molto importante e formativo“. E sul trasferimento a Reggio Emilia aggiunge: “È l’occasione giusta per conoscere la città più a fondo, sono sicuro che mi sentirò come a casa“. Guardando al futuro, il regista si aspetta una stagione stimolante: “Sarà fondamentale formare un gruppo coeso che contribuirà a creare un clima propositivo; sono molto contento di ritrovare Diego Cantagalli, con il quale ho già giocato nelle nazionali giovanili. Ho voglia di mettermi in gioco e di conoscere lo staff tecnico e la nuova squadra, mi aspetto un gruppo combattivo“. Sperotto approderà in una squadra reduce da una stagione straordinaria, ma questo per lui costituisce un modello a cui ispirarsi più che una fonte di pressione: “Cercheremo di far rivivere quelle emozioni ai tifosi e di portare tutto il nostro entusiasmo al palazzetto. Non vedo l’ora di poter vivere in prima persona tutto il calore che questo luogo ha da offrire“. (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Trento, Kaziyski: “Tanta fatica e tanti errori”. Sperotto: “Verona ha spinto tanto, complimenti”

    Di Redazione

    E’ tutto cuore quello che Verona ha messo in campo ieri nel Boxing Day contro l’Itas Trentino. Un’incredibile rimonta che vale la vittoria al tie break per i ragazzi di coach Stoytchev.

    Un solo punto, quindi, per Trento che si è lasciata sorprendere dall’ottimo gioco di una squadra capace di una grande prova anche in settimana, nel recupero contro la Gas Sales Bluenergy Piacenza. L’infortunio del palleggiatore Sbertoli ha sicuramente influito per i Dolomitici, come ha dichiarato coach Lorenzetti, che sono comunque riusciti a muovere la classifica.

    Sperotto: “Mi dispiace per il risultato, è stata comunque una bella partita. Abbiamo comunque fatto passi avanti che spero possano servirci per fare meglio in futuro. Qualche spreco in contrattacco, ma siamo riusciti a tenere un buon side-out, soprattutto nel secondo e nel quinto set. Oggi ce l’abbiamo messa tutta, Verona ha spinto tanto anche al servizio. Bravi loro”.

    Kaziyski: “Non so dire se siano stati loro ad approfittare dei nostri cali, o noi a non aver ritrovato il giusto ritmo. Dopo il cambio di Riccardo (Sbertoli, ndr) abbiamo faticato parecchio. Tanti errori da parte nostra, non solo in attacco ma anche negli altri fondamentali e questo ha permesso a Verona di avere vantaggio, cosa che non doveva acccadere. Ora sotto a pensare a cosa ci aspetta: sarà un periodo difficile, soprattutto dobbiamo vedere come riuscirà a recuperare il nostro palleggiatore dall’infortunio”.

    (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Rinnovo contrattuale per Lorenzo Sperotto: in maglia gialloblù per un’altra stagione

