consigliato per te

  • in

    L’albo d’oro della Champions League femminile: bis europeo per l’Imoco

    Il trionfo della A.Carraro Imoco Conegliano nella finale di Champions League ad Antalya completa l’ennesima stagione da sogno per le Pantere, aggiungendosi nella bacheca gialloblu a Scudetto, Coppa Italia e Supercoppa Italiana. Si tratta della seconda Champions nella storia dell’Imoco, dopo quella del 2021, anche se il bilancio delle finali rimane ancora in negativo (3 quelle perse).

    In Turchia è arrivata anche, e questo già si sapeva, la diciottesima affermazione di una rappresentante dell’Italia, la nazione più titolata dopo l’Unione Sovietica (a quota 22). Tra le otto squadre che hanno vinto il trofeo continua a non esserci Milano, che non riesce ancora a spezzare il tabù delle sfide contro Conegliano: quest’anno 5 sconfitte su 5, di cui 3 in finale.

    Ecco l’albo d’oro aggiornato della manifestazione:

    COPPA DEI CAMPIONI1960-61 Dinamo Mosca1961-62 Burovestniek Odessa1962-63 Dinamo Mosca1963-64 Levski Sofia1964-65 Dinamo Mosca1965-66 CSKA Mosca1966-67 CSKA Mosca1967-68 Dinamo Mosca1968-69 Dinamo Mosca1969-70 Dinamo Mosca1970-71 Dinamo Mosca1971-72 Dinamo Mosca1972-73 Nim-Se Budapest1973-74 Dinamo Mosca1974-75 Dinamo Mosca1975-76 Stella Rossa Praga1976-77 Dinamo Mosca1977-78 Traktor Schweriner1978-79 CSKA Sofia1979-80 Stella Rossa Praga1980-81 Uralochka Sverdlovsk1981-82 Uralochka Sverdlovsk1982-83 Uralochka Sverdlovsk1983-84 CSKA Sofia1984-85 ADK Alma Ata1985-86 CSKA Mosca1986-87 Uralochka Sverdlovsk1987-88 Teodora Ravenna1988-89 Uralochka Sverdlovsk1989-90 Uralochka Sverdlovsk1990-91 HAOK Mladost Zagreb1991-92 Il Messaggero Teodora Ravenna1992-93 Latte Rugiada Matera1993-94 Uralochka Ekaterinburg1994-95 Uralochka Ekaterinburg1995-96 Parmalat Matera1996-97 Foppapedretti Bergamo1997-98 Dubrovacka Banka Dubrovnik1998-99 Foppapedretti Bergamo1999-00 Foppapedretti Bergamo

    EUROPEAN CHAMPIONS LEAGUE2000-01 Edison Modena2001-02 Racing Club de Cannes2002-03 Racing Club de Cannes2003-04 Marichal Tenerife2004-05 Radio 105 Foppapedretti Bergamo2005-06 Colussi Despar Perugia2006-07 Foppapedretti Bergamo2007-08 Colussi Despar Perugia

    CEV CHAMPIONS LEAGUE2008-09 Foppapedretti Bergamo2009-10 Foppapedretti Bergamo2010-11 VakifGunes TTelekom Istanbul2011-12 Fenerbahce Universal Istanbul2012-13 VakifBank Istanbul2013-14 Dinamo Kazan2014-15 Eczacibasi VitrA Istanbul2015-16 Pomì Casalmaggiore2016-17 VakifBank Istanbul2017-18 VakifBank Istanbul2018-19 Igor Gorgonzola Novara2019-20 non assegnata2020-21 Imoco Volley Conegliano2021-22 VakifBank Istanbul2022-23 VakifBank Istanbul2023-24 A.CARRARO DOC IMOCO CONEGLIANO LEGGI TUTTO

  • in

    Conegliano, sempre Conegliano: Plummer riporta le Pantere in paradiso al tie-break

    Conegliano, ancora Conegliano, sempre Conegliano: l’Imoco è campione d’Europa per la seconda volta nella sua storia. A decidere la Champions League femminile è un tie-break vinto nel segno di Plummer per 15-9. Per Milano serata da incubo per Egonu, “ingabbiata” dalla strategia a muro che Santarelli le ha cucito su misura. Da segnalare invece l’ottima prestazione da leader di una monumentale Sylla sotto lo sguardo attendo del ct Velasco.

