consigliato per te

  • in

    F1, Hamilton: “Sono ancora giovane, posso arrivare a 400 gare”

    ROMA – Appena tornato dal suo viaggio in Africa, Lewis Hamilton è pronto a tornare protagonista in macchina. Ormai accantonato il sogno mondiale già alle prime gare, per il britannico della Mercedes è tempo di rispondere a Toto Wolff, che ha prospettato per lui le 400 gare in Formula 1. “Sono tante gare! – afferma il sette volte campione del mondo – ma mi sento ancora giovane e mi sento come se avessi ancora un sacco di carburante nel serbatoio. Nel frattempo, però, sono anche grato di quanto ottenuto fin qui”. Poi aggiunge: “Voglio sempre mettermi in gioco. Correre le gare, ma anche continuare il lavoro con il team e fare di più. Penso con Mercedes possiamo fare ancora tanto e lo faremo”.
    Hamilton ancora affamato
    Per il momento, alla testa della classifica dei piloti con più Gran Premi disputati c’è Kimi Raikkonen (350), seguito da Fernando Alonso con 347 gare. Più staccati invece Ruben Barrichello (323), Michael Schumacher (307) e Jenson Button (306). Fuori dalla top five c’è Lewis Hamilton con 301 gare. Per raggiungere quota 400, Hamilton dovrebbe disputare almeno altri cinque campionati, concludendo la propria carriera a circa 42 anni. Questo però non sembra costituire un ostacolo per Hamilton. “Mi sto divertendo più che mai. In questo frangente, ovviamente, voglio tornare a vincere. Ci vorrà del tempo, ma sono sicuro che a un certo punto ci siederemo e parleremo del futuro”, ha infatti concluso il pilota di Stevenage. LEGGI TUTTO

  • in

    F1, Hamilton in Africa: “Alcuni dei giorni più belli della mia vita”

    ROMA – Lewis Hamilton continua il suo reportage del viaggio in Africa tramite i suoi canali social. In un post su Instagram, il pilota della Mercedes ha raccontato ancora una volta le sensazioni provate nell’esperienza fatta in queste settimane lontano dal circuito di Formula 1. “Queste ultime due settimane sono state alcune delle giornate più belle di tutta la mia vita. Non sono più lo stesso uomo che ero prima di questo viaggio – ha scritto -. Tutta la bellezza, l’amore e la pace che ho sperimentato mi hanno trasformato completamente”.
    Il racconto di Hamilton
    “Nessuna foto potrebbe catturare quello che sto provando ora e quello che sto cercando di dire – ha aggiunto Hamilton -. Sappiate solo che, dove le parole non bastano, le emozioni vanno in profondità. Sono entrato in contatto con le mie radici e la mia storia e sento i miei antenati con me più forti che mai. Grazie Namibia, Ruanda, Kenya e Tanzania. Grazie a questi popoli, alla natura e agli animali selvatici. Siamo stati i benvenuti in ogni luogo bellissimo che abbiamo visitato. Siamo stati trattati come una famiglia. Ai miei fratelli che si sono uniti a me in questo viaggio, grazie. So che ne parleremo per sempre”. LEGGI TUTTO

  • in

    F1, Hamilton sulla vacanza in Africa: “Non sono più lo stesso uomo di prima”

    ROMA – “Queste ultime due settimane sono state alcune delle giornate più belle di tutta la mia vita. Non sono più lo stesso uomo che ero prima di questo viaggio. Tutta la bellezza, l’amore e la pace che ho sperimentato mi hanno trasformato completamente”. Lewis Hamilton continua il suo reportage del viaggio in Africa tramite i suoi canali social. In un post su Instagram, il pilota della Mercedes ha raccontato ancora una volta le sensazioni provate nell’esperienza fatta in queste settimane lontano dal circuito di Formula 1.
    Le parole di Hamilton
    “Nessuna foto potrebbe catturare quello che sto provando ora e quello che sto cercando di dire – ha aggiunto Hamilton -. Sappiate solo che, dove le parole non bastano, le emozioni vanno in profondità. Sono entrato in contatto con le mie radici e la mia storia e sento i miei antenati con me più forti che mai. Grazie Namibia, Ruanda, Kenya e Tanzania. Grazie a questi popoli, alla natura e agli animali selvatici. Siamo stati i benvenuti in ogni luogo bellissimo che abbiamo visitato. Siamo stati trattati come una famiglia. Ai miei fratelli che si sono uniti a me in questo viaggio, grazie. So che ne parleremo per sempre”. LEGGI TUTTO

  • in

    F1, Hamilton in vacanza in Africa: “Un'esperienza che lascia senza parole”

    ROMA – Lewis Hamilton ha scelto l’Africa come meta per le sue vacanze estive 2022, in attesa che la Formula 1 si tuffi nella seconda parte di stagione. Il pluricampione della Mercedes sta documentando sui social il suo viaggio, che ha visto come prima tappa la Namibia. “Quest’anno trascorrerò le mie vacanze estive facendo qualcosa che volevo fare da anni, sto finalmente rintracciando le mie radici in Africa e, ragazzi, dire che questo viaggio è stato un’esperienza di radicamento è un eufemismo – ha scritto pochi giorni fa sui suoi canali social -. È stato un reset che ha cambiato la mia vita. Sento di aver acquisito una nuova prospettiva di vita, di aver sviluppato un amore ancora più forte per gli animali e di essermi avvicinato ancora di più ai miei fratelli con cui ho condiviso questo viaggio speciale. Ovunque guardi sono circondato da tanta bellezza e mi sento veramente in pace. La mia prima tappa è stata la Namibia, uno dei luoghi più belli che abbia mai visto con i miei occhi”.
    Seconda tappa
    Successivamente, Hamilton si è diretto in Ruanda, commentando così la sua seconda tappa: “Come si fa a descrivere un’esperienza che lascia senza parole? La mia seconda tappa è stata il Ruanda. Siamo stati accolti con sorrisi e musica dal bellissimo popolo ruandese. Questo viaggio mi ha mostrato quanto sia vario e ricco a livello di cultura questo Paese. Abbiamo camminato attraverso bellissimi campi verdi dove i bambini cantavano per noi e su un vulcano dove abbiamo trovato i gorilla. Che spettacolo vederli nel loro habitat naturale, rilassati e protetti dalla comunità che li circonda. È qui che dovrebbero stare, nelle loro case, liberi di vivere la loro vita in pace. È stata un’esperienza profonda e davvero commovente. Sono innamorata di questo Paese. Grazie per averci ospitato, non vedo l’ora di tornare”. LEGGI TUTTO

  • in

    F1, le vacanze in Africa di Hamilton: “Un reset che ha cambiato la mia vita”

    ROMA – In attesa che la Formula 1 riparta per la seconda parte del Mondiale 2022, Lewis Hamilton ha scelto l’Africa per le sue vacanze estive. Il pluricampione della Mercedes sta documentando sui social il suo viaggio, che ha visto come prima tappa la Namibia. “Quest’anno trascorrerò le mie vacanze estive facendo qualcosa che volevo fare da anni, sto finalmente rintracciando le mie radici in Africa e, ragazzi, dire che questo viaggio è stato un’esperienza di radicamento è un eufemismo – ha scritto pochi giorni fa sui suoi canali social -. È stato un reset che ha cambiato la mia vita. Sento di aver acquisito una nuova prospettiva di vita, di aver sviluppato un amore ancora più forte per gli animali e di essermi avvicinato ancora di più ai miei fratelli con cui ho condiviso questo viaggio speciale. Ovunque guardi sono circondato da tanta bellezza e mi sento veramente in pace. La mia prima tappa è stata la Namibia, uno dei luoghi più belli che abbia mai visto con i miei occhi”.
    Tappa in Ruanda
    Successivamente, Hamilton si è diretto in Ruanda, commentando così la sua seconda tappa: “Come si fa a descrivere un’esperienza che lascia senza parole? La mia seconda tappa è stata il Ruanda. Siamo stati accolti con sorrisi e musica dal bellissimo popolo ruandese. Questo viaggio mi ha mostrato quanto sia vario e ricco a livello di cultura questo Paese. Abbiamo camminato attraverso bellissimi campi verdi dove i bambini cantavano per noi e su un vulcano dove abbiamo trovato i gorilla. Che spettacolo vederli nel loro habitat naturale, rilassati e protetti dalla comunità che li circonda. È qui che dovrebbero stare, nelle loro case, liberi di vivere la loro vita in pace. È stata un’esperienza profonda e davvero commovente. Sono innamorata di questo Paese. Grazie per averci ospitato, non vedo l’ora di tornare”. LEGGI TUTTO

  • in

    F1, Horner: “Abu Dhabi? Comprendo la rabbia dei tifosi di Hamilton”

    ROMA – “Posso capire la rabbia del tifosi di Hamilton e della Mercedes, il fatto di essersi sentiti trattati ingiustamente, mentre invece i tifosi di Verstappen hanno considerato gli eventi di Abu Dhabi una sorta di ricompensa e di riscatto per Max dopo tutto quello che era successo nel corso dell’anno”. Sono le parole di Christian Horner, team principal della Red Bull, che ai microfoni di “Sky Sports” ha ricordato il Gran Premio conclusivo della scorsa stagione di Formula 1. Il primo mondiale di Max Verstappen è infatti nato da un’interpretazione del regolamento da parte dell’allora direttore di gara Michael Masi, nel momento in cui la safety car causata da Latifi stava per tornare ai box. A causa di ciò, i tifosi di Lewis Hamilton, che si è visto così negare il suo ottavo titolo iridato, si sono lamentati sui social. Accuse che trovano ora la comprensione di Horner.Guarda la galleryHamilton “scippato” del titolo: la stampa inglese attacca la Formula 1
    Le parole di Horner
    Ciononostante, il team principal della scuderia di Milton Keynes difende la legittimità della vittoria finale di Verstappen, comunque capace di cogliere l’attimo. Il britannico ha infatti aggiunto: “Sono fermamente convinto che Verstappen abbia pienamente meritato la conquista del titolo mondiale un anno fa e io sono uno che volta pagina molto in fretta. Per me Abu Dhabi 2021 è già un ricordo molto lontano”. Quest’anno invece lo scenario è molto diverso. Anche se la Mercedes sta recuperando terreno sulla Ferrari, la casa di Brackley è ormai fuori dai giochi per entrambi i titoli iridati, con l’olandese campione del mondo in carica che ha addirittura doppiato Hamilton nella tappa di Jeddah. LEGGI TUTTO

  • in

    F1, Horner: “Tifosi di Hamilton arrabbiati dopo Abu Dhabi? Li capisco”

    ROMA – Continua a far parlare di sé la tappa conclusiva della scorsa Formula 1. Lo sconforto di Hamilton e la vittoria di Verstappen sono ormai storia, ma la gara di Yas Marina 2021 fa ancora discutere. Christian Horner, interpellato dai microfoni di “Sky Sport”, va però incontro ai tifosi di Lewis Hamilton, non entusiasti dell’interpretazione del regolamento data da parte dell’allora direttore di gara Michael Masi, nel momento in cui la safety car causata da Latifi stava per tornare ai box. “Posso capire la rabbia del tifosi di Hamilton e della Mercedes, il fatto di essersi sentiti trattati ingiustamente, mentre – ha ricordato il britannico – i tifosi di Verstappen hanno considerato gli eventi di Abu Dhabi una sorta di ricompensa e di riscatto per Max dopo tutto quello che era successo nel corso dell’anno”.Guarda la galleryHamilton tra “vittoria strappata e caos”: i giornali inglesi sono una furia contro la F1
    I meriti di Verstappen
    Ciononostante, il team principal della scuderia di Milton Keynes difende la legittimità della vittoria finale di Verstappen, comunque capace di cogliere l’attimo. Il britannico ha infatti aggiunto: “Sono fermamente convinto che Verstappen abbia pienamente meritato la conquista del titolo mondiale un anno fa e io sono uno che volta pagina molto in fretta. Per me Abu Dhabi 2021 è già un ricordo molto lontano”. Il 2022 racconta però una storia ben diversa. Sebbene la Mercedes sta riducendo il gap sulla Ferrari, le Frecce d’Argento di Russell e Hamilton sono escluse dalla lotta per i due titoli iridati, situazione figlia di una W13 non all’altezza delle precedenti stagioni. LEGGI TUTTO

  • in

    F1, Hamilton ripercorre il Gp di Abu Dhabi: “Ho pensato di smettere”:

    ROMA – Una ferita che forse resterà per sempre nell’animo di Lewis Hamilton. In un’intervista a “Vanity Fair”, il pilota della Mercedes ricorda infatti gli ultimi istanti del Gran Premio di Abu Dhabi 2021, quando sulla pista di Yas Marina il titolo se l’è preso Max Verstappen in una gara di Formula 1 dal finale quanto mai infuocato dalle polemiche. “Quando ho visto come si stavano sviluppando le cose, le mie peggiori paure – confessa Hamilton – si sono fatte largo. Pensavo: ‘Non è possibile che mi freghino, non esiste. Non succederà mai, non possono fregarmi‘”. “Non so – continua il britannico – se riesco ad esprimere a parole la sensazione che ho provato. Ricordo di essermi seduto lì, incredulo. Non avevo più forze. È stato uno dei momenti più difficili da molto tempo a questa parte. Sapevo cosa fosse successo. Sapevo quali decisioni erano state prese e perché. Sapevo che qualcosa non andava. Sicuramente dopo quella gara ho valutato se continuare o meno la mia carriera in Formula 1″.
    Una vittoria possibile
    Archiviato il 2021, per Hamilton si è trattato di fare i conti con un’altra amara verità. La Mercedes W13, infatti, non è all’altezza del titolo mondiale. L’ambizione è ancora quella di vincere, anche se in un formato ridotto: “Dopo Abu Dhabi ho pensato di smettere – ha detto Hamilton – ma mi sento ancora in missione. Sento che quest’anno riuscirò a vincere un Gran Premio e sarei un bugiardo se dicessi che non sto pensando di continuare dopo il 2023”, conclude infatti il sette volte iridato. LEGGI TUTTO