in

Sfufi 22, Gennari 9, Frosini 14 e… tutti i numeri di maglia di Bergamo

Di Redazione

Sono stati assegnati i numeri di maglia del Volley Bergamo 1991 per il roster che sarà al via della stagione 2022-2023.

Sette le novità che, unite alle sei conferme della passata stagione, contraddistingueranno le maglie rossoblù. Tra loro, qualche numero inedito e insolito. A cominciare dal 22 scelto dalla centrale Federica Stufi: “L’ho preso la scorsa stagione. Son stata il 2 per tanto tempo e ho scelto di farlo evolvere nel doppio due! Mi piace vederlo sulla mia maglia: 2 volte 2 suonava bene e mi è sembrato giusto che diventasse 22”.

Sempre al centro, insieme al confermato 4 di Božana Butigan, indossato dalla croata al suo arrivo a Bergamo per dare continuità alla maglia vestita a Conegliano fino al gennaio scorso, ci sarà l’1 di Laura Bovo“È stato il mio primo numero quando ho iniziato a giocare in serie A e mi ci sono particolarmente affezionata. Lo indosserò per il sesto anno consecutivo”.

Maglia numero 9 in cabina di regia, sulle spalle di Giulia Gennari“Nelle ultime stagioni sono stata affezionata al 13, ma anni fa ho spesso avuto il 9: mi piaceva e, avendolo già indossato, l’ho scelto ancora”. Il 13 voluto a gennaio da Mackenzie May, sarà invece ancora il distintivo della schiacciatrice statunitense. 

Per Giorgia Frosini ci sarà il 14“Lo indosso per la prima volta. Nuova avventura, nuovo numero. Il cambiamento mi sembrava un modo carino per iniziare una storia nuova”.

Preferenza dettata da cuore di mamma, invece, quella di Laura Partenio:“Ho scelto il 5 perché sarà l’età che la mia piccola Nicole compirà a Bergamo”

Resteranno in doppia cifra Luna Cicola con il 10, Sofia Turlà con l’11, Khalia Lanier con il 16 ed Emma Cagnin con il 18

Per Giada Cecchetto e Lorrayna Marys Da Silva ci saranno invece, rispettivamente, il 6 e il 7: “Mi sono sempre piaciuti i numeri pari e in particolare il 6 – confessa il libero milanese – E’ stato ricorrente nella mia vita a partire dalla mia data di nascita che è il 6 del 6… Escluse le giovanili, ho sempre giocato con questo numero di maglia tranne che in un paio di stagioni, quindi ormai saranno circa 12 anni che lo indosso”.

“E’ il numero della perfezione ­– spiega l’opposto brasiliano del suo 7 – Il simbolo biblico sacro che proclama perfezione e completezza. Lo scelse mia madre quando ero piccola e mi ci sono identificata”.

(fonte: Comunicato stampa)


Fonte: http://www.volleynews.it/feed/


Tagcloud:

MotoGp, Rivola: “Il Mondiale Costruttori non ha molto senso”

A2. Ravenna: Organico completato con il 18enne Simone Orto