    Milano inizia il match con le gambe che tremano e con una Daalderop, titolare a sorpresa, che lascia quasi subito il posto a Cazaute. Conegliano, invece, appare subito in palla, presa per mano dalla solita Haak (7 punti in avvio con il 70% in attacco) che non sbaglia quasi nulla, e De Kruijf, schierata da Santarelli nello starting six (al posto di Lubian) a fare reparto con Fahr, quest’ultima vista girare in stampelle da quando è arrivata ad Antalya eppure regolarmente in campo senza alcun problema apparente.

    Nonostante una Egonu stranamente sottotono, colpa però della pressante marcatura a muro ben studiata da Santarelli, Milano si dimostra un diesel e aggrappandosi a Rettke e Sylla riapre il match vincendo col fiato in gola il secondo parziale per 23-25, dopo aver sprecato di suo pugno ben tre set point, salvo poi spegnere ancora l’interruttore nel terzo set. Maggior equilibrio nel quarto, poi Gaspari pesca dal mazzo due jolly, Malual e Bajema, e si va sul 2-2.

    Nel tie-break è sfida nella sfida tra Sylla e Plummer, ma alla fine la firma sulla coppa la mette l’americana.

    foto Cev

    Sestetti: Santarelli schiera Haak opposta a Wolosz, Plummer e Robinson-Cook in banda, Fahr e De Kruijf al centro, De Gennaro libero. Gaspari risponde con Orro al palleggio, Egonu in posto 2, Sylla e a sorpresa Daalderop in 4, Folie e Rettke coppia centrale, Castillo libero.

    1° SET – La finale femminile di queste Super Finale regala subito grande spettacolo. Si parte con grandi difese e un rally point deciso alla fine dal mani-out di Plummer. L’Imoco scappa subito via portandosi sul 5-1 grazie a un ottimo contenimento a muro e alle diagonali chirurgiche di Haak (7-3). In queste battute iniziali Milano appare subìre la tensione del grande appuntamento e Orro si aggrappa all’esperienza di Sylla nel tentativo di dare la scossa. L’ex capitana azzurra, sotto gli occhi del ct Velasco in prima fila, ne mette due dei suoi in attacco e risponde presente anche a difesa della seconda linea permettendo di sbloccarsi anche ad Egonu (9-7), ma sul 13-8 Gaspari è costretto a chiamare time-out per mettere ordine e forse infondere un po’ di tranquillità alle sue giocatrici.

    foto Cev

    De Kruijf piazza anche l’ace che vale il +6 per l’Imoco, già lanciata verso la conquista del primo set apparentemente senza aver ingranato ancora le marce alte. Egonu risponde a tono, dai nove metri, ma dall’altra parte Plummer continua a perforare a occhi chiusi il muro alzato da Orro e Rettke (18-10). Gaspari richiama in panchina Daalderop per Cazaute nel tentativo di smuovere qualcosa, e la francese risponde subito presente andando a segno in battuta. Sul punteggio di 18-13 questa volta a fermare il gioco è Santarelli che poi manda in campo (e in battuta) Lubian per Fahr. Milano continua a sbagliare, colpa soprattutto di diverse palle alzate in maniera non impeccabile da Orro, e Conegliano alla fine chiude con un pesantissimo 25-14.

    foto Cev

    2° SET – Nel secondo set la vero Volley torna a girare: Orro ha le mani decisamente più ferme e precise, Rettke inizia a murare ed Egonu a segnare con più regolarità. Morale della favola, al giro di boa le brianzole sono avanti addirittura 9-17 sfruttando pure un turno più che prolifico dalla linea dei nove metri di Malual (2 ace e parziale di cinque a zero).

    La reazione delle Pantere è però rabbiosa e il gap si riduce presto da 8 a 3 punti (14-17). Incredibile ma vero, inizia a sparare a salve anche Haak e la squadra di Gaspari inizia a credere seriamente di poter riaprire la partita. Rettke giganteggia a centro rete, ma contro Wolosz e compagne non basta. In attesa che Egonu vesta il mantello di supereroina di queste notti di Champions, è Sylla a tirare la carretta, e per ora tanto basta perché si gira campo sull’1-1 con l’Allianz che fa suo il set con il punteggio di 23-25.

    foto Cev

    3° SET – Nel terzo set Conegliano torna a fare Conegliano, come nel primo (6-1), ma pure Egonu inizia a piazzare le sue diagonali strettissime (6-4). Ciò nonostante, l’Imoco questa volta alza davvero i giri del suo gioco e prende presto il largo (13-8, 19-12).

    Gaspari getta nella mischia Malual per Egonu (appena 1 punto per lei) e Daalderop per Sylla, forse nel tentativo di far rifiatare le sue stelle battezzando già perso questo set. Girandola di cambi anche per Santarelli che manda in campo Lubian e Bardaro per Fahr e Plummer. Il set, però, come detto, e forse intuito da entrambi i tecnici, vola via senza storia, al netto di una tardiva reazione della Vero Volley, fino al 25-19 finale “stampato” da Haak.

    foto Cev

    4° SET – Decisamente più equilibrato l’inizio del quarto set con le squadre che si rispondono colpo su colpo, anche in fatto di break (8-10 Milano, 10-10). Se Egonu non passa il merito è del muro-difesa dell’Imoco che la marca quasi a “uomo”, calcisticamente parlando. Ma sempre a muro è anche la Vero Volley a trovare punti pesanti, ora anche con Folie.

    Dai nove metri Egonu allarga ancora la forbice (12-15) e poi inizia a trovare una certa regolarità anche in attacco. A opposto risponde opposto e con Haak le Pantere si rifanno ancora sotto (17-18) costringendo Gaspari a fermare il gioco, poi un altro giro di estrema efficacia al servizio di Malual riporta Milano sul +4 (18-22). Conegliano perde anche la misura (errori di Haak e Plummer) e il tie-break inizia a intravedersi all’orizzonte. Dalla panchina Gaspari pesca pure un altro jolly, Bajema, e le sue alla fine portano a casa il set per 19-25.

    foto Cev

    5° SET – Primo punto di Plummer, risponde subito Sylla poi con un ace arriva il break di Conegliano (3-1). Ancora Sylla, murone su Haak, ristabilisce la parità ai 5. Castillo tira su la qualunque, ma in generale si assiste a grandissime difese e recuperi su entrambi i lati della rete. Altro break pescato dall’Imoco al termine di un altra azione infinita e si gira campo sull’8-6.

    Va a segno anche Plummer e sotto di tre Gaspari chiama time-out. Sylla ne mette a terra un’altra, ma Plummer, ancora lei, fa 11-7 e poi, sempre lei, mura pure su Egonu. 12-7 e altro time-out di Gaspari, ma ormai le Pantere vedono il traguardo. Sylla, grandissima prestazione la sua, è l’ultima ad alzare bandiera bianca per Milano, ma alla fine la Champions va nella bacheca dell’Imoco, e per le Pantere è la seconda dopo quella alzata nel 2021.

    A. Carraro Imoco Conegliano – Allianz Vero Volley Milano (25-14, 23-25, 25-19, 19-25, 15-9)A. Carraro Imoco Conegliano: Plummer 21, Robinson Cook 10, Squarcini, De Kruijf 6, Gennari, Lubian 2, De Gennaro (L), Haak 23, Bugg, Wolosz 3, Lanier 2, Fahr 9, Bardaro, Piani (L). All. Santarelli.Allianz Vero Volley Milano: Cazaute 10, Malual 3, Heyrman, Folie 7, Orro 2, Prandi, Pusic, Rettke 7, Bajema 1, Sylla 13, Egonu 19, Daalderop, Candi, Castillo (L). All. Gaspari.

    Dal nostro inviato Giuliano Bindoni LEGGI TUTTO

  • in

    Wolosz e Santarelli verso Antalya: “Carichi per l’ultimo obiettivo. I precedenti con Milano non contano”

    Domenica 5 maggio alle ore 19.00 italiane ad Antalya (Turchia) la A. Carraro Imoco Volley Conegliano dopo una stagione europea finora immacolata (10 partite, 10 vittorie), sfiderà nella cinquantesima e ultima partita stagionale un’altra squadra italiana, l’Allianz Milano, nella SuperFinal di Cev Champions League. Finora in stagione per le Pantere 47 vittorie e 2 sconfitte.

    E’ la quarta finale di Champions per le Pantere di Conegliano, che sono partite ieri per la Turchia al gran completo e verranno seguite da un centinaio di tifosi gialloblù in trasferta dall’Italia. Oggi dalle 10 alle 10.30 il Media Meeting della CEV con capitane e allenatori.

    La capitana Joanna Wolosz, che giocherà domenica la sua 210° partita in carriera in Champions League: “A una settimana dalla grande felicità per la conquista del nostro sesto scudetto, assorbite le emozioni e le fatiche di una grande finale con Scandicci siamo cariche per questo ultimo obiettivo stagionale, a cui teniamo tantissimo. Giocare un playoff di questo livello e una finale con quattro partite durissime è stata la migliore preparazione per questa SuperFinal. Milano è certamente più riposata di noi perchè da un po’ di tempo stanno preparando questa partita, ma noi mentalmente dopo aver giocato e vinto una battaglia del genere certamente siamo pronte e allenate bene a partite dove non si molla dal primo all’ultimo pallone. Vincere e soprattutto vincere dopo aver superato grandi difficoltà aiuta.”

    Quale atmosfera aspettarsi in Turchia? “Ricordiamo Antalya per aver vinto lì il Mondiale l’anno scorso, è un posto che ci dà grandi ricordi, ci sarà tanto tifo anche neutrale, chissà che il pubblico turco con Dani e Bella dalla nostra parte, he lì sono idoli, sia dalla nostra parte. Comunque ci sarà un’atmosfera bellissima, ci saranno anche tanti nostri sostenitori e non vediamo l’ora di giocare questa partita che sogniamo da tanto tempo.”

    Foto CEV

    E infine la chiave del match secondo la regista polacca: “Abbiamo visto con Scandicci, ma anche nelle precedenti sfide stagionale con Milano, che quando funziona la nostra battuta e riusciamo a mettere in moto la nostra correlazione muro-difesa è difficile per le nostre avversarie, quindi sarà quello secondo me il fattore decisivo per noi. Ovviamente tutti parlano della sfida delle opposte tra Bella e Paola, due fuoriclasse, ma secondo me sarà con il gioco di squadra e con la difesa che potremo fare la differenza. Quello che è certo è che non dobbiamo pensare nemmeno lontanamente alle precedenti sfide con Milano di questa stagione, sarà un match tutto diverso dai quattro che l’hanno preceduto, questa è la partita più importante e l’Allianz arriverà determinata e vogliosa di riscattare anche l’uscita in semifinale di campionato, sarà una grande sfida che non vede una squadra favorita. Noi vogliamo finire con una vittoria e un altro trofeo, manca l’ultimo passo, il più difficile, siamo consapevoli che possiamo farlo e ora dopo aver lavorato tanto dobbiamo dimostrarlo in campo domenica giocando una grande partita.”

    A Wolosz fa eco l’analisi di coach Daniele Santarelli: “Fino ad ora è stata una bellissima stagione, playoff culminati con una finale intensa e combattuta con Scandicci dopo aver superato un altra avversaria tosta come Novara, abbiamo già conquistato lo scudetto, la coppa italia e la supercoppa, questo è l’ultimo passo, quello che potrebbe consegnare agli annali un’annata davvero eccezionale, sarebbe fantastico e siamo qui in Turchia per provare l’impresa. “

    Foto Rubin/LVF

    Milano ferma da un po‘, Conegliano “in ritmo” dopo la finale scudetto terminata una settimana fa: “Giochiamo con Milano che non scende in campo da un po’ di tempo, noi invece siamo rimaste sempre in ritmo con le battaglie dei playoff, è difficile dire se da questa situazione diversa siamo avvantaggiati noi o loro, ci sono dei pro e dei contro in entrambe le situazioni, alla fine sono sicuro che vantaggi e svantaggi si equilibrano e sarà il campo a decidere la più meritevole di conquistare questo importante trofeo.

    Santarelli in Turchia è di casa essendo l’allenatore della Nazionale e Antalya evoca bei ricordi per le Pantere: “Sì, Antalya per me riserva dolci ricordi, il Mondiale vinto due anni fa, il VNL con la nazionale turca, a me fa sempre piacere tornare in Turchia dove la pallavolo è seguitissima e posso ritrovare tante persone che conosco per l’esperienza con la nazionale, sono certo che domenica sia per la maschile che gioca prima di noi che per la nostra finale ci sarà una bellissima atmosfera.“

    I precedenti, quattro in questa stagione, sorridono tutti alle Pantere: “I precedenti stagionali sono stati molto diversi, a volte abbiamo vinto bene, altre abbiamo sofferto come nella complicata finale di Coppa Italia, ma ora non contano più nulla le altre partite, giochiamo entrambe l’ultima gara della stagione, la più affascinante, e non ci sono favorite. Entrambe le squadre hanno preparato bene questo impegno e si daranno battaglia con tutte le armi a disposizione per conquistare la Champions. E’ sempre difficile vincere questo trofeo e noi lo sappiamo bene, così come è quasi un’impresa anche arrivare alla finale. Adesso ci siamo, abbiamo i nostri tifosi che verranno a sostenerci e abbiamo tanta voglia di chiudere in bellezza la stagione, le ragazze ci tengono tanto e daranno il massimo per fare felici e ripagare di tanti sforzi i nostri incredibili tifosi, il club, gli sponsor e tutti coloro che ci hanno sostenuto nelle fatiche di questa stagione.”

    (fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Conegliano e Milano alla sfida decisiva: tutto sulla Super Final femminile

    È tutto pronto ad Antalya per le attesissime Super Finals di Champions League: nel torneo femminile l’attenzione di tutti gli appassionati del mondo (e anche di quelli locali, nonostante l’incongrua location) saranno catalizzati dalla prima finale tutta italiana dal 2019 a oggi, quella tra A.Carraro Imoco Conegliano e Allianz Vero Volley Milano. Scopriamo tutto sulle due finaliste e facciamo partire il conto alla rovescia per la sfida, in onda su DAZN alle 19 di domenica 5 maggio!

    Foto Rubin/LVF

    I PRECEDENTI – Si parte da un dato schiacciante: le 29 vittorie a 5 per le gialloblu nella storia dei confronti tra le due squadre (13 nelle ultime 15 sfide) e le 4 su 4 di questa stagione, tra cui le finali di Coppa Italia e Supercoppa Italiana vinte dalla formazione di Santarelli. Milano deve ribaltare anche il risultato del confronto europeo vissuto nella stagione 2021-2022, quando le due squadre si incrociarono nei quarti di finale (ma in realtà era di fatto una semifinale, vista l’esclusione delle formazioni russe) e l’Imoco si impose per 3-0 e 3-1.

    IN EUROPA – L’esperienza è ovviamente tutta dalla parte di Conegliano, che di finali ne ha già disputate 4, anche se ne ha vinta solo una (tra le sconfitte c’è proprio quella del 2019 nel derby con Novara), mentre per Milano si tratta di una prima volta storica. A livello individuale, invece, le cose cambiano: tra le Pantere non ci sono giocatrici che abbiano vinto più di una Champions (Haak e Robinson l’hanno conquistata con il Vakif), mentre nelle file di Milano fa saltare il banco Paola Egonu, che ad Antalya disputerà la sua quinta finale consecutiva con 4 squadre diverse, 3 successi all’attivo, tra cui quello contro l’Imoco a Berlino, e altrettanti premi di MVP. La rosa dell’Allianz, inoltre, comprende ben 4 giocatrici che hanno disputato l’ultima finale a Torino: Egonu, Daalderop e Bajema con il VakifBank, Heyrman con l’Eczacibasi.

    Foto Vero Volley

    PREPARAZIONE – Una variabile inedita e potenzialmente importante è la diversa marcia di avvicinamento all’evento delle due squadre: Milano ha disputato la sua ultima partita il 10 aprile, data dell’eliminazione dai Play Off per mano di Scandicci, mentre Conegliano è scesa in campo fino al 27, giorno di Gara 4 della finale vinta contro le toscane. Più di due settimane che possono fare la differenza in termini di dispendio di energie fisiche e mentali, ma anche di preparazione. Forse anche per questo le Pantere hanno scelto di arrivare nella sede della finale un giorno prima delle rivali: la delegazione gialloblu è partita giovedì 2 maggio, mentre l’Allianz Vero Volley si muoverà venerdì 3, con un charter in partenza da Verona in condivisione con l’Itas Trentino maschile.

    LE CHIAVI TATTICHE – Inutile girarci intorno: in questa stagione (e non solo) il rendimento di Milano è stato legato a doppio filo alla continuità della battuta, così come i problemi in ricezione di Plummer e/o Robinson sono stati gli unici in grado di condizionare Conegliano nei momenti più difficili della stagione: vedi l’andata delle semifinali contro l’Eczacibasi o alcuni passaggi della Finale Scudetto contro Scandicci. Sarà quindi importantissimo per Orro e compagne spingere da subito a mille al servizio, tanto più che l’Imoco in molte partite ha dimostrato la tendenza a non performare al meglio nel set d’apertura. Lo stesso discorso vale ovviamente anche a parti invertite, ma Milano ha paradossalmente un piccolo vantaggio: la sua distribuzione maggiormente sbilanciata sull’opposta non richiede necessariamente una ricezione perfetta per funzionare, naturalmente a patto di non incassare punti diretti.

    Foto CEV

    INCOGNITE – Un dubbio a testa per i due coach nella composizione del sestetto iniziale. Santarelli, approfittando dell’assenza di limitazioni per le straniere, ha sempre preferito Robin De Kruijf a Marina Lubian al centro: con ogni probabilità farà altrettanto ad Antalya, considerando anche che si tratterà dell’ultima partita nella carriera dell’olandese. Ma l’eccezionale stato di forma della centrale azzurra potrebbe insinuare una pulce nell’orecchio del tecnico umbro… Dal lato di Milano, la “pazza” idea di Gaspari potrebbe essere quella di schierare Kara Bajema invece di Helena Cazaute in posto 4, al fianco di Myriam Sylla: la statunitense non ha azzeccato praticamente nulla in stagione, ma ha esperienza a questi livelli e una fisicità che potrebbe incidere in attacco e in battuta. Senza dimenticare che in panchina c’è anche il jolly Nika Daalderop. Ci sarebbe poi anche un ballottaggio tra Laura Heyrman e Dana Rettke al centro, ma il tecnico della Vero Volley finora ha sempre preferito la belga e non ha dato segnali di voler cambiare orientamento.

    STATISTICHE – In questa edizione della Champions Conegliano ha vinto tutte le partite disputate, andando una sola volta al tie break (nella semifinale di andata con l’Eczacibasi), mentre Milano ha perso una partita nel girone iniziale contro il VakifBank e il ritorno della semifinale contro il Fenerbahce, vincendo però il decisivo Golden Set. Le gialloblu hanno fatto molto meglio delle rivali al servizio, con 2,05 ace a set contro 1,22, mentre a muro prevale nettamente l’Allianz con 3,56 block vincenti a set contro 2,26. Più sfumata la differenza negli altri fondamentali: in ricezione 26% per Milano e 24% per Conegliano, in attacco 47% per l’Imoco e 45% per le lombarde. A livello individuale Isabelle Haak è la seconda miglior realizzatrice dietro Boskovic, con 221 punti (6,14 a set), e Paola Egonu la terza con 199 (media di 5,53); a muro Dana Rettke, pur partendo spesso dalla panchina, è terza in assoluto con 27 block vincenti (0,93 a set), Robin De Kruijf ottava con 22, e sono ben piazzate anche Egonu e Heyrman (21 a testa). Al servizio si distingue ancora Haak, quarta con 18 ace (0,5 a set), mentre Egonu è settima con 14 (0,39).

    Foto CEV

    EMOZIONI – Qui si entra ovviamente nel campo dell’imponderabile, un fattore che spesso diventa decisivo. Conoscendo lo spirito “cannibale” di Santarelli difficilmente Milano potrà contare su una Conegliano appagata, ma su una Conegliano un po’ stanca magari sì, vista la durezza della serie decisiva per lo scudetto contro Scandicci. Inciderà di più la voglia di riscatto dell’Allianz Vero Volley, reduce da una stagione senza trofei e in cui brucia ancora l’eliminazione in semifinale Play Off, oppure la carica di giocatrici come Robinson, De Kruijf e Plummer, decise a chiudere il loro ciclo a Conegliano con un ennesimo trionfo? E quanto peserà l’orgoglio di Paola Egonu, abituata a prestazioni perfette nelle gare che contano (basta citare i 40 punti della finale dello scorso anno) e messa un po’ in ombra in questa fase della stagione da rivali come Antropova e la stessa Haak? Tutte domande a cui solo il campo e a cui aggiungiamo un ulteriore elemento di “fattore umano”: lo stato d’animo di Marco Gaspari, che, proprio nelle stesse ore della finale, attende la nascita di suo figlio…

    di Eugenio Peralta LEGGI TUTTO

  • in

    Ecco gli All-Star Team della Champions League (secondo i tifosi)

    In attesa delle Super Finals di domenica 5 maggio ad Antalya, la CEV ha rivelato i risultati del sondaggio lanciato online per determinare gli All-Star Team della Champions League maschile e femminile. Rispetto alle consuetudini di questo genere di “consultazioni” ne sono venuti fuori due sestetti abbastanza equilibrati, anche se alcune scelte non mancheranno di far discutere gli appassionati.

    Nel sestetto ideale della Champions femminile ci sono 4 protagoniste della finale: per Conegliano Joanna Wolosz è la miglior palleggiatrice con il 46,9% delle preferenze, Kathryn Plummer la seconda miglior schiacciatrice (36,6%) e Moki De Gennaro il miglior libero (40,6%), mentre Milano è rappresentata al centro da Raphaela Folie (42,7%). A loro si aggiunge Daniele Santarelli, miglior allenatore per il 57,3% dei votanti. Ma i punteggi da record arrivano negli altri ruoli: Gabi ottiene un vero e proprio plebiscito come miglior schiacciatrice, con oltre 54mila voti e l’82,5%, mentre Tijana Boskovic guadagna 46mila preferenze, anche se si limita al 57,7%. Numeri di tutto rispetto anche per la centrale del Fenerbahce Eda Erdem con più di 31mila voti e il 59,9%.

    Foto CEV

    Nell’All-Star Team maschile c’è un solo giocatore della Trentino Itas: Alessandro Michieletto, miglior schiacciatore con un ristretto margine di preferenze (35,6%). Due invece i giocatori dell’altra finalista Jastrzebski Wegiel: il libero Jakub Popiwczak (45,7%) e il centrale Norbert Huber (48,1%), a cui si aggiunge l’allenatore Marcelo Mendez (51,3%). I restanti ruoli sono occupati dal palleggiatore della Cucine Lube Civitanova Luciano De Cecco (39,5%), dall’opposto dell’Halkbank Nimir Abdel-Aziz (42,4%), dallo schiacciatore dello Ziraat Matt Anderson (51%) e dal centrale del Guaguas Las Palmas Graham Vigrass (41,4%). Va detto, però, che il numero di votanti in questo sondaggio è di almeno 10 volte inferiore a quello femminile…

    (fonte: CEV) LEGGI TUTTO

  • in

    Conegliano a caccia del titolo europeo: giovedì la partenza delle Pantere per Antalya

    Domenica 5 maggio alle ore 19.00 italiane ad Antalya (Turchia) la A. Carraro Imoco Volley Conegliano giocherà la 50° ed ultima partita stagionale, nientedimeno che la SuperFinal di Champions League 2024, avversaria in un “derby” tutto italiano l’Allianz Milano.

    Finora 47 vittorie e solo 2 sconfitte in stagione, entrambe nei playoff che hanno visto sabato scorso le Pantere di coach Santarelli conquistare il loro sesto scudetto consecutivo, settimo in totale in una bacheca che, aggiungendo gli altri trionfi di questa stagione gialloblù in Supercoppa Italiana e Coppa Italia, ospita ora ben 23 trofei. 

    Capitan Wolosz e compagne, ancora imbattute in Champions League finora con 10 vittorie su 10 gare, cercano un fantastico poker per centrare un “quadriplete” già riuscito nella stagione 2020/21. Di fronte però ci sarà l’Allianz Milano che si presenterà alla SuperFinal di Antalya con un manipolo di agguerrite ex, da Paola Egonu a Miriam Sylla e Raphaela Folie (che nel 2021 a Verona erano in campo nell’unico trionfo europeo della storia gialloblù, senza dimenticare il coach Marco Gaspari che fu il primo allenatore delle Pantere dalla fondazione nel 2012 al 2014. 

    Un centinaio i tifosi gialloblù in trasferta dall’Italia.

    Foto di Prosecco Doc Imoco Conegliano

    Quella di domenica dopo 8 stagioni di milizia in gialloblù sarà l’ultima partita della carriera di Robin De Kruijf, che lascia il volley al top assoluto con la SuperFinal di Champions League. Con la maglia delle Pantere la centrale olandese, “The Queen” per i tifosi del Palaverde, ha giocato 285 partite (terza nella classifica) di cui 178 di campionato, 25 di coppa italia, 9 di supercoppa, 60 di champions league, 13 di mondiale per club. 

    In maglia Imoco De Kruijf nelle sue otto stagioni ha realizzato 2561 punti, ed è attualmente al secondo posto nella classifica “all time” delle realizzatrici in maglia Conegliano, a soli 5 punti dalla prima posizione di Paola Egonu. Per lei con le Pantere 6 scudetti, 6 coppe italia, 7 supercoppe, 2 mondiali per club e 1 champions, finora 22 trofei, a cui sommare 1 scudetto, 1 coppa italia e 1 supercoppa con Piacenza, 1 campionato turco, 2 campionati olandesi, 2 coppe d’olanda e 1 supercoppa turca; con la Nazionale 3 argenti europei per completare una carriera eccezionale costellata di trofei.