    Trento, 29 giugno 2021
    Gli ultimi giorni del mese di giugno riservano una preziosa conferma in casa Trentino Volley. A rinnovare il contratto con il Club di via Trener in queste ore è stato infatti Lorenzo Sperotto, che ha firmato un nuovo accordo annuale e vestirà quindi la maglia dell’Itas Trentino almeno sino al 2022.L’alternativa a Riccardo Sbertoli nel ruolo di regista sarà pertanto il giovane palleggiatore veneziano, che nella sua prima stagione a Trento ha saputo farsi apprezzare per le sue qualità di grande professionista, dotato non solo di un ottimo tocco ma anche di un servizio in salto particolarmente efficace, che ha spinto Lorenzetti ad utilizzarlo spesso in battuta anche in momenti topici di match importanti.“Sono contento di poter proseguire la mia esperienza in maglia Trentino Volley per almeno un altro anno – ha ammesso Lorenzo Sperotto – . La stagione appena terminata mi ha permesso di crescere molto e di adattarmi in fretta al livello della SuperLega, campionato in cui non avevo mai giocato prima dello scorso settembre. Potermi allenare ogni giorno al fianco di grandi campioni è stato utile sotto tutti i punti di vista, così come essere seguito quotidianamente nel mio percorso da un allenatore del calibro di Angelo Lorenzetti. Sono felice di aver potuto offrire un contributo significativo anche in battuta nella mia prima annata da gialloblù; lavorerò per diventare più forte ed efficace anche in questo fondamentale che mi piace particolarmente. Avremo a disposizione una rosa ancora più giovane ed italiana del passato; tutto ciò rappresenterà un ulteriore stimolo per me”.
    La schedaLORENZO SPEROTTOnato a Mirano (Venezia), il 28 aprile 1999190 cm, ruolo palleggiatore2013/14 Volley Treviso giov.2014/15 Volley Treviso giov.2015/16 Aereonautica Militare Club Italia B e A22016/17 Aereonautica Militare Club Crai Italia B e A22017/18 Club Italia Crai Roma A22018/19 Roma Volley A22019/20 Roma Volley Club A32020/21 Itas Trentino SuperLega2021/22 Itas Trentino SuperLega
    Palmares1 Campionato Italiano Under 15 (2014)1 Campionato Italiano Under 17 (2015)Mvp Campionato Italiano Under 15 (2014)Mvp Campionato Italiano Under 17 (2015)
    In NazionaleMedaglia d’Oro Eyof Pre Juniores 2017Medaglia d’Argento Mondiale Juniores 2019Medaglia d’Argento Europeo Pre Juniores 2017Miglior Palleggiatore Mondiale Juniores 2019
    Con Trentino VolleySeconda stagione in prima squadraEsordio il 13/09/2020 (Trento-Civitanova 3-2)23 presenze (23 nel 2020/21)3 punti (3 nel 2020/21)

    Trentino Volley SrlUfficio Stampa

    Articolo precedenteBrescia fa centro: Patriarca è un Tucano! LEGGI TUTTO

  • in

    Sperotto: “Non vedo grosse differenze tra noi e Perugia o Civitanova”

    Di Redazione
    Il giovane palleggiatore dell’Itas Trentino Lorenzo Sperotto è intervenuto domenica sera, direttamente dalla sua casa di Trento, alla settimanale puntata di “After Hours” – la trasmissione prodotto dalla Lega Pallavolo Serie A e condotta da Andrea Zorzi ed Andrea Brogioni che ogni sette giorni traccia il punto della situazione per il campionato di SuperLega Credem Banca 2020/21.
    “Scegliere durante la scorsa estate di vestire la maglia di Trentino Volley è stata la cosa più giusta per me – ha spiegato – ; poter stare a stretto contatto con grandi giocatori è molto gratificante e mi fa pesare meno il fatto di essere il secondo palleggiatore e di avere quindi ragionevolmente poco spazio in campo durante le partite. Sono infatti appagato da quello che faccio ogni giorno in palestra nel corso degli allenamenti. Certo, non posso immaginare di ricoprire per tutta la mia carriera il secondo palleggiatore, ma per maturare esperienza come primo ci sarà tempo. A Trento resterei volentieri anche la prossima stagione”.
    “Abbiamo tutte le carte in regola per arrivare sino in fondo ad entrambe le competizioni in cui siamo ancora in corsa, Campionato e Champions League – ha continuato Lorenzo – . Non vedo grosse differenze fra la nostra squadra e quelle di Perugia e Civitanova; forse c’è un piccolo gap ma credo che possa essere colmato in queste ultime settimane che ancora mancano alla fine della stagione. La semifinale di Coppa Italia persa nettamente a Bologna è stata difficile da digerire, perché volevamo assolutamente restare in Emilia anche per la Finale di domenica; non ci aspettavamo un risultato così netto ma speriamo che quella sconfitta ci possa servire come lezione. A Giannelli ruberei la determinazione che mette in campo, anche in allenamento, e un po’ della sua fisicità; un difetto di Simone? Sta troppo attento all’alimentazione…”
    (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO