consigliato per te

  • in

    B maschile: Scanzo concede il bis con un convincente 3-0 su Limbiate

    Di Redazione Copia e incolla del debutto? Anche meglio per lo Scanzo Volley. La seconda giornata di campionato si conclude con lo stesso punteggio imposto a Romagnano Sesia, ma contro la Zeroquattro Limbiate lo Scanzo fa uno step in più nella sua scala di crescita. Contro un avversario che aveva portato via un set da Caronno, i bergamaschi – con un Malvestiti in stato di grazia (17 palloni a terra) – approcciano il match come meglio non avrebbero potuto. E se la strada, più che in discesa, sembra una picchiata verso il doppio traguardo c’è tanto merito dei giallorossi, aggressivi fin dai primi scambi con il servizio a fare da spartiacque, tanto da mandare fuorigiri una ricezione avversaria che evapora. 7-1 al semaforo verde del primo set, 7-0 nel secondo. Nella prima serie un ace di Giorgio Gritti, nella seconda di Luca Martinelli. Un doppio segnale che, sostanzialmente, sancisce una superiorità che mai ha traballato e che ha consentito di mettere in ghiaccio rispettivamente a 15 e a 14 i primi due periodi. I milanesi, tuttavia, con Frasconi in campo trovano un maggiore equilibrio nel terzo tanto da dare filo da torcere ai bergamaschi fino a risalire al meno 1 (20-19). Nel finale però le gerarchie e le distanze vengono ristabilite e i ragazzi di Gandini possono brindare alla seconda affermazione interno di fila. Scanzo-Limbiate 3-0 (25-15, 25-14, 25-20)Scanzo: Valsecchi 9, Martinelli 2, G. Gritti 10, M. Gritti 7, Malvestiti 17, Costa 9, Viti (L), M. Parma 1, J. Parma. N.e. Innocenti, Fornesi, Falgari, Mismetti, Cassina. All. GandiniLimbiate: Carcereri 1, Signorelli, Riva 2, Stella 16, Soldan 6, Ponzoni 6, Errera (L), Del Vescovo, Frasconi 2, Porro 3, Brandi 1. N.e. Dazzeo, Agostinello, Longobardi. All. Smorgon. (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    B maschile: U.S.D. Scanzorosciate Pallavolo-Romagnano Sesia 3-0

    Di Redazione Scanzo batte 3-0 Romagnano Sesia e torna ad imporre, con prepotenza, la legge del PalaDespe. Prestazione pulita, puntuale e solida, ma soprattutto di squadra quella dei bergamaschi (monumentale Mario Gritti con 5 muri e 100% in attacco, n.d.r.) che lasciano agli ospiti poco più del minimo sindacale. Coach Gandini apre con Martinelli-Malvestiti, Mario Gritti-Valsecchi al centro, Costa-Giorgio Gritti in 4 e Viti libero in un set che viene inaugurato e chiuso nello stesso modo: con una combinazione al centro tra un Martinelli già in cattedra e Gritti. Scanzo aveva già messo le cose in chiaro fin dall’avvio (4-0) per poi mantenere agevolmente le redini con due affondi di Malvestiti (14-8, 17-10). Rotto il ghiaccio, i giallorossi tengono un buon ritmo anche al rientro volando 10-6 e 15-10 grazie a due errori di Romagnano. Un “Gronchi rosa”, il muro del piccolo grande Martinelli per il 18-11, diviene il miglior viatico per imboccare la direzione del doppio vantaggio. Perché, nel frattempo, il muro continua a confermarsi un fondamentale di sicuro affidamento (9-1 il computo finale) e un maiuscolo Giorgio Gritti scalda a dovere il braccio. Nel terzo parziale il 9-6 è merito di Martinelli che lascia “muro a zero” Malvestiti (per la diagonale un esordio notevole) che non sbaglia e poi di Mario Gritti che stoppa ancora i piemontesi. Il finale, con la passerella anche per Cassina, è una dolce riproposizione delle varie specialità della casa: la mano pesante di Malvestiti, il “solito” muro di Gritti e pure un ace con aiuto del nastro di Valsecchi. Tre punti e via. Sabato prossimo, sempre alle 21, altro turno interno contro i milanesi del Limbiate. Scanzo-Romagnano 3-0 (25-17, 25-15 25-18)Scanzo: Valsecchi 9, Martinelli 1, G. Gritti 12, M. Gritti 11, Malvestiti 12, Costa 8, Viti (L), Cassina. N.e. J. Parma, M.Parma, Innocenti, Falgari, Mismetti, Fornesi. All. GandiniRomagnano Sesia: Fracasso 6, Ceccaroni 1, Turcich 11, Casagrande 4, Cardarelli 3, Sganzetta 5, Svetoslav (L), Toffanin (L), De Benedetti 1, Cattaneo 1, Gasparotto, Ariatta 1, Roux 1. All. Adami (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Canottieri Ongina, finisce in parità l’allenamento con Scanzorosciate

    Di Redazione Si assottiglia sempre di più il conto alla rovescia per l’esordio stagionale della Canottieri Ongina, formazione piacentina che militerà in Serie B maschile e che tra due week end inizierà l’avventura nel girone C. La squadra allenata da Gabriele Bruni sta affinando la propria forma a suon di test e di allenamenti. Sabato scorso a Scanzorosciate i gialloneri hanno pareggiato 2-2 nell’allenamento congiunto, mentre venerdì alle 19,30 (orario di ritrovo) a Monticelli ci sarà il test contro Valtrompia. “Vedo – le parole di coach Bruni – un percorso di crescita, sia fisicamente sia come intesa. A Scanzorosciate abbiamo alternato ottimi momenti di gioco a pause troppo lunghe e causate da nostre disattenzioni ed errori. Dobbiamo saper gestire meglio il colpo in attacco e da lì ripartire con copertura e contrattacco. Ci sono anche tante cose che stanno funzionando bene: a fronte di una battuta nell’occasione un po’ deficitaria, la linea di ricezione ha retto molto bene, si sono viste ottime cose a muro e nel complesso vedo un buon lavoro svolto dai ragazzi“. Scanzorosciate-Canottieri Ongina 2-2 (22-25, 23-25, 25-16, 27-25)SCANZOROSCIATE: Valsecchi 6, Martinelli 2, Innocenti 2, Gritti 10, Malvestiti 17, Costa 5, Fornesi (L), Falgari 6, Parma M. 2, Gritti G. 8, Gritti M. 10, Parma J. 3, Cassina, Mismetti. N.e.: Viti (L). All.: GandiniCANOTTIERI ONGINA: Bacca 6, De Biasi B. 12, Miranda 17, Caci 10, Fall 10, Ramberti 3, Cereda (L), Paratici, Piazzi 4, Zorzella, Ousse. N.e.: De Biasi M.. All.: Bruni LEGGI TUTTO

  • in

    Lo Scanzo riparte: “C’è voglia di rivalsa, dobbiamo tutti crescere in qualcosa”

    Di Redazione “Gli obiettivi? Prenderanno forma cammin facendo“. Un passo alla volta, senza sbandierare e con piccoli traguardi da raggiungere uno dopo l’altro. La filosofia dello Scanzo 2021-2022, che si è radunato ieri, è ben delineata, come si evince dal mantra di Simone Gandini. Il tecnico bresciano, al suo secondo anno in giallorosso, ha abbracciato un gruppo per larga parte confermato e potenziato da innesti tanto mirati quanto giovani. La diagonale è nuova di zecca (Martinelli–Malvestiti), nuova una banda e arriva dalla Superlega (Falgari), nuovo il quarto centrale promosso dal vivaio (Mismetti). “C’è voglia di rivalsa visto come si è chiuso lo scorso campionato – dice il coach –. L’età media del roster si è ulteriormente abbassata perciò servirà tempo per essere performanti. Fisicamente abbiamo acquisito qualcosa in più con la speranza che il percorso intrapreso lo scorso anno, attraverso il lavoro, ci consenta di fare uno step in più. Starà a ciascuno di noi crescere almeno in un aspetto: solo cosi il beneficio sarà globale. Come starà a chi c’era far ambientare immediatamente i nuovi innesti. Lo spirito dev’essere quello che i ragazzi hanno messo in palestra un anno fa, quando si sono dovuti affrontati sei mesi di preparazione. Si è creato qualcosa di speciale, che va messo come base da cui ricominciare il percorso“. La Serie B, bergamaschi inseriti nel girone B, scatterà sabato 16 ottobre, con l’augurio di vivere un’annata regolare dall’inizio alla fine: “Se fosse così – continua Gandini – si potrà beneficiare di una programmazione adeguata, fisica, tecnica nonché sui carichi di lavoro. Specie perché avrò l’opportunità di poter contare su una panchina piuttosto lunga. Le avversarie più temibili? Sulla carta Saronno, Caronno, Yaka e Bresso. Fondamentale però per noi sarà cominciare bene già dai test match, alla ricerca dell’amalgama. Il resto sarà solo una naturale conseguenza, pur sapendo che con 22 turni il margine di recupero è più ampio“. ROSTERPalleggiatori: n. 15 Jacopo Parma (classe 1999), 5 Luca Martinelli (1998)Opposti: 7 Mattia Parma (1994), 13 Michele Malvestiti (1998)Centrali: 18 Daniele Cassina (1998), 10 Mario Gritti (1998), 16 Davide Mismetti (2002), 8 Damiano Valsecchi (1991)Schiacciatori: 1 Marcelo Costa (1983), 4 Simone Falgari (2001), 9 Giorgio Gritti (2000), 2 Luca Innocenti (1991)Liberi: 3 Cristian Fornesi (2001), 17 Daniele Viti (1994) STAFF TECNICO1° Allenatore: Simone Gandini2° Allenatore – Preparatore atletico: Maurizio FabbriScout: Maria FacchinettiFisioterapista: Elvira Avallone ORGANIGRAMMAPresidente Onorario: Giancarlo VitiPresidente: Maurizio TonoliVicepresidente: Vittorio CucchiSegretaria: Fabiola MoraschiniDirettore Sportivo: Marco BenvenutiAddetto Stampa: Federico Errante (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Il centrale Davide Mismetti a disposizione dello Scanzorosciate

    Di Redazione Dai piedi alle mani in cinque anni. Ed ora l’occasione in serie B per proseguire l’apprendistato tra i “grandi”. Per la prima volta Scanzo aggiunge il quarto centrale al suo roster e attinge direttamente dal settore giovanile. Davide Mismetti, classe 2002, ha cominciato con l’Under 15 di Goffredo Arsuffi ed ora completa la scalata dopo l’ultima stagione con coach Mario Marchesi in Under 19. Bergamasco purosangue di Pradalunga ha ricoperto svariati ruoli nella squadra di calcio del suo paese- portiere, difensore, attaccante – fino alla svolta. “Vista la mia altezza (198 cm) e qualche problematica relativa alla crescita – spiega – mi è stato consigliato di virare su nuoto o pallavolo. Ho provato in acqua, ma non è mai scoccata la scintilla al contrario di ciò che è accaduto con il volley. Mi sono presentato a Scanzo e i tecnici, sulla base delle mie caratteristiche, hanno deciso quello che sarebbe stato il mio ruolo proprio in quei frangenti”. Uno sliding doors suggerito dal caso e divenuto il fattore per il cambio di rotta per un ragazzo fresco di diploma all’Esperia e già tirocinante in un’azienda della provincia. “La chiamata per la prima squadra – ammette Mismetti – è giunta piuttosto inaspettata anche se ho intuito che si potesse aprire uno spiraglio quando, sul finire della scorsa stagione, ho svolto un allenamento con quelli che adesso saranno i miei nuovi compagni. L’approccio a questo sport è sempre stato per puro divertimento, adesso però sono carico come non mai. Ho voglia di imparare, di crescere e di sfruttare al meglio questa splendida opportunità”. (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Rodella: ” se riceviamo bene possiamo puntare in alto”