    (fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Si vota online per l’All Star Team della Champions League

    Come già avvenuto nelle scorse stagioni, in attesa delle Super Finals del prossimo 5 maggio ad Antalya, la CEV ha lanciato un sondaggio online per determinare l’All Star Team dell’edizione 2023-2024 della Champions League maschile e femminile. Anche se generalmente queste “consultazioni” vengono monopolizzate dai tifosi turchi, rendendo i risultati poco attendibili, quest’anno c’è una “barriera” all’ingresso (è necessario registrarsi con nome e indirizzo e-mail) che potrebbe rendere il voto più interessante.

    Per ogni ruolo del sestetto si può scegliere tra quattro giocatori o giocatrici e, ovviamente, non mancano le stelle delle tre squadre italiane che saranno presenti alle Finals (ma non solo). Nel femminile, ad esempio, nel ballottaggio per la miglior palleggiatrice troviamo Alessia Orro per Milano, Joanna Wolosz per Conegliano e Maja Ognjenovic per Scandicci, oltre a Elif Sahin (Eczacibasi); nel ruolo di opposto non manca il duello tra Paola Egonu e Isabelle Haak, insieme a Tijana Boskovic e Krystal Rivers. E tra i quattro liberi che si contendono il “premio” ci sono Moki De Gennaro e Brenda Castillo, con le turche Simge Akoz e Gizem Orge.

    Due i posti per le schiacciatrici: da una parte Britt Herbots e Kathryn Plummer se la giocano con Arina Fedorovtseva e Ali Frantti, dall’altra la contesa è tra Gabi, Alexa Gray, Ann Kalandadze e Anna Kotikova (stupisce, e non poco, l’assenza di Robinson e Sylla). Stesso discorso per le centrali: nel primo gruppo troviamo le compagne di squadra Dana Rettke e Raphaela Folie insieme a Carol e Sinead Jack, nel secondo Robin De Kruijf con Eda Erdem, Chiaka Ogbogu e Monique Strubbe. Infine il sondaggio tra gli allenatori, con Daniele Santarelli e Marco Gaspari tra i candidati insieme a Stefano Lavarini e Ferhat Akbas.

    Anche per quanto riguarda il torneo maschile c’è qualche sorpresa, ma non tra i palleggiatori: Riccardo Sbertoli e Luciano De Cecco sono nella lista insieme all’altro finalista Benjamin Toniutti e allo spagnolo Miguel Angel De Amo. Nel ruolo di opposto Adis Lagumdzija sfida Nimir Abdel-Aziz, Lukasz Kaczmarek e Marek Sotola: viene da chiedersi che fine abbiano fatto Rychlicki e Patry, che si affronteranno ad Antalya… Più prevedibile la votazione per il libero, con Gabriele Laurenzano e Fabio Balaso ad affrontare Jakub Popiwczak e Volkan Done.

    Doppia scelta per gli schiacciatori: da una parte Alessandro Michieletto deve vedersela con Tomasz Fornal, Earvin Ngapeth e Nicolas Bruno, dall’altra a rappresentare l’Italia ci sono Riccardo Lucarelli e Aleksandar Nikolov contro Matt Anderson e Timothée Carle. Qualche perplessità desta anche la selezione dei centrali, con Barthélémy Chinenyeze a sfidare Mert Matic, Nehemiah Mote e Graham Vigrass, e Robertlandy Simon che invece affronta Norbert Huber, Bedirhan Bulbul e Jan Kozamernik. Infine i coach: Fabio Soli e Gianlorenzo Blengini sono nel lotto dei candidati insieme a Marcelo Mendez e Mustafa Kavaz.

    (fonte: CEV) LEGGI TUTTO

  • in

    In vendita i biglietti per le Super Finals di Antalya

    Sono in vendita da venerdì 5 aprile i biglietti per assistere alle Super Finals di Champions League che si svolgeranno domenica 5 maggio ad Antalya, in Turchia. Tre delle 4 squadre protagoniste, com’è noto, arriveranno dall’Italia: A.Carraro Imoco Conegliano e Allianz Vero Volley Milano si contenderanno la Coppa femminile, mentre l’Itas Trentino sfiderà i polacchi dello Jastrzebski Wegiel per il trofeo maschile.

    Il programma della giornata prevede alle 16 italiane la finale femminile e alle 19 quella maschile: i biglietti per assistere ad entrambe le gare sono in vendita online al prezzo di 2160 lire turche, circa 62 euro. L’ostacolo principale per i tifosi italiani rimane comunque lo spostamento ad Antalya, che non è raggiungibile con voli diretti ma soltanto con scalo a Istanbul, per un viaggio di almeno 5 ore.

    (fonte: CEV) LEGGI TUTTO