consigliato per te

  • in

    Zverev e il caso Peng: “Spero che l’ATP faccia qualcosa”

    Alexander Zverev nella foto

    Alexander Zverev, numero tre del mondo e uno dei protagonisti del tennis maschile di oggi, è indagato dall’ATP Tour per sospetta violenza domestica nei confronti di una sua ex fidanzata, ma ora chiede che il circuito sia altrettanto attento sul caso della tennista cinese Peng Shuai, dopo che la sua situazione rimane ancora in sospeso in Cina dopo che lei stessa ha accusato un ex vice ministro di abusi sessuali.
    “Spero che avremo maggiori notizie dalla Peng e che l’ATP farà qualcosa. Nel 2021 in Germania, viviamo in un mondo in cui pensiamo che situazioni come quella della Peng non esistano più. Ma le dittature sono lì fuori”, ha dichiarato il 24enne. LEGGI TUTTO

  • in

    Zverev: “Il miglior coach avuto? Ferrer, oltre a mio padre. Lendl? Non andavamo d’accordo”

    Alexander Zverev

    Alexander Zverev ha chiuso il 2021 con il grande successo alle ATP Finals, dove ha sconfitto uno dopo l’altro Medvedev e Djokovic, i primi due nel ranking. Una vittoria che conferma la sua ottima seconda parte di stagione e lo candida a un ruolo di protagonista nel 2022. Sarà l’anno buono per il suo primo successo in uno Slam? Sasha ha parlato a Tennis Magazine tedesco, rilasciando interessanti dichiarazioni su più temi.
    Ha confermato di essere assolutamente tranquillo relativamente alle accuse di molestie ricevute dalla sua ex fidanzata, “La verità verrà fuori, io so come sono andate le cose”, preferendo parlare di tennis giocato. Nel 2021 crede di esser migliorato nell’efficacia del servizio. I numeri e le impressioni dal campo confermano il salto di qualità del tedesco con la prima e la seconda palla. Quando Zverev prende ritmo con la prima di servizio, diventa a tratti ingiocabile, tutto il suo tennis scorre più veloce e soprattutto offensivo. Con la seconda palla ancora rischia di stazionare in una posizione meno avanzata, scambiando troppo e rischiando di forzare qualche errore soprattutto col diritto, ma il suo tennis è diventato più rapido come tempi di gioco.
    Uno dei passaggi più interessanti dell’intervista è relativo ai molti coach avuti nella sua pur giovane carriera. Passandoli in rassegna, Zverev premia David Ferrer. I due hanno lavorato per un breve lasso di tempo, ma i consigli dell’ex top 10 iberico sono stati a suo dire fondamentali.
    “Con Juan Carlos Ferrero ho condiviso momenti importanti, ma oltre a mio padre che è stato sempre fondamentale credo che David Ferrer sia stato il miglior allenatore che ho avuto nella mia vita. Ma purtroppo lo scorso anno ci siamo dovuti fermare a causa della situazione Covid e non siamo riusciti a ripartire. È l’unico con cui direi ‘dai, riproviamoci’. È una persona speciale, mi ha lasciato molto”. Ferrer ha lavorato con Zverev da metà 2020 fino a gennaio 2021, periodo durante il quale il tedesco ha raggiunto la sua prima finale Slam agli US Open 2020, persa di un soffio contro Thiem, e soprattutto il suo gioco ha fatto uno scatto in avanti in termini di consistenza e aggressività.
    Pessimo invece il ricordo del periodo passato con Ivan Lendl, considerato da molti – Andy Murray in primis – un super coach, ma che invece con Zverev non ha legato. “Lendl era più interessato a parlare di golf e del suo cane che di tennis. Non ha funzionato bene, non è un segreto. Non è mai scattata una buona chimica tra di noi. Abbiamo visto le cose in modo diverso sul campo, durante gli allenamenti. Credo di capire il mio sport, ho una personalità. Non sono uno che dice sì e amen a tutto. Controbatto anche le opinioni molto spesso, chiedo sempre perché la vedi in quel modo e a volte dico, io la vedo diversamente. Non puoi unirti alla mia squadra e capovolgere la mia vita e la mia carriera solo perché hai un’opinione diversa dalla mia”.
    Sasha ha parlato anche del suo rapporto con Federer: “Abbiamo un rapporto eccellente adesso, le cose sono migliorate con la tournée fatta qualche anno fa, come nelle giornate passate in Messico con quel pubblico pazzesco… E anche in Laver Cup. Quando  ero affiliato al suo team 8 invece le cose non andavano così bene, ma non è colpa sua, semmai dei manager che curavano i miei interessi. Ora tutto è ottimo tra di noi”. Infatti Zverev, dopo alcuni anni in cui i suoi interessi erano curati dall’agenzia creata da Federer, ha interrotto i rapporti proseguendo la sua strada da solo.
    Nonostante la stima infinita per Federer che considera “quello che gioca a tennis meglio di tutti, probabilmente nella storia del gioco”, il tedesco non ha dubbi su chi sia il più forte complessivamente. “So che molti fan del tennis sono più per Roger o Rafa, ma non puoi discutere contro le statistiche. Novak ha vinto il maggior numero di Slam, con Roger e Rafa, ma è stato il numero uno al mondo per più settimane di chiunque altro e ha terminato la stagione da numero uno più di Sampras. Ha vinto il maggior numero di titoli Masters e molto di più. Non puoi sempre andare contro i numeri e dire che Roger o Rafa sono migliori perché siamo stati tutti loro fan fin dalla tenera età. Se vuoi esser obiettivo e guardare ai risultati, Djokovic è il migliore”.
    Proprio contro Djokovic il tedesco vanta un bilancio di 4 vittorie e 7 sconfitte, mentre contro Medvedev ha pareggiato i conti a 6 con la vittoria in finale a Torino. Vedremo cosa ci dirà il 2022, se sarà davvero l’anno della consacrazione di Zverev.
    Marco Mazzoni LEGGI TUTTO

  • in

    Mats Wilander: “Lendl non ha aiutato Alexander Zverev”

    Mats Wilander nella foto

    In una chiacchierata con Eurosport, a Mats Wilander è stato chiesto del futuro di Emma Raducanu e dei suoi problemi nel trovare un nuovo allenatore. Lo svedese aveva sul piatto una risposta semplice, ma ha voluto dare uno schiaffo a uno dei suoi rivali della generazione anni 80.
    “Abbiamo visto qualcosa di simile con Ivan Lendl e Alexander Zverev, dove Lendl non lo ha aiutato affatto. Poi è stato costretto a provare altri allenatori famosi, ma questo non funziona con un 18enne. Hai bisogno di crescere al tuo ritmo, ecco perché penso che non sia un bene per Emma avere così tante voci nella sua testa, ha bisogno di ascoltare la sua”. LEGGI TUTTO

  • in

    Becker: “Zverev può diventare n. 1 il prossimo anno”

    Boris Becker a Eurosport

    La vittoria alle ATP Finals di Torino ha alzato l’asticella di Alexander Zverev, prossimo obiettivo diventare n.1 della classifica nel 2022.  A dirlo il connazionale Boris Becker, rimasto assai impressionato dal torneo di Sascha, capace di superare tra semifinale e finale i primi due giocatori del ranking ATP dominandoli col servizio ed un tennis molto solido.
    In un’intervista rilasciata a Eurosport Germania, il più giovane campione della storia di Wimbledon si è detto sicuro di uno scatto di crescita del giovane connazionale, quello definitivo verso la definitiva consacrazione.
    “Il prossimo grande obiettivo per Sascha Zverev deve essere il numero uno” afferma Boris. “Può farcela l’anno prossimo a mio parere. Ma questo è possibile solo se vince uno o due tornei del Grande Slam. L’abbiamo visto quest’anno: il numero uno chiaro era [Novak] Djokovic con tre vittorie in tornei dello Slam, il numero due chiaro era Medvedev con una vittoria Slam e il numero tre era Sascha, ottimi risultati ma non una vittoria Slam”.
    “Certamente, un titolo ATP Finals è un momento clou assoluto nella propria carriera – lo ha vinto due volte – e la vittoria alle Olimpiadi è stata sicuramente unica, ma il prossimo grande trionfo deve essere una vittoria in un torneo del Grande Slam. Allora ti avvicini al tuo sogno, credo sia pronto per farcela”.
    Becker in carriera ha vinto 6 Slam e 49 tornei complessivi, oltre alla Davis. Attualmente Zverev è a 19 tornei e nessun major, ma secondo Boris l’attuale n. 3 del mondo potrebbe anche superare il suo palmares: “Vorrei che diventasse il tennista tedesco di maggior successo di tutti i tempi. Allora avremmo tutti molto da festeggiare e avremmo di nuovo un boom del tennis in Germania. Saremmo tutti vincitori. Sono il suo più grande fan e spero che possa farcela. Sono orgoglioso dei risultati che ho raggiunto ma quando un tuo connazionale ha talento e arrivasse a vincere anche più di me, sarei il primo ad applaudirlo”.