    Di Redazione
    Si chiude in parità sull’inedito punteggio di 2-2 (20-25, 25-23, 23-25, 25-16) il test della WiMORE Energy Parma in casa dello Scanzorosciate Pallavolo che segnava il ritorno in campo nel 2021 a distanza di oltre due mesi dall’ultimo allenamento congiunto di Ongina.
    Buone le indicazioni ricevute in terra orobica da coach Raho, che in avvio ha schierato il sestetto base formato da Quartarone in palleggio, Magnani opposto, capitan Grassano e Rodella in banda, Miselli e Smiriglia al centro e, infine, il neoacquisto Lanzara nel ruolo di libero. Al di là del risultato, era importante scaldare i motori a due settimane esatte dal debutto ufficiale nel campionato nazionale di Serie B maschile tra le mura amiche del Palazzetto dello Sport “Bruno Raschi” di Parma di fronte ai reggiani dell’Ama San Martino.
    Lo schiacciatore bresciano Emanuele Rodella ci teneva a far bene nel derby personale e, soprattutto, a riassaporare di nuovo l’adrenalina sul parquet. “E’ stato sicuramente molto bello e utile per riprendere quella che è la tensione della partita anche perché sono quattro mesi che continuiamo ad allenarci e da ormai dieci che non giochiamo una gara ufficiale. Siamo riusciti a fare un test positivo contro un’altra buonissima squadra di Serie B”.
    Quali sono gli aspetti emersi nell’allenamento congiunto con Scanzorosciate?
    “E’ stata un’ottima prestazione, abbiamo solo sbagliato in certe rotazioni prendendo break molto lunghi in tutti i quattro set. Ritrovare l’equilibrio e la forma in campo durante la partita sarà uno degli obiettivi in queste due settimane di allenamento”.
    A che punto è la condizione sia a livello fisico che mentale?
    “Siamo andati un po’ a fasi alterne, fisicamente stiamo bene e dobbiamo riacquisire la condizione giusta in partita quando bisognerà spingere di più”.
    In cosa può ancora crescere la squadra nelle prossime due settimane?
    “Sappiamo che se riceviamo bene possiamo ambire ai vertici ma se accade il contrario faticheremo contro chiunque”.
    Qui, di seguito, il risultato e le formazioni dell’allenamento congiunto tra Scanzorosciate Pallavolo e WiMORE Energy Parma:
    Scanzorosciate Pallavolo-WiMORE Energy Parma 2-2 (20-25, 25-23, 23-25, 25-16)
    SCANZOROSCIATE PALLAVOLO: Spagnuolo, Tosatto, Innocenti, Costa, Valsecchi, M.Gritti, Vitti (L), J.Parma, M.Parma, G.Gritti, M.Gritti, Cassina, Fornesi (L), Carobbio. All.: Gandini-Fabbri
    WiMORE ENERGY PARMA: Quartarone, Magnani, Grassano, Rodella, Miselli, Smiriglia, Lanzara (L), Nutricati, Cavazzoli, Ferrari Ginevra, Colangelo, Bellotti (L), Bertozzi. All.: Raho-Mattioli
    (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Scanzo, il ds Benvenuti: “Con la nuova formula è importante cominciare bene”

