consigliato per te

  • in

    Giappone: è subito sfida ad alta quota tra Kubiak e Kurek

    Di Redazione La V.League maschile in Giappone si è aperta con il botto: nello scorso weekend, un primo turno incandescente ha messo subito di fronte due delle favorite per il titolo, i Panasonic Panthers e i Wolfdogs Nagoya, trascinati dalle due stelle polacche Michal Kubiak e Bartosz Kurek. Il doppio confronto non ha certo lesinato emozioni: nel primo incontro i Wolfdogs si sono imposti per 2-3 (25-21, 22-25, 25-22, 23-25, 17-19) con 24 punti di Kurek, nel secondo sono stati i padroni di casa a chiudere sul 3-1 (25-18, 25-20, 22-25, 25-15) con 16 punti del capitano della nazionale polacca e 19 di Issei Otake. I Toray Arrows sono stati gli unici a centrare un doppio successo da tre punti contro i Nagano Tridents (3-1, 3-0), mentre Suntory Sunbirds sono dovuti ricorrere a due tie break contro l’FC Tokyo, vincendoli entrambi: va detto che i campioni in carica sono ancora privi del nuovo acquisto Arpad Baroti. Scontro avvincente anche quello tra JT Thunders e JTEKT Stings: la squadra di Hiroshima si è aggiudicata il primo round per 3-1, gli Stings di Federico Fagiani hanno vinto il secondo per 3-2, con 22 punti di Lipe Fonteles. (fonte: Vleague.jp) LEGGI TUTTO

  • in

    Giappone F.: Via al campionato. Vincono le favorite, si ritira Erika Araki

    Le Toyota AB Queenseis omaggiano Erika Araki

    GIAPPONE – Ha preso il via nel weekend il campionato giapponese femminile. Le JT Marvelous campionesse in carica di Drews (assenti le nazionali Momii e Hayashi) hanno ottenuto una doppia vittoria da 3 punti in casa delle Toyota AB Queenseis (assente Robinson) che al termine del match di sabato hanno omaggiato l’ex-capitana della nazionale (e loro ex-compagna) Erika Araki, che nelle settimane scorse aveva annunciato il ritiro dal volley giocato. Sei punti come da pronostico anche per le Toray Arrows di Kulan (assente Kurogo) sulle Victorina Himeji di Plak, per le NEC Red Rockets (assente Wilhite, tenuta in panchina Koga) sulle Kurobe Aqua Fairies (assente Lutz, partita dalla panchina Kokram), e per le Denso Airybees di Acosta (rimasta in panchina) sulle PFU Blue Cats della giovane cubana Melissa Valdes, mentre hanno ottenuto solo 5 punti le Ageo Medics di Lorenne (partita dalla panchina) che sabato hanno avuto bisogno del tie-break per avere la meglio delle Okayama Seagulls riuscendola a spuntare grazie ai 40 punti (col 54% in att.) della schiacciatrice Yuka Sato. Una vittoria e una sconfitta infine per le Hisamitsu Springs di Akinradewo (assenti Ishii e Nagaoka) contro le Hitachi Rivale di Tapp.
    Risultati 15 ottobreToray Arrows – Victorina Himeji 3-1 (22-25, 25-22, 26-24, 25-21)Top Scorer: Kulan 27, E. Ogawa 17, Ishikawa 15, N. Inoue 6; Plak 19, Magota 16, S. Tanaka 11, Omoto 6.
    Risultati 16 ottobreToyota AB Queenseis – JT Marvelous 1-3 (22-25, 25-21, 18-25, 20-25)Top Scorer: Yabuta 13, Kurosu 11, Suda 9; Drews 30, Justice 15, Wada 10.
    Denso Airybees – PFU Blue Cats 3-1 (23-25, 25-16, 25-21, 25-20)Top Scorer: Kudo 20, Nakamoto 15, Yokota 12, Hyodo 12; Valdes 20, Tran Thi Thanh Thuy 12, Takasou 9.
    NEC Red Rockets – Kurobe Aqua Fairies 3-0 (25-15, 25-19, 25-12)Top Scorer: Hirose 15, Soga 14, Yamada 8; Ukishima 9.
    Hisamitsu Springs – Hitachi Rivale 2-3 (23-25, 23-25, 25-16, 25-23, 16-18)Top Scorer: A. Inoue 26, Akinradewo 21, Shirasawa 13, Kato 13, Otake 9; Uesaka 22, Horii 16, H. Tapp 7.
    Okayama Seagulls – Saitama Ageo Medics 2-3 (30-28, 24-26, 25-23, 13-25, 11-15)Top Scorer: S. Kaneda 28, A. Sato 12, Yoshioka 8; Y. Sato 40, Uchiseto 21, Santiago 17, S. Yamaguchi 9.
    Toray Arrows – Victorina Himeji 3-0 (25-20, 25-17, 25-18)Top Scorer: Kulan 19, Ishikawa 16, E. Ogawa 10; Plak 18, S. Tanaka 8.
    Risultati 17 ottobreToyota AB Queenseis – JT Marvelous 0-3 (16-25, 19-25, 13-25)Top Scorer: Yabuta 11, Kurosu 5; Wada 18, Akutagawa 9, Justice 7.
    Denso Airybees – PFU Blue Cats 3-0 (25-20, 25-23, 25-22)Top Scorer: Nakamoto 18, Hyodo 12, Kudo 11, Yokota 8; Valdes 13, Tran Thi Thanh Thuy 13, Takasou 7.
    NEC Red Rockets – Kurobe Aqua Fairies 3-1 (25-23, 25-20, 14-25, 25-17)Top Scorer: Furuya 17, Shimamura 16, Soga 15, Yanagita 13, Yamada 9; Kosugi 14, Ukishima 13, S. Maruyama 12, Michishita 8.
    Hisamitsu Springs – Hitachi Rivale 3-1 (25-20, 19-25, 25-22, 25-16)Top Scorer: A. Inoue 23, Akinradewo 13, Nakagawa 13, Nomoto 10; Uesaka 20, H.Watanabe 13, Horii 12.
    Okayama Seagulls – Saitama Ageo Medics 0-3 (16-25, 15-25, 22-25)Top Scorer: Oikawa 8, Nakamoto 7; S. Yamaguchi 14, Aoyagi 12, Uchiseto 11, Y. Sato 11, Santiago 10.
    ClassificaJT Marvelous 2v-0p, 6ptNEC Red Rockets 2v-0p, 6ptToray Arrows 2v-0p, 6ptDenso Airybees 2v-0p, 6ptSaitama Ageo Medics 2v-0p, 5ptHisamitsu Springs 1v-1p, 4ptHitachi Rivale 1v-1p, 2ptOkayama Seagulls 0v-2p, 1ptKurobe Aqua Fairies 0v-2p, 0ptPFU Blue Cats 0v-2p, 0ptVictorina Himeji 0v-2p, 0ptToyota AB Queenseis 0v-2p, 0pt
    FormulaReg. Season dal 15/10 al 27/03 formata da 3 round robin (per un totale di 33 partite per sqaudra). Le prime tre accedono alla Final-3 (9-17/04). LEGGI TUTTO

  • in

    Giappone: Via al campionato. Panasonic vs Wolf Dogs 2-3 e 3-1 nel doppio big match

    La grinta di Kubiak

    GIAPPONE – Ha preso il via nel weekend il campionato giapponese maschile. L’unica squadra a fare bottino pieno sono stati i Toray Arrows dell’ungherese Padar (1-3 e 0-3 ai VC Nagano dell’indonesiano Nurmulki), mentre i Suntory Sunbirds campioni in carica, che hanno schierato il giovane schiacciatore cubano classe 2001 Alain De Armas Berrio (ancora assente invece il neo-acquisto Baroti), l’hanno spuntata per due volte solo al tie-break contro i modesti FC Tokyo del norvegese Kvalen. Sono invece terminati con un successo per parte gli altri doppi incontri del weekend: i JTEKT Stings del coach italiano Federico Fagiani hanno prima perso 1-3 (negativo 9% in att. per il brasiliano Lipe) e poi vinto 3-2 contro i JT Thunders di Edgar; i Sakai Blazers dell’ex-Perugia Vernon-Evans hanno ottenuto lo stesso risultato contro gli Oita Miyoshi del venezuelano Rodriguez; infine nell’atteso doppio big match tra i polacchi Kubiak e Kurek a vincere sono stati prima i Wolf Dogs (che l’hanno spuntata ai vantaggi del tie-break) e poi, per 3-1, i Panasonic Panthers.
    Risultati 15 ottobreJTEKT Stings – JT Thunders 1-3 (18-25, 19-25, 25-20, 19-25)Top Scorer: Miyaura 23, Fukuyama 10; Edgar 21, Onodera 11, Arai 10.
    VC Nagano – Toray Arrows 1-3 (22-25, 25-18, 16-25, 19-25)Top Scorer: Nurmulki 22, Tozaki 13, Kasari 8; Padar 19, Tomita 16, K. Takahashi 12, Tezuka 9.
    Risultati 16 ottobreSakai Blazers – Oita Miyoshi 1-3 (19-25, 20-25, 25-21, 26-28)Top Scorer: Vernon-Evans 20, Higuchi 12, Dekita 8; Bagunas 22, Rodriguez 19, K. Yamada 16, Hayashi 7.
    Suntory Sunbirds – FC Tokyo 3-2 (26-24, 25-22, 23-25, 21-25, 15-11)Top Scorer: Yanagida 21, K. Fujinaka 18, De Armas Berrio 11, Ono 10, M. Kuriyama 9; Nagatomo 18, Kvalen 15, Espejo 12, D. Yamada 9.
    Panasonic Panthers – Wolf Dogs 2-3 (25-21, 22-25, 25-22, 23-25, 17-19)Top Scorer: Otake 25, Kubiak 19, Kodama 8; Kurek 24, Takanashi 22, Yamazaki 18, Denda 15, Kon 7.
    JTEKT Stings – JT Thunders 3-2 (25-23, 26-24, 20-25, 20-25, 15-11)Top Scorer: Miyaura 30, Lipe 22, Y. Fujinaka 9; Edgar 34, Nakajima 11, D. Hisahara 11, Arai 10, Onodera 8.
    VC Nagano – Toray Arrows 0-3 (17-25, 21-25, 22-25)Top Scorer: Nurmulki 14, Kasari 8; Padar 12, Tomita 12, K. Takahashi 8, Tezuka 8.
    Risultati 17 ottobreSakai Blazers – Oita Miyoshi 3-0 (25-18, 25-18, 25-18)Top Scorer: Takano 17, Vernon-Evans 12, Higuchi 11; Bagunas 10, K. Yamada 10, Rodriguez 9.
    Suntory Sunbirds – FC Tokyo 3-2 (23-25, 23-25, 25-20, 29-27)Top Scorer: K. Fujinaka 23, De Armas Berrio 21, Yanagida 19, Ono 7; Nagatomo 21, Kvalen 20, Espejo 18, Muto 10.
    Panasonic Panthers – Wolf Dogs 3-1 (25-18, 25-20, 22-25, 25-15)Top Scorer: Otake 19, Kubiak 16, Nakamoto 12, Yamauchi 12; Yamazaki 20, Kurek 18, R. Takahashi 11.
    ClassificaToray Arrows 2v-0p, 6ptSuntory Sunbirds 2v-0p, 4ptPanasonic Panthers 1v-1p, 4ptJT Thunders 1v-1p, 4ptSakai Blazers 1v-1p, 3ptOita Miyoshi 1v-1p, 3ptJTEKT Stings 1v-1p, 2ptWolfdogs Nagoya 1v-1p, 2ptFC Tokyo 0v-2p, 2ptVC Nagano 0v-2p, 0pt
    FormulaReg. season dal 15/10 al 27/03 formata da 4 round-robin (per un totale di 36 partite per squadra). La prima va direttamente in finale (09/04); seconda e terza vanno in semifinale (10/04); in semifinale e in finale la squadra meglio piazzata in reg. season partirà con una vittoria di vantaggio (in caso di sconfitta verrà disputato il golden set al 25). LEGGI TUTTO

  • in

    Philippe Blain e Masayoshi Manabe sono i nuovi CT del Giappone

    Di Redazione La Japan Volleyball Association ha annunciato ufficialmente oggi i nomi dei nuovi commissari tecnici delle due nazionali, rimaste entrambe “scoperte” dopo le Olimpiadi di Tokyo. Due novità soltanto parziali: a guidare la rappresentativa maschile sarà infatti il francese Philippe Blain, già assistente di Yuichi Nakagaichi nella precedente gestione. Al timone della squadra femminile al posto di Kumi Nakada, come anticipato dai media locali nei giorni scorsi, arriva invece Masayoshi Manabe, che aveva già allenato il Giappone dal 2010 al 2016 conquistando anche la medaglia di bronzo a Londra 2012. Il 61enne Blain, ben noto già come giocatore anche in Italia a Cuneo (dove iniziò la sua carriera da allenatore), in carriera ha ricoperto anche il ruolo di CT della Francia e della Polonia. Manabe, 58 anni, dopo la sua esperienza alla guida della squadra nipponica, ha invece ricoperto il ruolo di direttore sportivo e poi di presidente dell’Himeji Victorina. (fonte: Instagram JVA) LEGGI TUTTO

  • in

    Giappone: torna Masayoshi Manabe sulla panchina della nazionale femminile?

    Di Redazione Il rinnovamento sulla panchina del Giappone potrebbe tradursi in un… ritorno al passato. Secondo quanto riportato da Yahoo! Japan, infatti, la Japan Volleyball Association avrebbe chiesto a Masayoshi Manabe di assumere nuovamente l’incarico di CT della nazionale femminile, lasciato vacante dalle dimissioni di Kumi Nakada. Quello di Manabe è un nome di assoluto rilievo nella storia recente del volley nipponico: ha allenato la nazionale dal 2010 al 2016, conducendola tra l’altro alla medaglia di bronzo di Londra 2012. Dopo la conclusione del rapporto con la Federazione, l’ex CT non ha più allenato, assumendo la carica di direttore sportivo e poi di presidente dell’Himeji Victorina, formazione della massima serie. La riserva sul nuovo allenatore della nazionale femminile, così come di quella maschile, dovrebbe essere sciolta dopo la riunione del 14 ottobre. (fonte: Yahoo! Japan) LEGGI TUTTO

  • in

    Si chiude la carriera di Erika Araki, leggenda del volley giapponese

    Di Redazione A dare l’annuncio è stata la sua ultima squadra, le Toyota Auto Body Queenseis: a 37 anni la centrale Erika Araki, capitano della nazionale giapponese alle recenti Olimpiadi, ha deciso di appendere le ginocchiere al chiodo. Oltre al torneo di Tokyo, Araki ha partecipato a altre tre Olimpiadi (Pechino 2008, Londra 2012 e Rio 2016), vincendo una medaglia di bronzo, a cui si aggiunge il terzo posto mondiale nel 2012. Breve ma intensa la sua esperienza italiana nel 2008-2009 alla Foppapedretti Bergamo, con cui ha vinto una Champions League. “Ho iniziato a giocare quando avevo 11 anni – ha spiegato Araki – e per 26 stagioni ho cercato di migliorare la mia pallavolo: ho vissuto grandi emozioni e sento di essermi goduta appieno questo ruolo. Il tempo passato a perseguire i miei obiettivi, condividendo gioie e delusioni con le mie compagne di squadra, è stato meraviglioso e insostituibile. Ora vorrei condividere le mie esperienze sulla pallavolo a livello internazionale e anche sulla prosecuzione della carriera dopo il matrimonio e il parto, non solo in ambito sportivo, ma anche per quanto riguarda le donne in generale“. “Vorrei ringraziare tutti i tifosi che mi hanno supportato – ha concluso la centrale – le mie compagne di squadra e tutti gli staff tecnici con cui ho lavorato. Vorrei anche esprimere la mia sincera gratitudine alla mia famiglia, che è sempre stata il mio primo sostegno. In particolare mia figlia: so che a volte ho dovuto lasciarla sola, ma sono davvero felice che stia crescendo sana e forte“. Araki continuerà a collaborare con le Toyota Auto Body Queenseis anche dopo il ritiro, ma il ruolo che assumerà all’interno della società non è ancora noto. (fonte: Yahoo! Japan) LEGGI TUTTO

  • in

    Giappone: Yuki Nakagaichi lascia la panchina della nazionale

    Di Redazione Rivoluzione completa per le nazionali del Giappone. Dopo l’addio della CT della squadra femminile Kumi Nakada, anche l’allenatore della rappresentativa maschile Yuki Nakagaichi ha annunciato ieri le sue dimissioni, subito dopo la sconfitta nella finale dei Campionati Asiatici contro l’Iran. Nakagaichi, che guidava la nazionale dal 2017, ha tenuto una conferenza stampa rivendicando l’importanza del lavoro svolto con l’assistente Philippe Blain e dell’applicazione degli stessi principi alle nazionali giovanili: “I giocatori giapponesi dovrebbero sempre confrontarsi con i più alti livelli del volley mondiale, ed è importante che atleti come Ishikawa e Nishida facciano esperienza all’estero“. La Japan Volleyball Association ha reso noto che i nomi dei nuovi CT maschile e femminile saranno resi noti entro la fine di ottobre, a seguito della riunione del consiglio di amministrazione che si terrà alla metà del mese. (fonte: Instagram JVA) LEGGI TUTTO

  • in

    L’Iran si conferma campione d’Asia. Giappone battuto in tre set

    Di Redazione Per la seconda volta consecutiva, la quarta in assoluto, l’Iran vince i Campionati Asiatici maschili: i campioni in carica escono vittoriosi per 3-0 (27-25, 25-22, 31-29) dalla combattuta finale con il Giappone, che per la prima volta dopo quasi 40 anni tornava a ospitare la manifestazione in patria, a Chiba. Tutta giocata punto a punto la sfida decisiva per il titolo: i padroni di casa hanno anche tre occasioni per riaprire la gara nel terzo set (24-25, 25-26, 26-27), ma poi la situazione si ribalta e sono gli iraniani ad avere la meglio. Entrambe le finaliste si aggiudicano anche un posto ai Mondiali 2022. Anche in finale il protagonista assoluto è Saber Kazemi, stavolta schierato da titolare e top scorer dell’incontro con 21 punti; l’Iran, inoltre, ha nettamente la meglio a muro con 9 block vincenti a 2 e al servizio, con 6 ace contro i 2 dei padroni di casa. Per i giapponesi 16 punti a testa di Yuki Ishikawa e Ran Takahashi, ma stavolta i cambi operati dal CT Nakagaichi non bastano a raddrizzare la situazione. Al terzo posto si piazza la Cina, grazie al 3-0 (25-17, 25-16, 25-17) sulla sorpresa Taipei; quinto il Qatar, che dà un altro dispiacere all’Australia battendola per 3-0 (25-21, 25-11, 25-23), e settimo il Pakistan in virtù del 3-0 (25-23, 25-15, 28-26) sulla Corea del Sud. A seguire India, Bahrein, Kazakhstan, Arabia Saudita, Uzbekistan, Hong Kong, Thailandia e Kuwait. Kazemi si è aggiudicato anche il premio di MVP della competizione, mentre come miglior palleggiatore e miglior libero sono stati premiati i compagni di squadra Javad Karimi e Mohammad Reza Hazratpour. Migliori schiacciatori Milad Ebadipour e Yuki Ishikawa, migliori centrali Ali Mojarad e Yongzhen Li (Cina), miglior opposto Kento Miyaura (Giappone). (fonte: Asian Volleyball) LEGGI TUTTO