    Parole al miele per Zverev, che a 24 anni sembra aver raggiunto la piena maturità. Come afferma Becker, il prossimo passo deve essere vincere uno Slam. C’è andato molto vicino a US Open 2020 (due set avanti con Thiem, prima di essere rimontato dall’austriaco), vedremo se agli Australian Open – ancor più in caso di assenza del “tiranno del torneo” Djokovic – sarà pronto per alzare la sua prima coppa Slam.
    Marco Mazzoni LEGGI TUTTO

  • in

    Alexander Zverev conquista le ATP Finals per la seconda volta in carriera

    Alexander Zverev nella foto

    A tre anni di distanza dal suo primo successo alle ATP Finals, Alexander Zverev è tornato a trionfare nell’appuntamento conclusivo della stagione tennistica.
    A Torino il tedesco, numero tre del mondo, ha sconfitto in finale il campione in carica Daniil Medvedev (2) con un autoritario doppio 6-4 in un’ora e un quarto di gioco. Il 24enne di Amburgo, che ieri in semifinale aveva piazzato il colpaccio eliminando il numero uno del ranking Novak Djokovic, è stato bravo in questa occasione a conquistare – e difendere grazie ad una notevole prestazione al servizio – i break colti nel terzo game del primo set e poi subito in apertura di seconda frazione.
    ATP ATP Tour Finals Turin Zverev A.66 Medvedev D.44 Vincitore: Zverev A. ServizioSvolgimentoSet 2Zverev A. 0-15 15-15 30-15 40-155-4 → 6-4Medvedev D. 15-0 15-15 15-30 30-30 40-30 40-40 A-40 40-40 A-405-3 → 5-4Zverev A. 15-0 30-0 40-0 40-154-3 → 5-3Medvedev D. 15-0 15-15 30-15 30-30 40-304-2 → 4-3Zverev A. 0-15 15-15 30-15 30-30 40-30 40-40 A-403-2 → 4-2Medvedev D. 15-0 30-0 40-03-1 → 3-2Zverev A. 15-0 30-0 40-0 40-152-1 → 3-1Medvedev D. 0-15 15-15 30-15 40-15 40-302-0 → 2-1Zverev A. 0-15 15-15 30-15 40-15 40-301-0 → 2-0Medvedev D. 15-0 15-15 15-30 30-30 30-400-0 → 1-0ServizioSvolgimentoSet 1Zverev A. 15-0 30-0 40-0 40-155-4 → 6-4Medvedev D. 0-15 15-15 30-15 40-155-3 → 5-4Zverev A. 15-0 30-0 40-0 40-15 40-304-3 → 5-3Medvedev D. 15-0 30-0 40-04-2 → 4-3Zverev A. 15-0 30-0 30-15 40-153-2 → 4-2Medvedev D. 15-0 15-15 30-15 30-30 30-40 40-40 A-403-1 → 3-2Zverev A. 15-0 30-0 40-02-1 → 3-1Medvedev D. 0-15 0-30 0-40 15-401-1 → 2-1Zverev A. 0-15 15-15 30-15 40-150-1 → 1-1Medvedev D. 15-0 30-0 40-00-0 → 0-1 LEGGI TUTTO

  • in

    ATP Finals 2021 – Torino: Novak Djokovic sconfitto. Alexander Zverev conquista la finale

    Alexander Zverev nella foto

    A contendere il titolo delle ATP Finals di Torino a Daniil Medvedev (ATP 2) non sarà Novak Djokovic (1). Come già alle Olimpiadi di Tokyo, i sogni di gloria del serbo sono andati in frantumi al cospetto di Alexander Zverev (3), impostosi nella seconda semifinale con il risultato di 7-6 (7/4) 4-6 6-3 al termine di un braccio di ferro lungo poco meno di 2 ore e mezza.
    Il primo set sarebbe potuto andare diversamente se Nole avesse concretizzato un set point sul 5-4 e servizio dell’avversario. Il campione olimpico in carica ha invece preso forza dal tie-break e sembrava in grado di prendere il sopravvento anche nella seconda frazione andata invece a Djokovic al termine di un elaborato turno di battuta.
    Un break prematuro nel quarto gioco ha poi condizionato il terzo set con Zverev abile a tenere il servizio sul 4-2 dopo aver annullato una fondamentale palle break e chiudere con autorevolezza due game più tardi la partita per 6 a 3.
    ATP ATP Tour Finals Turin Djokovic N.663 Zverev A.746 Vincitore: Zverev A. ServizioSvolgimentoSet 3Zverev A. 15-0 30-0 40-03-5 → 3-6Djokovic N. 15-0 30-0 40-02-5 → 3-5Zverev A. 15-0 15-15 30-15 40-15 40-30 40-40 40-A 40-40 A-402-4 → 2-5Djokovic N. 15-0 30-0 40-01-4 → 2-4Zverev A. 0-15 15-15 30-15 40-151-3 → 1-4Djokovic N. 15-0 15-15 15-30 15-40 30-401-2 → 1-3Zverev A. 15-0 30-0 40-01-1 → 1-2Djokovic N. 0-15 0-30 30-30 40-300-1 → 1-1Zverev A. 30-00 30-15 40-15 0-0 → 0-1ServizioSvolgimentoSet 2Djokovic N. 0-15 15-15 30-15 40-15 40-30 40-40 A-40 40-40 A-40 40-40 A-405-4 → 6-4Zverev A. 0-15 15-15 15-30 30-30 30-40 40-40 40-A4-4 → 5-4Djokovic N. 15-0 30-0 40-03-4 → 4-4Zverev A. 15-0 30-0 40-03-3 → 3-4Djokovic N. 15-0 15-15 30-15 40-15 40-302-3 → 3-3Zverev A. 15-0 30-0 40-02-2 → 2-3Djokovic N. 0-15 15-15 15-30 30-30 40-301-2 → 2-2Zverev A. 15-0 30-0 30-15 40-15 40-301-1 → 1-2Djokovic N. 15-0 15-15 15-30 30-30 40-300-1 → 1-1Zverev A. 0-15 15-15 30-15 40-150-0 → 0-1ServizioSvolgimentoSet 1Tiebreak0*-0 1-0* 1-1* 1*-2 2*-2 2-3* 2-4* 3*-4 3*-5 4-5* 4-6*6-6 → 6-7Zverev A. 0-15 0-30 15-30 30-30 40-306-5 → 6-6Djokovic N. 0-15 0-30 15-30 15-40 30-40 40-40 A-405-5 → 6-5Zverev A. 0-15 15-15 15-30 30-30 30-40 40-40 A-405-4 → 5-5Djokovic N. 15-0 30-0 40-0 40-154-4 → 5-4Zverev A. 15-0 30-0 40-04-3 → 4-4Djokovic N. 0-15 15-15 15-30 30-30 40-303-3 → 4-3Zverev A. 15-0 30-0 40-0 40-15 40-303-2 → 3-3Djokovic N. 15-0 30-0 40-02-2 → 3-2Zverev A. 0-15 15-15 30-15 40-152-1 → 2-2Djokovic N. 15-0 30-0 30-15 40-15 40-301-1 → 2-1Zverev A. 15-0 15-15 30-15 40-151-0 → 1-1Djokovic N. 15-0 30-0 40-00-0 → 1-0 LEGGI TUTTO