    Di Redazione
    Crema, Grassobbio, Valtrompia e Viadana: saranno questi gli ostacoli dello Scanzo nel corso della prima fase del campionato. In attesa del calendario, già nota la data d’inizio fissata per sabato 23 gennaio 2021. La Fipav ha ufficializzato il nuovo schema per garantire il regolare svolgimento di una delle annate più tormentate in assoluto. Il girone stilato in origine è stato scomposto in due sotto-gruppi con dapprima partite d’andata e ritorno (10), successivamente gara unica contro le avversarie dell’altro girone ripartendo dai punti ottenuti nella prima fase. Da giugno, infine, spazio ai play-off.
    “Con questo format – spiega il ds Marco Benvenuti – sarà ancor più importante cominciare con il piede giusto. E fa senza dubbio piacere che, eccezion fatta per Viadana, nella prima fase troveremo squadre già viste all’opera negli allenamenti congiunti (è in fase di definizione anche un test con Crema, n.d.r.)”.
    Non può mancare, giocoforza, un cenno alle contendenti: “Il sotto-girone è composto da avversarie temibili, soprattutto perché tra derby ed incroci con ex giocatori non si potrà mai abbassare la guardia e neppure azzardare calcoli. Specie in virtù del fatto che i punti ottenuti diverranno la base per affrontare la seconda parte della stagione in cui dovremo metabolizzare al meglio la novità assoluta delle gare secche. Il che ci porterà a giocare 16 partite anziché le 22 originariamente previste”.
    E il direttore sportive di Scanzo conclude poi con un’analisi della situazione attuale: “Altro aspetto che ci fa sorridere è la possibilità di allenarci con continuità in un periodo così complicato. Per un gruppo profondamente rinnovato è un fattore non da poco nell’ottica del percorso di crescita e di amalgama”.
    (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Scanzorosciate, Simone Gandini: “Stringiamo i denti aspettando la normalità”

    Di Redazione
    “Avanti con passione. Cercando di vedere sempre il bicchiere mezzo pieno”. Per la Serie B l’appuntamento è rinviato a gennaio 2021 e il coach dello Scanzorosciate, Simone Gandini, analizza una situazione imprevista ed imprevedibile in cui la vera sfida è diventata trovare nuovi equilibri. “Bisogna accettare e stringere i denti – dice il tecnico –, sperando d’avere presto una parvenza di normalità. Come Scanzo stiamo seguendo alla lettera tutti i protocolli e le regole, non abbiamo tesserati positivi ed è già un motivo per sorridere. Tenendo sempre le dita incrociate. Se avessimo date certe per la ripartenza firmerei subito per stare fermi un mese abbondante e poi ricominciare in sicurezza. Poiché esse non ci sono, proviamo a costruire al meglio in palestra”.
    In un contesto in cui si naviga a vista si fa strada l’ipotesi di ridisegnare i gironi, stratagemma che potrebbe consentire di cominciare e di terminare la stagione: “La competizione manca tanto – ammette –, è ciò per cui ci si allena ogni giorno ed è ciò per cui si cerca la vittoria il sabato. Quindi ben venga, a prescindere. Ci si deve accontentare a prescindere da formula e avversari”.
    Il semaforo verde nel nuovo anno significherebbe dover gestire complessivamente tre mesi abbondanti di preparazione, un’anomalia assoluta che potrebbe divenire al contempo una discriminante non da poco guardando in prospettiva: “Il salto di qualità – sottolinea Gandini – dipende dalla capacità mia e dello staff tecnico di trasmettere alla squadra obiettivi sul medio-lungo termine. Sul breve, solitamente, si ragiona con impostazione sul campionato. Adesso invece tocca a noi per primi metabolizzare e poi forgiare una proposta adeguata. E’ una bella prova sul piano mentale che deve poggiare, allo stesso tempo, sulla grande passione per questo sport ovvero ciò che ci accomuna. Dal primo all’ultimo, dalla società, allo staff fino ai giocatori. Sta prendendo forma un collettivo affiatato e sarebbe un peccato non poter continuare il percorso. I ragazzi, dal canto loro, sono certo che sapranno collaborare al massimo per creare un clima da un lato disteso e dall’altro competitivo. Non potendo neppure disputare allenamenti congiunti bisogna far tutto il possibile per restare in temperatura”.
    (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO